Shopping Cart

Quantity :

Cart Empty!

TAG Heuer has taken pole position in the current trend for green dials with a new limited edition release of its classic Monaco to mark this year's Grand Prix de Monaco Historique race.If the richness of the sunray dial's emerald tone wasn't enough already, TAG Heuer has added further depth with black sub dials and a gradient effect that sees the dial get darker towards its outside edge.The green theme continues on the Calibre Heuer 02 automatic movement, with its column wheel and text on the winding rotor picked out in a matching verdant shade, all of which is visible through the watch's sapphire crystal caseback.The biannual Grand Prix de Monaco Historique gets underway today with more than 200 classic Grand Prix cars racing through the streets of Monaco over the next three days. TAG Heuer, with its historic association with motorsports, sponsors the event as well as the being the official watch of the Formula One Monaco Grand Prix and the official watch partner of the Monaco Top Cars Collection museum. TAG Heuer's Monaco has been associated with motorsport since it appeared on the wrist of Steve McQueen in the 1971 film, Le Mans.Just 500 pieces of the 39mm stainless steel Monaco Green Dial Limited Edition are being made and are available now via select TAG Heuer stores, priced $6,650 USD.In other watch news, Copenhagen-based label NN07 brings its aesthetic to Timex's M79.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 11:39 am

Vivienne Westwood's collaborative relationship with the Japanese sportswear giant ASICS may only be two years old, but since the inaugural release we've been treated to some incredibly daring pairs, most notably the net-covered GEL-Kayano 26. Now the duo presents its latest offering in the form of two GEL-Kayano 27 sneakers, serving up colorways including "White/Lichen Rock" and "Liche Green/Brown."The GEL-Kayano 27 is one of ASICS' most advanced running shoes, featuring an engineered mesh upper that keeps feet cool and a flexible sole unit that aids a natural gait cycle. However, there's much more going on with the shoe than what initially meets the eye. For example, flex grooves in the sole absorb and isolate the initial impact of your foot hitting the ground to make for a smoother run, while DYNAMIC DUOMAX™ technology has been included for those whose feet roll inwards too much to increase a runner's stability. Elsewhere, SPACE TRUSSTIC™ technology decreases the overall weight while increasing stability even more, while elements of the design also put runners at the forefront.As for Vivienne Westwood's involvement, the shoe sports a predominantly white upper with a black toe (that's lined with a disappearing net system as it works its way around the shoe), as well as hits of pink and blue on the heel and tongue respectively. Reflective materials have been included to make runners visible at night, while Westwood branding can be seen on the eyestay and mid panel, rounding out the design.The "Liche Green/Brown" iteration features all of the same tech, but sports an upper comprising an orange toe cap, a green-brown mesh base layer, a white rear-quarter to heel section, and blue tones on the tongue, collar, and lining, all alongside the same placement of Westwood branding.Take a look at the Vivienne Westwood x ASICS GEL-Kayano 27 above, and pick up both pairs from stockists such as Wood Wood on April 30. The sneaker is set to cost £220 GBP (approx. $305 USD).In case you missed it, check out Versace's all-new Greca sneaker.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 11:37 am

After releasing a transparent Mighty Morphin Power Rangers Megazord, Super7 is back with the franchise for a full collection of ReAction Figures. The first release will see six action figures -- the Green Ranger, Red Ranger, Pudgy Pig, Rita Repulsa, a 6" Megazord (complete with sword and shield), and the Putty Patroller. Each figure comes with its own respective weapon accessories and is priced at $18 - $24 USD. Head over to Super7 to shop the first drop. In other toy news, the 2022 Nissan GT-R NISMO is coming to McDonald's Happy Meals.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 10:46 am

Ferrari just made its fastest road car ever produced even faster.Introducing a new limited edition of the incredibly speedy 812 Superfast, the Prancing Horse has upped the ante even more with a boost to its massive 6.5-liter V12 engine, increasing its original 789 horsepower to now 818 horsepower. With this amount of output, the car can rev up to a whopping 9,500 rpm, a whole 600 more than the standard edition.Of course, power isn't the only upgrade the limited edition received. Improved handling comes in the form of all-wheel steering, which provides both greater agility and responsiveness. The car also carries the automaker's very own Side Slip Control (7.0) technology, paired with decreased weight thanks to extra carbon fiber components used on the exterior and interior.Other details remain scarce at this point, but Ferrari will be doing a full review on May 5, so fans of the Italian brand should definitely stay tuned for more updates to come.A new chapter in the legacy of Ferrari's limited-edition sports cars begins. Prepare for more surprises on May 5th. We’ll see you at Fiorano. #Ferrari— Ferrari (@Ferrari) April 21, 2021Elsewhere in the automotive world, Triumph has updated its 900cc Street Scrambler for 2022.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 10:41 am

Fans of My Hero Academia will now have a chance to become their favorite heroes themselves thanks to Funimation and Sony's latest collaborative effort: the My Hero Academia: The Strongest Hero mobile gaming.Coming to both iOS and Android devices later this year, the new game features all of the anime series' most beloved characters, including Class 1-A's Midoriya, Bakugo, and Todoroki as well as other pro heroes like All Might and Endeavor. For those with a more sinister preference, you'll also be able to play as some of the villains, like Stain. Allowing you to build your own team roster in story mode, you'll lead your squad to victory against the show's antagonists including Shigaraki and Nomu. There's also a PvP and Allied Assault co-op mode if you're playing with friends, and Funimation vows to release new content for it every month.“Fresh from the launch of the new season of My Hero Academia, Funimation is committed to delighting fans on more platforms and in more ways than ever, and The Strongest Hero allows them to enjoy the franchise’s characters, content and one another on the go,” said Mitchel Berger, Senior Vice President of Global Commerce for the Funimation Global Group. “Excitement in My Hero Academia is at all all-time high, and it’s the perfect time to bring fans a new mobile gaming experience for the first time ever outside of Asia.”For fans of the anime, My Hero Academia: The Strongest Hero will arrive on the Apple App Store and Google Play this spring.Elsewhere in gaming, EA is also launching a mobile title for its Battlefield franchise.

Read more at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 10:38 am

Giornata mondiale del libro 2021

Un censimento dei libri più amati, e sottolineati, in tutto il mondo, tra i lettori di eBook Kindle: è il modo con cui  Amazon celebra la Giornata mondiale del libro, che cade il 23 aprile di ogni anno. Certo, si tratta di una classifica parziale, e ristretta solo a chi legge libri elettronici, ma è comunque significativa. Ci dà uno spaccato interessante del momento che stiamo vivendo. Le parole più amate dai lettori, quelle da imprimersi nella memoria e conservare come un talismano e una guida di vita, sono tratte da saggi, soprattutto manuali di self help, ma anche da romanzi. Le abbiamo analizzate dalla prima all'ultima.

Reese Witherspoon @reesesbookclub Instagram
Reese Witherspoon @reesesbookclub Instagram
  1. Per esempio, da Cambiare l'acqua ai fiori di Valérie Perrin. “Imparate a dare assenza a chi non ha capito l’importanza della vostra presenza” è la frase più apprezzata dai lettori. Parla in qualche modo di lontananza, un'esperienza condivisa da molti in questi mesi di pandemia.
  2. “Intelligenza emotiva, un termine che include l’autocontrollo, l’entusiasmo e la perseveranza, nonché la capacità di automotivarsi” è la celebre definizione dell'intelligenza delle emozioni secondo il celebre psicologo Daniel Goleman ed è tratta dal suo best seller Intelligenza emotiva: Che cos'è e perché può renderci felici.
  3. C'è anche, e non poteva mancare, l'amatissimo Harry Potter di J.K. Rowling: “Ricorda: non serve a niente rifugiarsi nei sogni e dimenticarsi di vivere”. Harry Potter e la Pietra Filosofale 
  4. Simile il leit motiv di Rixon Raiders: Volume unico, uno “sport romance” ambientato nel mondo del football americano: A tutti quelli che hanno difficoltà a trovare un equilibrio tra ciò che dovrebbero essere e ciò che vogliono essere… Abbiamo solo una vita. Viviamola”.
  5. Non mancano le frasi sull'amore, ovvio. Come “Non puoi obbligare il tuo cuore a smettere di amare qualcuno, è inutile sforzarsi di trovare a tutti i costi un modo per dimenticare. L’amore è una forza indescrivibile, più forte di qualsiasi altra cosa al mondo. È ciò che ci fa essere quelli che siamo. Nel bene e nel male” Una semplice verità, diciamo, tratta da Mr. Blue Eyes: La trilogia completa, di SJ Queen.
  6. In tema anche “Una vita piena d’amore è felice. Una vita per l’amore è insensata. Una vita fatta di “se solo…” è insopportabile”, da La donna dal kimono bianco di Ana Johns.
  7. Pillole di filosofia spiccia invece si trovano nel manuale Il Club delle 5 del mattino: Inizia presto la giornata, dai una svolta alla tua vita di Robin S. Sharma: “Ogni cambiamento è duro all’inizio, incasinato nel mezzo e glorioso alla fine” (certo, per alzarsi tutti i giorni alle 5 ci vuole davvero molta determinazione…).
  8. Andiamo avanti con il self help: “Decidere che tipo di persona si vuole essere. Dimostrarlo a se stessi con piccole vittorie”, da Piccole abitudini per grandi cambiamenti: Trasforma la tua vita un piccolo passo per volta di James Clear
  9. Altre ricette per il successo, all'italiana: “Essere efficace, al contrario, significa essere concentrato sull’obiettivo da centrare e non lasciare distogliere la mia attenzione dall’azione che sto conducendo”. Da Fattore 1%: Piccole abitudini per grandi risultati di Luca Mazzucchelli
  10. E infine un'esortazione a essere sempre coraggiosi per trovare la vera felicità: "Sviluppa il coraggio per risolvere quei problemi che possono essere risolti, la serenità per accettare quelli che non possono esserlo e la saggezza per distinguere gli uni dagli altri". Da
    La trappola della felicità. Come smettere di tormentarsi e iniziare a vivere di Russ Harris.
Mattel, Inc
Posted on 23 April 2021 | 10:32 am

The popular frozen dessert gelato might be getting its own set of laws in Italy.According to reports, the goal of the proposal is to prevent and dispose of any vendors practicing poor gelato-making and posing as gelato artisans. The law would impose fines for adding extra air and artificial ingredients to the cold treat.Vendors who are caught with fluffy textured gelato, instead of properly mixed texture, will be fined up to €10,000 EUR (approximately $12,000 USD). Proper artisanal gelato contains about 20 to 30 percent air, whereas anything above will be banned. The utilization of hydrogenated fats, artificial flavors, and coloring will also be banned.“Italian gelato is one of the gastronomic symbols of our country, along with pasta and pizza,” senator Riccardo Nencini, one of the bill’s supporters indicated. “But our laws do not preserve artisanal ice cream and producers who make it.”If the bill passes, only natural ingredients like milk, eggs, and fresh fruit are allowed in the mixture.Elsewhere in food, a new study shows American honey is radioactive from nuclear bomb testing.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 10:31 am

Donatella Versace has the formula for a "pandemic-proof" brand, and Versace's Spring/Summer 2021 collection goes to show that the Italian fashion house isn't going anywhere. In the spirit of making a mark more than ever before, the luxury label has just released its brand new SS21 sneaker: the Greca.Available in low or high-top variants, the Greca sneaker comes in a silhouette that's very familiar and inspired by other canvas or leather sneakers with minimal branding. However, Versace doesn't do minimal branding, instead, it covers its products in house motifs and patterns that make these shoes identifiably Versace even from miles away. True to form, you can find the Greca covered in a deep-sea "Trésor de la Mer" design, its iconic "Barocco" print, and a "Medusa Amplified" logo repeat pattern, as well as leather pairs that are stamped with contrasting Versace block letter branding and others that are plain, colored in hues of blue and pink, and sport a small logo on the rear quarter.Regardless of the Versace Greca style you opt for, you'll notice a midsole that's debossed with the house's Greca logo over and over. On the underside, a Medusa detail and a tonal logo can also be seen. Lastly, for the high-top pairs, Versace adds a logo-adorned roundel on the lateral side in a similar fashion to other canvas high-tops.Take a look at Versace's new Greca sneaker in all the colorways and styles above, and pick up pairs now from Versace's website or from its boutiques worldwide.In other news, Hender Scheme's new Foot Cast model promises the perfect fit.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 10:30 am

Abbiamo già annunciato il ritorno delle ballerine con la stagione Primavera Estate 2021, spiegandovi che saranno protagoniste anche di rivisitazioni e abbinamenti estremamente contemporanei. E abbiamo parlato più volte di quanto amate siano queste calzature dall'eleganza easy, al di là delle stagioni della moda, fin da quando le sfoggiavano icone del stile del calibro di Brigitte Bardot, la prima a indossarle in un film, e Audrey Hepburn che amava portarle con pantaloni Capri e gonne ampie e midi. Ora che conosciamo la loro storia e tutti i trend di stagione, non resta che scoprire come indossarle e quali sono i pezzi da avere nel proprio guardaroba. La moda street style ci offre numerose ispirazioni.

Le ballerine bicolor con il trench

Non c'è di bisogno di dirvi che questo modello raffinato e super cool è firmato Chanel, ed è senza dubbio il modello più iconico che possiate sfoggiare. E allora perché non farlo con un altro capo senza tempo come il trench?

Street Style

Street Style : Paris Fashion Week Womenswear Spring/Summer 2019 : Day Eight

Street Style
Christian Vierig

Le ballerine con punta squadrata con l'outfit contemporaneo

Il modello più tendenza ha la punta squadrata, pelle morbidissima, spesso arricciata. Sceglietela per i vostri outfit più contemporanei, magari bianco ottico: si faranno notare.

Street Style

Street Style - Day 7 - New York Fashion Week February 2020

Street Style
Christian Vierig

Le ballerine slingback con gli shorts e i collant

Le slingback sono super trend su tutte le altezze. Quella flat è senza dubbio quella più raffinata. Via libera a tutti gli abbinamenti, dunque. Sarete super chic anche con le gambe scoperte.

Street Style
Street Style

Le ballerine nere con l'abito romantico

Come una bambola. È questa la versione più ‘baby’ delle ballerine, che ci rimanda un po' indietro nel tempo.

Street Style
Street Style

Le ballerine nude con i pantaloni cropped

Recentemente c'è molta attenzione sul tema del nude. È c'è chi come Christian Louboutin gli ha dedicato un'intera linea che si rinnova ogni stagione. E nessun capo le mette meglio in risalto di un paio di pantaloni cropped.

Street Style

Fashion Photo Session In Paris - March 2021

Street Style
Edward Berthelot

Guardate anche tutti i look con ballerine avvistati nelle collezioni Primavera Estate 2021.

Scarpe di tendenza 2021: le ballerine saranno un must have

Valentino

Valentino

Valentino

Valentino

Valentino

Valentino

Valentino

Valentino

Valentino

Valentino

Dior

Dior

Dior

Dior

Dior

Dior

Dior

Dior

Celine

Celine

Celine

Lanvin

Lanvin

Simone Rocha

Simone Rocha

Simone Rocha

Posted on 23 April 2021 | 10:24 am

Megan Thee Stallion has just announced she'll be taking a break from her music career. The Grammy-winning rapper will be going on hiatus.Megan has been busy over the last couple of years, and many were expecting her to keep up that momentum. Recently, she changed her profile picture across her social accounts and it spurred some speculation for new music. Instead, it was part of her announcement of her hiatus. The new profile picture mirrored a trio of posts on Instagram, each futuristic graphic renderings of her imagined in a watertank. On the third post, there's a digital readout that says, "Megan Thee Stallion is recharging! Due to the demands of the Hot Girl lifestyle has now entered a period of regeneration to prepare for what’s next. ….In her absence; mgmt will manage all social posting on behalf of Thee Hot Girl Coach. [[Thee Hotties]] lead a brave //RESISTANCE in anticipation for the return of their Fearless Captain!" View this post on Instagram A post shared by Megan Thee Stallion (@theestallion) View this post on Instagram A post shared by Megan Thee Stallion (@theestallion) View this post on Instagram A post shared by Megan Thee Stallion (@theestallion)In case you missed it, here's a look at Megan Thee Stallion's "Movie" music video with Lil Durk.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 10:21 am

Moda etica e sostenibile: il nuovo progetto di IED Moda Milano con Fondazione Arché.

In occasione della Giornata della Terra, un gruppo di studenti e studentesse di IED Moda Milano ha partecipato al primo appuntamento di Sustainable Denim Contest, un concorso creativo in cui metteranno a disposizione di un progetto solidale e sostenibile, a sostegno di Fondazione Arché, che da 30 anni si occupa di mamme con bambini e nuclei fragili, le loro competenze tecniche e progettuali.

Fino a inizio giugno, i giovani creativi IED (scelti tra i corsi di Fashion Design – specializzazione in Shoes and Accessories Design e di Fashion Marketing) si impegneranno a dare nuova vita ai capi in denim usati, trasformandoli e rendendoli pezzi unici e originali. Preceduto dalla consegna di un kit di materiale da recuperare e da rigenerare, il progetto di moda etica vede coinvolti gli studenti in due fasi: nella prima, dal 3 maggio al 11 giugno 2021, con il supporto dei  tutor di progetto, gli studenti lavoreranno all’ideazione di proposte di accessori e capi moda da realizzarsi con i materiali forniti; nella seconda, dal 14 al 30 giugno 2021, i lavori verranno esaminati e giudicati da una giuria formata da rappresentanti  dell’Istituto Europeo di Design , della Fondazione e commissari esterni. Al termine la giuria selezionerà da tre a cinque elaborati tra quelli presentati: quelli prescelti saranno successivamente prodotti dalla Sartoria Sociale di Fondazione Arché, che proprio quest’anno celebra il suo trentesimo anniversario. È nel 1991, infatti, che Padre Giuseppe Bettoni fonda la onlus che ha l'obiettivo di prendersi cura di bambini e famiglie vulnerabili nella costruzione dell’autonomia sociale, abitativa e lavorativa offrendo servizi di supporto e cura. Casa Carla a Porta Venezia e Casa Adriana a Quarto Oggiaro, le due strutture a Milano, ospitano mamme e bambini con problematiche legate a maltrattamenti, immigrazione, disagio sociale e fragilità personale.

Paolo Dell'Oca, portavoce di Fondazione Arché: "Siamo molto contenti di collaborare con gli studenti e i docenti dell'Istituto Europeo di Design. Il loro contributo creativo è un valore aggiunto alla produzione della Sartoria Sociale Arché, sempre attenta a coniugare sostenibilità ambientale e sociale".

Alon Siman-tov, Coordinatore della Specializzazione in Shoes and Accessories Design di IED Milano. ha aggiunto: “Instillare la consapevolezza su queste tematiche nelle future generazioni di designer e sensibilizzarle a una creatività sostenibile a livello sociale e ambientale è motivo di grande attenzione nei nostri percorsi formativi. Siamo grati a Fondazione Arché per averci fornito una ulteriore occasione di confronto concreto sul tema, ancora più gradita per il contributo che i nostri studenti potranno apportare a un’attività di merito come la Sartoria Sociale”.

Posted on 23 April 2021 | 10:21 am

Tamagotchi has gotten a fresh-new update. Bandai's nostalgic egg game has been upgraded with some elements of augmented reality.Dubbed "Tamagotchi Pix," the game device has a tiny built-in camera that lets you take selfies that you can juxtapose with your digital pet. The device also lets you photo other real-world objects that you can integrate into the Tamagotchi. For example, when you find your pet cooking, you can take photos of real-life objects that are of different colors and integrate those colors with whatever's in the pot. Like classic Tamagotchis, the Tamagotchi Pix is modeled after an egg, but this one comes with a top that depicts a cracked egg that works as the shutter. Furthermore, in place of physical buttons, the new device features touch screen buttons.The Tamagotchi Pix is currently available in four colorways — pink, purple, blue, and green — on Bandai's website for $60 USD each.In case you missed it, here's a look at three new Neon Genesis Evangelion-themed Tamagotchis.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 10:20 am

Jonah Hill, Leonardo DiCaprio and Samuel L. Jackson have claimed their titles as the most profane actors in Hollywood.A report from Buzz Bingo has input the data of 3,500 film scripts to identify which films have the most swearing and keeps tabs on the actors that use them. Out of the three, Jonah Hill lands at the top, achieving a grand total of 376 swear words used throughout his career. Leonardo DiCaprio followed with a total count of 361. Interestingly, both actors had lead roles in the film with the most cussing: Martin Scorsese’s The Wolf of Wall Street that has 715 swear words. Finally, Samuel L. Jackson comes in third place with 301 swear words. Together, all three actors share a combined total of 1,038 swear words. Holy f**k indeed.In case you missed it, Jonah Hill admits Seth Rogen is the reason he turned down a starring role in Transformers.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 10:16 am

Elon Musk's SpaceX headquarters received a little surprise on Earth Day in the form of a "Mars sucks" billboard. The billboard was set up by the creative company Activista LA for its Mars Sucks Project -- a project meant to bring awareness to environmental concerns of the planet Earth rather than having Mars set up as our backup planet.Expressed as a satirical comment penned by Earth, the site reads:Its weather sucks. Its distance sucks. Its atmosphere sucks. The little water it has, sucks.It has sucked for billions of years. And will suck for billions more.You know what doesn’t suck? Me, Earth.I have life. I have vast oceans and lush forests. I have rivers to swim. Air to breathe.But the way I’m being treated, that part sucks.You use me and pollute me. You overheat me. You use every resource I have and return very little back from where it came.And then, you dream of Mars. A hellhole. A barren, desolate, wasteland you can’t set foot on fast enough.Why not use some of that creative energy and billions on saving me? You know, the planet that’s giving you what you need to live right now.Mars can wait. I can’t.Sponsored by environmental groups like Greenpeace, World Wildlife, and SURFRIDER, the site contains other whimsical jabs like, "a year on Mars lasts 687 days. So, it's the same shit, different day for nearly twice as long."What doesn't suck? #earth But the way we treat it frankly, sucks. And then, you dream of #mars. A hellhole. A barren, desolate, wasteland you can’t set foot on fast enough. Great, we got to Mars. Now let's #prioritizeearth #marssucks #earthday #ElonMusk pic.twitter.com/7bkybArErU— Activista (@ActivistaLA) April 21, 2021In other news, Tesla's solar panels and Powerwall batteries will be bundled together.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 10:13 am

Meghan Markle ha fatto le condoglianze alla regina Elisabetta II. Via telefono. Secondo quanto riporta una fonte sulle pagine di People, infatti, la duchessa del Sussex avrebbe raggiunto telefonicamente sua maestà giorni precedenti al funerale del principe Filippo per esprimere le sue più sincere condoglianze. 

Meghan Markle

Meghan Markle

Meghan Markle
Max Mumby/Indigo

Sempre secondo quanto riportano alcune fonti, la Duchessa avrebbe mandato un biglietto di cordoglio scritto a mano e una composizione floreale per la cerimonia funebre. La corona di fiori, creata dalla flower designer Willow Crossley (che si era occupata anche della decorazione floreale del battesimo di Archie) è stata realizzata con una serie di fiori ognuno con un significato legato a Filippo come il  fiore d'acanto, simbolo della Grecia, terra da cui proveniva il principe. 

I funerali di Filippo

The Funeral Of Prince Philip, Duke Of Edinburgh Is Held In Windsor

I funerali di Filippo
WPA Pool

In effetti era già stato rivelato che Meghan avrebbe voluto accompagnare Harry nel suo viaggio nel Regno Unito, sapendo quanto difficile sarebbe stato, ma che, per consiglio medico, è stata costretta a rimanere a Montecito.

WINDSOR, ENGLAND - APRIL 17: Prince Charles, Prince of Wales and Prince Andrew, Duke of York walk behind The Duke of Edinburgh’s coffin, covered with His Royal Highness’s Personal Standard, during the Ceremonial Procession during the funeral of Prince Philip, Duke of Edinburgh at Windsor Castle on April 17, 2021 in Windsor, England. Prince Philip of Greece and Denmark was born 10 June 1921, in Greece. He served in the British Royal Navy and fought in WWII. He married the then Princess Elizabeth on 20 November 1947 and was created Duke of Edinburgh, Earl of Merioneth, and Baron Greenwich by King VI. He served as Prince Consort to Queen Elizabeth II until his death on April 9 2021, months short of his 100th birthday. His funeral takes place today at Windsor Castle with only 30 guests invited due to Coronavirus pandemic restrictions. (Photo by Hannah McKay/WPA Pool/Getty Images)

The Funeral Of Prince Philip, Duke Of Edinburgh Is Held In Windsor

WINDSOR, ENGLAND - APRIL 17: Prince Charles, Prince of Wales and Prince Andrew, Duke of York walk behind The Duke of Edinburgh’s coffin, covered with His Royal Highness’s Personal Standard, during the Ceremonial Procession during the funeral of Prince Philip, Duke of Edinburgh at Windsor Castle on April 17, 2021 in Windsor, England. Prince Philip of Greece and Denmark was born 10 June 1921, in Greece. He served in the British Royal Navy and fought in WWII. He married the then Princess Elizabeth on 20 November 1947 and was created Duke of Edinburgh, Earl of Merioneth, and Baron Greenwich by King VI. He served as Prince Consort to Queen Elizabeth II until his death on April 9 2021, months short of his 100th birthday. His funeral takes place today at Windsor Castle with only 30 guests invited due to Coronavirus pandemic restrictions. (Photo by Hannah McKay/WPA Pool/Getty Images)
WPA Pool

La notizia del contatto tra Meghan e la regina non stupisce particolarmente ma, semmai, segna un'ulteriore divisione tra i duchi del Sussex e la royal family. Come infatti è stato riportato, Harry avrebbe riscontrato una freddezza quasi "artica" da parte di tutti i membri della famiglia tanto da non aver avuto occasione nemmeno di parlare vis-a-vis con il padre Carlo. Una situazione che ha portato il principe, sempre secondo le voci, ad anticipare la sua partenza senza fermarsi per festeggiare il compleanno della regina.

Il funerale del principe Filippo

BRITAIN-ROYALS-PHILIP-FUNERAL

Il funerale del principe Filippo
ALASTAIR GRANT

La situazione per i duchi, a questo punto, si rivela più complicata di quanto non sia mai sembrata, con la perdita del supporto reale che è, di fatto, l'elemento di vero interesse che ha permesso, e permette, a Meghan e Harry di poter godere di una serie di collaborazioni proprio in quanto membri dei royals. E chissà che le condoglianze di Meghan non siano state un estremo tentativo di ricucire un rapporto. Un tentativo che, a quanto dimostrano i fatti successivi, non sembra aver sortito gli effetti sperati. 

Posted on 23 April 2021 | 9:59 am

Back by popular demand, Krispy Kreme is fueling the strawberry glaze craze with a limited release of its Strawberry Glazed Doughnut and Strawberry Kreme Filled Doughnut.Both doughnuts feature the brand's iconic sweet, pastel pink glaze, sure to hit the taste buds with a burst of red berry punch. Like its name, the Strawberry Kreme Filled doughnut includes Krispy Kreme's signature strawberry flavoring, first offered in 2020. Krispy Kreme introduced the flavors in a springtime trio last year, including key lime and lemon.On the regular menu, the chain sells two versions of its strawberry iced doughnuts, with and without sprinkles, as well as two powdered doughnuts with two different strawberry fillings. In a statement, Krispy Kreme's Chief Marketing Officer Dave Skena said, "Last year, fans couldn’t get enough of Strawberry Glaze and have been asking for it to come back ever since. So we’re bringing it back. Hurry in and enjoy!"The revival of its strawberry glazed doughnuts comes after Krispy Kreme concluded its limited run of the Oreo-glazed doughnuts. Both the Strawberry Glazed Doughnut and Strawberry Kreme Filled Doughnut will be sold between April 26 to March 6, 2021 in participating locations only.We've got some sweet news...STRAWBERRY GLAZE is coming BACK for a limited time‼️ Starting Mon 4/26 thru Thurs 5/6, run to your closest participating shop for ? glaze craze!Participating US & CAN shops only. 4/26 thru 5/6. While supplies last. All info- https://t.co/JrlGZuvgDR pic.twitter.com/NDAyFkg8ab— Krispy Kreme (@krispykreme) April 22, 2021In other food & beverage news, the latest Guinness Nitro Cold Brew Coffee beer is a bold amalgamation of flavors.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 9:57 am

As the week in music comes to a close, HYPEBEAST has rounded up the 10 best projects for the latest installment of Best New Tracks.This week's list is led by The Weeknd and Ariana Grande who have teamed up once again to deliver a remix of "Save Your Tears." Little Simz and Wiki x NAH announced their new projects, entitled Sometimes I Might Be Introvert and Telephonebooth respectively, with singles "Introvert" and "HIP HOP," while Deb Never, Q and KOTA The Friend all share their new releases. Finally, rounding out this selection are collaborations from Juan Wauters and HOMESHAKE, Dough-Boy and Joe Flizzow, Giggs and PS Hitsquad and RINI and EARTHGANG.The Weeknd x Ariana Grande - "Save Your Tears (Remix)"The Weeknd and Ariana Grande have reunited for a remix of the After Hours single "Save Your Tears." First teased by the XO Records head earlier in the week, the new rendition marks the pair's third overall collaboration, following Grande's positions cut "off the table" in 2020 the My Everything track "Love Me Harder" in 2014.Listen: Spotify | YouTubeLittle Simz - "Introvert"Little Simz is set to release her new album Sometimes I Might Be Introvert on September 3 and the British rapper is giving fans a first listen to the record with "Introvert." The powerful track hears her touch on her pride as a Black woman, rapping, “Project with intention straight from my lungs / I’m a black woman and I’m proud one / We walk in blind faith not knowing the outcome / But as long as we unified then we’ve already won.” In addition to the new album, Simz will also be returning for the third season of Top Boy.Listen: Spotify | Apple MusicKOTA The Friend  - "Outside"Independent Brooklyn MC KOTA The Friend dropped off his newest cut "Outside," which is billed as the lead single off his upcoming third solo album and the sequel to his critically acclaimed debut album FOTO. Equipped with steel drums and his son Lil KOTA on the track, "Outside" is a refreshing reminder to trust your own process and pay no mind to those who try to belittle you.Listen: Spotify | Apple MusicDeb Never - "Sorry"Deb Never, one of HYPEBEAST's New Gen: Spring 2021 entries, has released her "Someone Else" followup, "Sorry." The beautifully haunting track is honest and raw, and hears the artist reflect on the trauma that has impacted her in many ways. She goes as far as admitting that she's no different from the person who dealt all this damage and while she harbors feelings of resentment towards this person, Never also tries her best to move forward from the situation.Listen: Spotify | Apple MusicWiki x NAH - "HIP HOP"Wiki and NAH have teamed up for "HIP HOP," a cut from their new collaborative project Telephonebooth. The forthcoming record 14-track record was a year in the making and marks Wiki's first release since 2019's Oofie.Listen: YouTubeRINI x EARTHGANG - "Out of the Blue"RINI has tagged EARTHGANG for a remix of "Out of the Blue." Announcing the then-secret track on Instagram, the Australian-born artist shared a behind-the-scenes video and thanked his fans for the support. "Back in Encino haus, when we cooked up Out of the Blue, I honestly can’t believe it’s been almost 2 years ago. But I just wanna say THANK YOU SO VERY MUCH to all my beautiful fans and listeners for being with me in this journey and continuing to support me even though I’m taking a bit longer to put out nu music," he wrote. "Y’all are the Best Best ... I promise more music coming out soon."Listen: Spotify | Apple MusicGiggs x PS Hitsquad - "Black"Giggs and PS Hitsquad have delivered their collaborative track, "Black." The release marks the Zone 2 staple's second single of the year following "Petrol Station" with Kweng Face," while Giggs has been a lot busier with the likes of "Games" with RAY BLK, "Bad Man" with Bizarre and "Crud" with Ghetts.Listen: Spotify | Apple MusicQ - "If You Care"Shortly after his performance on A COLORS SHOW, rising Florida multi-instrumentalist and another New Gen: Spring 2021 member Q officially released his newest single "If You Care." The track follows his latest EP The Shave Experiment, which he dropped in December 2020. “My music now has no resemblance to Forest Green or even Thoughts," he said in a statement, adding that he only has one message to send: “Evolve, change and give hope, nothing more and nothing less."Listen: Spotify | Apple MusicJuan Wauters x HOMESHAKE - "Monsoon"Ahead of the release of his upcoming album Real Life Situations, Juan Wauters tagged HOMESHAKE (Peter Sagar) for the cut "Monsoon." The Uruguay-born artist's record, which drops April 30, is also set to features appearances from the likes of Mac DeMarco, Nick Hakim and Benamin, Tall Juan, Air Waves and more.Listen: Spotify | Apple MusicDough-Boy x Joe Flizzow - "Zoo"Fresh from the release of his third studio album POWER, Dough-Boy joined forces with his childhood hip-hop hero Joe Flizzow for the single "Zoo." The cross-cultural collab marks an important moment for both artists, with Dough-Boy calling Flizzow "a huge influence for an entire generation of kids." He added, “Rapping in English and also our native language, collaborating with artists outside of our cities, These are things he’s done for nearly 2 decades. I’m just trying to do something similar.” Meanwhile, Flizzow shared that he and Dough-Boy met in Kuala Lumpur while filming Yo! MTV Raps. “Prior to that, I had already heard of Dough-Boy through a friend and mentor Calvin Wong. I’m glad we have worked on a track, I’ve always been a fan of Hong Kong culture since the days of LMF. So it’s an honor to work with an established artist like Dough-Boy.Listen: Spotify | Apple Music

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 9:48 am

La campagna vaccinale contro il covid-19 sta per subire un'importante accelerazione. Uno sforzo che si propone di essere gargantuesco e che ci porterà a dare una protezione dal virus a mezzo milione di persone al giorno. Uno sforzo che ha bisogno del supporto di tutti, operatori sanitari e grandi realtà anche private e che sta ricevendo l'adesione anche di molte grandi realtà imprenditoriali italiane.

Esclusiva
Gli stilisti ai tempi del coronavirus: GCDS
Giuliano Calza si racconta a Vogue Italia

Dopo l'adesione di Brunello Cucinelli alla campagna vaccinale, ora anche Moncler, Gucci e Armani hanno deciso di trasformare le loro realtà in veri e propri hub per la vaccinazione. 

Dopo l'iniziativa a favore della digitalizzazione delle scuole e quella a sostegno dell'assistenza sanitaria domiciliare per i malati di Covid-19, Moncler ha contribuito alla realizzazione del più grande hub vaccinale della Lombardia al Generali Square Garden (ex Palazzo delle Scintille). Moncler ha contribuito integralmente ai costi di realizzazione di allestimenti e arredi e ai costi per lo svolgimento delle attività di registrazione al percorso vaccinale svolte da oltre 80 addetti reclutati dal Policlinico di Milano. Al progetto hanno preso parte anche Generali, Fondazione Fiera Milano e Fondazione Comunità di Milano. \

Brunello Cucinelli: il Parco della Bellezza di Solomeo ospita un centro di vaccini anti-Covid
L'iniziativa è stata realizzata grazie alla collaborazione tra Brunello Cucinelli Spa, Fondazione Brunello e Federica Cucinelli e la Regione Umbria. L'obiettivo è somministrare 1200 dosi di vaccino alla settimana

Aderendo all'iniziativa di Confindustria, Gucci ha messo a disposizione le proprie sedi aziendali, nel rispetto delle direttive ministeriali e sanitarie, per la campagna di vaccinazione Covid-19 dei propri dipendenti degli uffici, delle fabbriche e dei negozi, oltre 6.000 in Italia. La decisione segue quella del Gruppo Kering, che ha altresì dato disponibilità dei locali propri e di quelli degli altri marchi e aziende del Gruppo operanti in Italia.  

Il museo Maxxi lancia il Legendary Ticket, il biglietto per 100 anni
Al Maxxi, il museo di arte contemporanea di Roma potete acquistare un biglietto valido per 100 anni: avete impegni per il 2121?

Come ha dichiarato il CEO e Presidente di Gucci, Marco Bizzarri: "Sin da subito abbiamo messo le persone al centro e avviato iniziative per tutelare la comunità in cui operiamo: i nostri dipendenti, i fornitori e offerto supporto al personale sanitario e alle comunità più vulnerabili. Con l’accelerare della campagna vaccinale, cresce il nostro impegno per il Paese dove Gucci è nata: l’Italia. Metteremo, con orgoglio, le nostre sedi a disposizione della campagna vaccinale."

Gucci Hub
Gucci Hub

Nella stessa linea di pensiero anche un'altra realtà il cui nome è da sempre associato al nostro Paese: Armani. Fortemente voluta dallo stesso Giorgio Armani che ha messo a disposizione l’Armani/Teatro come sede per la Campagna Vaccinale anti COVID-19, come previsto dalla Delibera Regionale n° XI/4401.

Armani/Teatro photo by Stefano Guindani
Armani/Teatro photo by Stefano Guindani

La vaccinazione avverrà nei modi e nei tempi che saranno comunicati nei prossimi giorni e la
partecipazione sarà su base volontaria.  \

Posted on 23 April 2021 | 9:48 am

Cardi B's company Cardi's Washpoppin Inc. has filed trademark documents for the phrase "Bardi Beauty," potentially signaling her latest move into the cosmetics and beauty industry.The rapper is reportedly aiming to utilize the phrase on a variety of beauty items, including goods and services related to fragrances for personal use, cosmetics, hair care preparations, non-medicated skin care products, nail polish and nail enamel.Just last September, Cardi B applied for a trademark on "WAP", on hopes of securing the name for potential beverage products like beer, liquor and soft drinks and other products including clothing and bags. She has evidently been venturing out of music, picking up notable partnerships in fashion and footwear with a recent partnership with Fashion Nova and Reebok. Her latest "Summertime Fine" collection is set to launch later this week and includes new colorways of the Cardi B Club C shoe.It is unclear how long the approval for the landmark of "Bardi Beauty" will take. The official filing for the phrase occurred on April 16 and on April 20, a status update regarding the filing noted that the record was initialized, but not yet assigned to an examiner.In other music news, Doja Cat unveiled her debut NFT collection and high-end marketplace.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 9:44 am

Con l'inizio dell'emergenza Covid-19, lo scorso marzo, per il mondo della musica si è profilato uno scenario apocalittico: locali chiusi, tour degli artisti annullati, festival e uscite discografiche rinviati. Fortunatamente, mentre noi eravamo rintanati in casa per evitare la crescita esponenziale dei contagi, gli artisti si sono chiusi nei propri studi discografici e hanno prodotto della musica fantastica, proprio nel momento in cui ne avevamo più bisogno. L'immediato futuro di concerti, club e festival è quanto mai incerto: è impossibile prevedere quando potremmo rivedere dal vivo le performance dei nostri beniamini. Ecco perché, come nello scorso anno, vi è la necessità di ospitare sulle pagine di Vogue.it uno spazio dedicato alle nostre release preferite. In attesa di poterle ballare di nuovo abbracciati.

DITONELLAPIAGA - MORSI

Come è nato Morsi, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Morsi non è altro che un assaggio del disco vero, che uscirà dopo l’estate. Sono cinque bocconi - non contando il remix di Populous - che anticipano la portata principale. Questo EP, proprio come il disco di cui è in qualche modo figlio, è nato in maniera caotica e affatto metodica ed è un racconto schizofrenico di alcuni episodi della mia vita, spesso rivisitati. Adesso che ci penso sarebbe bello poter rivisitare anche la vita, o forse soltanto controproducente. Ad ogni modo, come ogni opera prima, scriverlo è stato un raccontarmi e scoprirmi allo stesso tempo e, proprio adesso che sento di aver trovato la mia strada, non vedo l’ora di potermela lasciare alle spalle in cerca di nuove.

Dal punto di vista musicale, come descriveresti questo EP? 
Non sono brava con le descrizioni quando riguardano me o la mia musica, ho sempre molta difficoltà nel vedermi con gli occhi degli altri, o ascoltarmi con orecchie altrui. Credo sia un EP molto eclettico, l’ho scritto dando ascolto a tutte le mie esigenze creative ed emotive, senza ricercare una coerenza forzata. Alla fine della fiera la coerenza c’è eccome, grazie anche al lavoro dei miei due produttori bbprod, che mi hanno sempre saputa capire e guidare nella ricerca di una sonorità identitaria ma non limitante.

Ditonellapiaga @ Kimberley Ross
Ditonellapiaga @ Kimberley Ross
Kimberley Ross

Qual è la traccia con una bella storia da raccontare? 
Tutte hanno una storia che mi fa battere il cuore, un po’ perché mi ricordano le vicende alle quali mi sono ispirata e un po’ perché mi riportano a quei momenti in cui ho deciso di riversarle su carta. La mia preferita credo sia quella di Carrefour Express perché, avendo un debole per il tragicomico, mi ricorda che nelle delusioni c’è spesso qualcosa di profondamente divertente che difficilmente si riesce a cogliere mentre si soffre. Oltre ad avere un debole per il tragicomico, ne ho uno per le persone fidanzate, ci combatto da anni ormai ma è così: non mi piace mai nessuno e quando succede scopro sempre che è già impegnato. È matematico, non so per colpa di quale congiunzione astrale accada, ma ormai è inevitabile che quando mi piace qualcuno senta puzza di sòla (a Roma si dice così). La logica vuole che queste poche informazioni confusionarie che vi ho dato, lascino intendere che la storia dietro questa traccia parli del palo chilometrico che ho preso da questo tipo fidanzato, che per una notte intera non mi ha detto di esserlo, facendomi quasi tornare a credere nell’amore. Quasi. Comunque ogni tanto lo incontro ancora e ogni incontro è una conferma del fatto che sotto sotto gli piaccio anch’io.

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione dell'EP? 
Per il momento di collaborazione effettiva ce n’è solo una, ovvero quella con i miei produttori. Io non so suonare nessuno strumento, non so nulla di teoria musicale e so a mala pena dove sia il do centrale sul pianoforte, ma ho avuto una grande fortuna sin da quando sono piccola: quella di cantare tanto con gli altri, di aver avuto sempre gruppi, band, frequentato musicisti eccetera. Credo di essermi abituata a fare musica senza fare affidamento soltanto su me stessa e sulle mie idee proprio grazie alle mie esperienze musicali adolescenziali. Bypassando l’input iniziale (che non sempre viene dal suono, a volte può nascere dalla voglia di raccontare in musica un’immagine che ho in testa, o una sensazione) la scrittura è una cosa che faccio tendenzialmente in solitaria e nonostante ci siano momenti in cui vorrei tanto essere più autonoma e indipendente anche nella composizione, per il momento credo che questo scambio di idee e di influenze sia la dinamica più giusta per me, più avanti si vedrà.

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Morsi ? 
Il tipo che mi ha dato il palo è sicuramente il primo della lista. A parte gli scherzi, non credo ci sia qualcuno a cui sento l’esigenza di dedicarlo: se dovessi farlo, lo dedicherei a tutte le persone che ho incontrato nella mia vita che mi hanno ispirata in qualche modo, sperando di poterne incontrare altrettante negli anni a venire. In questo momento sento moltissimo il peso dell’immobilità alla quale siamo relegati, sono una grande amante dei viaggi ma soprattutto degli incontri bizzarri, mi hanno sempre regalato la voglia di raccontarli. Quindi diciamo che questo EP lo dedico agli incontri, passati e futuri, ma anche a quelli presenti, con le persone che mi supportano giorno dopo giorno in tutto ciò che faccio.

MODESELEKTOR - EXTENDED

Come è nato Extended e cosa significa per voi e peril vostro percorso artistico? 
Extended è il nostro quinto album come Modeselektor. Abbiamo iniziato a lavorarci nel 2019 prima che l'attuale pandemia cambiasse tutte le nostre vite quotidiane. Non c'erano più spettacoli dal vivo, quindi avevamo molto tempo libero che passavamo in studio. L'ultima volta che abbiamo trascorso così tanto tempo in studio è stato quando abbiamo iniziato e a malapena avevamo date di concerti. Abbiamo cercato di trarre il meglio da questa situazione e abbiamo appena iniziato a fare musica, musica e musica. L'idea di fare un vero e proprio mixtape con musica che fosse nostra risale a molti anni fa, e abbiamo sentito che ora era il momento di lavorarci e finalizzare il progetto.

Come descrivereste questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Pensiamo che sia probabilmente l'album più ambizioso che abbiamo mai pubblicato. Sono 27 tracce mescolate insieme. Extended è il punto di partenza di molti progetti in divenire: ad esempio, un paio di EP che si concentreranno ciascuno su una traccia diversa dal mixtape con contributi vocali, remix e versioni alternative. Inoltre, Extended è stata l'ispirazione per il film Work in cui il ballerino statunitense Corey Scott-Gilbert esegue un'interpretazione del mixtape con movimenti coreografici.

Modeselektor @ Birgit Kaulfuss
Modeselektor @ Birgit Kaulfuss

In Movement è presente il feat. di una leggenda della dub come Paul St.Hilaire. Come è nata questa collaborazione?
Conosciamo Paul St. Hilaire da molto, molto tempo e, ad essere onesti, in passato abbiamo già pubblicato qualche traccia insieme. La collaborazione per Movement è nata molto spontaneamente nel nostro studio. La parte strumentale del brano è stata creata a Detroit, mentre suonavamo al Movement Festival 2019: per questo l'abbiamo intitolata Movement.

C'è qualcuno a cui vorreste dedicare Extended? 
Extended è dedicato soprattutto a tutti i nostri fan. Ci auguriamo che ispiri le persone. Ci auguriamo che porti voglia di vivere, divertimento e che faccia ballare la gente. Vorremmo concludere questa intervista con una citazione di Jeff Mills: Ballare non è un concetto musicale, è una reazione fisica.

\

M¥SS KETA - IL CIELO NON È UN LIMITE LATO B Come è nata l'idea del Lato B, e cosa aggiunge al progetto? 
L’IDEA DEL LATO B È NATA IN MANIERA TOTALMENTE ISTINTIVA, NEL SENSO CHE IN UN MOMENTO DI SPERIMENTAZIONE MUSICALE COME QUELLO CHE STO ATTRAVERSANDO E CHE HO DECISO DI APPROFONDIRE, ERA INEVITABILE CHE DOPO LE CANZONI DELL’EP IL CIELO NON È UN LIMITE, AMBIENTATE TRA VETRO E CIELO CON SUONI ELETTRONICI MOLTO RICERCATI, PER CONTRASTO VOLESSI ANCHE LAVORARE SU ATMOSFERE NOTTURNE E SUONI VIVI, DI STRUMENTI MUSICALI REALI. INOLTRE DAL PUNTO DI VISTA TESTUALE IN QUESTA LATO B DELL’EP LASCIO MOLTO ANDARE LE REDINI, C’È UN DIVERSO MODO DI TRATTEGGIARE GLI IMMAGINARI, UNA MODALITÀ DI DIALOGO ONIRICA, QUASI DA SEDUTA DI PSICOTERAPIA. LYNCHIANA SE VOGLIAMO. È UN PO’ COME VEDE LA NOTTE LA PROTAGONISTA DEL LATO A.

Dal punto di vista musicale come descriveresti i due inediti?
SONO DUE INEDITI ONIRICI, INFERNALI E SURREALI: UNA TWILIGHT ZONE SONORA CHE VA DAL DARK WAVE AL RUMORISMO ELETTRONICO, CON SUONI CHE CI PORTANO NELL'OSCURITÁ
DELLA NOTTE INCOLTA E PROIBITA, ALLONTANANDOCI DALL’AZZURRO CIELO DEL LATO A.
IN MIRIAM MI SFOGO CAVALCANDO UNA STRUMENTALE POST-PUNK/DARKWAVE CHE
PRENDE LE SEMBIANZE DI UNA CHIMERA. IN L02E FREESTYLE INVECE LA MIA VOCE ROBOTICA SI DEFORMA SU UNA BASE SONORA CHE SEMBRA UNA BATTAGLIA INTERGALATTICA TRA MONDI LONTANI, O FORSE SOLO INTERIORI.

M¥SS KETA @ Dario Pigato
M¥SS KETA @ Dario Pigato

Collabori per la prima volta con i DPCM. Ci racconti qualcosa di questa nuova band e di come è nata la collabo? 
QUANDO LA CHITARRA DI GIUNGLA, IL BASSO DI L I M E LA BATTERIA DI DANILA GUGLIELMI HANNO INCONTRATO LA MIA VOCE É STATO UN ASSEMBRAMENTO PLATONICO TALMENTE LETALE DA OLTREPASSARE QUALSIASI DPCM, TANTO CHE ABBIAMO DOVUTO CREARNE UNO EX NOVO. IN MIRIAM POTETE PERDERVI NEL RISULTATO SCOPPIETTANTE DI QUESTA BAND.

Nel Freestyle dici: Fanc**o Facebook, Instagram, Twitter. Com'è il rapporto della M¥SS con i social e come è cambiato con la situazione attuale? 
IL RAPPORTO CON I SOCIAL E IL VIRTUALE É SEMPRE STATO COMPLICATO, E LO STA DIVENTANDO SEMPRE DI PIÚ SOPRATTUTTO DI QUESTI TEMPI IN CUI ABBIAMO UNA VISIONE ALTERATA DI CIÓ CHE É LA VITA REALE, E LA TECNOLOGIA PUÓ TRASFORMARSI DA AIUTANTE A CARNEFICE.

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Lato B? 
A TUTTI I MIEI ALTRI LATI.

MAFALDA - Bailando Sin Sentido

Come è nato Bailando Sin Sentido e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Credo che Bailando Sin Sentido rifletta quello che sono come persona, è una fusione di tante influenze diverse. Sono cresciuta in vari paesi e questo ha avuto un grande impatto sulla mia vita. Sono nata a Londra da madre spagnola e padre bulgaro, ho studiato in Inghilterra, ecco perché Daisy Chain - il mio primo EP uscito nel 2019 - era tutto in inglese. Ma lo spagnolo è la mia lingua madre,  quella che si parla in famiglia, e mi ha sempre affascinato l’idea di approfondire questo aspetto anche nella musica. Bailando Sin Sentido è nata dopo un concerto a Madrid, dove ho cantato dal vivo in spagnolo per la prima volta. L’energia del pubblico è stata trascinante e il resto, come si dice, è storia!

Dal punto di vista musicale come descriveresti quest’ultimo progetto? 
Direi che Bailando Sin Sentido ha elementi musicali latino americani in quasi tutta la parte ritmica, ma melodie anglosassoni. Ogni volta che lavoro a qualcosa di nuovo cerco di crescere come artista, spingermi oltre i miei limiti. E scrivere canzoni nella mia lingua madre è stata una grande sfida per me, sia a livello musicale che emotivo. Il risultato di tutto questo lavoro è quello che alcuni giornalisti hanno definito “Dark Pop”, una cosa che mi è rimasta impressa.

Mafalda © Querida
Mafalda © Querida

Quale canzone ha una bella storia da raccontare?
Quando scrivo penso sempre che sia un riflesso di come mi sento quel giorno. Ricordo benissimo quando ho scritto Asi Lo Hago Yo. Ero a Los Angeles e avevo avuto una conversazione con una persona che mi aveva fatto sentire molto delusa e frustrata. Sapevo che di lì a poco avrei avuto una session di scrittura, quindi mi sono messa davanti allo specchio e mi sono fatta un discorso di incoraggiamento, poi la giornata è proseguita con un atteggiamento più positivo. Asi Lo Hago Yo parla appunto di questa sensazione, dobbiamo ricordarci che siamo gli unici a poter controllare le nostre vite, e che dopo una delusione si può diventare più forti, anche se a volte in quel momento non sembra.

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione di Bailando Sin Sentido?
Ho iniziato a creare l’album a Los Angeles prima della pandemia e quindi per fortuna ho potuto collaborare con degli autori straordinariamente creativi per la maggior parte delle canzoni! Ma poi le session virtuali sono diventate sicuramente più frequenti a mano a mano che si avvicinava la data della pubblicazione. Ho pensato fosse importante collaborare con musicisti spagnoli, quindi abbiamo finito di produrre il disco fra Madrid e Barcellona. 

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Bailando Sin Sentido? 
Dedico questo EP a chiunque senta di fare le cose senza convinzione ma senza capire perché. Bailando Sin Sentido parla di questo: capire che, a prescindere da come ti senti, non sei solo. Ogni canzone rappresenta una fase diversa della mia vita, un riflesso di quello che ho vissuto, ma in senso lato, l’EP parla di introspezione. Spero che la mia musica faccia capire che sentirsi confusi, vulnerabili e incerti è legittimo. La vita è complicata! E a volte, anche nei momenti più bui, abbiamo la possibilità di trovare la luce riscoprendo la sicurezza in noi stessi, ricostruendola, per sentirci di nuovo sicuri di essere sulla strada giusta.

MYKKI BLANCO - Free Ride

Come è nata Free Ride e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Un'esperienza intensa, sia per la musica in sé, sia per la creazione del video. Per quanto riguarda la canzone, rappresenta davvero la mia vera direzione musicale, con un sound molto più organico e un focus sulla musica originale, niente sampling! Scrivere la musica e lavorare con i cantanti di questa canzone è stata una bellissima esperienza. Per il video volevo mettermi alla prova di nuovo, creare una narrazione queer mai vista prima, rappresentare una situazione insolita. Credo che il tema del battesimo di un bambino e la storia d’amore di una famiglia queer che ho scritto durante la pandemia comunichi quello che volevo dire al mondo sull’amore, sull’accettazione, e sul restare uniti, contro ogni difficoltà.

Dal punto di vista musicale come descriveresti quest’ultimo progetto? 
Pieno di energia, molto melodico e molto organico. Ci sono moltissimi elementi soul e classici, non assomiglia a niente di quello che ho pubblicato finora. Sono un artista emergente, di nuovo! (ride)

Mykki Blanco
Mykki Blanco

Qual è la storia della traccia?
Fra i momenti e le conversazioni più intime che ho avuto nella mia vita ci sono quelle con mia madre durante i lunghi viaggi in auto nelle campagne del sud quando ero adolescente. La musica che faceva da colonna sonora a questi viaggi era della generazione di mia madre. Mi ritrovavo a sognare a occhi aperti, a pensare e immaginare che tipo di vita avrei voluto creare per me. Questi ricordi e la musica di Luther Vandross sono stati la prima ispirazione del nuovo singolo Free Ride.

Free Ride rappresenta il tuo esordio con Trasgressive Records. Com'è lavorare con una etichetta dal roster così prestigioso?
Sono molto felice di far parte della famiglia, credo che insieme faremo la storia, è una bella sensazione. 

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Free Ride? 
Free Ride arriva ai cuori di tante persone attraverso le generazioni. Puoi ballarla con i tuoi amici, con i tuoi figli, con tua nonna. Credo davvero che sia la canzone più friendly che abbia mai fatto e credo anche che sarà apprezzata da chi sarà felice di condividerla con gli altri!

BOSS DOMS - Pretty Face

Come è nata Pretty Face e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Per me rappresenta un momento importante, una sorta di follow up del primo brano da solista I Want More, che ho pubblicato la scorsa estate e che ha dato un certo tipo di impressione a chi mi segue. 
Con Pretty Face sono voluto andare nella direzione opposta per mostrare un po’ quello che potrebbe essere la mia rosa di produzioni. È un cambio di rotta radicale, sono passato da qualcosa di più cupo e underground a un brano molto più pop, radiofonico, colorato ed etereo. 

Dal punto di vista musicale come descriveresti quest’ultimo progetto? 
Sicuramente è un brano meno “club oriented”, anche se al suo interno ha le caratteristiche della canzone da club. Musicalmente parlando, c’è un piccolo “feticcio”: ho utilizzato una drum machine 303, tipica della musica techno, per fare degli arpeggi nell’introduzione, che ricordano quelli di un pianoforte. In più, ci sono tantissime chitarre e voci, tra cui la mia. È infatti il primo singolo in cui canto, nel ritornello, anche se sono soltanto dei cori. 

Boss Doms @ Gabriele Giussani
Boss Doms @ Gabriele Giussani
gabrielegiussani.com

Per la realizzazione di Pretty Face hai dato vita a una experience multisensoriale molto particolare. Ci racconti di che si tratta? 
Inizialmente ho creato un gruppo Telegram, con uno numero di telefono apposta per l’occasione, per selezionare il numero ristretto di fan che avrebbe partecipato all’experience. Si è trattato, appunto, di un’esperienza multisensoriale individuale, dedicata alla singola persona, che quindi ha vissuto il tutto in maniera unica e irripetibile. Ci tengo a precisare che ogni cosa è stata realizzata nel massimo rispetto delle norme sanitarie attuali: i partecipanti sono stati tamponati poco prima dell’experience in un luogo diverso da quello dell’installazione, in modo da evitare ogni eventuale contagio. L’installazione era caratterizzata da un gioco di luci che io stesso gestivo. Tutto l’iter era pilotato da me che ero alla regia, anche se i fan non lo sapevano. Loro erano convinti di incontrarmi, io in verità c’ero ma in modo diverso da quello che si aspettavano. Sono stato io a catturare le loro naturali espressioni mentre ascoltavano il brano, e questi filmati hanno poi costituto il videoclip di Pretty Face. L’ascoltatore è diventato l’assoluto protagonista. La cosa veramente bella, anche perché non calcolata, è che, dopo più di un anno senza live, le persone, anche se solo per il tempo della canzone, sono state catapultate all’interno di un piccolo club imbastito per loro, con luci e musica a tutto volume. È stato bello vedere le singole reazioni: c’era chi ballava, chi batteva i piedi, chi addirittura si è messo a piangere. Alcuni fan, a cui è stata fatta una breve intervista dopo la fine dell’experience, hanno raccontato che la cosa più bella è stata sentire i bassi sul petto che facevano vibrare: una cosa a cui nessuno era più abituato da un anno a questa parte! 

Su questo progetto hai collaborato con Fabio Weik. Come è nata la vostra partnership e com'è stato lavorare con quest'artista? 
In realtà io e Fabio siamo amici da tempo, da quanto io ho conosciuto Valentina, più o meno. Ci siamo spesso detti che avremmo voluto lavorare insieme, ma aspettavamo il momento giusto per farlo, in modo da poterlo coinvolgere a 360°. Il sodalizio artistico è iniziato con I Want More ed è continuato sino ad oggi; lui è molto bravo a elaborare le mie proposte, a concretizzare le mie idee. È un artista contemporaneo con una grande esperienza alle spalle, per cui sa rendere tutto di altissimo livello anche dal punto di vista puramente artistico. 

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Pretty Face? 
In verità nella canzone c’è già una dedica intrinseca, che è quella a Valentina e a Mina, la mia compagna e mia figlia. Nella parte dei cori, nel ritornello in cui si sente la mia voce, è presente una dedica a loro: perché in quel momento, quando stavo registrando, pensavo ai loro visi.

VENERUS - Magica Musica

Come è nato Magica Musica, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico?
Sto lavorando sulla mia musica dal 2015 ma ho avuto la pazienza di aspettare la mia crescita personale e artistica per condividere qualcosa: ho una mia etica a livello di condivisione artistica nel lavoro e sono felice di avere aspettato fino a questo momento. È stato un anno molto complicato e questo ha dato un’impronta al mio lavoro, specialmente nel desiderio di poter portare dal vivo questo disco. Essendo il live la mia dimensione e il mio habitat naturale in questo disco ho sempre pensato a quella che sarebbe stata la resa dal vivo: mi ha aiutato a capire come voglio fare i dischi in futuro.\

Dal punto di vista musicale come descriveresti quest’ultimo progetto? 
Scardinare il concetto di genere musicale è una cosa in cui credo molto. In Magica Musica c'è tanta immaginazione, ma non c'è niente di finto: è come se avessi preso le mie vicende introspettive e le storie di cui parlo, e le avessi fatte scoppiare nel cielo. Per me è un disco che rappresenta un messaggio di amore e l’esperienza che mi viene dai concerti. Quando sai che qualcuno è innamorato di quello che fai e ti dà tanto indietro non puoi non pensarci più a questa cosa.  Ora che il disco è pronto mi sono fermato un attimo: ma già ieri parlando con Mace dicevo di volere organizzare una sorta di ritiri con dei musicisti. In questo periodo sto ascoltando tantissimo jazz tra la metà degli anni ’60 e degli ’70, e credo che questo influenzerà tantissimo la nuova musica che farò. 

Venerus  @ Sha Ribeiro
Venerus  @ Sha Ribeiro

 

Qual è la traccia con una bella storia da raccontare? 
Sei Acqua parla di un incontro con una persona in particolare, ma anche di una vicenda: eravamo a Roma e avevamo salvato un gabbiano con un'ala rotta. Un evento molto bello di quest'estate che ho voluto incorniciare in questa situazione.

Con chi (e come) hai collaborato durante la realizzazione di questo album? 
Non c’è stata nessuna scelta a tavolino per le persone che volevo condividessero questo percorso con me: credo la collaborazione abbia senso nel momento in cui c’è una empatia. Per quanto riguarda i Calibro 35 abbiamo generato questa empatia ed è stato speciale, ero fan da tempo di Enrico Gabrielli e mi sarebbe piaciuto molto fare qualcosa con loro. Le altre collaborazioni sono state molto spontanee. Sono molto amico di Gemitaiz e di Rkomi siamo molto amici: l’idea di collaborare a questo brano con lui è nata mentre lavoravamo a della sua musica, mentre con Frah Quintale è avvenuto tutto a casa mia. E poi le collaborazioni più tacite: da quella con Marco Vanegas a Tommaso Colliva. Phra Crookers è una persona che stimo tantissimo e a cui ho detto: facciamo una cosa che non hai mai fatto. E abbiamo fatto una ballad, che è una cosa che non ti aspetteresti mai.

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Magica Musica? 
Ci sono delle persone che sono dei riferimenti per me - Paolo Conte e Luigi Ontani - che stimo molto sia come artisti sia come persone. Poi ci sono vari destinatari che sono menzionati nelle canzoni, nella narrazione di certe situazioni: quindi sanno già della dedica a loro.

 

LA NIÑA - Eden

Come è nato Eden, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico?
Eden per me è un inizio ed una destinazione allo stesso tempo. È nato dalla necessità di liberarmi del passato, di danzare i miei traumi e sussurrare ciò che un tempo mi assordava. Nulla di ciò che scrivo è mai un vero punto di arrivo, pur essendo un “prodotto finito”. Spero che la mia musica lasci qualcosa nelle persone anche e soprattutto dopo l’atto stesso dell’ascolto.

Dal punto di vista musicale come descriveresti quest’ultimo progetto? 
Eclettico, perfettamente imperfetto.

La Niña @ Carlo William Rossi
La Niña @ Carlo William Rossi


Qual è la traccia con una bella storia da raccontare? 
STORIA DI AFRODITE è forse l’unica vera storia che racconto in questo lavoro. È chiaramente frutto della mia immaginazione ma trovavo estremamente paradigmatico della realtà il fatto che una ragazza, bella come una dea e figlia di un quartiere popolare, fosse “nata mmiezo ‘o mare e cresciuta mmiezo ‘a via” (nata in mezzo al mare e cresciuta per strada). Il brano ha una struttura ispirata alla “Villanella”, una forma canzone nata a Napoli nel XVI secolo e racconta della vendetta di Afrodite ai danni del suo stupratore. Volevo riscrivere il finale di un copione che solitamente, nella realtà, ha tutt’altro epilogo.

Con chi (e come) hai collaborato durante la realizzazione di questo EP? 
Nella produzione musicale e nella scrittura dei brani ho collaborato con KWSK NINJA che io ormai considero come l’altra metà del progetto. Mi sentirei persa senza di lui, ed è probabilmente con lui che mi sono ritrovata. KWSK è anche l’artista che realizza tutti i videoclip e le grafiche de LA NIÑA, e che da nuova forma alle mie canzoni e vita alle mie visioni. È bellissimo realizzare quanto negli ultimi anni abbiamo dato l’uno all’altra, il nostro è un connubio perfetto, dove musica, arti visive e performance si bilanciano armoniosamente. Insieme abbiamo trovato la luce, anche in momenti bui come quello che stiamo vivendo.

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Eden? 
Dedico Eden a chi non crede nel Paradiso.

MACE - Obe

Come è nato Obe, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico?
Ho vissuto qualche mese in Sudafrica,a Johannesburg e ho registrato lì un disco con solo artisti africani. è stata un'esperienza che mi ha cambiato la vita, ma quando sono tornato in Italia, ho deciso di non farlo più uscire. Come se sentissi che quello che avevo fatto avesse senso mentre ero lì, ma tornato qui non mi appartenesse più al 100%. Avevo comunque voglia di realizzare un disco tutto mio, e contestualmente ho trovato che la musica italiana era cambiata: ci sono un sacco di nuovi artisti interessanti,altri che c'erano da tempo ma che finalmente avevano ottenuto la visibilità che meritavano.Ho sempre un po' sofferto nel non riconoscermi nella scena italiana. Vedendo com'era cambiata mi sono detto che era il momento giusto per fare un disco qua in Italia al quale applicare la mia visione creativa.Ci ho lavorato nell'arco di due anni. In questo periodo mi sono occupato anche d'altro: ho fatto DNA con Ghali, il disco di Venerus e tante altre produzioni. Ma è stata comunque una lunghissima gestazione.

Quale traccia ha una bella storia da raccontare? 
In realtà ogni brano ha una vita a sé ed è stato tutto realizzato in vari step. Alcune idee le avevo scritte mentre viaggiavo - in Sudafrica e Giappone - in fase prettamente strumentale. Altre sono nate in studio da zero: per esempio con Venerus, con il quale avevo già scritto tanta roba. Il processo spesso è stato questo: mi viene un'idea musicale, faccio cantare il primo artista, vado avanti nella produzione e poi chiamo il secondo artista. In seguito procedevo con l'arrangiamento portando il pezzo ulteriormente da un'altra parte: quindi è stato un processo molto stratificato per questo motivo. Uno dei miei brani preferiti del disco è Ayahuasca, che è stato l'unico dove ho specificatamente chiesto di parlare di quell'argomento, a cui sono molto legato. Ho raccontato le mie esperienze con l'Ayahuasca a Colapesce, e lui è riuscito a metterle giù in un modo molto poetico. Al brano ho poi incorporato molti suoni presi dai rituali sciamanici  amazzonici, dalle percussioni ai flauti.

Mace @ Roberto Graziano Moro
Mace @ Roberto Graziano Moro
Roberto Graziano Moro

Nel disco hai collaborato con tantissimi artisti. Qual è il filo conduttore che li lega?
La scelta è ricaduta su tanti artisti che innanzitutto mi piacciono molto, che fanno cose interessanti e che mi sono immaginato bene nel viaggio esperenziale che stavo creando. Quindi il collante è stato quello: con molti di questi artisti tra l'altro ci avevo già lavorato, con altri non ancora ma ero molto attratto dalla loro musica. In altre parole: il filo conduttore è che non c'è il filo conduttore.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare OBE?
Alla musica italiana. 

ARLO PARKS - Collapsed in Sunbeams

Come è nato Collapsed in Sunbeams, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico?
Collapsed in Sunbeams è stato creato principalmente negli airbnb nell'East London. Ci siamo rintanati per alcune settimane, circondati di piante, candele e cristalli e ci siamo tuffati nel mondo dell'album. Ho preso molta ispirazione dai miei vecchi diari e dall'idea della nostalgia. Gli album di debutto sono sempre una cosa speciale per me, e avere il mio album sul punto di uscire fuori nel mondo ha un che di terrificante, ma anche di euforico. È la mia prima grande e definitiva dichiarazione di intenti come artista, è una capsula temporale e il primo grande passo nel mio viaggio.

Come descriveresti questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Direi che è una fusione di musica soul, indie e pop. È ispirato a tutto, da Elliott Smith a Portishead a Tribe Called Quest ad Aphex Twin. È un ampio collage di generi diversi, il fatto che Collapsed in Sunbeams sia così fluido è ciò di cui sono più orgogliosa.

Arlo Parks @ Alex Kurunis
Arlo Parks @ Alex Kurunis

Quale traccia ha una bella storia da raccontare? 
Hurt ha un bellissimo retroscena: è la prima canzone che ho scritto dopo un periodo di blocco dello scrittore e ansia che circonda l'album. È stata scritto in un'ora circa, ispirata da questa citazione di Audre Lorde che dice "Il dolore cambierà o finirà" e stavo ascoltando Supremes, Digable Planets e Cleo Sol. Scrivere è stato un processo euforico, perché mi ha ricordato che la mia capacità di scrivere abiterà sempre il mio cuore e che la tristezza non è mai permanente.

Con chi (e come) hai collaborato? 
Luca Bucellati ha prodotto la maggior parte dei brani; ho lavorato con Paul Epworth su Portra 400 e Too Good, e con Badsounds su Bluish. Sono stati tutti collaboratori molto propositivi e si sono avvicinati a questo progetto con nient'altro che amore. Ne sono onorata.

C'è qualcuno a cui dedicheresti l'album? 
Vorrei dedicare questo album a mia madre, alla mia migliore amica Alice, a Sufjan Stevens e a Wolfgang Tillmans. Non sarei quella che sono senza di loro, come artista e come persona.

Posted on 23 April 2021 | 9:34 am

Masters of perfection Hender Scheme have released the Foot Cast, a new approach to footwear that enables the wearer to customize the pair to fit their feet perfectly.Available in two silhouettes -- a six-hole derby and a slip-on -- the Foot Cast model comes as a pair of unfinished and untanned kip leather shoes that require the new owner to make them fit as desired. The process involves wetting the shoes by submerging them in water, and then putting your foot into the cast to make the leather wrap around your foot perfectly.Once the desired shape is achieved, remove your foot from the cast and allow the shoes to dry, shrink, and adapt to their new shape. Interestingly, the sole unit is made from a special type of stacked leather that won't shrink or expand. Now that the shape is finished, it's time to lace up the derbys or to put your foot back into the slip-on and mold the opening to fit even more precisely, before adding the leather cream to treat your new shoes and keep them looking fresh.Those interested in Hender Scheme's new product can purchase the Foot Cast on its website or at the Sukima Ebisu, Sukima Aibabashi, and Sukima Miyashita Park stores from April 24. Take a closer look at the pairs above, and watch the process in action below. View this post on InstagramA post shared by スキマ (@sukima_shop) View this post on InstagramA post shared by スキマ (@sukima_shop)For more minimalistic footwear, check out the latest collaboration between BEAMS and Birkenstock.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 9:33 am

Sony has just updated its Reon Pocket wearable air conditioner. Said to double the endothermic performance of the previous model, the Reon 2 now features a stainless steel contact pad that directly draws heat from your skin, and is now also sweat resistant so that it can also be worn during various forms of light exercise and outdoor activities. Charged via USB-C, the Reon Pocket 2 has both a WARM and COLD mode which allows for all-year-round usage. This update also allows for smartphone connectivity where settings 1-4 can be selected via Bluetooth -- COOL mode on level one lasts up to 20 hours whereas level four lasts three hours on a full charge. The WARM mode also has a battery life of 20 hours on level one but sees an increase to 10 hours on level four. The most impressive thing about the updated version is that Sony has also partnered with a number of fashion brands to make Reon-compatible clothing. Brands like Descente Golf, Edifice, Estnation, Musingwear and Le Coq Sportif Golf all have shirts that can accommodate the wearable air conditioner, and if you don't feel like wearing something from those brands, Sony also has a special neckband attachment. Priced at approximately $140 USD, the Sony Reon Pocket 2 is currently only available in Japan.ソニーとデサントの奇跡のメーカータッグで誕生した、“着るクーラー”と称されるソニーのウェアラブルデバイス「REON POCKET(レオンポケット)」を装着できる対応ポケット搭載「REON POCKET対応ウェア」の開発秘話をお届けします。https://t.co/DcTlavhq41— 【公式】DESCENTE(デサント) (@DESCENTE_japan) April 22, 2021In other tech news, the H3 is EPOS' best all-around gaming headset.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 9:31 am

After launching an online archive sale earlier this month, Swedish label Acne Studios has now released a range of pieces featuring bandana-inspired designs. The capsule includes a range of accessories, such as lightweight scarves and canvas bags, as well as a selection of ready-to-wear pieces.The bandanas themselves come in square and diamond shapes, and feature a range of paisley variations, while clothing items are adorned with printed images of the scarves. Referencing the scarves, the pieces come in a color palette of blue, ilac, green, pale yellow, purple and beige. Rounding out the collection are the plain-colored canvas tote bags, which are dressed in dark grey, orange, white, beige, black and burgundy and offer a more utilitarian feel.Take a look at the Summer 2021 bandana pieces in the gallery above, in an editorial shot by Anders Edström around his summer house in the Stockholm archipelago. The collection is available now from the Acne Studios web store.In other fashion news, Bode recently revealed its new collection, titled "A Year Off."

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 9:24 am

Who is telling the story? 

This seemingly obvious question has been the basis and the foundation of all the work done with the Photo Vogue Festival: from celebrating the female gaze in fashion photography, to highlighting diversity behind and in front of the camera, to rethinking masculinity, PVF has always tried to challenge the danger of single, monolithic stories, and to push a multiplicity of points of view. For its 6th edition, titled REFRAMING HISTORY, we want to explore the projects that have reclaimed an alternative, different way of telling a tale.

It could be, for example, a project that reframes omitted, forgotten and overlooked historical events or figures, like Akinola Davies Jr.'s BBC video series Black To Life, a project that unearths forgotten stories of black British figure for the digital generation and perfectly symbolizes this year's festival - or even an alt-history, like the one in Bridgerton.

It could be a work that reclaims an aesthetic, an idea of beauty that has been diminished, stereotyped or exoticised : from projects that celebrates, for example, the Italian Southern aesthetic, to works dedicated to communities, minorities, body types usually marginalized by mainstream culture, such as stories with people with disabilities portrayed outside cliches.

It could be a project whose aim is to dismantle discriminations and social prejudices - be it racism, ableism, transphobia or homophobia, or one about a personal, private story, like retelling the story of your family, your community, your identity.

It could even be a work that tells a well known fictional story from a new point of view, a different twist on renowned tales such as The Little Mermaid or Alice in Wonderland, or on myths, novels, characters and paintings, like Botticelli's Venus, or the Girl with a Pearl Earring; it could be a work highlighting less known fictional tales that didn't get enough attention but deserve to be told and shared. The important thing is the authors challenging the mainstream narrative, providing a new, alternative point of view, reclaiming their space and the power of representation.

Helping in achieving what Chinua Achebe called "a balance of stories" or what Beyoncé defined as "a mosaic of perspectives" is one of the founding missions of Photo Vogue, Vogue's global photographic platform that this year celebrates its 10th anniversary. Human beings are storytelling animals: the stories we tell are not just a way of representing the world, they become the very world we inhabit. There's a great African proverb that Achebe often quotes, that says "until the lions have their own historians, the history of the hunt will always glorify the hunter." For this edition of the festival we are looking for the lions' stories.

As always, the scouting project is open to every photographic genre, from fashion to photojournalism, art and so on. This year, the Open Call will run on Photo Vogue, Picter and Instagram from today until June 25 and, as always, it will be completely free of charge.

With regard to Photo Vogue, we will follow the usual process of assessing the related images and projects you'll upload while, on Instagram, all you have to do is use the hashtag #VIreframinghistory.

For Picter every author will be able to submit maximum 10 images from one project and up to 3 videos that tackle the theme "Reframing History".

https://contests.picter.com/photo-vogue-festival-2021

The exhibition will feature photographers selected by an internationally jury consisting of experts from across the world, with different backgrounds and vision so as to try to provide the most inclusive and multifaceted perspective.

The names of the jurors will be announced at the end of April.

Contact info. This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

PIC: "BLACK TO LIFE, 2019" BY AKINOLA DAVIES JR / NUUKSIO FILMS

Posted on 23 April 2021 | 9:13 am

According to reports, during a 216-208 party-line vote earlier this week, the United States House of Democrats approved legislation that would make Washington, D.C. the 51st state. The bill now headed to Senate will give D.C. residents "long overdue full representation in Congress." Currently, D.C. holds three electoral votes, but its delegates cannot vote on legislation.D.C. delegate Eleanor Holmes Norton and supporters argue that the over 705,000 people that reside in the District pay more federal taxes per capita than any other state and is quite more populated than some other states. It is important to note that this is the second time the bill has reached the House in the last two years and is not fully supported by all Democrats. Even when the bill reaches Senate, a vote could be blocked due to the major shake-up this would bring to the United States.In case you missed it, a new study shows American honey is radioactive from past nuclear bomb testing.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 8:48 am

Ahead of the unveiling of the Nike N7 2021 collection, we now have an official look at the Dunk Low "N7" to be released alongside a series of apparel. Nike's N7 line focuses on aiding youth in Native American and Indigenous communities throughout North America, every year the N7 fund helps many lead healthier, happier and more successful lives.Coming in a mix of "Dark Raisin/Black/White," the shoe features purple suede upper accented by bold hand-stitched detailing throughout. The artisanal aesthetic is continued with the black braided leather that outlines the midfoot Swooshes and continues all the way to the heel tabs. Additional branding comes in the form of tan leather overlays marked with Nike N7 logos, matching Swoosh marked lace dubraes and printed insoles. Rounding up the design of the shoe is a white midsole paired with a gum rubber outsole and a special Nike N7 shoebox.Although no pricing details have surfaced just yet, the Nike Dunk Low "N7" is expected to release alongside the Nike N7 2021 collection sometime in June.View this post on Instagram A post shared by zSneakerHeadz (@zsneakerheadz)For more footwear news, take an official look at the Air Jordan 1 High OG "Electro Orange."

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 8:47 am

The Nike Waffle One is more than just an everyday version of the sacai x Nike Vaporwaffle, as proven by the upcoming releases seen above. Following on from a striking "Electric Green" colorway and the collaborative efforts of the Whitaker Group comes three new colorways: "Infinite Lilac," "Underbrush," and "Active Fuchsia."For fans of minimalism, look no further than the "Infinite Lilac" pair. The word lilac feels like a stretch seeing that this pair is predominantly focused around a palette of white and gray hues, with suede working the toe and sidewall, the eyestay, and the heel, and clear mesh appearing in between all of these components. A white leather Swoosh and black trimming around the tongue round out the upper's design, while a black waffle outsole fitted with a red plug completes the look.If you want something a bit flashier, then the lilac, green, white, and gray tones of the "Underbrush" colorway is for you. It has a similar make-up to the former pair, only the mesh is now tinted white to make it slightly opaque. However, on the other side of the spectrum is the Nike Waffle One "Active Fuchsia," presenting a bold mix of pink-orange-ish tones alongside hits of yellow and black.Take a look at all three Nike Waffle One colorways above, and purchase them from Nike's website when they drop on April 29, costing ¥12,100 JPY each (approx. $112 USD).For more retro sneakers, check out the Nike Air Pegasus '83 in "Blue Void."

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 23 April 2021 | 8:45 am

Agli Oscar 2010 l’emozionante film di guerra di Kathryn Bigelow, The Hurt Locker, è stato il primo film diretto da una donna ad aggiudicarsi la statuetta per il miglior film. Oggi, più di dieci anni dopo, il poetico road movie di Chloé Zhao, Nomadland, potrebbe essere il secondo,  alla cerimonia degli Oscar 2021 il 25 aprile. È il racconto intenso, empatico e profondamente commovente del viaggio di una donna attraverso gli USA all’indomani della grande recessione, e affronta tematiche che in questo momento ci sembrano più significative che mai dopo un anno di lockdown discontinui e sollevazioni sociali: solitudine, incertezza economica, resilienza, e le comunità che  ci sostengono nelle ore più buie. Difficile immaginare una scelta più adatta per l’Academy — o una scelta migliore, per dirla tutta, anche se non è detto che sarà proprio questo il film che vincerà. 

Parasite (2019)

'Parasite' Film - 2019

Parasite (2019)
Curzon Artificial Eye/Kobal/Shutterstock

I più ottimisti, però, citano la vittoria del capolavoro del regista  sudcoreano Bong Joon-ho, il dramma satirico Parasite che ha trionfato agli Oscar 2020. Il premio per il miglior film, il primo vinto da una pellicola non in lingua inglese, è stato accolto come un segno che gli sforzi da parte dell’Academy di diversificare il suo corpo votante stavano avendo un impatto concreto. Ci si domanda però se questo risultato epocale sia stato un caso isolato, o se la vittoria del film sui suoi avversari più convenzionali (fra cui C’era una volta a Hollywood…, 1917, The Irishman) fosse l’indicazione che gli Oscar stessero finalmente prendendo una direzione più inclusiva  e progressista

L’opinione diffusa era però che ci sarebbe voluto almeno un altro anno per averne la certezza. Di sicuro, se Nomadland — un film che parla di una donna che ha più di 50 anni (interpretata con grande sensibilità da Frances McDormand, mai stata così brava) e diretto da una donna di colore, due categorie spesso ignorate dall’ Academy — dovesse vincere, forse vorrebbe dire che le cose stanno cambiando davvero. Ma è importante ricordare che Hollywood ha dimostrato troppe volte di non essere al passo con i tempi. Prima di Parasite, il miglior film nel 2019 era stato Green Book, la storia di riconciliazione razziale carica di cliché diretta da Peter Farrelly. Fra i vincitori degli ultimi 20 anni ci sono Moonlight, nel 2017, ma anche Crash, nel 2006. Ogni volta che abbiamo sperato fosse l’inizio di una nuova era, i fatti ci hanno smentito.       

“Due passi avanti e uno indietro”

È un senso di delusione che April Reign conosce molto bene. Nel 2015, in reazione a una serie di attori candidati agli Oscar tutti bianchi, ha lanciato l’hashtag #OscarsSoWhite che ha subito dato vita a una vera e propria campagna di giustizia sociale, sollecitando l’Academy a cambiare in meglio, anche se il cambiamento non è stato mai lineare. “Gli Oscar sono come un pendolo che ogni anno oscilla avanti e indietro”, dice Reign, che era presente la sera in cui Green Book ha vinto. “Prima vediamo vincere diverse persone di colore, poi, alla fine, smettono di sostenerci. Due passi avanti e uno indietro”.

Judas and the Black Messiah (2021)

Judas and the Black Messiah - 2021

Judas and the Black Messiah (2021)
Warner Bros/Moviestore/Shutterstock

Reign osserva che nonostante gli sforzi da parte dell’Academy di raddoppiare il numero delle donne e delle persone di colore fra le proprie fila, resta comunque “a forte dominanza bianca e maschile, e dal momento che l’Academy non richiede ai propri membri di visionare tutti i film prima di esprimere il proprio voto, qui si tratta in realtà di una gara di popolarità fra uomini bianchi e più anziani”. E anche se fra gli attori in lizza per gli Oscar 2021, edizione nel segno della diversità,  ci sono 9 attori di colore, lo stesso non si può dire della categoria Miglior Film. Dopo un anno di film acclamati dalla critica con cast a predominanza black, da One Night in Miami di Regina King a Spike Lee con Da 5 Bloods passando per George C Wolfe con Ma Rainey’s Black Bottom, l’unico candidato per il Miglior film è Shaka King con Judas and the Black Messiah.

E anche se secondo lei è una candidatura più che meritata, Reign sperava che il film non dovesse portare su di sé, e da solo, tutto il peso della rappresentatività. “Ci sono tanti film che rispecchiano le diverse sfaccettature di cosa significhi essere black o queer”, dice. “Non vogliamo pensare che ce ne possa essere soltanto uno”. Se il film, un intenso dramma ambientato negli anni 60 con Daniel Kaluuya nel ruolo del leader delle Pantere Nere Fred Hampton, dovesse portarsi a casa il premio più ambito, potrebbe aiutare ad attutire il colpo. Il film, che esplora la questione del razzismo sistemico che perdura da moltissimo tempo,  e della violenza da parte della polizia è sicuramente legato a doppio filo alla situazione attuale.

Favoriti e sfavoriti

Ma ci sono tanti altri candidati che meriterebbero una vittoria. Primo fra tutti Lee Isaac Chung con Minari, la delicata storia di una famiglia coreano-americana che si trasferisce nell’Arkansas rurale. Al centro del film c’è la brillante interpretazione di Steven Yeun nel ruolo del patriarca che insegue i suoi sogni, il primo asiatico americano a ricevere una nomination come miglior attore. Poi c’è anche Darius Marder con il suo Sound of Metal, la commovente storia di un batterista che sta perdendo l’udito, il cui protagonista, il magnetico Riz Ahmed, è anche fra i candidati a miglior attore, il primo musulmano in questa categoria.

Carey Mulligan (a sinistra) e la regista e sceneggiatrice Emerald Fennell sul set di Promising Young Woman (2021)

Promising Young Woman

Carey Mulligan (a sinistra) e la regista e sceneggiatrice Emerald Fennell sul set di Promising Young Woman (2021)
Merie Weismiller Wallace

Ma c’è anche Promising Young Woman, l’esplosiva storia di vendetta nell’era del #MeToo la cui regista, Emerald Fennell, è la prima donna britannica (e una delle sole sette donne nominate in 93 anni di storia degli Oscar) a ricevere una nomination per la miglior regia. Per Jennifer Siebel Newsom, la fondatrice di The Representation Project , organizzazione internazionale che si batte contro gli stereotipi di genere e che da tempo sostiene il lavoro delle registe donne, è una cosa molto incoraggiante. E a proposito delle candidature di Fennell e Zhao alla miglior regia e anche per il miglior film, dice: “Si tratta di un cambiamento innegabile. Le storie delle donne sono valorizzate molto raramente agli Oscar, quindi il fatto che due donne siano in lizza per la miglior regia con storie che parlano di donne è qualcosa di straordinario, anche se la strada verso la parità è ancora lunga”.

Miss Juneteenth
10 registe che meritano la nomina agli Oscar 2021
Visti i tanti film di successo con donne alla regia, quest’anno ci aspettiamo che l’Academy si astenga dal rivelare una line-up interamente al maschile. Da Regina King a Sofia Coppola: ecco le straordinarie autrici attualmente in lizza

Per i temi trattati, per la loro portata e attuazione, per non parlare dell’enfasi che pongono sulle esperienze delle donne e delle persone di colore, tutti e tre i film sono davvero molto lontani dal classico film “da Oscar”. Se una qualsiasi di queste opere dovesse aggiudicarsi l’Oscar come miglior film sarebbe un vero passo avanti nella ridefinizione del significato di “film da Oscar”, aprendo la strada a scelte più coraggiose, profonde e particolari.

Il processo ai Chicago 7 (2020)

The Trial of the Chicago 7

Il processo ai Chicago 7 (2020)
Netflix

Gli altri tre film in concorso potrebbero essere molto graditi a quei membri dell’Academy che vogliono invece mantenere lo status quo. Florian Zeller con The Father, il racconto surreale di un uomo che combatte contro la demenza senile, è un film formalmente ambizioso, ma ha per protagonisti due attori amatissimi e già premiati con l’Oscar: Anthony Hopkins e Olivia Colman. Il legal drama di Aaron Sorkin Il processo ai Chicago 7, con i suoi monologhi pieni di rabbia e un cast a predominanza bianca e maschile, è un film fedelmente old-school, anche se strizza l’occhio a tematiche attuali come il potere della protesta.  Fra i favoriti subito dopo Nomadland, il film potrebbe portarsi a casa la vittoria, restando sul qui e ora, piuttosto che guardare avanti.

Mank (2020)
Mank (2020)
Netflix

Ma il vincitore più “tradizionalista” sarebbe sicuramente Mank. L’ode all’epoca d’oro di  Hollywood diretta da David Fincher è un film di grandissimo spessore tecnico, ma sarebbe una scelta ben strana se vincesse l’Oscar per il miglior film dopo l’anno che abbiamo vissuto. Il mondo del cinema ama vedersi sullo schermo (basti pensare ai sei Oscar di La La Land nel 2017 e ai cinque di The Artist nel 2012, fra cui anche miglior film), ma la vittoria di un film in bianco e nero intriso di nostalgia e non di un’opera che tocca tematiche molto più attuali non farebbe altro che confermare che, dopo Parasite, il famoso pendolo torna di nuovo indietro, e che  i membri più anziani dell’Academy hanno ripreso il controllo. La prova che tutto questo potrebbe effettivamente succedere?  Con 10 candidature, Mank è il film con più nomination dell’anno.

Un anno anomalo, oppure eccezionale?

Chiunque sarà il vincitore, Reign mette in guardia il pubblico: non leggiamoci più del dovuto. “Gli Oscar esistono da più di novant’anni ed è ancora impossibile capire in che direzione stiamo andando”, dice. Siebel Newsom, d’altro canto, dice di essere “ottimista, perché il risultato ottenuto dalle donne registe è un segnale che le cose stanno cambiando, specialmente se Zhao o Fennell si portano a casa un Oscar”.

Vale la pena anche considerare che il miglior film agli Oscar 2021 potrebbe anche essere un’anomalia, considerata l’attuale predominanza delle piattaforme di streaming e i tantissimi blockbuster usciti in ritardo che potrebbero invece fare il botto nel 2022. È molto più probabile, però, che chi vince quest’anno porrà le basi di quel che verrà. Magari non ci dirà tutto quel che accadrà, ma di sicuro ci farà dare uno sguardo nel futuro.

Notte degli Oscar: 70 bellissime foto vintage che non vi ricordate

Un regalo alle fan di Dirty Dancing : Patrick Swayze e Jennifer Grey nel 1988.

1988

Un regalo alle fan di Dirty Dancing : Patrick Swayze e Jennifer Grey nel 1988.
Getty Images
Frances McDormand punta a vincere quest'anno l'Oscar per Nomadland. Qui siamo nel 1997 quando lo vinse per Fargo. Non ha mai avuto molto tempo per i fotografi.

1997

Frances McDormand punta a vincere quest'anno l'Oscar per Nomadland. Qui siamo nel 1997 quando lo vinse per Fargo. Non ha mai avuto molto tempo per i fotografi.
Getty Images
River Phoenix con Martha Plimpton

1989

River Phoenix con Martha Plimpton
Getty Images
Cindy Crawford prese ispirazione dall'abito rosso di Julia Roberts in Pretty Woman per il suo appuntamento con Richard Gere?

1991

Cindy Crawford prese ispirazione dall'abito rosso di Julia Roberts in Pretty Woman per il suo appuntamento con Richard Gere?
Getty Images
Lauren Hutton elargisce glamour al suo arrivo agli Oscar nel 1975

1975

Lauren Hutton elargisce glamour al suo arrivo agli Oscar nel 1975
Getty Images
Denzel Washington sempre cool arriva agli Academy Awards un anno dopo aver vinto l'Oscar per Glory

1991

Denzel Washington sempre cool arriva agli Academy Awards un anno dopo aver vinto l'Oscar per Glory
Getty Images
Paul e Linda McCartney sul red carpet

1974

Paul e Linda McCartney sul red carpet
Getty Images
Niente da dire: Mariah Carey e Whitney Houston due leggende della musica

1999

Niente da dire: Mariah Carey e Whitney Houston due leggende della musica
Getty Images
Una giovane Kate Winslet in un abito rosa confetto firmato Vivienne Westwood.

1996

Una giovane Kate Winslet in un abito rosa confetto firmato Vivienne Westwood.
Getty Images
Molto prima di Emily in Paris, una Lily Collins 11enne alla cerimonia degli Oscar nel 2000

2000

Molto prima di Emily in Paris, una Lily Collins 11enne alla cerimonia degli Oscar nel 2000
Getty Images
Anne Heche e Ellen DeGeneres.

1999

Anne Heche e Ellen DeGeneres.
Getty Images
Un giovanissimo Anthony Hopkins con la bellissima Charlotte Rampling

1976

Un giovanissimo Anthony Hopkins con la bellissima Charlotte Rampling
Getty Images
Splendente questa Aretha Franklin che canta “Funny Girl”, dalla colonna sonora del film di  Barbra Streisand film, nel 1969

1969

Splendente questa Aretha Franklin che canta “Funny Girl”, dalla colonna sonora del film di  Barbra Streisand film, nel 1969
Getty Images
Daryl Hannah in un momento vecchia Hollywood

1988

Daryl Hannah in un momento vecchia Hollywood
Getty Images
Audrey Hepburn con la sua statuetta come Miglior Attrice  per  Vacanze Romane

1954

Audrey Hepburn con la sua statuetta come Miglior Attrice  per  Vacanze Romane
Getty Images
Elizabeth Taylor - miglior attrice -lancia uno sguardo felice al marito Eddie Fisher

1961

Elizabeth Taylor - miglior attrice -lancia uno sguardo felice al marito Eddie Fisher
Getty Images
Non una ma due icone del cinema: Audrey Hepburn e Julie Andrews

1965

Non una ma due icone del cinema: Audrey Hepburn e Julie Andrews
Getty Images
Diahann Caroll con Don Marshall alla cerimonia del 1969

1969

Diahann Caroll con Don Marshall alla cerimonia del 1969
Getty Images
Nicole Kidman e Tom Cruise sul tappeto rosso degli Oscar, un anno prima di annunciare la loro separazione

2000

Nicole Kidman e Tom Cruise sul tappeto rosso degli Oscar, un anno prima di annunciare la loro separazione
Getty Images
Joan Collins pronta per l'after party del 1969

1969

Joan Collins pronta per l'after party del 1969
Getty Images
SJP prima di SATC con il marito Matthew Broderick

1993

SJP prima di SATC con il marito Matthew Broderick
Getty Images
Dieci anni dopo il “naked dress”, Edy Williams agli Oscar con un bikini stampa leopardo

1974

Dieci anni dopo il “naked dress”, Edy Williams agli Oscar con un bikini stampa leopardo
Getty Images
La coppia Jack Nicholson e Anjelica Huston

1975

La coppia Jack Nicholson e Anjelica Huston
Getty Images
Total black, Angelina con il fratello James Haven

2000

Total black, Angelina con il fratello James Haven
Getty Images
Goldie Hawn e Steve Martin

1999

Goldie Hawn e Steve Martin
Getty Images
Miyoshi Umeki è la prima attrice asiatica a vincere un Oscar nel 1957. Qui è con Red Buttons, Joanne Woodward e Jean Simmons

1957

Miyoshi Umeki è la prima attrice asiatica a vincere un Oscar nel 1957. Qui è con Red Buttons, Joanne Woodward e Jean Simmons
Getty Images
Judi Dench bacia la statuetta che vince com Miglior attrice non protagonista per Shakespeare in Love

1999

Judi Dench bacia la statuetta che vince com Miglior attrice non protagonista per Shakespeare in Love
Getty Images
Jodie Foster – che ha vinto quest'anno un Golden Globe per The Mauritanian – è un habitué della notte degli Oscar da molto tempo

1977

Jodie Foster – che ha vinto quest'anno un Golden Globe per The Mauritanian – è un habitué della notte degli Oscar da molto tempo
Getty Images
Minnie Driver e sua sorella Kate

1999

Minnie Driver e sua sorella Kate
Getty Images
Penélope Cruz in un abito blu di Ralph Lauren

2000

Penélope Cruz in un abito blu di Ralph Lauren
Getty Images
Una giovane – e bellissima – Candice Bergen agli Oscar del 1973

1973

Una giovane – e bellissima – Candice Bergen agli Oscar del 1973
Getty Images
Cate Blanchett alla cerimonia del 1999

1999

Cate Blanchett alla cerimonia del 1999
Getty Images
Lucy Liu saluta i fan

2000

Lucy Liu saluta i fan
Getty Images
Chloë Sevigny che ha avuto una nomination agli Oscar nel 2000  per Boys Don’t Cry

2000

Chloë Sevigny che ha avuto una nomination agli Oscar nel 2000  per Boys Don’t Cry
Getty Images
Cher accanto alla statua a grandezza naturale dell'Oscar nel 1988

1988

Cher accanto alla statua a grandezza naturale dell'Oscar nel 1988
Getty Images
Madonna che imita Marilyn nella Notte degli Oscar del 1991.

1991

Madonna che imita Marilyn nella Notte degli Oscar del 1991.
Getty Images
Un saluto pre-covid di sicuro: il bacio di Liv Tyler e Drew Barrymore

1999

Un saluto pre-covid di sicuro: il bacio di Liv Tyler e Drew Barrymore
Getty Images
Grace Kelly in ascolto di un discorso agli Oscar del 1955

1955

Grace Kelly in ascolto di un discorso agli Oscar del 1955
Getty Images
Sempre favolosa Sophia Loren nel 1999.

1999

Sempre favolosa Sophia Loren nel 1999.
Getty Images
Una radiosa Cicely Tyson nel 1977

1977

Una radiosa Cicely Tyson nel 1977
Getty Images
Monica Lewinsky con un abito vintage al Vanity Fair Oscar party del 1999, un anno dopo lo scandalo Clinton-Lewinsky

1999

Monica Lewinsky con un abito vintage al Vanity Fair Oscar party del 1999, un anno dopo lo scandalo Clinton-Lewinsky
Getty Images
Julia Roberts e Kiefer Sutherland con cui ebbe un breve flirt quando era biondo platino nei primi anni '90

1991

Julia Roberts e Kiefer Sutherland con cui ebbe un breve flirt quando era biondo platino nei primi anni '90
Getty Images
Halle Berry in un bellissimo slip dress e una pettinatura anni ’90

1999

Halle Berry in un bellissimo slip dress e una pettinatura anni ’90
Getty Images
James Baskett con il suo Oscar per Song of the South di Ingrid Bergman

1949

James Baskett con il suo Oscar per Song of the South di Ingrid Bergman
Getty Images
La star di Rocky  Sylvester Stallone con una leggenda della boxe Muhammad Ali

1977

La star di Rocky  Sylvester Stallone con una leggenda della boxe Muhammad Ali
Getty Images
Un giovane Matt Damon con Ben Affleck sul red carpet, l'anno dopo aver vinto un Oscar per Will Hunting - Genio Ribelle

1999

Un giovane Matt Damon con Ben Affleck sul red carpet, l'anno dopo aver vinto un Oscar per Will Hunting - Genio Ribelle
Getty Images
Scarlett Johansson, 15 anni, alla cerimonia degli Oscar nel 2000. Ha ricevuto già due nomination ma non ha ancora vinto

2000

Scarlett Johansson, 15 anni, alla cerimonia degli Oscar nel 2000. Ha ricevuto già due nomination ma non ha ancora vinto
Getty Images
Gwyneth Paltrow in un abito rosa Bubble Gum di Ralph Lauren con il padre Bruce, la notte in cui vinse per Shakespeare in Love.

1999

Gwyneth Paltrow in un abito rosa Bubble Gum di Ralph Lauren con il padre Bruce, la notte in cui vinse per Shakespeare in Love.
Getty Images
Diana Ross con Stevie Wonder e il suo Oscar per “I Just Called to Say I Love You”.

1985

Diana Ross con Stevie Wonder e il suo Oscar per “I Just Called to Say I Love You”.
Getty Images
Jude Law e la ex moglie Sadie Frost sul red carpet nel 2000

2000

Jude Law e la ex moglie Sadie Frost sul red carpet nel 2000
Getty Images
Elton John e Sharon Stone, protagonista di Basic Instinct all'Oscar party del 1993

1993

Elton John e Sharon Stone, protagonista di Basic Instinct all'Oscar party del 1993
Getty Images
Trey Parker

2000

Trey Parker
Getty Images
Brad Pitt e Juliette Lewis

1992

Brad Pitt e Juliette Lewis
Getty Images
Glenn Close e Michelle Pfeiffer, co star in Le Relazioni Pericolose

1989

Glenn Close e Michelle Pfeiffer, co star in Le Relazioni Pericolose
Getty Images
Erykah Badu, splendida, sul red carpet

2000

Erykah Badu, splendida, sul red carpet
Getty Images
Robin Williams con la modella Elle MacPherson all'Oscar Party di Elton John

2000

Robin Williams con la modella Elle MacPherson all'Oscar Party di Elton John
Getty Images
Ricordate American Pie? Qui Tara Reid al Vanity Fair party nel 2000

2000

Ricordate American Pie? Qui Tara Reid al Vanity Fair party nel 2000
Getty Images
Dennis Rodman (basket) e Vivica A. Fox, protagonista di Independence al Vanity Fair party del 1997

1997

Dennis Rodman (basket) e Vivica A. Fox, protagonista di Independence al Vanity Fair party del 1997
Getty Images
Indimenticabile Heath Ledger con Michelle Williams in un abito splendido di Vera Wang

2006

Indimenticabile Heath Ledger con Michelle Williams in un abito splendido di Vera Wang
Getty Images
Gwyneth Paltrow e Cate Blanchett si abbracciano felici sul red carpet

2000

Gwyneth Paltrow e Cate Blanchett si abbracciano felici sul red carpet
Getty Images
Demi Moore con uno dei suoi outfit anni ’80 con i bike shorts

1989

Demi Moore con uno dei suoi outfit anni ’80 con i bike shorts
Getty Images
Winona Ryder e Christian Slater, protagonisti di Schegge di follia

1989

Winona Ryder e Christian Slater, protagonisti di Schegge di follia
Getty Images
Un cameo dagli Oscar del 1996 con la supermodella Naomi Campbell

1996

Un cameo dagli Oscar del 1996 con la supermodella Naomi Campbell
Getty Images
Glenn Close, che ha avuto una nomination anche quest'anno per Elegia Americana, qui è agli Oscar del 1993

1993

Glenn Close, che ha avuto una nomination anche quest'anno per Elegia Americana, qui è agli Oscar del 1993
Getty Images
Laurence Fishburne nominata nel 1994 per la sua performance sul biopic dedicato a Tina Turner biopic, What’s Love Got To Do With It.

2000

Laurence Fishburne nominata nel 1994 per la sua performance sul biopic dedicato a Tina Turner biopic, What’s Love Got To Do With It.
Getty Images
Zhang Ziyi saluta i fans all'arrivo

2001

Zhang Ziyi saluta i fans all'arrivo
Getty Images
Gillian Anderson agli Oscar del 2001

2001

Gillian Anderson agli Oscar del 2001
Getty Images
Kirsten Dunst e Jake Gyllenhaal alla cerimonia del 2004

2004

Kirsten Dunst e Jake Gyllenhaal alla cerimonia del 2004
Getty Images
Sofia Coppola, a 20 anni. Il suo film Lost in Translation ha avuto una nomination agli Oscar come miglior film nel 2004.

1991

Sofia Coppola, a 20 anni. Il suo film Lost in Translation ha avuto una nomination agli Oscar come miglior film nel 2004.
Getty Images
Charlize Theron al suo debutto agli Oscars con uno scintillante abito argentato con scollo all'americana che ha messo in risalto il suo taglio color platino

1998

Charlize Theron al suo debutto agli Oscars con uno scintillante abito argentato con scollo all'americana che ha messo in risalto il suo taglio color platino
Getty Images
Posted on 23 April 2021 | 8:38 am

Leonor e Sofia di Spagna: apriamo il guardaroba delle due giovanissime icone di stile

L'impeccabile stile dei Royal, fatto di capi raffinati e senza tempo, viene analizzato per filo e per segno a ogni uscita pubblica. E, naturalmente, anche quello dei Royal baby passa sotto la lente d'ingrandimento a ogni avvistamento, con capi che diventano sold out in pochissimo tempo. Il guardaroba delle Principesse di Spagna Leonor e Sofia, le figlie adolescenti della Regina Letizia Ortiz e del Re Filippo VI di Spagna, si trova esattamente al centro tra quello degli adulti e quello dei più piccoli. Di quest'ultimo mantiene le lunghezze, puntando su abitini molto corti che cadono sopra al ginocchio come vuole la tradizione, e le silhouette classiche, perfettamente en pendant con ballerine o Mary Jane in velluto. Ma il loro perfetto stile bon ton, fatto prevalentemente di abitini ad A in toni delicati, declinati in tweed o cotone, e completato da cappottini svasati, si sta arricchendo dei primi spezzati e dei primi dettagli sofisticati. E, recentemente, alla primogenita ed erede al trono Leonor - che è appena volata in Galles per studiare ‘da Regina’ - sono stati concessi anche i primi tacchi: ha indossato in due occasioni diverse delle scarpe décolleté con kitten heels. Insomma, sembra evidente che Leonor e Sofia di Spagna stiano per sbocciare, ed è ora di tenerle d'occhio.

Spanish King Felipe VI and Queen Letizia with Princess Leonor and Sofia de Borbon during the first day of SantaMariadelosRosales school 2020 / 2021 in Madrid on Wednesday , 11 September 2019
Leonor di Spagna: ecco la scuola dei futuri re e regine
Leonor di Spagna vola in Galles per studiare "da Regina". Ecco la scuola super esclusiva che frequenterà

Ecco una foto gallery dedicata allo stile royal delle principesse di Spagna Leonor e Sofia con i loro look più belli ed eleganti: per chi è alla ricerca di ispirazioni girlish, classiche e super raffinate, direttamente dal mondo dei reali teen.

Cartagena, Spagna, 2021

Le Principesse Leonor e Sofia

Cartagena, Spagna, 2021
Carlos Alvarez
Princesa de Asturias Awards 2020

Le Principesse Leonor e Sofia

Princesa de Asturias Awards 2020
Carlos Alvarez
Princesa de Asturias Awards 2020

Le Principesse Leonor e Sofia

Princesa de Asturias Awards 2020
Carlos Alvarez
Princesa de Asturias Awards, 2019

Le Principesse Leonor e Sofia

Princesa de Asturias Awards, 2019
Europa Press News
Princesa de Asturias Awards Ceremony, 2019

Le Principesse Leonor e Sofia

Princesa de Asturias Awards Ceremony, 2019
Juan Manuel Serrano Arce
10th Princess of Girona Foundation Award, 2019

Le Principesse Leonor e Sofia

10th Princess of Girona Foundation Award, 2019
Miquel Benitez
Princesa De Asturias Awards, 2019

Le Principesse Leonor e Sofia

Princesa De Asturias Awards, 2019
Carlos Alvarez
Order of Golden Fleece, 2018

Le Principesse Leonor e Sofia

Order of Golden Fleece, 2018
Carlos R. Alvarez
Centenary of the Catholic Coronation of the Virgin of Covadonga. 2018

Le Principesse Leonor e Sofia

Centenary of the Catholic Coronation of the Virgin of Covadonga. 2018
Carlos R. Alvarez
National Day Military Parade, 2018

Le Principesse Leonor e Sofia

National Day Military Parade, 2018
Paolo Blocco
National Day Military Parade, 2017

Le Principesse Leonor e Sofia

National Day Military Parade, 2017
Fotonoticias
Posted on 23 April 2021 | 8:38 am

Durante la sedicesima edizione del Los Angeles, Italia - Film, Fashion and Art Fest che si concluderà il 24 aprile, il regista italiano Federico Cianferoni e l'attore, sceneggiatore e regista belga Maxence Dinant presenteranno il documentario Les Amateurs che analizza l'attuale condizione del mondo della moda. Quest'ultimo anno ha messo alla prova tutti noi, portandoci a riflettere sulla nostra condizione per capire cosa riteniamo essere davvero importante. Anche la moda si è interrogata sulle più giuste modalità per proseguire e i due registi hanno voluto così coinvolgere venti designer da tutto il mondo, per testimoniare qual è stato il risultato di questa riflessione. Ciascuno di loro, filmandosi con i propri dispositivi mentre si trovava in casa bloccato per il lockdown, si è raccontato e ha parlato del suo lavoro attraverso un capo rappresentativo. 

Il film è diviso in tre capitoli che sono introdotti da altrettante importanti figure del settore: Angelo Flaccavento, critico e curatore di moda presenta l'amore per l'autenticità, Marina Spadafora, coordinator di Fashion Revolution Italia, presenta l'amore per l'artigianato, e Sara Sozzani Maino, Head of Vogue Talents e Deputy Director di Vogue Italia, l'amore per il pianeta e il patrimonio mondiale

Il documentario debutterà durante il festival cinematografico di Los Angeles il 24 aprile e sarà visibile per tre giorni a questo link dopo essersi prenotati. Ecco un trailer che ne anticipa alcune scene. 

Posted on 23 April 2021 | 7:45 am

Oggi Louis di Cambridge festeggia i suoi 3 anni. Il più piccolo tra i royal babies soffierà sulle sue prime tre candeline e lo farà in compagnia, immaginiamo, di mamma Kate, papà William e dei due fratellini George e Charlotte. Un compleanno che probabilmente sarà festeggiato a Anmer Hall, residenza in cui William e Kate hanno passato tutto il loro periodo di quarantena in compagnia dei loro bimbi e del nuovo cucciolo che è stato regalato ai Cambridges dal fratello di Kate, James.

George, Charlotte, William, Louis

Charlotte, George, William e Louis

George, Charlotte, William, Louis
TRIP / IPA

L'occasione del compleanno di Louis arriva ad alcuni giorni di distanza dal compleanno della Regina, il 21 aprile, che in questo 2021 è stato celebrato in pieno lutto per la scomparsa del principe Filippo ma che, magari, nei festeggiamenti del piccolo Louis potrebbe trovare una sua "coda" di serenità che è mancata nei giorni scorsi.

George, William, Louis, Kate, Charlotte

gli auguri di Natale della famiglia Reale Inglese

George, William, Louis, Kate, Charlotte
TRIP / IPA

Di sicuro per Louis questo giorno sarà speciale e magari verrà trascorso anche in compagnia, oltre che della bisnonna, anche del nonno Carlo con cui il terzogenito di William e Kate ha più di un elemento in comune: se infatti George e Charlotte sembrano aver ereditato la fermezza di spirito e l'indipendenza tanto della nonna Diana quanto della bisnonna, la regina, Louis ha già mostrato una notevole sensibilità e un amore per l'arte che sono, da sempre, le peculiarità del nonno Carlo.

Anche in questo 2021, peraltro, le tradizioni sono state rispettate e mamma Kate ha voluto celebrare il compleanno del suo terzogenito con un nuovo fotoritratto che lo immortala in tutta la sua bellezza. 

Tanti auguri Louis di Cambridge!

Posted on 23 April 2021 | 6:04 am

Si parla spesso del e dei suoi benefici: nonostante non ci siano ricerca scientifica a riguardo sappiamo bene come una tazza di quel caldo infuso possa giovare al corpo e alla mente, soprattutto durante quei periodi particolarmente carichi di stress. La tradizione cinese, infatti, è ricca di miti che elogiano le proprietà delle piccole foglie di Camelia Sinensis: un'antico scritto narra infatti che il contadino divino dalla pancia trasparente, Shen Non, era solito assaggiare moltissime piante e, un giorno, avvelenato da alcune sostanze ingerite, si curò con una tazza di tè

Tea Time
Tè Matcha: proprietà, usi e preparazione
Proprietà e consigli su come scegliere e preparare un perfetto tè Matcha

Proprietà e benefici, secondo la tradizione cinese sono strettamente legati a un altro concetto, quello dello Yin e Yang che non si riduce al “buono” e “cattivo”, immagine semplificata nell'opera occidentale, quanto all'equilibrio che il Bianco e il Nero creano, l'uno imprescindibile dall'altro, quindi tra loro complementari. 

La scelta del tè, verde, nero, rosso o bianco, e di come assumerlo (la quantità e la temperatura dell'acqua), dipende dal nostro corpo così come dalla stagione. Un infuso di queste foglioline aiuta a ritrovare il proprio equilibrio, sentirsi bene con la mente e, perché no, anche con il proprio corpo. Sorso dopo sorso. Per approfondire il tema, abbiamo chiesto a due esperti, Vivian Zhang, e Lorenzo Barbieri di Easter Leaves, una delle più note tecoteche milanesi.

Un piacere al palato, che scalda l’anima: si narra che una tazza di tè ha diversi benefici. Di cosa si tratta?
L’ora del tè in Cina è chiamata Shenshicha, ed indica il periodo del giorno tra le 15 e le 17 ritenuto ideale per idratare il nostro corpo, e avviarlo a quieto riposo: una tazza di tè innanzitutto è acqua, scelta tra le più leggere e adatte ad accogliere le componenti aromatiche delle foglie; è acqua a diverse temperature: calda in inverno per i tè più scuri, tiepida in primavera per le foglie fresche di stagioni, fredda in estate. Per ogni foglia sceglieremo acqua e temperatura, e sceglieremo ogni foglia a seconda della stagione e della condizione del nostro corpo.

Easter Leaves

Nella tradizione cinese così come nella storia, il tè è un rito ma anche un portentoso antidoto per curare. La scienza non ha dimostrato nulla, ma cosa racconta l’usanza orientale?
Gli studi riguardano dell'effetto di alcuni tè sui grassi disciolti nel sangue, altri sull'azione dei polifenoli specifici, degli antiossidanti, della fluorina, della teanina e altre catechine.
Ciò che è certo è che molto dipende innanzi tutto dalla qualità delle foglie, dalle condizioni in cui sono cresciute e come sono state trattate nel loro lungo viaggio dall’oriente fino alla tazza; per la medicina cinese, soprattutto, ogni tè supporta il riequilibrio delle nostre attività vitali: avremo tè che accentuano la componente di tepore, detta Yang, dunque adatti a riscaldarci nella stagione fredda, come tè rossi, scuri e tè pu’er stagionati, ed altri che accentuano quella Yin, che sottrae calore al nostro corpo rinfrescandoci, come tè verdi, bianchi molto freschi, wulong poco ossidati e pu’er verdi appena prodotti

Tè verdi, rossi, bianchi: secondo la tradizione cinese come si scelgono?
I nostri corpi sono per costituzione, e a volte contingenza - come per esempio la stagionalità, o magari uno stato di debolezza temporanea, stress, o altro - più Yin o Yang. Nel primo caso tenderemo a mostrare meno energie, ad avere le estremirà più fredde, e in generale a soffrire di bassa pressione e insufficienze digestive; nel secondo caso avremo sbalzi di temperatura, saremo irritabili, con un eccesso di energia da sfogare. Qualunque sia il nostro essere, sceglieremo il tè opposto per riequilibraci: se dunque saremo Yin andremo a scegliere tè molto Yang per riscaldarci, come i tè rossi e i tè scuri; se invece siamo Yang, infonderemo tè che sottraggono calore, come i tè verdi, per bilanciare il nostro corpo.

Pinterest Local Milk
Tisane e bevande botaniche fanno dimagrire?
Una tendenza tutta naturale che ha reali effetti dimagranti? 

Esiste un tè adatto per ogni corpo o esigenza?
Ai due poli estremi potremmo collocare in un caso tè molto scuri, ossidati e fermentati, molto Yang, e all’altro polo dei tè verdi molto freschi a bassissima ossidazione, detti Yin.
Nel mezzo troviamo molte sfumature di foglia e lavorazione, e il più polivalente è il tè bianco: nasce prevalentemente Yin, e con l’andare degli anni invecchia, matura e raggiunge la componente Yang, donando comfort al nostro apparato digerente e circolatorio.

Easter Leaves

Il tè ha una stagionalità? Esistono tè da sorseggiare in particolari periodi dell’anno?
Vi sono alcuni tè che richiedono di essere consumati freschi, appena dopo il raccolto di fine marzo-aprile, come i tè verdi: sono inoltre tè a forte componente Yin, dunque ideali per le giornate via via più calde, perfetti per essere infusi a 75°C e rinfrescare le nostre mattinate.
Altri tè sono più prettamente autunnali, come i tè rossi fruttati, che portano il sottobosco più dolce fino all’autunno inoltrato; infine i tè scuri e neri, a volte invecchiati fino a molti anni, per accompagnare i nostri dolci cremosi e le nostre serate d’inverno.

In diversi libri viene descritto il tè dell’Imperatore come un toccasana per lo stomaco. Di cosa si tratta e a cosa si riferiscono?
Ci si riferiva probabilmente a tè molto invecchiati e pregiati, particolarmente complessi nell’aroma - degni di un imperatore - e molto delicati per lo stomaco. Si parlava di tè pu’er invecchiati di molti anni o decenni: negli archivi della Città Proibita furono ritrovate grandi quantità di tè, con tè verdi, wulong, tè rossi e tè neri catalogati in casse, mentre i pu’er venivano registrati… in intere stanze!

C’è un tè adatto a tutti, anche chi ha problemi con la “teina”?
Dovendo scegliere un tè più delicato per i pomeriggi o le serate, potremmo consigliare dei tè fermentati la cui caffeina è in parte decaduta, come dei tè bianchi Shoumei di almeno tre anni, oppure pu’er shupu o altri tè neri molto maturi, come Ancha o Liubaocha di almeno dieci anni di età. Diciamo spesso che conservare un tè per l’invecchiamento significa prendere parte alla produzione, ed è affascinante assaggiarne l’effetto del tempo sulle sue foglie, e sul nostro corpo.

Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

Dove scappa Adesuwa Aighewi, quando non è in passerella? Abbiamo trovato la modella, creativa e imprenditrice ad Accra, Ghana.

 “Ogni volta che ho la possibilità di scappare, torno di corsa qui. È una gioia”, 

Dice. Dal cibo all’arte e alle persone, Aighewi è entusiasta di tutto ciò che il paese ha da offrire, mentre ci mostra alcuni dei suoi luoghi preferiti per il suo Model Diaries.

Scoperta per la prima volta nel 2010 nel suo campus universitario nel Maryland, la sua grande svolta da modella è arrivata quando ha aperto la sfilata primavera estate di Coach nel 2018. Da allora, ci ha deliziato con innumerevoli apparizioni in copertina e camminate in passerella e ha condotto campagne per tutti da Miu Miu a Vivienne Westwood, Bottega Veneta e Versace, facendo nel frattempo amicizia con grandi del settore come Karl Lagerfeld. Ha scritto riflessioni sulla diversità, diretto cortometraggi ed è diventata famosa per aver utilizzato la sua piattaforma per mettere in luce i problemi del mondo e influenzare il cambiamento sociale.

Nata in America da madre thailandese e padre nigeriano, Aighewi è appassionata del continente in cui ha trascorso l’ultimo anno di isolamento: l’Africa. Anche se di solito vive ad Harlem, nell’aprile 2020 ha detto a Vogue: “Casa è dove hai più risorse, dove ti senti più sicuro. Ma pensavo che sarei stata più utile in Nigeria piuttosto che isolata nel mio appartamento a New York.”

Quando il mondo ha ripreso ad aprirsi ed era sicuro farlo, la Aighewi si è recata in Ghana come parte del suo progetto Legacy. È un piano che sta preparando da anni, con l’obiettivo di mettere in contatto più persone con l’Africa, promuovere i talenti africani e sostenere gli artigiani e i creativi che vivono e lavorano lì. “C’è così tanto da scoprire e imparare sul Ghana, i ghanesi e l’Africa nel suo insieme”, dice.

Seguendo la Aighewi, ci presenta gli artigiani nel mercato dell’arte di Accra, scoprendo “vecchi oggetti d’antiquariato provenienti da tutta l’Africa; puoi trovare qualsiasi cosa e puoi farti fare quello che vuoi”. Dopo essersi diretta alla spiaggia di Oskian Rock, Aighewi rivela che sta realizzando un’installazione artistica di Idia, la prima regina madre della Nigeria, che si affaccia sul mare. È stato uno sforzo di squadra, grazie all’aiuto dei suoi amici ghanesi: “qualcuno ha fatto il canestro, qualcuno ha preso il palo, qualcuno ha fatto la testa, qualcuno ha preso i fiori e l’abbiamo portato su una montagna”. Infine, è d’obbligo un eclettico mix di arte e cibo afrofuturistici: “Ci sono davvero tanti sapori che la tua lingua deve ancora provare.”

Premi play per assaporare l’energia e l’entusiasmo di Adesuwa Aighewi mentre mette in mostra il Ghana nell’ultima puntata di Model Diaries di Vogue.

I CREDITI

DIRECTOR: David Nana Opoku Ansah 
DIRECTOR OF PHOTOGRAPHY: Daniel Attoh and Khalid Iddisah 
ACCRA PRODUCTION: Melanin Unscripted
MAKEUP ARTIST: Elizabeth Boateng
CASTING: Nurrr

WITH THANKS TO: 
Accra Arts Centre 
Bôndai Restaurant & Bar 
Osikan Ocean Rock Retreat

Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

“Tenebre e ossa”, la serie tv: la recensione di Vogue e le interviste al cast

Un po’ Trono di Spade, un po’ His dark materials e un po’ Il signore degli anelli: la serie-evento Tenebre e ossa arriva su Netflix il 23 aprile. Tratta dalla fusione dell’omonimo romanzo e di Sei di corvi, nel Grishaverse inventato dalla scrittrice Leigh Bardugo (Mondadori), è uno dei titoli più attesi della stagione perché racconta di un universo fantastico pericoloso ma affascinante.

Ben Barnes in “Tenebre e ossa”
Ben Barnes in “Tenebre e ossa”
DAVID APPLEBY/NETFLIX

LA TRAMA

In un mondo distopico e misterioso la vita è letteralmente divisa in due dalla Faglia d’Ombra, una spaccatura gigantesca che tende ad ingoiare chiunque vi si avvicini. Ecco perché i popoli che vivono nella zona sono costretti a viaggi lunghi e spossanti per aggirarla. Non mancano però quelli che provano comunque ad attraversarla, correndo il rischio di perdere la vita. Per questo esistono varie fazioni militarizzate, spesso in conflitto tra loro, pronte a tutto pur di svelare il segreto del luogo e impossessarsene. Tra loro regnano razzismo e diffidenza e a pagarne le conseguenze sono le creature di sangue misto, come la protagonista Alina (Jessie Mei Li), un’abile apprendista cartografa, che ha per famiglia solo il miglior amico Mal (Archie Renaux). Quando la ragazza incontra il generale Kirigan (Ben Barnes) scopre abilità impensabili e da reietta della società si ritrova al centro di molte attenzioni. Le attività illegali e criminali sono spesso nelle mani di individui non affiliati ad alcuna associazione, una sorta di battitori liberi, mercenari pronti a fare affari con il miglior offerente. Di questa categoria poco definita fanno parte Inej (Amita Suman), Jesper (Kit Young) e Kaz (Freddy Carter).

La storia è stata adattata a puntate dallo sceneggiatore Eric Heisserer, vero e proprio maestro dell’horror.

Archie Renaux e Jessie Mei
Archie Renaux e Jessie Mei
DAVID APPLEBY/NETFLIX

LA PAROLA AL CREATORE

In un incontro con il cast al gran completo e con il creatore, i protagonisti hanno svelato via Zoom segreti e retroscena di un appuntamento seriale imperdibile.

Quali sono state le sfide più grandi dell’adattare un capolavoro tanto ricco e complesso?
Eric Heisserer: Sono state moltissime perché creare visivamente un mondo da zero vuol dire prendere decisioni su ogni dettaglio, dal tipo di valuta al sistema numerico adoperato. Per non parlare poi delle lingue, del set, dei costumi e via dicendo. I libri però sono stati un punto di partenza eccezionale.

Qual è, secondo lei, il cuore della serie?
Eric Heisserer: Questo ostacolo che divide il mondo del Grishaverse è una metafora delle difficoltà che a noi sembrano insormontabili. Ecco, allora, che un racconto fantasy diventa moderno, attuale e reale. E lo dico soprattutto di questi tempi di Covid-19: la serie sembra più che mai uno specchio del nostro quotidiano.

In che misura ha coinvolto la scrittrice Leigh Bardugo nell’adattamento?
Eric Heisserer: Senza di lei non avremmo potuto farlo. Le ho fatto milioni di domande, su qualunque aspetto, e mi ha fornito il background e i dettagli di tutto. La serie diventa così una versione del mondo letterario che lei ha inventato e credo sia giusto che l’autore partecipi alla trasposizione.

Tenebre e ossa
Tenebre e ossa
DAVID APPLEBY/NETFLIX

LA PAROLA AL CAST

Ci racconta qualcosa delle riprese?
Freddy Carter: Abbiamo iniziato i sei mesi di riprese a settembre 2019, ma prima ci siamo preparati con un mese di pre-produzione, così abbiamo finito di girare appena una settimana prima del lockdown.

Il suo Kaz è uno che non vorresti incontrare mai né in un vicolo buio, né alla luce del sole perché fa venire i brividi lungo la schiena ad un solo sguardo. Quale pensa sia la maggior forza e debolezza di questo personaggio?
Freddy Carter: Kaz non si ferma mai. Davanti a nulla. Per nessuna ragione. Ecco, pur di raggiungere uno scopo farebbe di tutto, il che è al tempo stesso la più grande forza e la maggiore debolezza.

Il casting della serie è un inno alla diversità, cosa ne pensa?
Amita Suman: Credo sia il più grande dono di Tenebre e ossa. Io sono cresciuta con i fantasy ma non ho mai visto alcun tipo d’inclusività in quelle storie, il che da fan mi ha spezzato il cuore perché è un genere ricco di messaggi per il pubblico ed è cruciale che riguardi tutti. E questa storia è una celebrazione della diversità, oltre a riflettere il reale cambiamento nell’industria dell’intrattenimento e ad ispirarlo.

Conosceva la saga prima di ottenere la parte?
Kit Young: Ad essere onesto no, ma prima del provino mi sono informato e poi mi sono messo subito in pari con quello che è un vero e proprio fenomeno culturale internazionale. Ho letto cinque libri in due settimane, mai divorato dei romanzi così velocemente in tutta la mia vita.

Tenebre e ossa
Tenebre e ossa
DAVID APPLEBY/NETFLIX

LA PAROLA AI PROTAGONISTI

Alina è il cuore e il centro della storia, ma sono spesso le sue relazioni a definirla, non crede?
Jessie Mei Li: Tutti abbiamo una persona speciale a cui ci lega un rapporto intimo. Mal e Alina sono l’uno per l’altro “casa” e “famiglia”.

La parte più complicata delle riprese?
Ben Barnes: Sicuramente il green screen, perché è la parte meno autentica. Ma io non faccio testo: sono così fan dei libri che se fosse dipeso da me avrei messo in scena ogni singolo dialogo di ogni capitolo, me ne sono letteralmente innamorato quindi mi è davvero piaciuto ogni istante trascorso sul set per portare la saga in vita.

Già si parla di stagione due, cosa ne pensa?
Archie Renaux: Mi piacerebbe che nelle nuove puntate ci fosse uno spazio sempre maggiore per raccontare il rapporto tra i personaggi ed esplorare più a fondo questo mondo. Ci sono ancora tantissimi posti da conoscere che i libri hanno creato quindi non vedo l’ora…

Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

È buona norma, quando si aspetta un grande evento, fare un recap delle puntate precedenti. Così in occasione degli Oscar 2021 - attesi nella notte del prossimo 25 aprile - siamo tornati indietro nel tempo per selezionare quelli che, secondo noi, sono i migliori beauty look che hanno calcato il red carpet degli Academy Awards

Da Audrey Hepburn, commossa e sempre chic nel 1954 allo smalto black di Billie Eilish nel 2020, passando per Cher (come poteva mancare?), Lupita Nyong'o, Sophia Loren e Jennifer Lopez. Ecco allora 30 beauty look, trucco e capelli, che hanno reso memorabile, negli anni, l'arrivo delle star agli Oscar. 

Qual è il vostro preferito?

Ciglia lunghe, frangetta e le indimenticabili sopracciglia ad ala di gabbiano

Audrey Hepburn - Oscar 1954

Ciglia lunghe, frangetta e le indimenticabili sopracciglia ad ala di gabbiano
Ralph Morse
Rossetto rosso, incarnato perfetto e rose fra i capelli raccolti

Grace Kelly - Oscar 1955

Rossetto rosso, incarnato perfetto e rose fra i capelli raccolti
Photo: Getty Images
Capelli raccolti e tiara

Elizabeth Taylor - Oscar 1957

Capelli raccolti e tiara
Michael Ochs Archives
Capelli cotonati e occhi da cerbiatto enfatizzati dal trucco nero

Sophia Loren - Oscar 1963

Capelli cotonati e occhi da cerbiatto enfatizzati dal trucco nero
Keystone-France
Caschetto corto dietro e lungo davanti con micro frangetta. Trucco occhi marcato e rossetto nude

Barbra Streisand - Oscar 1969

Caschetto corto dietro e lungo davanti con micro frangetta. Trucco occhi marcato e rossetto nude
ABC Photo Archives
Capelli sciolti e tipica piega vaporosa anni 70

Raquel Welch - Oscar 1974

Capelli sciolti e tipica piega vaporosa anni 70
Ron Galella
La piega che l'ha resa iconica qui portata con la riga da una parte

Farrah Fawcett - Oscar 1978

La piega che l'ha resa iconica qui portata con la riga da una parte
ABC Photo Archives
Capelli sciolti e trucco nude

Meryl Streep - Oscar 1980

Capelli sciolti e trucco nude
Michael Ochs Archives
Un beauty look (e look) indimenticabile. Trucco caratterizzato dagli ombretti perlati

Cher - Oscar 1986

Un beauty look (e look) indimenticabile. Trucco caratterizzato dagli ombretti perlati
Ron Galella
Rossetto luminoso, piega vaporosa e trucco occhi caratterizzato dal kajal

Sophia Loren - Oscar 1991

Rossetto luminoso, piega vaporosa e trucco occhi caratterizzato dal kajal
Barry King
Un look super chic con capelli raccolti e rossetto rosso

Nicole Kidman - Oscar 1997

Un look super chic con capelli raccolti e rossetto rosso
Barry King
Capelli raccolti in uno chignon basso con profonda riga laterale

Gwyneth Paltrow - Oscar 1999

Capelli raccolti in uno chignon basso con profonda riga laterale
Steve Granitz
Trucco nei toni della terra e capelli corti con cerchietto in raso nero

Winona Ryder - Oscar 2000

Trucco nei toni della terra e capelli corti con cerchietto in raso nero
Jeff Kravitz
Un raccolto che ricorda le acconciature delle dive anni 50 e 60

Julia Roberts - Oscar 2001

Un raccolto che ricorda le acconciature delle dive anni 50 e 60
Steve Granitz
Un trucco incredibile, dorato come l'abito e la statuetta che l'attrice vincerà come Migliore Attrice Protagonista

Charlize Theron - Oscar 2004

Un trucco incredibile, dorato come l'abito e la statuetta che l'attrice vincerà come Migliore Attrice Protagonista
Vince Bucci
Onde e raccolto morbido, dall'allure rètro. Rossetto rosso e luminoso

Michelle Williams - Oscar 2006

Onde e raccolto morbido, dall'allure rètro. Rossetto rosso e luminoso
Christopher Polk
Un'acconciatura che strizza l'occhio alle dee greche. Incarnato perfetto (merito anche della dolce attesa) e trucco ton sur ton con l'abito

Jessica Alba - Oscar 2008

Un'acconciatura che strizza l'occhio alle dee greche. Incarnato perfetto (merito anche della dolce attesa) e trucco ton sur ton con l'abito
Jeff Kravitz
Capelli sciolti, abito da sirena è un make-up a contrasto: rossetto rosso e ombretto turchese

Marion Cotillard - Oscar 2008

Capelli sciolti, abito da sirena è un make-up a contrasto: rossetto rosso e ombretto turchese
Dan MacMedan
Un pixie cut che è diventato copiatissimo. Completa il look il rossetto rosa acceso

Anne Hathaway - Oscar 2012

Un pixie cut che è diventato copiatissimo. Completa il look il rossetto rosa acceso
Rick Rowell
Capelli lunghissimo e sciolti, blush e bronzer applicato ad arte. Rossetto rosso a completare il quadro

Jessica Chastain - Oscar 2013

Capelli lunghissimo e sciolti, blush e bronzer applicato ad arte. Rossetto rosso a completare il quadro
Jason Merritt/TERM
Capelli raccolto in stile "classico" e occhi sottolineati da matita e ciglia finte

Jennifer Lawrence - Oscar 2013

Capelli raccolto in stile "classico" e occhi sottolineati da matita e ciglia finte
Jason Merritt/TERM
Un beauty look indimenticabile, da moderna principessa Disney, caratterizzato da ombretto blu, rossetto rosso luminoso e - soprattutto - micro cerchietto

Lupita Nyong'o - Oscar 2014

Un beauty look indimenticabile, da moderna principessa Disney, caratterizzato da ombretto blu, rossetto rosso luminoso e - soprattutto - micro cerchietto
Jeffrey Mayer
Anche qui protagonista è il taglio corto, rasato ai lati. Una scelta audace abbinata a un abito da gran sera

Scarlett Johansson - Oscar 2015

Anche qui protagonista è il taglio corto, rasato ai lati. Una scelta audace abbinata a un abito da gran sera
Jeff Vespa
Una semplice - ed efficacissima - coda di cavallo abbinata a un make-up che in tutto - rossetto rosa baby incluso - riprende il colore del vestito

Jennifer Lopez - Oscar 2015

Una semplice - ed efficacissima - coda di cavallo abbinata a un make-up che in tutto - rossetto rosa baby incluso - riprende il colore del vestito
Kevin Mazur
Coda morbida e bassa, sopracciglia perfette e rossetto rosso scuro

Priyanka Chopra - Oscar 2016

Coda morbida e bassa, sopracciglia perfette e rossetto rosso scuro
Steve Granitz
Pixie cut impreziosito da una piccola tiara che richiama il ricami del corpetto

Janelle Monae - Oscar 2017

Pixie cut impreziosito da una piccola tiara che richiama il ricami del corpetto
Steve Granitz
Contouring, smokey eyes nero e top knot tiratissimo. Insomma: da manuale

Zendaya - Oscar 2018

Contouring, smokey eyes nero e top knot tiratissimo. Insomma: da manuale
VALERIE MACON
Acconciatura complessa che strizza l'occhio al banana bun, ma in versione platino; ciglia finte e leggero contouring

Lady Gaga - Oscar 2019

Acconciatura complessa che strizza l'occhio al banana bun, ma in versione platino; ciglia finte e leggero contouring
Frazer Harrison
Un caschetto copiatissimo sia nel taglio sia nel colore, caratterizzato da leggere sfumature caramello

Natalie Portman - Oscar 2020

Un caschetto copiatissimo sia nel taglio sia nel colore, caratterizzato da leggere sfumature caramello
Steve Granitz
Oltre alle proverbiali radici verde fluo, una menzione speciale alla manicure XXL con smalto nero e maxi glitter

Billie Eilish - Oscar 2020

Oltre alle proverbiali radici verde fluo, una menzione speciale alla manicure XXL con smalto nero e maxi glitter
Amy Sussman
Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

La t-shirt bianca non è mai stata così di tendenza come nella primavera 2021. Con l'affermarsi dello stile casual ( in tutte le sue sfumature, incluso quella americana e parigina), la moda ha riportato l'attenzione su un capo che ha scritto la storia dello sportwear e poi dello streetwear. Più o meno larga, più o meno corta, adornata con loghi - per dimostrare la propria fede fashion - o con grafiche astratte, la tee è tornata in voga

Tutti noi abbiamo una t-shirt bianca nell'armadio: la tiriamo fuori quando siamo indecisi, incerti sull'abbinamento o dobbiamo vestirci frettolosamente (perché siamo in ritardo o dobbiamo ritirare al volo un pacco sotto casa). Anche se sgualcita e un po' “usata”, magari riciclata dalla divisa sportiva, è una garanzia di comfort. Se indossata appena asciutta, presa direttamente dai panni del bucato, trattiene l'odore intenso del sapone, facendoci tornare indietro nel tempo: l'immagine è quella di uscire di casa con una semplice maglietta di cotone e un paio di jeans. Usanza che per molti non è mutata nel tempo: una divisa casual che convince sempre e non richiede grandi esercizi di stile. 

Oggi, però, i più si domandano come interpretare, personalizzare o riciclare la t-shirt bianca. Ci sono tantissimi modi, ma questi 5 outfit street style dimostrano che non ha perso il suo fascino, leggero e genuino. La dimostrazione termina con i capi e accessori di tendenza: s'indossa con un paio di jeans verdi, una maxi pochette morbida, un tailleur bermuda, un capospalla sartoriale o con un foulard annodato al collo. 

Questi look, selezionati per voi, provano che non c’è niente di meglio di una classica t-shirt bianca, quando si tratta di stile o comodità.

T-shirt bianca + foulard

Fashion Photo Session In Paris - February 2021

T-shirt bianca + foulard
Edward Berthelot
T-shirt bianca + maxi pochette

Street Style - Berlin - March 10, 2021

T-shirt bianca + maxi pochette
Christian Vierig
T-shirt bianca + giacca sartoriale

Fashion Photo Session In Paris - March 2021

T-shirt bianca + giacca sartoriale
Edward Berthelot
T-shirt bianca + tailleur bermuda

Fashion Photo Session In Paris - March 2021

T-shirt bianca + tailleur bermuda
Edward Berthelot
T-shirt bianca + jeans verdi

Fashion Photo Session In Paris - April 2021

T-shirt bianca + jeans verdi
Edward Berthelot

T-shirt + patchwork

Un capitolo è dedicato all'interpretazione di Stefano dolce e Domenico gabbana che hanno saputo alleggerire la tavolozza variopinta dei look patchwork con una semplice t-shirt bianca. 

La maglietta di cotone continua a perpetuare il suo fascino - indiscusso - anche se fantasie e colori sono i protagonisti della sfilata. Ammaliati dal lavoro del “taglia e cuci”, sappiamo bene che possiamo concederceli nella quotidianità solo se li indosseremo con una t-shirt pura e genuina. Quella tela bianca garantisce la nostra zona di comfort.

Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana

Dal bianco al colore

Ora che avete chiaro come indossare la t-shirt bianca, siete pronti per lo step successivo: osare con l'audacia dei colori e delle fantasie delle collezioni primavera estate 2021. Nell'articolo che vedete qui sotto, troverete la nostra selezione delle magliette firmate più belle, come la tee con grafiche neon di Chanel, la versione mini-dress o cropped di Louis Vuitton.

Trend
Moda PE 2021: le T-shirt firmate più belle dalle sfilate
Le T-shirt più cool di stagione, con i modelli must-have e i consigli di stile su come abbinarli
Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

Borse 2021: una selezione di shopping bag di lusso su cui investire in vista dell'estate

Le borse shopping sono una garanzia. Capienti, comode, versatili, funzionano bene in qualsiasi occasione e si sono rivelate - anche in tempi di pandemia - un accessorio utile e indispensabile. C'è chi le usa per andare a lezione di pilates, chi le porta con sé al supermercato e chi ci infila dentro il computer prima di andare al lavoro. Insomma, per tanti, sempre di più, la tote è ormai diventata la borsa prediletta, quella più usata, che dentro tanto ci sta un po' tutto. Così - per chi non lo avesse già fatto - è naturale iniziare a pensare di investire sul modello giusto. Dopotutto, tante maison del lusso hanno fatto di queste borse un simbolo riconoscibile, It-bag iconiche che hanno scritto un capitolo di storia, preziose e desideratissime nonché avvistate regolarmente al braccio di modelle e celeb in ogni angolo del globo. 

Dior Book Tote Palms
Dior Book Tote Palms
Dior Book Tote Palms
Dior Book Tote Palms
Dior Book Tote Palms
Dior Book Tote Palms

Una fra tutte la Dior Book Tote, creata da Maria Grazia Chiuri e diventata subito l'emblema di un’eleganza informale ma ricercata, oggi questa borsa è una delle più amate della maison, tanto che ogni stagione viene declinata in diversi motivi e colori. Naturalmente, la versione primavera estate 2021 è una meraviglia: decorata con il motivo Dior Palms, reinterpretazione del toile de Jouy, questa tote bag nei toni del blu realizzata a mano con i tradizionali tessuti Ikat Endek di Bali è il perfetto passepartout per i prossimi look da viaggio che non vediamo l'ora di indossare. 

Louis Vuitton Summer By The Pool
Louis Vuitton Summer By The Pool

Anche Louis Vuitton, giusto in tempo per l'inizio dell'estate, ha presentato la nuova capsule Summer By The Pool, che comprende oltre a vari capi di abbigliamento anche una selezione di borse dove la classica Neverfull MM - insieme alla sua pochette coordinata - è riproposta in tela Monogram Giant in quelle sfumate tonalità pastello tipiche dell’alba di Malibu che hanno subito risvegliato in noi un desiderio di vacanza che speriamo presto di poter soddisfare. Poi c'è Valentino Garavani, che propone per la bella stagione la borsa Roman Stud Tote in una favolosa versione maxi formato di pelle trapuntata e decorata con maxi borchie. Mentre Delvaux ha appena lanciato Delight, la nuova shopping bag - con pochette interna abbinata - elegante, fresca e leggera, che all'occorrenza su trasforma in baby bag o borsa da viaggio. 

Delvaux Delight Tote
Delvaux Delight Tote

Ma nella selezione delle nostre borse shopping preferite ci sono tantissime altre proposte, dalla borsa Grasp di Bottega Veneta presentata durante la collezione Salon 01 alla Couffin in tela camouflage firmata Celine fino alla shopper in paglia Fendi Sunshine con borraccia termica 24Bottles abbinata. Infine, una menzione speciale va alla deliziosa collezione di borse Mansur Gavriel x Stamperia Pascucci, un'edizione super limitata appena lanciata dal marchio newyorkese per celebrare la collaborazione con l'antica bottega artigiana che dal 1826 produce pregiatissime tele stampate a mano. Le trovate tutte nella nostra gallery.

Mansur Gavriel x Stamperia Pascucci
Mansur Gavriel x Stamperia Pascucci

Acne Studios

Anders Edström
Borsa tote in tela cerata nera, 290 euro su acnestudios.com

C10078-900_A.jpg

Borsa tote in tela cerata nera, 290 euro su acnestudios.com
Press office
Tote bag pelle e Signature Canvas, 1800 euro su berluti.com

Berluti

Tote bag pelle e Signature Canvas, 1800 euro su berluti.com
Press office
Collezione primavera estate 2021

Bottega Veneta

Collezione primavera estate 2021
Press office
Borsa Bottega Veneta Grasp con catene in pelle, 4800 euro

Bottega Veneta

Borsa Bottega Veneta Grasp con catene in pelle, 4800 euro
Press office
Collezione primavera estate 2021

Celine

Collezione primavera estate 2021
Press office
Borsa Couffin grande in tela camouflage con stampa Celine, 1100 euro su celine.com

Celine

Borsa Couffin grande in tela camouflage con stampa Celine, 1100 euro su celine.com
Press office
Collezione primavera estate 2021

Delvaux

Collezione primavera estate 2021
Press office
Delight Tote in tela naturale con profili in pelle brandy a contrasto, 1200 euro su delvaux.com

Delvaux

Delight Tote in tela naturale con profili in pelle brandy a contrasto, 1200 euro su delvaux.com
Press office
Collezione primavera estate 2021

Dior

Collezione primavera estate 2021
Press office
Borsa Dior Book Tote nell’iconico Toile de Jouy declinato in una versione interamente ricamata con il motivo Dior Palms blu, 2800 euro su dior.com

Dior

Borsa Dior Book Tote nell’iconico Toile de Jouy declinato in una versione interamente ricamata con il motivo Dior Palms blu, 2800 euro su dior.com
Press office
Collezione primavera estate 2021

Fendi

Collezione primavera estate 2021
Press office
Borsa Sunshine Shopper in paglia con ricamo FENDI ROMA e manici rigidi in plexiglass, 2300 euro su fendi.com

Fendi

Borsa Sunshine Shopper in paglia con ricamo FENDI ROMA e manici rigidi in plexiglass, 2300 euro su fendi.com
Press office
Collezione primavera estate 2021

Givenchy

Collezione primavera estate 2021
Press office
Borsa shopping Antigona Soft di pelle morbida, 1790 euro su givenchy.com

Givenchy

Borsa shopping Antigona Soft di pelle morbida, 1790 euro su givenchy.com
Press office
Borsa tote piccola in tela stampata e pelle di vitello dalla collezione Loewe Paula's Ibiza, 980 euro su loewe.com

Loewe

Borsa tote piccola in tela stampata e pelle di vitello dalla collezione Loewe Paula's Ibiza, 980 euro su loewe.com
Press office
Capsule Summer By The Pool primavera estate 2021

Louis Vuitton

Capsule Summer By The Pool primavera estate 2021
Press office
Borsa Neverfull MM in tela Monogram Giant e colori pastello sfumati, 1770 euro su louisvuitton.com

Louis Vuitton

Borsa Neverfull MM in tela Monogram Giant e colori pastello sfumati, 1770 euro su louisvuitton.com
Press office
Collezione primavera estate 2021

MM6 Maison Margiela

Collezione primavera estate 2021
Press office
Tote bag in canvas lavaggio eco con logo Maison Margiela 6 al contrario, 190 euro su maisonmargiela.com

MM6 Maison Margiela

Tote bag in canvas lavaggio eco con logo Maison Margiela 6 al contrario, 190 euro su maisonmargiela.com
Press office

Mansur Gavriel x Stamperia Pascucci

Press office
Borsa Pascucci Tote Flamingo in limited edition stampata a mano, 395 euro su mansurgavriel.com

Mansur Gavriel x Stamperia Pascucci

Borsa Pascucci Tote Flamingo in limited edition stampata a mano, 395 euro su mansurgavriel.com
Press office
Borsa shopping in PVC con manici in pelle e logo Marni, 320 euro su marni.com

Marni

Borsa shopping in PVC con manici in pelle e logo Marni, 320 euro su marni.com
Press office
Borsa tote Monogramme in pelle stampa pitone, 790 euro su michaelkors.it

Michael Kors Collection

Borsa tote Monogramme in pelle stampa pitone, 790 euro su michaelkors.it
Press office
Borsa shopping Secret piccola in Mosaico nero, panna e blush, 1780 euro su serapian.com

Serapian

Borsa shopping Secret piccola in Mosaico nero, panna e blush, 1780 euro su serapian.com
Press office
Collezione primavera estate 2021

Valentino Garavani

Collezione primavera estate 2021
Press office
Maxi borsa shopping Roman Stud The Tote Valentino Garavani in nappa d'agnello, 4900 euro su valentino.com

Valentino Garavani

Maxi borsa shopping Roman Stud The Tote Valentino Garavani in nappa d'agnello, 4900 euro su valentino.com
Press office
Borsa shopper con stampa Trésor de la Mer, 590 euro su versace.com

Versace

Borsa shopper con stampa Trésor de la Mer, 590 euro su versace.com
Press office
Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

Un centro estetico dal cuore medicale. Questo è Haquos, place to be beauty, a Milano in corso Garibaldi 50. In cosa si traduce “centro estetico medicale”? Innanzitutto in trattamenti pensati davvero a seconda delle esigenze del singolo con la finalità di aumentarne il risultato e la durata.

Le routine di bellezza vengono infatti mixate secondo criteri scientifici e conoscenze tecniche in modo da offrire al paziente, i massimi risultati di bellezza raggiungibili.

Per farlo Haquos ha uno staff composto da professionisti, ognuno dei quali si occupa di un campo ben preciso. Una scelta di coerenza davvero ammirevole: “Non vogliamo fare tutto, ma solo ciò in cui sappiamo di riuscire al meglio”.

All'interno del team infatti anche tre medici estetici, ognuno dei quali specializzato in una disciplina estetica precisa: l’iniettivo, piuttosto che il laser o la tricologia. Senza dimenticare la nutrizione, la naturopatia e per la medicina rigenerativa, per dare un consiglio e una guida che possa essere complementare per le esigenze di salute, benessere e bellezza.

Punto di riferimento all'interno di Haquos è Emanuela Pecora, una delle più rinomate lashmaker ed esperte in ricostruzione, laminazione ed extension ciglia e sopracciglia a livello nazionale. 

Nel 2006, supportata dalla sorella Viviana, elemento fondamentale nella valorizzazione del suo talento, decide di fare della sua passione una professione e da qui l’escalation al successo attraverso corsi costanti di aggiornamento/formazione oltre a master di insegnamento in Svizzera, terra che l’ha adottata, dove conta diversi saloni di bellezza. 

Emanuela Pecora
Emanuela Pecora
Fanko

Poi l'Italia, a Milano, dove 4 anni fa inizia la collaborazione con Joyce Rodriguez, numero uno nel massaggio professionale, in Haquos, oggi punto di riferimento in Italia per i saloni di bellezza ed estetica medicale.

A testimonianza che le donne quando si uniscono sono fortissime, il salone è diventato giorno dopo giorno, punto di riferimento, non solo milanese, per tutte le tecniche di avanguardia.

Emanuela Pecora e Joyce Rodriguez
Emanuela Pecora e Joyce Rodriguez
Fanko

Alla base del centro la volontà di studiare sempre qualcosa di speciale e nuovo per sorprendere e valorizzare le clienti con trattamenti personalizzati, studiati sulle singole persone in base alle esigenze di ognuno.

Il Centro Haquos vuole essere, per ogni persona che lo sceglie, la fonte che fornisce il nutrimento per permettergli di sbocciare, uscire fuori dallo stress quotidiano, da uno stato spento o sciupato… per potersi mostrare a se stessa e al mondo nel suo naturale e abbagliante splendore.

Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

Sembra ieri quando Madonna, negli anni 80, sfoggiava - e lanciava - un lob vaporosissimo. La piega frisé erano la chicca che permetteva alla popstar di avere una chioma leonina, tipicamente Eighties. Eppure Madonna ne è stata la pioniera solo sul palcoscenico, perché già negli anni 70 Patty Smith e Barbra Streisand sfoggiavano i frisé alternati ai loro riccioli naturali. A incoronare però questo movimento zig zag tra i capelli a vera icona dell'hairstyling è stata Britney Spears nel 2000, seguita da Christina Aguilera che ha reso il look ancora più pop, nel video clip di Lady Marmelade, abbinandolo a ciocche pastel rainbow.

Oggi torna di moda, tra le lunghezze di star come Kim Kardashian, in passerella e persino on the street. Il perché piaccia questo stile di capelli è il suo movimento cool - un po' come era successo con i mermaid hair - e un po' perché sono facili da realizzare anche senza piastra. 

LE TECNICHE PER QUESTA PIEGA CAPELLI

Realizzare tante microtreccine appena dopo la doccia e con i capelli lievemente umidi, lasciatele in posa per tutta la notte e, al risveglio, vedrete crine tutte (o in parte) zig zag. Chi invece predilige un metodo più veloce, e una chioma più disciplinata e definita, esiste proprio il tool specifico per i frisé, con lamelle di metallo a forma ondulate, da usare dopo aver applicato un termoprotettore per non bruciare i capelli. 

E visto che se ne parla ecco un recap sul termoprotettore capelli?

Il miglior termoprotettore per capelli: come non rovinarli

ghd Heat Protect Spray

Fanola No Yellow Thermo Protective Cream

Kérastase Leave In Genesis Défense Thermique

La Biosthetique Heat Protector Spray

Grow Gorgeous Olio Sigillante Termoprotettore

Moroccanoil Protect Spray

Phyto Phytokeratine Spray Riparatore Termoprotettivo

Joico Dream Blowout

René Furterer Style Spray Termoprotettivo

Indola Setting Thermal Protector

Biofficina Toscana Olio secco termoprotettivo

Schwarzkopf Professional Osis+ Flatliner

Lush Shield Siero termoprotettivo

Wella Thermal Heat Protection Spray

Oribe Invisible Defense Universal Protection Spray

Al contrario delle piastre per mossi, i capelli non si mettono in piega con un movimento del polso dall'esterno verso l'interno, ma attraverso una decisa frizione piatta e a scatti, come se steste usando una pinzatrice. 

Nella gallery le ispirazioni e i prodotti per realizzare una perfetta piega frisé

Street Style

Christian Vierig

Britney Spears, 2000

Dave Hogan
Piastra Frisè Tourmaline Ceramic ha il rivestimento in Tourmaline-ceramic che garantisce risultati rapidi e definizione perfetta

Babyliss

Piastra Frisè Tourmaline Ceramic ha il rivestimento in Tourmaline-ceramic che garantisce risultati rapidi e definizione perfetta

Christina Aguilera, 2000

Chris Weeks

Flying Solo, 2021

Tyra Banks, 2008

Brad Barket

Alanis Morissette, 2002

Jim Spellman

Scarlett Johansson, 2004

Evan Agostini
Contour Professional Crimper ha una tecnologia riscaldante con lamelle multi-dimensionali.\

ghd

Contour Professional Crimper ha una tecnologia riscaldante con lamelle multi-dimensionali.\

Street Style

Gorunway

Anya Taylor-Joy, 2018

C Flanigan

 Linda Evangelista, 2013

Larry Busacca

Gucci, 2017

Madonna, 1985

Madonna frisé anni '80

Portia de Rossi, 2011

Christopher Polk

Christophe Josse, 2018

BERTRAND GUAY
La piastra Revolution BHS6 100 dona ai capelli un effetto frisé dalle radici alle punte in una sola continua passata, grazie alle tecnologie Rolling Rotating Styling e Active Plates

Bellissima

La piastra Revolution BHS6 100 dona ai capelli un effetto frisé dalle radici alle punte in una sola continua passata, grazie alle tecnologie Rolling Rotating Styling e Active Plates

Amandla Stenberg, 2015

Jon Kopaloff

Halsey, 2019

Karwai Tang

Bai Ling, 2010

Ethan Miller
Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

Dopo una stagione fatta per lo più di felpe e maglioni, non vediamo l'ora di indossare le nuove camicie di tendenza per la moda uomo della primavera estate 2021. Bluse con stampe e fantasie originali, che spaziano dallo stile astratto alle ispirazioni artistiche, da inaspettati effetti di macchie a energizzanti giochi di colore. Scoprite le nostre camicie uomo preferite per rinnovare il guardaroba maschile di primavera.

Astrattismi d'artista

Gli stilisti si sono affidati al mondo dell'arte per disegnare le fantasie delle nuove bluse maschili della stagione. Kris Van Assche ha collaborato con l'artista ceramista Brian Rochefort per creare le fantasie astratte della collezione moda Berluti primavera estate 2021; motivi a macchie di colore, quasi animalier, ispirati in verità dalle bolle che si ottengono cuocendo strati di vernice ad altissime temperature.

Berluti
Berluti
Jacquemus
Jacquemus

Tinture sorprendenti

Nelle nuove collezioni di moda uomo primavera estate 2021 la sperimentazione supera ogni limite negli effetti di stampe all-over e tinture in capo. Per le bluse senza colletto firmate Ermenegildo Zegna, Alessandro Sartori si è ispirato agli effetti tie-dye per realizzare sorprendenti fantasie a macchie di colore speculari, usando le tinte della natura dell'Oasi Zegna.

Ermenegildo Zegna
Ermenegildo Zegna
Alexander McQueen
Alexander McQueen

Colori a più non posso

Per rinnovare il guardaroba maschile con vitalità è necessario attingere a tutti i colori possibili. Ci aiutano nell'impresa le camicie uomo della nuova collezione moda Versace primavera estate 2021 caratterizzate da stampe e fantasie che utilizzano una gamma di tinte che supera di gran lunga i 5 colori che Newton aveva registrato nell'arcobaleno. 

Versace
Versace
MSGM
MSGM

Continuate a scorrere in basso per i nostri consigli di shopping sulle migliori camicie stampate in fantasia di tendenza per la primavera estate 2021.

Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

Materiale italianissimo, il marmo è stato sovente oggetto di riflessioni progettuali di grande rilievo ed esiti da parte di firmate da designer di primo rilievo. Tanto per citarne due, Angelo Mangiarotti ed Enzo Mari. È ora il momento di Denis Santachiara.  Il progettista emiliano, autore di progetti sempre ad alto tasso tecnologico, in equilibrio tra ironia e poesia, firma ora per Laboratorio del Marmo by Grassi Pietre il tavolo da giardino Pietranfora, realizzato in Pietra di Vicenza. Andando in certo modo controcorrente rispetto alla tendenza di creare arredi da esterno che, grazie ai nuovi materiali, stanno benissimo anche nel salotto, Santachiara punta sulla naturalità assoluta del marmo che nel dialogo di forme e utilizzi diviene quasi una scultura “praticabile”. Torna insomma alla tradizione più classica, ma con un risvolto tecnologico. Il piano ellittico di ben 220 centimetri è in effetti costituito da due semi ovali ed è sostenuto dalla grande gamba centrale a forma di anfora che, come tale, è vuota e funge sia da elemento costruttivo/decorativo sia da contenitore di piante o fiori. 

Il tavolo da giardino Pietranfora, design Denis Santachiara per Laboratorio del Marmo by Pietre  Grassi.
Il tavolo da giardino Pietranfora, design Denis Santachiara per Laboratorio del Marmo by Pietre  Grassi.
Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

I mocassini eleganti ci accompagneranno per tutta la bella stagione. Ecco i modelli da non perdere

I mocassini sono scarpe bellissime e chi dice il contrario probabilmente non li ha mai davvero compresi. Classici, eleganti, senza tempo, i mocassini ci accompagnano per tutta la vita, in ogni cambio di look e capriccio di stile, dall'infanzia all'adolescenza fino alla maturità. Sono considerati un caposaldo dell'estetica preppy, ma in verità per molti rappresentano un importantissimo passepartout a cui è difficile rinunciare. Un po' come il trench o il little black dress, il mocassino è un'icona intramontabile della moda che, nonostante il passare del tempo, continua a mantenere un certo fascino. Fascino che, possiamo direi che ultimamente si è perfino superato.

Chanel primavera estate 2021
Chanel primavera estate 2021
Chanel
Chanel

La deliziosa scarpetta, infatti, ha calcato la passerella primavera estate 2021 di Chanel, trovandosi tra i grandi protagonisti della sfilata e confermando l'arrivo della tendenza in tempo per l'inizio della stagione. Rispetto alla proposta che abbiamo visto spopolare lo scorso inverno, l'ultimo modello in pelle ideato dalla direttrice creativa della maison Virginie Viard ha un design molto semplice e minimale, caratterizzato dal tacco basso e dal dettaglio dorato della doppia C. Il prezzo? Circa 870 euro. A puntare sul mocassino più classico, poi, ci sono tanti altri marchi, come Gucci, grande fan della calzatura, che ne ha proposta in collezione una nuova variante ispirata al mitico al penny loafer degli anni 50. 

Gucci primavera estate 2021
Gucci primavera estate 2021
Gucci primavera estate 2021
Gucci primavera estate 2021

Anche Tod's, che sul mocassino ha costruito un'impero, continua, anno dopo anno, a reinventare questa scarpa simbolo che resta una delle favorite di star e celeb - Chiara Ferragni compresa, da poco entrata a far parte del Consiglio di Amministrazione del marchio italiano e appena avvistata con uno dei modelli cult del brand: il gommino in pelle scamosciata. Un caso? Probabilmente no, anche se l'imprenditrice, a dirla tutta, ha uno stile che funziona alla perfezione con l'estetica bon ton del brand diretto da Walter Chiapponi. E, ne siamo sicuri, per la maison Chiara sarà anche un'ottima testimonial. 

Tod's
Tod's

A confermare l'ascesa imminente dei mocassini eleganti si aggiungono anche Walter de Silva e Tory Burch, che puntano su una silhouette raffinata dalla punta più definita. E Charles Philip, il marchio nato a Shanghai nel 2010 e ritornato da poco sulla scena con una collezione più rilassata, dove la tradizione incontra una visione innovativa che pone al centro una selezione di materiali pregiati e un'eccezionale palette di colori. Frau, invece, ripropone il suo raffinato mocassino in pelle intrecciata in una nuova serie di deliziose nuance perfette per la primavera. E Fabrizio Viti rilancia il Keaton Loafer, un best seller che torna in una nuova versione bicolor davvero chic.

Walter de Silva
Walter de Silva
Tory Burch primavera estate 2021
Tory Burch primavera estate 2021
Charles Philip
Charles Philip
Frau
Frau
Fabrizio Viti
Fabrizio Viti
Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

“Anna”, la serie tv: la recensione di Vogue e l'intervista al cast

Il futuro è adesso e per alcuni versi la distopia siamo noi. Questo perché quando si guarda ad una storia su una pandemia il mondo ha smesso di considerarla pura fantascienza. Da queste premesse parte Anna (liberamente tratta dall’omonimo romanzo edito da Einaudi), la serie tv dal 23 aprile su Sky e NOW con tutti e sei gli episodi scritti e diretti dal Premio Strega Niccolò Ammaniti con Francesca Manieri (Il primo re).

Anna, Episodio 4

ANNA

Anna, Episodio 4
Regine De Lazzaris aka Greta

La trama

La storia a dir poco claustrofobica ha inizio quattro anni dopo l’avvento di un virus letale, La Rossa, che ha lasciato in vita solo i bambini, oltre ad un solo adulto (La Picciridduna, interpretata da Roberta Mattei). In una Sicilia devastata e in rovina si trova la giovane Anna, “una folle, pazza, coraggiosa”, secondo la definizione dell’esordiente palermitana Giulia Dragotto, di 14 anni, che per interpretarla ha sbaragliato la concorrenza di duemila candidate.
La protagonista sfida ogni pericolo per ritrovare il fratellino scomparso, Astor (un altro debuttante, Alessandro Pecorella, di 9 anni). Il viaggio faticosissimo la porta a contatto con gli individui più diversi, tra cui Angelica (Clara Tramontano, alle prese con il primo ruolo della sua vita), leader inquietante di un gruppo ribelle, i Blu. Intanto conosce e s’innamora di un ragazzino, Pietro (Giovanni Mavilla, anche lui al debutto), mentre tiene stretto a sé il diario con i consigli della madre: è lei – spiega la sua interprete Elena Lietti – "di fatto a tenere unita la famiglia con le sue indicazioni pratiche, capaci di diventare il motore della vicenda”. 

Anna, Episodio 1
Anna, Episodio 1
Regine De Lazzaris aka Greta

La parola ai protagonisti di Anna, la serie tv

La storia, intricata e angosciante, porta a galla le nostre paure più attuali, in una metafora potente su infanzia e crescita, come racconta Niccolò Ammaniti con il giovane cast durante l’incontro con la stampa.

Aveva già scritto questa storia in un romanzo, perché ci è ritornato con una serie?
Niccolò Ammaniti: Dopo la stesura del libro ho passato anni a ripensare a questa ragazzina che diventa madre senza esserlo. Nella mia mente emergevano altre storie e ho detto all’editore che avrei voluto aggiungere alcuni personaggi. Da questo desiderio è nata una serie corale, che mi ha permesso di trovare sul film una grandissima famiglia, anche se non ho figli.

REGINE DE LAZZARIS AKA GRETA
REGINE DE LAZZARIS AKA GRETA

Qual è il marchio di fabbrica della sua collaborazione con Ammaniti, già consolidata con Il miracolo?
Francesca Manieri: A guidare la scrittura è la compassione, non il colpo di scena. E questa serie è un’opera titanica e, anche se mi spaventava, mi piace che non si percepisca la fatica della macchina.

Niccolò Ammaniti: Quello che muove la storia è la speranza: Anna affronta qualsiasi ostacolo nel desiderio che là fuori ci sia altro. Metterla in scena ha richiesto una lunga gestazione, che abbiamo messo da parte per terminare prima il miracolo. E poi c’è stato un lunghissimo giro in Sicilia, per trovare un posto che mostrasse come la natura si riprende i suoi spazi, senza adulti e dopo quattro anni da una pandemia.

Anna, Episodio 1
Anna, Episodio 1
Regine De Lazzaris aka Greta

Che cosa vorrebbe che il pubblico si portasse a casa da questa storia?
Niccolò Ammaniti: La metafora di Anna che ha la memoria del mondo custodendo il libro della mamma ci mostra che dobbiamo ricordare ai nostri figli cosa siamo stati. Anna rappresenta la tradizione, un lascito che va avanti.

I lettori si meraviglieranno delle differenze rispetto al romanzo?
Niccolò Ammaniti: La serie mi permette di espandere l’universo del romanzo, lo reinterpreta, comunque resta fedele all’essenza del libro ma non nei fatti. È un messaggio sulla speranza e sull’importanza di seguire le regole.

Anna, Episodio 3
Anna, Episodio 3
Regine De Lazzaris aka Greta

Da sempre lei racconta l’adolescenza. Come si spiega questa fascinazione?
Niccolò Ammaniti: L’adolescenza è un momento in cui perdiamo in parte la dimensione del gioco e della fantasia. Io l’ho sempre sentita come una morte e per me Anna rappresenta questo. Vorrei che ci ricordassimo come siamo stati da piccoli.

Com’era lei da piccolo?
Niccolò Ammaniti: Mi facevo gli affari miei e non capivo perché dovessi andare a scuola, seguire questa legge imposta che tutti sembravano accettare. Volevo sentirmi libero, come gli animali, ma poi accettavo la situazione. L’ipotesi di un mondo altro in cui rifugiarmi è stato il primo passo per iniziare a raccontare storie.

Anna, Episodio 3
Anna, Episodio 3
Regine De Lazzaris aka Greta
REGINE DE LAZZARIS AKA GRETA
Posted on 23 April 2021 | 4:30 am

Zhong Lin has an otherworldly ability to create something like synesthetic images: her sensuous, vibrant photographs have almost a tactile quality to them, you can feel the texture just by gazing, you can almost smell them.

The confluence of different cultures and aesthetics shines through her imagery, from the Red of the Chines opera, to the vibrancy of Malaysia. Looking at her instagram feed is overwhelming, but, refreshingly, in a pleasant way, and it looks even more astonishing if you consider that all the last 365 images has been created from scratch on the day they were posted.

When she found herself stuck in Taiwan for the Covid-19 travel restriction, the self-thought photographer, whose work from art to fashion has been showcased extensively in some of the best international magazines, decided to start producing, creating (nothing from the archives!) and publishing a new original photo on her Instagram every day for one year. And so, on April 23, 2020, #Project365 began.

In a moment where languishing might easily be the most shared feeling worldwide, Lin reminds us the power, the relief and the sheer joy of creativity.  Here's our Q&A:

Project 365

Zhong Lin - Project 365
Zhong Lin - Project 365
Zhong Lin - Project 365
Zhong Lin - Project 365
Zhong Lin - Project 365
Zhong Lin - Project 365
Zhong Lin - Project 365
Zhong Lin - Project 365
Zhong Lin - Project 365
Zhong Lin - Project 365


How did your interest in photography start?
I was amazed at the process of developing black and white film during college. From then, I knew I wanted to have a career in photography, though I wasn’t sure which aspect of it. I love the part about creating and photography happens to be the medium which I have easy access to. For me, photography is like a multiverse where I can create a new world within it and document it. I think that is what drew me in.

What is the first image that struck you? Or the first one you remember, or the one that made you want to become an artist?
It’s not so much as to what is the first image that struck me, it is the feeling I felt when I first took that photo. I cannot recall it, but I remember how I felt that at that very moment. The feeling of wanting to become an artist.

How much your upbringing and culture influence your art?
I grew up in a multiracial cultural environment. I could be eating Malay food and be watching a Hollywood movie, with Indian music playing in the background, while talking to my family in Mandarin. It sounds hectic but all these plays a crucial role in my photography. My parents are educated differently, my dad being English educated and my mom being Chinese educated, I have always been brought up in an open-minded environment. I grew up unbiased like a sponge, always interested in learning about different cultures and absorbs all that comes my way.

How relevant is the autobiographical side in your work?
I would say it reflects in my work. It has always been personal.

Project 365 ended today, on April 22, 2021. How did it start?
I tried this challenge before, but I gave up. It was simply a daunting commitment if you think about it. I eventually gave in to various excuses, like ‘I’m too busy’ or ‘I wasn’t ready’ etc. This time however, I knew the pandemic wouldn’t be over so soon, that’s when I thought, I want to give this challenge another chance and persevere with it. And I did, with the help of everyone.

What was the most challenging thing about it?
Having to consistently shoot for 365 days without fail. Rain or shine, sick or well, there is no excuses this time. It is like how no matter what happens, life must go on.

What did you discover about yourself while shooting this?
Sometimes, I am expected to make many decisions in a short time, I can be indecisive at moments like that. At times, after posting my photo, I would have regrets on the colour or some other things, but I need to move on because the next day I must create and make decisions again. Through this, I realised my weaknesses, and it’s great because I can work on them, to be a better person.

Did your style change during the year?
Yes, no and maybe? I don’t really confine myself to a certain style, I am more about being instinctive. Maybe my audiences can tell me? It would be interesting to know.

How did the pandemic impacted your creativity?
In the early stage, I felt the strain of having to stay in one place for too long. Pre-pandemic, I was constantly traveling and was frequently exposed to different environment and new people, these plays a part in my creativity. I felt a bit down when I started Project 365 because I wasn’t sure how I can stimulate myself for it. I also had to restart and find a comfortable team in Taiwan to work with. Fortunately for me, the pandemic is under control in Taiwan and made it possible for me to travel and work within it.

Can you walk me to your creative process?
I don’t have a standard of procedures, after all, this is about creativity, it comes whenever they like in every form. Sometimes, I am not even sure what I want to do for it that day because I have other projects happening concurrently together with Project 365. I don’t have time to think or plan ahead. Often the shoot happens right after another project, I had to come up with something on the spot at that moment.

How do you choose your subjects?
Spontaneity? I don’t have a certain way of choosing a subject. Sometimes through talking or just coming across someone/it randomly. I like learning about their stories and taking time to understand them. It is also the chemistry with them that I look for, I find comfort with working with people I know. Since we have a good understanding of one another, we can produce great work with ease.

Do you shoot instinctively, or you construct your pictures?
Mostly instinctively, I go with the flow, occasionally I have an idea I want to try. During the shoot, things can be unpredictable at times, it is common to have changes. At times like this, I just go along with the moment.

How big of a role chance and mistakes have in your pictures?
I think chances and mistakes has their own merits. There is no right or wrong, or a standard equation to this. Even if someone comment on the flaw, I still feel it’s alright to have it. I embrace them instead of trying to eliminate it.

Do you think photography is a universal language?
Of course! “A picture is worth a thousand words”. It doesn’t matter if you cannot read or write, anyone can appreciate a picture, that is the beauty of it.

What do you look for in an image?
I look for emotions. There are too many visuals in our life because of how easily accessible they are. I believe that every photo need that human touch and cannot be replaced by technology and editing.

What are the underlying influences in your work?
Food!

What kind of impact do you hope to have with your images?
Emotions and thoughts. I get messages of appreciation and thank you for what I do. I sometimes find it intriguing that they get inspired by my work to create. But I supposed everyone needs something to hold on to when they are lost. I am just creating what I love most, and it is great to know that my art has impacted their life and motivated them.

We live in a time where images are overwhelmingly present, where our vision is constantly overstimulated - how does this affect photography? Does this affect you?
Many things are easily accessible nowadays, everyone wants to chase after a trend, a moment, a fab but I always love going back to the classics. The classics are more than just a meaningless instant click to like, and you forget about it, it’s something that makes you go back for more. It does affects me a little, but I try not to be too bothered by it, it’s not good for me or the creative process. During the shoot, I try to immerse in the moment rather than thinking about it so much. I love being in the moment of shooting, everything else doesn’t matter during it.

It’s a time of uncertainty and political polarization, what is the role of the artist, the role of beauty? Do you feel a responsibility? 
Yes, I do feel responsible, since my audiences might change their opinion based on how I interpret it, like a child imitates their parents. Everyone has different ideas when it comes to politics, but who can say who is right or wrong? Everyone needs to have this responsibility, in this world of social media, where many can be easily influenced, it is best to consider how we want to share your views. I like to keep my art/photography from being tied down to a certain notion. I want it to be exempt from any confinement.

What’s next?
No more 365, for certain, this will be my first and last.


\

Posted on 22 April 2021 | 5:55 pm

L1500380(F).jpg

Zhong Lin - Project 365

03_Fbw.jpg

Zhong Lin - Project 365

L1500585(F).jpg

Zhong Lin - Project 365

L1550557.jpg

Zhong Lin - Project 365

L2120079-F.jpg

Zhong Lin - Project 365

L1990120.jpg

Zhong Lin - Project 365

L2120403 2.jpg

Zhong Lin - Project 365

L2190156_F.jpg

Zhong Lin - Project 365

PINO3.jpg

Zhong Lin - Project 365

RED6.jpg

Zhong Lin - Project 365
Posted on 22 April 2021 | 5:53 pm

La moda primavera estate 2021 rinnova gli occhiali da sole: qui la nostra selezione di 5 modelli di tendenza, accessori che proteggono lo sguardo e personalizzano il look (mettendo anche alla prova il proprio sense of humor).

Visiera

Coprire, proteggere o mascherarsi: ci sono tanti e diversi motivi per indossare gli occhiali da sole a visiera. Ai canonici modelli a mascherina che arrivano alle gote, si aggiungono le proposte più sperimentali e futuristiche (forse sintomo della moda che sta cambiando in tempo di pandemia): stiamo parlando di modelli dotati di lenti larghe e lunghe, un incrocio ibrido tra un paio di sunglasses e una visiera di protezione. Ad accentuare questo carattere, altri accessori come il passamontagna in pendat con gli occhiali.

Nero minimale

L'occhiale nero ha sempre un suo fascino e torna anche nella primavera estate 2021 con una veste rinnovata: strizza l'occhio al minimalismo nella forma e nell'estetica. Alla lente black è abbinata una montatura sottile e leggera, percettibile solo dalle rispettive asticiole. Questa proposta permette di essere abbinata a orecchini importanti, cerchietti e velette di tulle

Sperimentare con le geometrie

Nuove forme e tagli inediti, gli stilisti hanno sperimentato con gli occhiali da sole per stupire. L'obiettivo è quello di creare un design unico, originale e riconoscibile.

Bold, pop & toy

Montature spesse, arrotondate che ricordano i modelli giocattolo. Indossare questi occhiali da sole è un invito a divertirsi e osare con i colori, prendendo non troppo sul serio la questione “moda”. 

Nostalgia anni '70

Lenti gialle e montatura a forma di goccia, due elementi di design che segnano profondamente l'occhialeria degli anni '70 e che ora ritorna con le nuove proposte.

Vien

Victor VIRGILE

Philosophy di Lorenzo Serafini by Lozza

Mykita + MM6 Maison Margiela

Bottega Veneta

Alexander McQueen

Marine Serre

Philosophy di Lorenzo Serafini by Lozza

Philosophy by Lorenzo Serafini

Versace

Polo Ralph Lauren Eyewear

Etro

Balmain

Chanel

Giorgio Armani

Chanel

Eugenie Baschet

Valentino

Collezione Eyewear Valentino

FRANCO PIZZOCHERO

Miu Miu Eyewear

Saint Laurent

Chloé

Rodenstock

Michael Kors

NEUBAU

Ray-Ban

Salvatore Ferragamo

Dior

Miu Miu

Chanel

Eugenie Baschet

Swarovski

Miu Miu

Miu Miu

Etro

Tod's

Prada Eyewear

Burberry

Tod's

Tod's

Dolce & Gabbana

Fendi

Max Mara

Versace

Italia Independent - CR7 Eyewear

gianfranco roselli

TBD Eyewear

Bakerstreet snc
Posted on 22 April 2021 | 4:44 pm

Earth Day: si chiama MAISON/0 il progetto che vede collaborare ancora una volta Central Saint Martins e LVMH.

Il legame tra LVMH e Central Saint Martins è di lunga data: le due realtà collaborano da molti anni in varie iniziative: nel 2011 hanno istituito il programma “LVMH Grand Prix Scholarships”, che assegna cinque borse di studio ai migliori studenti, e hanno aperto il LVMH Lecture Theater, uno spazio polivalente della scuola che ospita un’ampia gamma di eventi e dibattiti, mentre nel 2017 è stata avviata una nuova collaborazione battezzata “LVMH & Central Saint Martins Sustainability & Innovation in Luxury | Fostering Creativity”, un programma che promuove la creatività, invitando giovani talenti a trovare soluzioni inedite per conciliare sviluppo e innovazione nel settore del lusso. Maison/0 è un'iniziativa di innovazione sostenibile nata da questo programma nel settembre 2017 con l'obiettivo di ispirare la prossima generazione di talenti creativi verso la sostenibilità, anche attraverso eventi pubblici chiamati Symposium che sappiano mettere in luce le buone pratiche sostenibili, come i 

In occasione della giornata della Terra 2021, CSM e LVMH lanciano il progetto MAISON/0, il cui nome evoca la tipica “versione 0” usata nella prototipia ed è un modo per dire che l’obiettivo comune è quello di innovare ripartendo da zero per ripensare completamente i modelli.

MAISON/0 si concretizza su 5 iniziative chiave:

1.    LVMH Scolarships: una serie di borse di studio e portfolio review orientate a nuove assunzioni nei brand del gruppo

2.    R&D per il programma di sostenibilità LVMH LIFE 360 che crea prototipi di regenerative luxury attraverso la ricerca e il design

3.    Disruptive Curriculum: la creazione di nuovi percorsi di studio per il 2022 per un regenerative future

4.    The Challenge Fund: progetti di collaborazione tra LVMH e studenti e laureati per generare nuove idee per affrontare le sfide climatiche e quelle della biodiversità

5.    Two Maison/0 Awards, ovvero due premi: “Green Trail” e “This Earth Awards” dedicati ai migliori progetti.

Posted on 22 April 2021 | 4:15 pm
In occasione della Giornata della Terra 2021, ASICS presenta l’Earth Day Pack, la nuova collezione di scarpe e abbigliamento sostenibili, pensata per tutti gli amanti dello sport che vogliono mantenere il proprio impatto ambientale basso, pur continuando ad allenarsi intensamente.

Una collezione rispettosa dell’ambiente in quanto realizzata attraverso processi produttivi basati sul principio della circolarità: per creare nuove scarpe sono state infatti utilizzate 5 tonnellate di scarti tessili, l’equivalente di 25 mila t-shirts.

Dal running allo sportstyle, sono presenti alcuni tra i modelli di scarpe più famosi prodotti dell’azienda giapponese. Su ognuna delle calzature è disegnato un girasole, che vuole simboleggiare l’impegno del brand nella tutela del Pianeta per le future generazioni.

Infine, la linguetta delle scarpe utilizza la “tintura in massa”, una tecnologia a risparmio energetico in grado di ridurre le emissioni di CO2 del 45% e di ridurre la quantità di acqua utilizzata del 33% rispetto ai processi tradizionali.

ASICS

In occasione della Giornata della Terra 2021, ASICS presenta l’Earth Day Pack, la nuova collezione di scarpe e abbigliamento sostenibili, pensata per tutti gli amanti dello sport che vogliono mantenere il proprio impatto ambientale basso, pur continuando ad allenarsi intensamente.

Una collezione rispettosa dell’ambiente in quanto realizzata attraverso processi produttivi basati sul principio della circolarità: per creare nuove scarpe sono state infatti utilizzate 5 tonnellate di scarti tessili, l’equivalente di 25 mila t-shirts.

Dal running allo sportstyle, sono presenti alcuni tra i modelli di scarpe più famosi prodotti dell’azienda giapponese. Su ognuna delle calzature è disegnato un girasole, che vuole simboleggiare l’impegno del brand nella tutela del Pianeta per le future generazioni.

Infine, la linguetta delle scarpe utilizza la “tintura in massa”, una tecnologia a risparmio energetico in grado di ridurre le emissioni di CO2 del 45% e di ridurre la quantità di acqua utilizzata del 33% rispetto ai processi tradizionali.
Courtesy Press Office
No More Plastic ha collaborato con il marchio parigino Das Mot per proporre una maglietta in edizione limitata riutilizzando le parole NEW NORMAL. “Spendere meno e consapevolmente è il New Normal”. Sulla base di questo principio, la fondatrice di Das Mot, Samar Seraqui de Buttafocco ha avuto l'idea di non creare una nuova parola per questa collaborazione, ma di evidenziare la sua iconica maglietta NEW NORMAL attraverso una campagna digitale prodotta da No More Plastic per celebrare la Giornata della Terra. La maglietta unisex in cotone organico sarà lanciata e disponibile in tutto il mondo dal 22 aprile e durante tutta l'estate attraverso la piattaforma MORE e online su Das Mot al prezzo di 65 euro, in edizione limitata per una produzione responsabile. Il 20% dei benefici sarà donato a No More Plastic.

Das Mot

No More Plastic ha collaborato con il marchio parigino Das Mot per proporre una maglietta in edizione limitata riutilizzando le parole NEW NORMAL. “Spendere meno e consapevolmente è il New Normal”. Sulla base di questo principio, la fondatrice di Das Mot, Samar Seraqui de Buttafocco ha avuto l'idea di non creare una nuova parola per questa collaborazione, ma di evidenziare la sua iconica maglietta NEW NORMAL attraverso una campagna digitale prodotta da No More Plastic per celebrare la Giornata della Terra. La maglietta unisex in cotone organico sarà lanciata e disponibile in tutto il mondo dal 22 aprile e durante tutta l'estate attraverso la piattaforma MORE e online su Das Mot al prezzo di 65 euro, in edizione limitata per una produzione responsabile. Il 20% dei benefici sarà donato a No More Plastic.
Press office
In occasione della Giornata della Terra 2021, Dockers lancia la capsule collection Dockers x Jon Rose realizzata in modo sostenibile in collaborazione Waves For Water, l’organizzazione senza scopo di lucro fondata da Jon Rose.
Dal settembre 2020 Dockers e Jon Rose hanno siglato una partnership triennale grazie alla quale stanno continuando a innovare e a identificare modi per proteggere e salvaguardare l’ambiente.
Il brand californiano da 10 anni utilizza una produzione Water<Less - un processo che fa risparmiare fino al 73% della quantità d’acqua normalmente utilizzata durante le fasi di tintura e finissaggio, per contribuire a ridurre l’impatto ambientale sul pianeta. Solo nel 2020, questa tecnica ha consentito di risparmiare 24 milioni di litri di acqua e riciclarne altri 42 milioni.
Il lavoro di Jon con Waves For Water mira a contribuire a porre fine alla crisi idrica globale fornendo sistemi portatili di filtrazione dell’acqua alle comunità senza accesso all’acqua pulita, scavando e rinnovando pozzi trivellati e costruendo sistemi di raccolta e stoccaggio dell’acqua piovana. Fino a oggi ha consentito l’accesso all’acqua potabile a oltre 3 milioni di persone in oltre 44 Paesi.

Dockers

In occasione della Giornata della Terra 2021, Dockers lancia la capsule collection Dockers x Jon Rose realizzata in modo sostenibile in collaborazione Waves For Water, l’organizzazione senza scopo di lucro fondata da Jon Rose.

Dal settembre 2020 Dockers e Jon Rose hanno siglato una partnership triennale grazie alla quale stanno continuando a innovare e a identificare modi per proteggere e salvaguardare l’ambiente.

Il brand californiano da 10 anni utilizza una produzione Water<Less - un processo che fa risparmiare fino al 73% della quantità d’acqua normalmente utilizzata durante le fasi di tintura e finissaggio, per contribuire a ridurre l’impatto ambientale sul pianeta. Solo nel 2020, questa tecnica ha consentito di risparmiare 24 milioni di litri di acqua e riciclarne altri 42 milioni.

Il lavoro di Jon con Waves For Water mira a contribuire a porre fine alla crisi idrica globale fornendo sistemi portatili di filtrazione dell’acqua alle comunità senza accesso all’acqua pulita, scavando e rinnovando pozzi trivellati e costruendo sistemi di raccolta e stoccaggio dell’acqua piovana. Fino a oggi ha consentito l’accesso all’acqua potabile a oltre 3 milioni di persone in oltre 44 Paesi.

Courtesy Press Office
In occasione della Giornata della Terra 2021, Dockstep ha deciso di supportare i volontari di Legambiente e della onlus il “Giardino degli Aromi” di Milano, donando celebri modelli di calzature Docksteps contribuendo così al progetto di pulizia di un importante luogo simbolo della città meneghina: i giardini dell’ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini, in via Ippocrate 45.

Dockstep

In occasione della Giornata della Terra 2021, Dockstep ha deciso di supportare i volontari di Legambiente e della onlus il “Giardino degli Aromi” di Milano, donando celebri modelli di calzature Docksteps contribuendo così al progetto di pulizia di un importante luogo simbolo della città meneghina: i giardini dell’ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini, in via Ippocrate 45.
Courtesy Press Office
DoDo con Blue Forest sostiene un nuovo progetto dedicato all’ambiente: in collaborazione con l’Impresa Sociale Tēnaka ripianta 3000 alberi di mangrovie su 2 ettari di costa malese nello stato di Sabah e insieme a 20 biologi e operatori del luogo coinvolge abitanti e studenti locali perché ne valorizzino l’importanza e la preservazione. DoDo Blue Forest è un “progetto gioiello” che - nel solco della collaborazione dello scorso anno con l’Impresa Sociale fondata dalla giovanissima Anne – Sophie Roux, per il ripristino di 1000 mq di barriera corallina malese a Tyoman - prosegue l’impegno costante e mai tradito del brand: restituire all’ambiente importanti ecosistemi in grado di mitigare il cambiamento climatico e garantire la conservazione della biodiversità per il futuro.

DoDo

DoDo con Blue Forest sostiene un nuovo progetto dedicato all’ambiente: in collaborazione con l’Impresa Sociale Tēnaka ripianta 3000 alberi di mangrovie su 2 ettari di costa malese nello stato di Sabah e insieme a 20 biologi e operatori del luogo coinvolge abitanti e studenti locali perché ne valorizzino l’importanza e la preservazione. DoDo Blue Forest è un “progetto gioiello” che - nel solco della collaborazione dello scorso anno con l’Impresa Sociale fondata dalla giovanissima Anne – Sophie Roux, per il ripristino di 1000 mq di barriera corallina malese a Tyoman - prosegue l’impegno costante e mai tradito del brand: restituire all’ambiente importanti ecosistemi in grado di mitigare il cambiamento climatico e garantire la conservazione della biodiversità per il futuro.
In occasione dell’Earth Day 2021, Fabiana Filippi rinnova il proprio sostegno al FAI – Fondo Ambiente Italiano e promuove una green week dedicata allo shopping responsabile.
Dal 19 al 25 aprile, il brand dedicherà una sezione del proprio e-shop a una speciale capsule realizzata in cotone organico. Circa 60 modelli dalla straordinaria morbidezza e dalla naturale eleganza, realizzati in cotone coltivato in modo etico, ottenuto attraverso pratiche colturali biologiche da semi non OMG, senza l’uso di fertilizzanti chimici e raccolto a mano. 
Il ricavato degli acquisti di questa capsule, effettuati nella settimana dal 19 al 25 aprile sarà devoluto interamente al Fondo Ambiente Italiano, che dal 1975 si occupa di tutelare, salvaguardare e valorizzare il patrimonio naturale e culturale italiano. 
La somma raccolta servirà per sostenere un importante progetto di manutenzione e mantenimento della biodiversità del Bosco di San Francesco, uno dei più suggestivi scorci naturali del territorio umbro; 64 ettari di natura ai piedi della Basilica Superiore di Assisi che l’incuria aveva ridotto a una discarica e che il FAI ha interamente recuperato, riqualificato e reso accessibili al pubblico. 

Fabiana Filippi

In occasione dell’Earth Day 2021, Fabiana Filippi rinnova il proprio sostegno al FAI – Fondo Ambiente Italiano e promuove una green week dedicata allo shopping responsabile.

Dal 19 al 25 aprile, il brand dedicherà una sezione del proprio e-shop a una speciale capsule realizzata in cotone organico. Circa 60 modelli dalla straordinaria morbidezza e dalla naturale eleganza, realizzati in cotone coltivato in modo etico, ottenuto attraverso pratiche colturali biologiche da semi non OMG, senza l’uso di fertilizzanti chimici e raccolto a mano. 

Il ricavato degli acquisti di questa capsule, effettuati nella settimana dal 19 al 25 aprile sarà devoluto interamente al Fondo Ambiente Italiano, che dal 1975 si occupa di tutelare, salvaguardare e valorizzare il patrimonio naturale e culturale italiano. 

La somma raccolta servirà per sostenere un importante progetto di manutenzione e mantenimento della biodiversità del Bosco di San Francesco, uno dei più suggestivi scorci naturali del territorio umbro; 64 ettari di natura ai piedi della Basilica Superiore di Assisi che l’incuria aveva ridotto a una discarica e che il FAI ha interamente recuperato, riqualificato e reso accessibili al pubblico. 

Courtesy Press Office
Frau lancia la capsule collection di sneakers UOMO con suola 100% biodegradabile: Frau si fa portavoce dell’importante bagaglio valoriale di eccellenza della produzione made in Italy e propone nella linea maschile una collezione ricca di novità e ricerca. Lo sviluppo della capsule di sneakers eco sostenibili diventa un vero e proprio manifesto dell’impegno green dell’azienda: la suola biodegradabile al 100% è proposta in una nuova palette colore che spazia dai torni della terra, fino al color block ton sur ton con la tomaia regalando così un dettaglio esclusivo e intramontabile ad un look urban.

Frau

Frau lancia la capsule collection di sneakers UOMO con suola 100% biodegradabile: Frau si fa portavoce dell’importante bagaglio valoriale di eccellenza della produzione made in Italy e propone nella linea maschile una collezione ricca di novità e ricerca. Lo sviluppo della capsule di sneakers eco sostenibili diventa un vero e proprio manifesto dell’impegno green dell’azienda: la suola biodegradabile al 100% è proposta in una nuova palette colore che spazia dai torni della terra, fino al color block ton sur ton con la tomaia regalando così un dettaglio esclusivo e intramontabile ad un look urban.
In occasione dell’Earth Day, GIGLIO.COM ha lanciato il progetto ecologico ed etico Together We Plant, supportando One Tree Planted, l’organizzazione no profit per la riforestazione globale. Grazie all’iniziativa, gli utenti che acquistano su GIGLIO.COM contribuiranno a piantare un albero in Ruanda per ogni ordine effettuato dal 22 al 29 aprile 2021. Un aiuto quello all’ambiente che sosterrà in contemporanea anche il tema dell'emancipazione femminile locale. Il progetto aiuterà infatti una cooperativa di lavoratrici, guidata da Agnes Uwifashije, per far rivivere la terra nel territorio di Mukura. Le specie di alberi che potranno essere piantate garantiranno la sicurezza dell'approvvigionamento alimentare e la creazione di una fonte stabile di reddito. Oltre a ridurre stress e ansia, essi giocano un ruolo chiave nell’assorbimento dell’acqua piovana, riducendo il rischio di frane e alluvioni. La community GIGLIO.COM supporterà un vero e proprio ecosistema: piantare alberi significa ripristinare un habitat in grado di garantire acqua, energia e cibo, proteggere le specie, combattere il riscaldamento globale e aiutare le natura a riappropriarsi dei suoi spazi.

GIGLIO.COM

In occasione dell’Earth Day, GIGLIO.COM ha lanciato il progetto ecologico ed etico Together We Plant, supportando One Tree Planted, l’organizzazione no profit per la riforestazione globale. Grazie all’iniziativa, gli utenti che acquistano su GIGLIO.COM contribuiranno a piantare un albero in Ruanda per ogni ordine effettuato dal 22 al 29 aprile 2021. Un aiuto quello all’ambiente che sosterrà in contemporanea anche il tema dell'emancipazione femminile locale. Il progetto aiuterà infatti una cooperativa di lavoratrici, guidata da Agnes Uwifashije, per far rivivere la terra nel territorio di Mukura. Le specie di alberi che potranno essere piantate garantiranno la sicurezza dell'approvvigionamento alimentare e la creazione di una fonte stabile di reddito. Oltre a ridurre stress e ansia, essi giocano un ruolo chiave nell’assorbimento dell’acqua piovana, riducendo il rischio di frane e alluvioni. La community GIGLIO.COM supporterà un vero e proprio ecosistema: piantare alberi significa ripristinare un habitat in grado di garantire acqua, energia e cibo, proteggere le specie, combattere il riscaldamento globale e aiutare le natura a riappropriarsi dei suoi spazi.
Press office
In occasione della giornata mondiale della Terra 2021, il marchio di borse artigianali made in Italy IACOBELLA presenta Circe, una bag limited edition che celebra i valori di questa importante ricorrenza. Realizzata in vinile eco-friendly 100% riciclabile e in pelle conciata al vegetale, tinta naturalmente con alberi, fiori e foglie, la borsa è completamente priva di sostanze chimiche. La concia al vegetale è infatti un processo basato sull'utilizzo di tannini naturali provenienti dagli alberi, sulle nuove tecnologie e sul lento scorrere del tempo, che fa sì che la pelle invecchi senza rovinarsi, acquistando anzi quell’unicità dovuta alle calde tonalità conferite dai tannini che tendono a riaffiorare in superficie con l’uso. A chiuderla un quarzo naturale, signature del brand, capace di attrarre energie positive ed equilibratrici. Un progetto che si posizione sulla scia di un impegno verso l'ambiente che caratterizza Iacobella fin dai suoi esordi e che l'ha portata a far sì che la sua produzione avvenisse interamente con energia rinnovabile e a lavorare in partnership con enti come ZeroCO2, che per ogni borsa venduta pianta un albero in Guatemala per compensare le emissioni di anidride carbonica.

IACOBELLA

In occasione della giornata mondiale della Terra 2021, il marchio di borse artigianali made in Italy IACOBELLA presenta Circe, una bag limited edition che celebra i valori di questa importante ricorrenza. Realizzata in vinile eco-friendly 100% riciclabile e in pelle conciata al vegetale, tinta naturalmente con alberi, fiori e foglie, la borsa è completamente priva di sostanze chimiche. La concia al vegetale è infatti un processo basato sull'utilizzo di tannini naturali provenienti dagli alberi, sulle nuove tecnologie e sul lento scorrere del tempo, che fa sì che la pelle invecchi senza rovinarsi, acquistando anzi quell’unicità dovuta alle calde tonalità conferite dai tannini che tendono a riaffiorare in superficie con l’uso. A chiuderla un quarzo naturale, signature del brand, capace di attrarre energie positive ed equilibratrici. Un progetto che si posizione sulla scia di un impegno verso l'ambiente che caratterizza Iacobella fin dai suoi esordi e che l'ha portata a far sì che la sua produzione avvenisse interamente con energia rinnovabile e a lavorare in partnership con enti come ZeroCO2, che per ogni borsa venduta pianta un albero in Guatemala per compensare le emissioni di anidride carbonica.
Press office
Ci sono tanti modi per prendersi cura del proprio pianeta e uno di questi è scegliere di bere da una bottiglia plastic free e riutilizzabile, che ha fatto della filosofia sostenibile non solo un involucro esteriore ma anche la sua anima. Eco friendly, rispettosa dell’ambiente e delle risorse naturali, sempre in prima linea nel dare il suo appoggio a progetti etici in cui rispetto e consapevolezza fanno la differenza. È questa l’essenza di IZMEE, il brand di fashion borracce in acciaio che fin dal suo debutto ha messo al centro del suo stile riconoscibile l’attenzione per iniziative ambientali e sociali alle quali dare il suo sostegno e nelle quali dispiegare la sua filosofia sostenibile arricchendola di sempre nuove declinazioni. In questo percorso virtuoso IZMEE, fin dalla sua fondazione, ha scelto come charity partner Fondazione Cesvi - l’organizzazione internazionale attiva nella salvaguardia e nella tutela dei diritti umani - destinandole una parte dei ricavi generata dalla vendita di ogni sua bottiglia. Un impegno che si rinnova soprattutto oggi quando, in occasione della Giornata Mondiale della Terra, tutti i proventi ottenuti dalla vendita delle borracce e degli accessori sull’e-commerce del brand saranno destinati a sostenere i progetti sociali e ambientali dell’Organizzazione. In particolare, tra i progetti di Fondazione Cesvi ai quali IZMEE ha dato il suo contributo c’è la difesa e la salvaguardia della Foresta Amazzonica peruviana con il coinvolgimento attivo delle comunità locali nella promozione dello sviluppo sostenibile, nel rispetto della biodiversità e della corretta gestione delle risorse naturali, e le iniziative in risposta alle più gravi emergenze umanitarie, in particolare quelle attuali per contrastare l’attuale emergenza pandemica dovuta al Covid-19, e i progetti a tutela dell’infanzia.

IZMEE

Ci sono tanti modi per prendersi cura del proprio pianeta e uno di questi è scegliere di bere da una bottiglia plastic free e riutilizzabile, che ha fatto della filosofia sostenibile non solo un involucro esteriore ma anche la sua anima. Eco friendly, rispettosa dell’ambiente e delle risorse naturali, sempre in prima linea nel dare il suo appoggio a progetti etici in cui rispetto e consapevolezza fanno la differenza. È questa l’essenza di IZMEE, il brand di fashion borracce in acciaio che fin dal suo debutto ha messo al centro del suo stile riconoscibile l’attenzione per iniziative ambientali e sociali alle quali dare il suo sostegno e nelle quali dispiegare la sua filosofia sostenibile arricchendola di sempre nuove declinazioni. In questo percorso virtuoso IZMEE, fin dalla sua fondazione, ha scelto come charity partner Fondazione Cesvi - l’organizzazione internazionale attiva nella salvaguardia e nella tutela dei diritti umani - destinandole una parte dei ricavi generata dalla vendita di ogni sua bottiglia. Un impegno che si rinnova soprattutto oggi quando, in occasione della Giornata Mondiale della Terra, tutti i proventi ottenuti dalla vendita delle borracce e degli accessori sull’e-commerce del brand saranno destinati a sostenere i progetti sociali e ambientali dell’Organizzazione. In particolare, tra i progetti di Fondazione Cesvi ai quali IZMEE ha dato il suo contributo c’è la difesa e la salvaguardia della Foresta Amazzonica peruviana con il coinvolgimento attivo delle comunità locali nella promozione dello sviluppo sostenibile, nel rispetto della biodiversità e della corretta gestione delle risorse naturali, e le iniziative in risposta alle più gravi emergenze umanitarie, in particolare quelle attuali per contrastare l’attuale emergenza pandemica dovuta al Covid-19, e i progetti a tutela dell’infanzia.
Press office
Il nuovo anello Nuvola in oro rosa Fairmined e rubino etico della Groenlandia - estratti avvalendosi delle pratiche più responsabili del settore,  membro del Responsible Jewellery Council - è stato presentato in occasione dell'Earth’s Day del 2021. Un chiaro segno per rafforzare il suo impegno nella gioielleria sostenibile.

Pomellato

Il nuovo anello Nuvola in oro rosa Fairmined e rubino etico della Groenlandia - estratti avvalendosi delle pratiche più responsabili del settore,  membro del Responsible Jewellery Council - è stato presentato in occasione dell'Earth’s Day del 2021. Un chiaro segno per rafforzare il suo impegno nella gioielleria sostenibile.
La capsule collection sostiene l'impegno di Greenpeace per fermare la deforestazione in Amazzonia, causata dall'agricoltura industriale e dalla produzione intensiva di carne. L'iniziativa racchiude l'impegno condiviso per la protezione del Pianeta e della fauna selvatica. Lanciata come parte della collezione Estate 2021, la capsule Stella x Greenpeace presenta una grafica ispirata ai disegni vintage degli eco-attivisti su due t-shirt e due felpe, capi realizzati in morbido cotone organico nelle colorazioni blu chiaro e bianco marmo.

Stella McCartney

La capsule collection sostiene l'impegno di Greenpeace per fermare la deforestazione in Amazzonia, causata dall'agricoltura industriale e dalla produzione intensiva di carne. L'iniziativa racchiude l'impegno condiviso per la protezione del Pianeta e della fauna selvatica. Lanciata come parte della collezione Estate 2021, la capsule Stella x Greenpeace presenta una grafica ispirata ai disegni vintage degli eco-attivisti su due t-shirt e due felpe, capi realizzati in morbido cotone organico nelle colorazioni blu chiaro e bianco marmo.
“Pollinate the Planet”, impolliniamo il pianeta, è il motto con il quale Tezenis e 3Bee inaugurano un nuovo sodalizio. 3Bee, azienda agri-tech che produce strumenti di ultima generazione per l’apicoltura, si impegna attivamente ogni giorno per salvaguardare le api, preziosissime amiche del pianeta. La biodiversità che ci circonda è frutto della loro operosità certosina, e 3Bee si propone di preservare proprio il delicato equilibrio del nostro pianeta grazie alla salvaguardia delle api. I cambiamenti climatici, l’inquinamento, l’utilizzo di pesticidi ha portato in appena 30 anni alla scomparsa del 40% della popolazione mondiale di api. Ecco perché Tezenis si è unita all’impegno di 3Bee con una speciale collaborazione che permetterà di proteggere gli alveari. L’esclusivo sistema Hive Tech permette di monitorare con cura e precisione la vita in ogni alveare, ed è stato installato grazie a 3Bee e al supporto di Tezenis. Inoltre, Tezenis ha dedicato alle api una capsule collection speciale, composta da t-shirt, intimo e pigiami decorati con delle simpatiche apine, amiche da proteggere. Per ogni capo della collezione 3Bee acquistato, o a fronte di una spesa minima di 50€, Tezenis devolverà una parte del ricavato, utile a salvare 100 api con l’obiettivo di proteggere 10 milioni di api che si attuerà con la protezione di 167 alveari. Nei flagship store del brand si potrà anche ricevere, a fronte di una spesa minima di 50€, un goloso vasetto di miele, fatto dalle api of course, vere regine del multitasking.

Tezenis

“Pollinate the Planet”, impolliniamo il pianeta, è il motto con il quale Tezenis e 3Bee inaugurano un nuovo sodalizio. 3Bee, azienda agri-tech che produce strumenti di ultima generazione per l’apicoltura, si impegna attivamente ogni giorno per salvaguardare le api, preziosissime amiche del pianeta. La biodiversità che ci circonda è frutto della loro operosità certosina, e 3Bee si propone di preservare proprio il delicato equilibrio del nostro pianeta grazie alla salvaguardia delle api. I cambiamenti climatici, l’inquinamento, l’utilizzo di pesticidi ha portato in appena 30 anni alla scomparsa del 40% della popolazione mondiale di api. Ecco perché Tezenis si è unita all’impegno di 3Bee con una speciale collaborazione che permetterà di proteggere gli alveari. L’esclusivo sistema Hive Tech permette di monitorare con cura e precisione la vita in ogni alveare, ed è stato installato grazie a 3Bee e al supporto di Tezenis. Inoltre, Tezenis ha dedicato alle api una capsule collection speciale, composta da t-shirt, intimo e pigiami decorati con delle simpatiche apine, amiche da proteggere. Per ogni capo della collezione 3Bee acquistato, o a fronte di una spesa minima di 50€, Tezenis devolverà una parte del ricavato, utile a salvare 100 api con l’obiettivo di proteggere 10 milioni di api che si attuerà con la protezione di 167 alveari. Nei flagship store del brand si potrà anche ricevere, a fronte di una spesa minima di 50€, un goloso vasetto di miele, fatto dalle api of course, vere regine del multitasking.
Press office
In occasione della Giornata della Terra 2021, il brand americano presenta 3 nuovi modelli realizzati con pelle Regenerative Leather, soluzione innovativa per raggiungere un impatto ambientale netto positivo entro il 2030. Inoltre, Timberland annuncia un calendario di workshop eco-friendly in collaborazione con Legambiente che si terranno presso Cascina Nascosta in Parco Sempione, a Milano.
La collezione Greenstride Solar Wave EK+ è ricca di materiali ecocompatibili dal tallone alla punta. Oltre alla pelle Regenerative Leather della tomaia, le suole GreenStride sono realizzate con il 75% di materiali rinnovabili. Canna da zucchero e gomma naturale degli alberi offrono un comfort naturale per un'intera giornata di avventure, in città e oltre. Queste nuove offerte sono gli stili dell'edizione Earthkeepers, contrassegnati da un EK+ per riflettere le innovazioni ecologiche di punta di Timberland in termini di materiali e metodi di fabbricazione.
Il calendario completo dei workshops è disponibile su orefici11.com.

Timberland

In occasione della Giornata della Terra 2021, il brand americano presenta 3 nuovi modelli realizzati con pelle Regenerative Leather, soluzione innovativa per raggiungere un impatto ambientale netto positivo entro il 2030. Inoltre, Timberland annuncia un calendario di workshop eco-friendly in collaborazione con Legambiente che si terranno presso Cascina Nascosta in Parco Sempione, a Milano.

La collezione Greenstride Solar Wave EK+ è ricca di materiali ecocompatibili dal tallone alla punta. Oltre alla pelle Regenerative Leather della tomaia, le suole GreenStride sono realizzate con il 75% di materiali rinnovabili. Canna da zucchero e gomma naturale degli alberi offrono un comfort naturale per un'intera giornata di avventure, in città e oltre. Queste nuove offerte sono gli stili dell'edizione Earthkeepers, contrassegnati da un EK+ per riflettere le innovazioni ecologiche di punta di Timberland in termini di materiali e metodi di fabbricazione.

Il calendario completo dei workshops è disponibile su orefici11.com.

Courtesy Press Office
Per celebrare la Giornata della Terra 2021, Tommy Hilfiger lancia la capsule collection One Planet, progettata e basata sull'ambizioso percorso di sostenibilità di Tommy Hilfiger. I capi, uomo e donna per la primavera 2021, sono caratterizzati da materiali organici e riciclati e da messaggi positivi per il pianeta, per ispirare azioni più sostenibili in questa Giornata della Terra e oltre.
«Non c'è momento migliore dell'Earth Day per fermarsi e apprezzare l'importanza della nostra casa», ha detto Tommy Hilfiger. «Abbiamo solo un pianeta e, come brand, riconosciamo l'importanza di proteggerlo. Attraverso la nostra capsule collection One Planet, speriamo di ispirare i nostri fan ad andare avanti insieme in modo più sostenibile. Ora è il momento di diffondere l'amore e la consapevolezza riguardo il clima in tutto ciò che facciamo».
La capsule collection sarà disponibile su tommy.com e attraverso selezionati store partner a partire dal 15 aprile 2021.

Tommy Hilfiger

Per celebrare la Giornata della Terra 2021, Tommy Hilfiger lancia la capsule collection One Planet, progettata e basata sull'ambizioso percorso di sostenibilità di Tommy Hilfiger. I capi, uomo e donna per la primavera 2021, sono caratterizzati da materiali organici e riciclati e da messaggi positivi per il pianeta, per ispirare azioni più sostenibili in questa Giornata della Terra e oltre.

«Non c'è momento migliore dell'Earth Day per fermarsi e apprezzare l'importanza della nostra casa», ha detto Tommy Hilfiger. «Abbiamo solo un pianeta e, come brand, riconosciamo l'importanza di proteggerlo. Attraverso la nostra capsule collection One Planet, speriamo di ispirare i nostri fan ad andare avanti insieme in modo più sostenibile. Ora è il momento di diffondere l'amore e la consapevolezza riguardo il clima in tutto ciò che facciamo».

La capsule collection sarà disponibile su tommy.com e attraverso selezionati store partner a partire dal 15 aprile 2021.

Courtesy Press Office
Proprio in occasione dell'Earth Day viene presentata la nuova label +Three°°°.Il nome nasce da un allarmante rapporto dell’UNEP (United Nation Environment Program) che delinea uno scenario in cui entro il 2050 il riscaldamento globale supererà i tre gradi centigradi, innescando alterazioni irreversibili dell’ecosistema globale quali la desertificazione di alcune aree e i fenomeni di gravi eventi atmo- sferici, oltre a colossali migrazioni. +Three°°° collabora con EFI - Ethical Fashion Initiative, il programma di moda etica dell’ONU (di un’agenzia congiunta ONU-WTO, che dal nome International Trade Centre). EFI crea e gestisce filiere di lavoro etiche per artigiane che si trovano a vivere in condizioni di estrema marginalità in paesi in via di sviluppo o affetti da conflitto. Le artigiane di EFI forniscono alcuni fra i maggiori marchi e distributori mondiali di moda. EFI gesti- sce anche un acceleratore per marchi di moda emergenti in Africa e presiede la UN Alliance for Sustainable Fashion. EFI applica rigorosamente un codice comportamentale incentrato sul rispetto dei diritti umani, delle condizioni di lavoro come definite nelle convenzioni dell’ILO, sull’applicazione del living wage e su un attenta gestione dell’impatto sia sociale che ambientale.

+Three°°°

Proprio in occasione dell'Earth Day viene presentata la nuova label +Three°°°.Il nome nasce da un allarmante rapporto dell’UNEP (United Nation Environment Program) che delinea uno scenario in cui entro il 2050 il riscaldamento globale supererà i tre gradi centigradi, innescando alterazioni irreversibili dell’ecosistema globale quali la desertificazione di alcune aree e i fenomeni di gravi eventi atmo- sferici, oltre a colossali migrazioni. +Three°°° collabora con EFI - Ethical Fashion Initiative, il programma di moda etica dell’ONU (di un’agenzia congiunta ONU-WTO, che dal nome International Trade Centre). EFI crea e gestisce filiere di lavoro etiche per artigiane che si trovano a vivere in condizioni di estrema marginalità in paesi in via di sviluppo o affetti da conflitto. Le artigiane di EFI forniscono alcuni fra i maggiori marchi e distributori mondiali di moda. EFI gesti- sce anche un acceleratore per marchi di moda emergenti in Africa e presiede la UN Alliance for Sustainable Fashion. EFI applica rigorosamente un codice comportamentale incentrato sul rispetto dei diritti umani, delle condizioni di lavoro come definite nelle convenzioni dell’ILO, sull’applicazione del living wage e su un attenta gestione dell’impatto sia sociale che ambientale.
Il pianeta è la nostra casa, la casa è la nostra passione. La sostenibilità è sicuramente uno dei nostri maggiori focus e un obiettivo in continua evoluzione per la nostra azienda. Siamo convinti che arredare e decorare una bella casa significhi anche essere responsabili nella scelta di risorse, materiali e modalità di commercializzazione dei prodotti stessi. Ecco perché, proprio in occasione dell’Earth Day 2021 Westwing celebrerà un’intera Earth Week: per ogni amico invitato su Westwing, oltre ai consueti 25 euro omaggiati all'utente, Westwing pianterà un albero nella Westwing Forest, dove sono già presenti 4600 alberi piantati con il contributo di 7 paesi, che hanno compensato l'emissione di 836.750 kg di C02 e aiutato 235 agricoltori locali.

Westwing

Il pianeta è la nostra casa, la casa è la nostra passione. La sostenibilità è sicuramente uno dei nostri maggiori focus e un obiettivo in continua evoluzione per la nostra azienda. Siamo convinti che arredare e decorare una bella casa significhi anche essere responsabili nella scelta di risorse, materiali e modalità di commercializzazione dei prodotti stessi. Ecco perché, proprio in occasione dell’Earth Day 2021 Westwing celebrerà un’intera Earth Week: per ogni amico invitato su Westwing, oltre ai consueti 25 euro omaggiati all'utente, Westwing pianterà un albero nella Westwing Forest, dove sono già presenti 4600 alberi piantati con il contributo di 7 paesi, che hanno compensato l'emissione di 836.750 kg di C02 e aiutato 235 agricoltori locali.
Press office
Posted on 22 April 2021 | 4:13 pm

Le borse di paglia s'indossano al mare m aanche in città: ecco i modelli firmati della primavera estate 2021

Anche se le vacanze in questo momento sembrano un miraggio, c'è chi porta il mare e l'estate nell'ambiente urbano. Piccoli dettagli possono infatti fare la differenza: ricordare la sabbia tra le dita, la luce del sole colpire lo sguardo e il profumo della brezza che entra dentro. Ahinói siamo solo ai primi giorni di primavera e la stagione più calda sta avendo notevoli difficoltà a palesarsi, nonostante le piogge scarse, il clima rimane ancora frizzantino. C'è un accessorio però che anticipa tutto questo e si tratta della borsa di paglia: da qualche anno è uscito dal guardaroba vacanziero per entrare nella quotidianità cittadina: basta sostituire il caftano ai jeans, le infradito con un paio di zoccoli o espadrillas e il gioco è fatto!

Per la primavera estate 2021 esistono tantissimi modelli che spaziano dalle mezze lune che ricordano i classici cesti ai secchielli, fino ad arrivare alle iconiche borse icona proposte in intrecci naturali. Spaziose, leggere e versatili (ormai abbiamo capito che non s'indossano solo di giorno e in vacanza, cogliendo la lezione di stile di Jane Birkin), le borse di paglia sono pronte per definire ogni nostro outfit della primavera e poi dell'estate. Le potete indossare con i jeans a vita alta, una gonna a tulipano o un leggerissimo vestito bianco.

Ora dovete solo scegliere il vostro modello preferito: dalle classiche forme trapezoidali (sia in formato shopping bag sia mini da tenere al braccio) ai secchielli, alle handbag strutturate e davvero chic.

Qui sotto la nostra selezione di borse di paglia firmate da comprare online

Jacquemus

Loewe

disponibile su modaoperandi.com

Carolina Santo Domingo

disponibile su modaoperandi.com
disponibile su mytheresa.com

Chloé

disponibile su mytheresa.com
disponibile su mytheresa.com

JW Anderson

disponibile su mytheresa.com
disponibile su luisaviaroma.com

Etro

disponibile su luisaviaroma.com
disponibile su thedoublef.com

Prada

disponibile su thedoublef.com

Ermanno Scervino

disponibile su luisaviaroma.com

Valentino Garavani

disponibile su luisaviaroma.com
disponibile su mytheresa.com

Tod's

disponibile su mytheresa.com
disponibile su modaoperandi.com

Dolce & Gabbana

disponibile su modaoperandi.com

Celine

Thom Browne

E: carolina.medeiros | AC

Bottega Veneta

disponibile su luisaviaroma.com

Paco Rabanne

disponibile su luisaviaroma.com

Louis Vuitton

Rubeus Milano

Louis Vuitton

Fendi

disponibile su luisaviaroma.com

Gucci

disponibile su luisaviaroma.com
disponibile su matchesfashion.com

Isabel Marant

disponibile su matchesfashion.com
Posted on 22 April 2021 | 4:00 pm

Regina Elisabetta: un documentario su suoi anni di formazione

Sono i Royals i nuovi protagonisti della stagione dei documentari: dopo il documentario su Harry e Meghan in Africa, dopo il documentario annunciato sul lato oscuro di Diana, ora arriva in tv, The Queen at War, film dedicato alla storia della Regina negli anni della Seconda Guerra Mondiale.

Elisabetta II

ELIZABETH II-PRINCESS-WWII

Elisabetta II

Elisabetta II, infatti, ancor prima di diventare Regina è stata combattente e ha guadagnato i suoi "galloni" da reggente proprio durante il conflitto globale, iniziando ad assumere alcuni ruoli istituzionali in vece del padre Giorgio VI.

Militari americani in una base irlandese durante una visita di re Giorgio VI e di sua figlia Elisabetta

US Military In Ireland

Militari americani in una base irlandese durante una visita di re Giorgio VI e di sua figlia Elisabetta
David E. Scherman

Regina Elisabetta: i ritratti durante la Seconda Guerra Mondiale

Elisabetta e Margaret : home schooling al castello di Windsor

1940

Elisabetta e Margaret : home schooling al castello di Windsor
Getty Images
Con Margaret e il corgi Jane a Windsor

1940

Con Margaret e il corgi Jane a Windsor
Getty Images
Durante il discorso ai bambini il 10 ottobre 1940

1940

Durante il discorso ai bambini il 10 ottobre 1940
Getty Images
Lavoro a maglia per i militari britannici di fronte al Royal Lodge nel parco di Windsor

1940

Lavoro a maglia per i militari britannici di fronte al Royal Lodge nel parco di Windsor
Getty Images
Elisabetta e Margaret con il loro camaleonte a Windsor

1941

Elisabetta e Margaret con il loro camaleonte a Windsor
Getty Images
Ritratto ufficiale a Windsor

1941

Ritratto ufficiale a Windsor
Getty Images
Elisabetta recita in Cinderella – spettacolo teatrale amatoriale a Windsor durante gli anni della guerra

1941

Elisabetta recita in Cinderella spettacolo teatrale amatoriale a Windsor durante gli anni della guerra
Getty Images
Elisabetta al piano, sotto lo sguardo della regina madre e di Margaret

1942

Elisabetta al piano, sotto lo sguardo della regina madre e di Margaret
Getty Images
Elisabetta indossa l'uniforme da Girl Guide

1942

Elisabetta indossa l'uniforme da Girl Guide
Getty Images
Passeggiata della famiglia reale a Sandringham

1943

Passeggiata della famiglia reale a Sandringham
Getty Images
Elisabetta e Margaret coltivano l'orto a Windsor Castle per la campagna Dig for Victory

1943

Elisabetta e Margaret coltivano l'orto a Windsor Castle per la campagna Dig for Victory
Getty Images
Elisabetta  a Sandringham durante la stagione del raccolto

1943

Elisabetta  a Sandringham durante la stagione del raccolto
Getty Images
Il re George VI con Elisabetta e la regina madre durante una visita a un commando della Raf

1944

Il re George VI con Elisabetta e la regina madre durante una visita a un commando della Raf
Getty Images
Relax nei giardini di Windsor

1944

Relax nei giardini di Windsor
Getty Images
Alla scrivania a Windsor

1944

Alla scrivania a Windsor
Getty Images
Incontro con le truppe durante il varo del Boeing B-17 Flying Fortress “Rose of York”

1944

Incontro con le truppe durante il varo del Boeing B-17 Flying Fortress “Rose of York”
Getty Images
A bordo di una carrozza attraverso il parco

1944

A bordo di una carrozza attraverso il parco
Getty Images
Elisabetta e Margaret in costume per una recita di Old Mother Red Riding Boots

1944

Elisabetta e Margaret in costume per una recita di Old Mother Red Riding Boots
Getty Images
Comandante junior dell'Auxiliary Territorial Service, nel Surrey

1945

Comandante junior dell'Auxiliary Territorial Service, nel Surrey
Getty Images
La regina durante l'addestramento come meccanica

1945

La regina durante l'addestramento come meccanica
Getty Images
Con Winston Churchill e la royal family sul balcone di Buckingham Palace nel VE Day, 8 maggio 1945

1945

Con Winston Churchill e la royal family sul balcone di Buckingham Palace nel VE Day, 8 maggio 1945
Getty Images

Anni che, come la stessa regina Elisabetta II ha definito nel suo 21esimo compleanno, sono stati terribili e gloriosi che hanno formato la sua personalità di sovrana, inflessibile, imperscrutabile e soprattutto simbolo di una forza incrollabile che, di questi tempi, sta giocando un ruolo importantissimo nella tenuta "psicologica" del Regno Unito". Il documentario The Queen at War è disponibile in questi giorni sulla rete americana PBS e speriamo che possa un giorno anche arrivare in Italia su qualche piattaforma di streaming.

E chissà che l'impegno profuso dal principe William durante la opandemia, non sia, come avevamo già predetto, un ricalcare le orme della nonna per succederle direttamente al trono

Elisabetta II

Princess Elizabeth learning basic car maintenance as a Second Subaltern in the A.T.S 12th April 1945.

Elisabetta II
Mirrorpix
Posted on 22 April 2021 | 3:25 pm

www.DMND.com