Shopping Cart

Quantity :

Cart Empty!

After months of speculation and a cryptic gold-and-white letter sent out to fashion insiders, the Fendi x Versace collaboration is a reality."It’s a first in the history of fashion," said Donatella Versace, where two major fashion designers had a "true creative dialogue that stems from respect and friendship." The event took place today at Versace's headquarters located at Via Gesù in Milan, Italy.Entitled "VERSACE BY FENDI — FENDI BY VERSACE," Donatella and Silvia Venturini Fendi swapped roles to be inspired by the other’s vision. Kim Jones, who has become an iconic designer in his own right, joined Venturini Fendi to design Versace's women’s and menswear line respectively. While Versace brought her inimitable eye to reinterpret Fendi — tapping into the luxury fashion houses extensive archives. "Fendace is about the need for sincerity in fashion today rather than strategy," wrote a statement released by Versace. View this post on InstagramA post shared by Donatella Versace (@donatella_versace)VERSACE BY FENDI was inspired by the mid-to-late nineties and explores the idea of duality across a number of staple pieces that meld the Fendi monogram with Versace's emblematic Greek key motif. In contrast, Donatella took a more punk rock approach by instilling FENDI's already youthful world with rebellious notes, such as using chain mail with lace and crystal-encrusted F's to reinterpret the brand monogram.There were a number of notable celebrities and models in attendance (see full list below), including the likes of Dua Lipa, Evan Mock and Winnie Harlow to Gigi Hadid, Kate Moss and Emily Ratajkowski. As a pivotal moment in the history of fashion, the world can only expect more of these collaborations to take place. Elsewhere, Brain Dead took a cozy approach to its Pre-Fall 2021 collection. Celebrities in Attendance:Ester ExpositoCole SprouseChiara FerragniFedezDua LipaIris LawDaniela MelchiorZoey DeutchJon KortajarenaNiall HoranElizabeth HurleyDamian HurleyDemi MooreWinnie HarlowEvan MockLuca GuadagninoModels on the Catwalk:Adut AkechMariacarla BosconoNaomi CampbellEsther CanadasKaren ElsonGigi HadidImaan HammamShalom HarlowStella MaxwellKirsten McMenamyKate MossLila MossEmily RatajkowskiAnya RubikIrina ShaykAmber Valletta

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 27 September 2021 | 12:44 am

While the world speculates on the rise of NFTs and which cryptocurrencies to invest in, a hamster in Germany has quietly been dealing. "Mr. Goxx" has been trading various crypto since June 12 and has been outperforming Bitcoin, Warren Buffet, and the S&P 500.According to Mr. Goxx' Twitter, the hamster's portfolio is up over 20% in that time and involves real money and quite possibly the most technologically advanced hamster cage in existence. On any given day, the hamster will enter its "Goxx Box" — a separate office in its home that houses an "intention wheel" that is wired to about 30 different cryptocurrencies. Once it makes its decision, Mr. Goxx will then enter one of the "two decision tunnels" that determines whether to buy or sell a certain trade. The hamster started out with a $390 USD investment and makes each trade at an automatic €20 EUR increment, according to a report the undisclosed caretaker gave to Protos. Mr. Goxx recorded an all-time high earlier this month at $580 USD before coming back down following the crypto crackdown in China.The owner of the hamster reiterates that Mr. Goxx is for entertainment purposes and should not be taken seriously for financial advice. But for those still curious, check out the livestream of Mr. Goxx to observe its trading ways. Also in the news, California will require all autonomous cars to be electric by 2030.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 9:51 pm

You know it's spooky season when there's a new colorway of the Nike Air Force 1 Skeleton. Debuting four years ago with the icy white iteration, the Swoosh has subsequently released a new color each year — from black to jack-o-lantern orange to the latest "Purple Punch" release. Amongst a variety of iconic fall classics, the Air Force 1 “Skeleton” has shown to be one of the most cherished. Similar to the past releases, the popular x-ray skeleton foot is present throughout the bold purple upper and sits atop a glow-in-the-dark sole unit and lace dubrae. Rounding the shoe off is a cheeky insole featuring an aerial look at the x-ray skeleton foot.The Air Force 1 "Purple Punch" retails for $130 USD and will release next month via Nike SNKRS and select retailers.Also in the news, Slam Jam partnered with Converse to deconstruct the classic Chuck 70.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 7:54 pm

Fresh off a collaboration with California eyewear company, GLCO, Slam Jam has collaborated with Converse on a timeless reinterpretation of the Chuck Taylor All Star.As the shoe that arguably defined the 1970s, the Chuck 70 was an integral part of basketball culture, in terms of function and utility. Slam Jam founder Luca Benini, who continues to draw inspiration from American culture from the '70s and '80s, sought to approach the classic silhouette through the lens of deconstruction. The edges of the upper are frayed to incite a refined but modern punk-rock aesthetic. The shoe comes with a white pinstripe rubber outsole, loose-lined black textile upper with a sleekly printed Slam Jam logo.Additionally, the collab comes with pared-back grey laces, a woven flag label and a customized box with branding from the legendary Italian streetwear giant. The Slam Jam Chuck 70 High Sneakers is available to purchase for € 110 EUR / $129 USD.In case you missed it, Dr. Martens added four new iterations to its Tarik Boot.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 6:37 pm

Hot Toys recently debuted the iconic Back to the Future series in two intricate figures of Marty McFly and Doc Brown. The toy manufacturer is back with another installment in the series, this time bringing the two characters from the Wild Wild West of Back to the Future III.Doc Brown comes with a hand-painted head sculpt with the familiar cowboy hat and costume he wore as "Dr. Emmett Brown." The attention to detail is second to none and comes with a host of movie-identical accessories, such as tailored multi-layer clothing, rifle and boots, to the Doc's monocle, miniature time machine, and communicator device.Similarly, Marty McFly comes hand-painted with new facial features, along with an array of realistic attire and accessories. Fans will be delighted to see the disappearing photograph and hoverboard, to perhaps the most recognizable aspect of the figure, McFly's poncho that he wore in the famous duel scene against Biff.Both 1/6th scale figures come incredibly well-detailed and can be pre-ordered for $270 USD.Elsewhere, Philippe Starck has reimagined the gondola as a symbol of innovation in Venice.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 5:24 pm

Nike has added the Air Max 90 to its "Go The Extra Smile" collection with a mix of golden hues.Constructed using a mix of materials such as leather, suede and mesh, this AM 90 iteration is dressed in golden yellow, highlighted by white leather Swooshes at the side. Additional detailing comes in the "Have a Nike Day" smiley faces joined with the Swooshes, shoelaces printed with "Go The Extra Smile" in gold, and branded insoles. Red can be found at the front of the shoe in the form of mini embroidered red Swoosh logos, and on the tongue tag and midsoles. A yellow Air Max cushioning unit and gum outsoles complete the playful style.The Nike Air Max 90 "Go The Extra Smile" is expected to release in the coming weeks for a price of $120 USD over at Nike.For more sneakers news, Billie Eilish announces release details for her Air Jordan 1 KO and Air Jordan 15 collabs.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 4:55 pm

The US Space Force (USSF) was first established in 2019 as part of the US Air Force and is currently the smallest branch of the US armed services with 4,840 personnel and 77 operating spacecraft. Space Force personnel are known as Guardians, and their new uniforms have recently been unveiled.The new military attire consists of blue-gray pants and a dark navy side-buttoned coat featuring six diagonal-facing silver buttons. The initial response from the general public is likening the new uniforms to the ones found in the sci-fi series Battlestar Galactica. Adding to the sci-fi comparisons, Space Force's delta logo and ranks emblems are also said to bear similarities to Star Trek's insignias.Take a look at the ongoing Twitter discussion below.“To boldly go where.... someone’s been before?” ? ? US Space Force logo looks just like one from Star Trek - BBC News ⁦@ProfBrianCox⁩ #nasa #startreck #finalfrontier https://t.co/TQ7oBRqzYa— Jules Cremin (@JulesCremin) January 25, 2020I guess if there's a new Space Force Academy, my old uniform should still fit pic.twitter.com/RofIysjD9X— Tom Nichols (@RadioFreeTom) September 22, 2021The Space Force uniforms unveiled today are being compared to futuristic sci-fi costumes, but they also appear to be a throwback to the White House uniforms that were introduced in 1970. The Euro-inspired uniforms were quickly dropped and sold to a high school marching band. pic.twitter.com/xnb1LdpnXT— U.S. Naval Institute (@NavalInstitute) September 21, 2021The person who designed the Space Force uniforms has clearly watched too much Battlestar Galactica pic.twitter.com/cc62WrX8jM— Edward Hardy (@EdwardTHardy) September 21, 2021New Space Force uniforms just dropped: pic.twitter.com/bFOFkcQZ5S— Rex Huppke (@RexHuppke) September 21, 2021Knew I saw that uniform somewhere before… pic.twitter.com/VyjqSMM4u1— Judy P (@Woodsage001) September 22, 2021In other news, NASA's Artemis Rover is set to explore the dark side of the moon in 2023.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 4:27 pm

California has now decided that all autonomous vehicles muost be electric by 2030.Signed into law on Thursday by the state's governor Gavin Newsom, the new requirement will come into effect at the turn of the new decade and will ban any autonomous vehicle incapable of zero emissions, meaning even hybrid powertrains will be outlawed. The decision comes as yet another step towards a more sustainable future for the state, which currently boasts the largest vehicle market in the U.S.It also follows shortly after California introduced laws last year to restrict the sale of all new passenger internal combustion engine vehicles by 2035 and commercial trucks and vans by 2045. Since the introduction of these two executive orders from Newsom, more than 15 states have followed suit, implementing similar restrictions on emissions and powertrains for various trucks, vans, and public transport.“We’re grateful for California’s leadership in ensuring this will be the industry standard,” remarks Prashanthi Raman, head of global government affairs at Cruise, one of the state's largest autonomous vehicle producers. “The AV industry is primed to lead the way in reducing greenhouse gas emissions in cities, and it’s why we’ve operated an all-electric, zero-emissions fleet from the start.”Elsewhere in the tech world, Bitcoin's value has tumbled following China's ban on crypto transactions on Friday.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 11:05 am

Ahead of its November release, Riot Games and Netflix has now finally dropped the full trailer for its upcoming League of Legends animated series Arcane.Based on the massively popular MOBA from California-based video game developer, Arcane fans into the world of Runeterra where two deeply contrasting environments collide: the extravagant city of Piltover and the dark underbelly of Zaun. Focusing on the relationship between sisters Jinx and Vi, the series explores the backstory of numerous League characters in what Riot says is a standalone series created for more than just the game's fans."When we set out to produce Arcane, we knew that we had something really special with the story of Jinx and Vi," says the show's co-creator Christian Linke. "We wanted to explore the idea of what you would do for your family, what values you'd compromise and the conflict you'd endure. The story, combined with the hand-painted art style and nuanced character animation in partnership with Fortiche, will bring players a rich glimpse into the world of League of Legends."For fans of the MOBA game and franchise, Act 1 of Arcane will arrive on November 6 on Netflix, followed by Act 2 on November 13 and Act 3 on November 20.In other entertainment news, the live-action Cowboy Bebop comic adaptation has unveiled its first issue covers.

Read more at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 10:33 am

If you've already owned countless black gaming peripherals and are looking for something a little different, SteelSeries has now launched its limited-edition Ghost Collection, offering a refreshing take on some of its most coveted products. Just like its name suggests, the new two-piece collection comes dressed in a clean white, gray and translucent colorway paired with vibrant RGB lighting to create a spectral aesthetic perfect for both your battle station and your Twitch streams.On the keyboard side, the company's award-winning Apex 7 TKL model brings players a premium gaming experience via its integrated OLED Smart Display with on-board storage, allowing it to function as a command center whether in-game or for your communications apps such as Discord, while its sturdy aluminum frame, double shot PBT keycaps and mechanical switches provide exceptional functionality that's guaranteed for 50 million keypresses.As for the mouse, SteelSeries has tapped into its innovative Aerox 3 Wireless, making use of its skeletonized design to create a truly phantasmal look. As usual, the ultra-lightweight, 68g mouse offers smooth and effortless motion and clicks thanks to its TrueMove Air sensor, 100% Virgin Grade PTFE glide skates, dual wireless connection and trusty 200-hour battery life.For those interested, the limited edition Ghost Collection is now available over on SteelSeries' website, with the Aerox 3 wireless mouse going for $60 USD and the Apex 7 TKL keyboard going for $150 USD.Elsewhere in gaming, Secretlab has joined Warner Bros. for a Batman-inspired Dark Knight Edition Magnus Metal Desk.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 9:38 am

Chipotle fans will be excited to learn that the restaurant is now expanding on its menu once again with a limited-time smoked brisket.The offering was first tested Cincinnati, Ohio and Sacramento, California back in 2020, and thanks to popular demand, Chipotle has now decided to make the delicacy available for a limited time across the entire U.S. and Canada. The brisket itself comes from Made with Responsibly Raised beef and is smoked and charred on the grill with a full seasoning of Mexican spices before being topped off with a brand new brisket sauce made from smoky chili peppers.Those looking to try the limited-time menu item can now get hold of them at all Chipotle restaurants as well as the company's app and website. In celebration of the new offering, Chipotle is also offering completely free delivery on all smoked brisket orders via the latter two platforms between September 27 and October 3, and deliveries on third-party services will launch tomorrow.“This isn’t your standard brisket experience,” said the company's chief marketing officer Chris Brandt. “We’ve created a differentiated smoked brisket recipe that is authentic to our menu and pairs flawlessly with our real ingredients.”For more things food and drinks, Eminem has teased the return of his Mom's Spaghetti restaurant in Detroit.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 7:06 am

The upcoming Cowboy Bebop comic series from Titan Comics has now unveiled the main cover and its variants for the very first issue, which is slated for release this December.Six different covers offer fans and collectors a wide range of different art styles coming from big-name artists such as Captain Marvel's Stanley "Artgerm" Lau, Doctor Who's Claudia Ianniciello, Immortal Iron Fists' Afu Chan, and Batwoman's Yishan Li.A spin-off from the upcoming Netflix live-action series, Titan Comics' take on the franchise will see four issues focusing on a never-before-seen story revolving around Spike and the Cowboy Bebop universe. Lucifer veteran Dan Watters will write while Lamar Mathurin will be responsible for the illustrations. A trade paperback iteration of all four installments will be released later after the full series has been launched.On top of the new comics, the adaptation will also be receiving a prequel novel named Cowboy Bebop: A Syndicate Story written by the Netflix series' staff writer Sean Cummings, revolving around a young Spike and Vicious.For fans of the original series, Titan Comics' Cowboy Bebop will launch on December 8, with the Netflix series itself dropping on November 19.Elsewhere in entertainment, Netflix has released the first trailer for its new The Sandman adaptation.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 6:24 am

Italian e-commerce fashion retailer Luisa Via Roma has expressed interest in going public following a new round of investment from Milanese equity fund Style Capital.Currently holding a majority stake in Australian brand Zimmermann and a minority stake in Italy's MSGM, Style Capital has agreed to invest €130 million EUR (approx. $152 million USD) in the family-owned retailer. Current CEO Andrea Panconesi will retain 60% control over the company following the deal, which will aid Luisa Via Roma with its "aim to become a publicly listed company" in the near future.Originally founded by Panconesi's family back in 1929, the company moved into the online space for luxury fashion as early as 1999. Last year, the company brought in €180 million EUR (approx. $211 million USD) in revenue, more than 90% of which came from online sales.In other fashion-related news, Snoop Dogg and G-Star RAW have teamed up for a set of Grip 36 wide-cut denim.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 5:38 am

Netflix has dropped the first trailer for its adaptation of Neil Gaiman's The Sandman as part of its "Tudum" global fan event.The trailer depicts Roderick Burgess (Charles Dance) conducting the ritual to summon and imprison Death, not knowing which of Death's family he has captured.When it is revealed who he has snared, Dream (Tom Sturridge) issues the chilling warning "You're going to need all the help you can get."It's the briefest of glimpses of a sprawling storyline and only reveals two characters, but given that it's the first live action footage of a story first published as a comic book in 1988, it will no doubt be whipping hardcore fans into a frenzy."Death has family"meet Tom Sturridge as Dream in Netflix's THE SANDMAN #TUDUM pic.twitter.com/sLb3SDQdaG— Netflix Geeked is watching #Tudum (@NetflixGeeked) September 25, 2021While there's still no release date Netflix did release a series of posters also showing off Kirby Howell-Baptiste as Death and Mason Alexander Park as Desire.Netflix revealed the cast including Game of Thrones and Star Wars: The Force Awakens‘ Gwendoline Christie as Lucifer, Ruler of Hell, Vivienne Acheampong as Lucienne, Librarian of the Dreaming, Narcos‘ Boyd Holbrook as The Corinthian, an escaped nightmare, Black Mirror: Bandersnatch‘s Asim Chaudhry as Abel, the first victim and Sanjeev Bhaskar as Cain, the first predator back in February.In other entertainment news, The Conjuring mansion goes on sale for $1.2m.

Read more at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 5:21 am

Innovative EV maker Canoo has just unveiled its latest Lifestyle Vehicle, a highly versatile and configurable design that combines sleek, futuristic design sensibilities with both luxury and functionality.The car itself will come in four different configurations: Base, Premium, Adventure and Delivery. The first two will focus on offering a comfortable city commute with five to seven-seat layouts, a 250-mile range, a panoramic glass roof and side view windows wrapping around an open rear cabin, and quick charging to up to 80% in just 28 minutes.As their names suggest, the latter two models are designed for more purpose-specific roles. Adventure will take you out into the wilderness during your weekend excursions, coming in an exclusive dark green exterior coupled with a robust light bar and roof rack as well as a welcome upgrade to its towing capacity, bringing it up to 2,000 lbs. The Delivery will take on a simpler interior layout, removing all rear seating and windows to make way for more room and protection for the packages you're carrying. It'll also support payloads of up to 1,464 lbs.Canoo expects deliveries by late 2022, with prices starting at $34,750 USD. Head over to the company's website to learn more.Elsewhere in the automotive world, Brabus has created the world's fastest street-legal SUV.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 26 September 2021 | 4:38 am

After three years together as well as having a son, X Æ A-Xii, it has been reported that Elon Musk and Grimes are going through a "Semi" separation. In a exclusive interview, Musk reveals that he and Grimes are "semi-separated," and that they still care for each other and that they visit each other often. They still co-parent their 1-year-old son X Æ A-Xii Musk with Musk elaborating, "It’s mostly that my work at SpaceX and Tesla requires me to be primarily in Texas or traveling overseas and her work is primarily in LA. She’s staying with me now and Baby X is in the adjacent room."On top of their diverging fields and 17-year age difference, the two have made it work and remain on good terms even if they are "semi-separated." With the world watching, fans of the couple have jumped on Twitter to begin a list of memes regarding how custody would work for X Æ A-Xii.grimes and elon musk’s kid at court telling the judge who it wants to be with pic.twitter.com/oX1EcSLP2r— ℗ (@incompatence) September 24, 2021no fucking way ? pic.twitter.com/qtjHAejVa6— kira ~ (@Sadcrib) September 24, 2021Grimes and Elon musk child in family court deciding who it wants to live with pic.twitter.com/RKyFRd9Fth— Armani (@historyofarmani) September 24, 2021Grimes and Elon musk’s kid discussing which parent should get custody after the divorce pic.twitter.com/OBJ0e1jGuY— Rachael (@rach_ael0) September 24, 2021In other news, Bitcoin tumbles following China’s crypto crackdown.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 25 September 2021 | 5:37 pm

A&W Restaurants are celebrating the arrival of Fall with a line of merch inspired by its famous fried cheese curds.Cheddar Weather is a collection including hand-painted boots, letterman jackets and patches, fanny packs, hats, tees and scarves given over to autumnal shades and all-American themes.The Kentucky-headquartered, 102-year-old restaurant franchise is known not only for its A&W Cheese Curds made from Wisconsin White Cheddar Cheese but for its irreverent marketing campaigns.The Cheddar Weather collection is the brainchild of Kentucky-based ad agency, Coomer, and pieces are available now. Prices start at $25 USD for a Minor League Baseball tee all the way up to $714.99 USD for a pair of hand-painted Thorogood x Caylie Mindling x A&W Restaurants boots.The collection has been a collaborative effort involving a number of American makers from Wisconsin, Kentucky and further afield such as Thorogood, Universal Lettering Co., Henry Dry Goods, Savant Studios, Bri Bowers and Caylie Mindling.Cheddar Weather is available now via A&W Restaurants.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 25 September 2021 | 5:13 pm

Philippe Starck has reimagined the gondola to bring attention to a new Venice-based business and technology accelerator targeting climate change and environmental challenges.“Dream of Winter Gondola” was created by Starck, who has lived on the Venetian island of Burano for 50 years for VeniSIA, a corporate accelerator attached to Venice’s Ca’ Foscari University.“I have a lot of admiration and respect for the gondola,” says Starck. “One of the most complex boats in the world as its design is completely asymmetric, but nevertheless its weight is perfectly balanced and can go straight even in the hardest conditions. It’s magic, it’s pure magic. That’s why it’s a great honour for me to dream about a gondola and especially, on a winter gondola with a small room in the centre. That’s why what I show you today doesn’t try to be realistic, it’s just a dream.”Starck’s “dream” is particularly suited to the new organisation as it proposes a seaweed bio resin hull and oar, Gorilla Glass canopy and compressed bamboo forcole while integrating solar-powered gyroscopic stabilizers and turbine electric assistance powered by a hydro generator.The 3D image joins the collection of Ca’ Foscari University.In other design news, Arket reveals its FW21 home collection.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 25 September 2021 | 2:49 pm

Revered for its pioneering styles since its conception in 1989, G-Star RAW unveils the latest collection from its “Hardcore Denim” global campaign.Donned by Snoop Dogg for his tongue-in-cheek rendition of the single “Say It Witcha Booty” -- the new Grip 36 collection is the looser upgrade to the brand's original 3D Grip jeans.Boasting a relaxed fit, wide-cut leg, the retro-inspired range serves as a modern twist to classic '70s silhouettes. Expertly crafted from raw denim, the collection arrives in both Ecru and Steel hues, completed with a knife pleat to sharpen the leg for a nostalgic feel. The full range also includes a selection of T-shirts and hoodies, to complement the complete fit.Speaking on the latest collaboration, Snoop explained, “I’m teaming up with G-Star, because we are both pushing the field, staying ahead, cutting the edge. We are both masters of our craft – leading the game. You know what I’m saying? We look ahead.”For more information on the G-Star RAW “Hardcore Denim” campaign and to shop the new collection, be sure to visit the brand’s website.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 25 September 2021 | 12:14 pm

P's & Q's is a cornerstone of the Philadelphia sneaker and streetwear community. Founded by brothers Rick and Ky (pronounced "key") Cao, P's & Q's has been open since 2012 and is located smack-dab in the middle of the city's vibrant South Street district. Apart from offering products from Diadora, New Balance, Stüssy, The Hundreds and more, it's a community center that has hosted talks with guests like Bobby Hundreds and Aaron Kai, thrown barbecues on its back patio, and, above all else, served as a street culture haven for locals and out-of-towners alike.Rick and Ky's passion for streetwear, storytelling and music lead them to open P's & Q's — as well as its predecessor Abakus Takeout, an ahead-of-its-time consignment store — and even though they're deep in the game, those passions are as strong as ever. You can't encapsulate someone's entire life in a sneaker, but if Rick and Ky had to do just that, they'd choose two very special Diadora sneakers: the Packer Shoes x Raekwon x Diadora N9000 "Purple Tape" and the Packer Shoes x Raekwon x Diadora N9000 "Only Built 4 Cuban Linx." For Rick and Ky, the "Purple Tape" and the "Only Built 4 Cuban Linx" represent their love of the Wu-Tang Clan, the never-ending pursuit of fresh sneakers, a masterclass on how to weave a story into a design and the best conversation starter you can ask for. In this installment of Sole Mates, HYPEBEAST sat with the P's & Q's co-founders in their store and spoke to them about growing up in Philly, the city's sneaker scene, the joy of wearing something "different" than Nike and adidas and more. HYPEBEAST: What got you into sneakers?Rick Cao: Growing up, Ky and I had the privilege of watching guys like Charles Barkley, Michael Jordan and Hakeem Olajuwon play. It was very influential to see NBA legends like that take the court, then go to school the next day and see your classmates wearing their shoes. When we were younger, we didn’t have any Air Jordans. Our parents couldn’t afford to spend over $100 on a single pair of shoes — we came to the US from a refugee camp in Hong Kong when I was one, and my parents were working really hard to take care of their parents, aunts, uncles and everyone else in the family, so something like expensive shoes was out of the question. We’d usually get shoes from Kmart, to be honest. My first pair of really good sneakers was Dee Brown’s Reebok, the Pump Omni Zone II, and I was so proud of them. At first, I’d even put shopping bags over them when I went outside so they wouldn’t get dirty [laughs]. Then I got older, started working, and began buying everything I wanted as a kid but couldn’t have.Ky Cao: Just like Rick said, sports, specifically basketball, are really what got me into shoes. It started in middle school, I think. When I went from the crates to the courts, I upgraded my shoes — my first nice pair was Jason Kidd’s Air Zoom Flight 95, which was super expensive at the time. That was the stepping stone for me.What was the feeling of getting the first “good” pair like? Where you like “this is it, this is a feeling I want to replicate for the rest of my life,” or was it more of an in-the-moment rush?RC: I definitely remember that feeling. As a kid, you try so hard to fit in. When you finally step out with the “right” shoes, that feeling is amazing. I was just so proud to be wearing nice shoes, because my parents had worked so hard to get them for me. I was like “this is it.” Then I was like “damn, I have to make these last the whole school year!” [laughs]"We used to wear Diadoras in high school, and now we carry the brand at P’s & Q’s ... people will come in to get a pair, and a lot of the time they’ll be like 'oh man, I used to wear these in high school!' It’s definitely common ground for us and our customers."Tell me about when you first discovered Diadora. Was that a brand you grew up with?KC: It’s funny for me because we used to wear Diadoras in high school, and now we carry the brand at P’s & Q’s. To see the brand on our shelves is a pretty awesome full-circle moment. People will come in to get a pair, and a lot of the time they’ll be like “oh man, I used to wear these in high school!” It’s definitely common ground for us and our customers.RC: Back when we were growing up in the ‘80s and ‘90s, the people who wore Diadoras in Philadelphia wanted to be different from everyone else. You’d have people wearing the Reebok Classic, the Top Ten, the Air Force 1, but the Air Force 1 was more of a New York City thing and didn’t really feel “Philly.” Frankly, a lot of folks who were wearing Diadoras were drug dealers who’d pair them with a fresh tracksuit. Ky and I grew up in the hood in South Philly, and we’d be like “wow, these guys are fly — they’ve got gold chains, fresh tracksuits and crispy Diadoras.” They were the cool guys in the neighborhood.Let’s talk about the specific Diadoras you two selected, the Raekwon x Diadora N9000 “Purple Tape” and the Raekwon x Diadora N9000 “Only Built 4 Cuban Linx.” How do sneakers and music come together for you?RC: At the high school we went to, people were listening to stuff like Pearl Jam and Nirvana. I liked that kind of music, but I still remember the first time I heard the Wu-Tang Clan. I went to a basketball game, and this kid popped a Wu-Tang tape into the sound system. The school cut it off eventually, of course, but “C.R.E.A.M.” was blaring for a little while. I was like “what the hell is this? This is fantastic!” I found out more about Wu-Tang after that, and it really meant a lot to me because growing up Asian was tough at the time. It was almost shameful because we didn’t really have an identity, so it was really cool to see that these guys loved the same kung fu flicks and enjoyed the same type of culture that I did. Ky and I love storytelling in sneakers, and music meshes really well with that, so that’s probably why we gravitated towards the “Purple Tape” and “Only Built 4 Cuban Linx” N9000s so much when they dropped: they took us back to a really seminal moment in our lives.Both of those shoes communicate their inspirations in a very obvious, yet very intricate and highly detailed way, which is hard to do. What do you think the “secret sauce” for nailing a collaboration like that is?KC: For those shoes in particular, and especially the “Purple Tape,” the attention to detail is really what brings it home. You have the tongue label with the “parental advisory” tag, the A and B hits on the insoles for side one and side two of the tape and way more, everything that was actually present on this really influential cassette. [hands shoe over]"The right kind of music hits your soul. It's really cool when that feeling gets translated into a dope shoe like these Diadoras."Oh wow, they’re signed too!RC: They’re even made in Italy, which is a really nice touch. Ky and I had the privilege of visiting the Diadora factory in Italy once, which was a dope experience.KC: There’s only like 5, 6 guys in there, hand-making each shoe.RC: When we saw the process behind the product, it made us appreciate the shoes even more. It was very much a family operation, passed down from generation to generation, so that explained why the execution on the “Purple Tape” was so good. People gravitated towards the “Purple Tape” and the “Only Built 4 Cuban Linx” because they connected with the albums, and the story of the albums was woven into the sneakers. The right kind of music really hits your soul. It’s really cool when that feeling gets translated into a dope shoe like these Diadoras.Do you find a shoe like the “Purple Tape” or “Only Built 4 Cuban Linx” to be a good conversation piece? KC: Oh, yeah. Something like that is our common ground. People we do know, people we don’t know — doesn’t matter. It strikes interest and provides a gateway into a good discussion.RC: I think our generation and your generation will love sneakers and talk about sneakers even in our 50s and 60s. It’s something that will continue to resonate as we get older. When I’m 60, I’ll probably be wearing some chino pants, a regular oxford shirt and something like an N9000. I don’t want to be one of those uncles at the barbecue that tries too hard to be young, but I will always be trying to get fresh. [laughs]Are you glad that today’s whirlwind of hype, Instagram fit pictures and clout chasing hasn’t swept the brand up? Does that enable you to enjoy it in a more pure fashion?RC: Diadora definitely isn’t the most hyped brand out today, but every brand has their turn and Diadora also has a lot of classics in its archive so it’ll always look good to those in the know. For a Philly-specific example, look at Mitchell & Ness. It was huge back in the day, and is having a resurgence in recent years as well, but has always had a cult following. Same with Topps baseball cards. Stuff like that is timeless — like that’s a great jersey you’re wearing [nods at interviewer’s Mitchell & Ness Brooklyn Dodgers Jackie Robinson jersey].KC: Our goal at P’s and Q’s has always been to carry everyday shoes. You won’t see any really crazy colors or wild designs here, just good, solid, well-made products. Diadora has always made really high-quality shoes, and I think the pairs we carry fall outside the lines of “hype” and find favor with people who appreciate high quality and good design.RC: Continuing from what Ky said, we do get special releases sometimes but nobody at the company is allowed first dibs. Our shoes are for the customers. We’d never touch them, because we'd rather let the consumers get them first. We love seeing that joy in their faces. It reminds me of the joy I felt when I got my first pair of Reeboks. We’re always looking for ways to consume less and enjoy more.It’s often assumed that Philadelphia is an “us against the world” type of place, but when you come here the welcoming nature of the sneaker community is obvious. You're are tight with the atmos team, the Lapstone & Hammer team, the Suplex team, the Common Ground team and more. Where does the warm nature of the Philly sneaker community come from? KC: When we got into the game in 2008, our first shop was called Abakus Takeout. The other shops back then didn’t have beef, but they weren’t really cool with each other either — people would spread rumors about their competitors selling fake shoes and other things like that. We wanted to break that cycle of negativity because we felt we had to build together if sneaker culture was going to thrive in Philly. When Abakus was open, there were probably eight, nine other boutiques in Philly, but retail is a very hard business to be a part of and most of those shops closed. We opened P’s & Q’s in 2012, and have always had a family atmosphere. A few years ago we even did a collaboration T-shirt with Ubiq [now atmos] and Lapstone & Hammer, showing people that we stick together because at the end of the day we’re all from the same community. We also donated 100% of the proceeds from that T-shirt to a local creative high school because we wanted to give back and build up the next generation.You’re nine years in at P’s & Q’s and almost two decades deep in the game as a whole. Could you have ever seen making this your livelihood as kids, or does it still blow your mind?KC: This was always what I wanted to do, ever since I was a kid. I used to shop on South Street all the time, even though I couldn’t afford much [laughs]. There were great skate shops like Sub Zero and Inferno, where I’d get Stüssy tees from. When we were doing Abakus Takeout, our dream was to get a Nike account. That didn’t happen, but we really embraced the beauty of other brands at P’s & Q’s and have been living it to the fullest. We have great relationships with Diadora, New Balance, Saucony, ASICS, PUMA and Tretorn, all non-Nike brands."The same way that Philly is more than just cheesesteaks, there’s more to sneakers than the biggest brand out there."Do you take pride in introducing your customers to new brands? KC: Totally. The same way that Philly is more than just cheesesteaks, there’s more to sneakers than the biggest brand out there. You wear a fresh pair of Diadoras? You’ll be one of like five kids at your high school rocking them. You want to be rare, you know? RC: We’re also proud to introduce people to our scene as a whole. We always encourage them to visit Lapstone, atmos, all the other boutiques in town. KC: If you’re not from Philly and you come to our store, the first thing we’re going to do is give you the whole map on where to go. We’re one of the only cities where shops promote each other and help each other out.RC: P’s & Q’s is all about the community. We’re here for the people, and that drives everything we do. Last question: why are sneakers important to you? KC: Sneakers really set the mood for my day. I have to dress from the feet up, even if I’m working from home. It gets me in my zone, no matter if I’m designing clothes or working on some content for the blog. A nice pair of sneakers help me seize the day.RC: Sneakers are important to me because everyone needs a foundation, both literally and figuratively. Ky and I were street soldiers when we were younger: we’d walk everywhere, and there's no better way to walk than in a fresh pair.

Click here to view full gallery at HYPEBEAST

Posted on 22 September 2021 | 3:34 pm

Concorsi moda: l'edizione 2021 di RCGD Global Design Contest, il progetto dedicato alla moda sostenibile al via 

Prende il via l’edizione 2021 di RCGD Global Design Contest, concorso di moda che Red Carpet Green Dress (RCGD) lancia in collaborazione con Tencel e CLO. Fondato dall'ambientalista Suzy Amis Cameron oltre un decennio fa, il concorso internazionale di design è aperto a designer di talento di età superiore ai 21 anni che possono inviare la loro candidatura entro il 23 agosto 2021.

BRANDoN HiCkMAN

I vincitori saranno selezionati da una giuria internazionale di esperti e vedranno i loro disegni trasformarsi in capi veri e propri grazie a un software di simulazione di abbigliamento 3D realistico all'avanguardia firmato da CLO. Creati con fibre a marchio Tencel, di origine vegetale e biodegradabili, tutti questi capi sostenibili saranno indossati da un ambasciatore Red Carpet Green Dress del mondo della moda e dei media all'evento 2021 del contest, un appuntamento irrinunciabile per conoscere da vicino il mondo della moda sostenibile. Oltre all'opportunità di mostrare a tutti le proprie creazioni, all'accesso al network legato alla sostenibilità di RCGD, il premio del concorso includerà per i vincitori un percorso di tutoring aziendale, un premio in denaro e il supporto dei partner del progetto.

In occasione dell’evento che celebra uno dei più importanti concorsi moda, saranno svelate anche le creazioni delle vincitrici del concorso 2020: Sanah Sharma Mehra (Chennai, India) e Jasmine Kelly Rutherford (New York, USA) dal momento che, a causa della pandemia, l’evento 2020 era stato sospeso.

BRANDON HICKMAN

Samata Pattinson, CEO di Red Carpet Green Dress, ha spiegato in occasione del lancio dell’edizione 2021 del contest: “La comunità del design emergente è una delle più entusiasmanti ed è molto gratificante lavorare con loro: è piena di immenso talento, ispira creatività e incoraggia la speranza. Siamo davvero entusiasti di lavorare con Tencel per mostrare il futuro dei tessuti sostenibili e con CLO per mostrare il futuro della creatività del design attraverso le tecnologie virtuali. Il concorso di quest'anno offrirà a 2 fortunati vincitori l'opportunità di ampliare i propri orizzonti ed entrare a far parte della nostra rete. Sono entusiasta e non vedo l'ora di vedere i progetti finali vincitori!”

Brandon Hickman

Harold Weghorst, vicepresidente del marketing globale di Lenzing AG, ha aggiunto: “Siamo entusiasti di continuare la nostra partnership con Red Carpet Green Dress quest'anno e non vediamo l'ora di essere ispirati dalle idee innovative che vedremo. Riunendo talenti giovani e affermati, speriamo di incoraggiare più designer a fare un passo attivo per costruire un mondo della moda più eco-compatibile attraverso la sperimentazione di materiali sostenibili, come le fibre a marchio Tencel, nei loro progetti. I materiali ecologici e i pezzi di moda senza tempo diventeranno la scelta principale tra designer, marchi e consumatori”.

Simon Kim, CEO di CLO Virtual Fashion, ha concluso: “Come partner per la prima volta di Red Carpet Green Dress, siamo molto entusiasti di collaborare con loro nel loro concorso annuale di design globale e di essere l'esclusivo fornitore di tecnologia 3D per creare i capi vincitori. Crediamo che la tecnologia sia la risposta per aiutare i designer e le aziende a operare in modo più sostenibile e speriamo che i partecipanti al concorso siano ispirati a integrare CLO nei loro processi attuali e futuri per amplificare veramente la loro creatività ed espandere la loro capacità di sperimentare con i design in un modo socialmente responsabile".

Brandon Hickman
Posted on 2 August 2021 | 4:15 pm

La casa di carta: in arrivo le 5 puntate finali

“Nei momenti importanti non si può tornare indietro”: parola di Tokyo, una delle punte di diamante della squadra del Professore. Per chi non conoscesse i rapinatori de La casa di carta ha ancora tempo per mettersi in pari su Netflix prima dell’arrivo dell’ultima stagione, che segna la fine delle avventure dei banditi in tuta rossa e maschera di Dalì. Questi maghi del crimine spagnolo arrivano sulla piattaforma streaming con le prime cinque puntate della quinta stagione il 3 settembre, ma le cinque puntate conclusive saranno disponibili solo dal 3 dicembre, per chiudere in bellezza e con una scarica d’adrenalina questo 2021 seriale. 

De dei protagonisti più amati: Jaime Lorente (Denver) e Darko Perić (Helsinki) saranno super ospiti della 60° edizione del Festival della TV di Monte-Carlo (18-22 giugno 2021). Mentre gli appassionati ripassano le svolte-chiavi della storia con una maratona degli episodi precedenti, i più impazienti si consolano con il gioco da tavolo La casa di carta – Il grande quiz, uscito la settimana scorsa sul mercato italiano per MS Edizioni, con 250 domande in due categorie (una sorta di Trivial Pursuit per gli hardcore).

Dove eravamo rimasti

La fine della stagione precedente, la quarta, de La casa di carta si è conclusa in modo tragico e inaspettato: dopo la perdita di uno dei membri della banda, la tensione nella Banca di Spagna è altissima. I ladri protagonisti sono ormai chiusi nell’edificio da oltre 100 ore e l’ispettore Alicia Sierra (Najwa Nimri, amatissima star di Vis a Vis, sempre su Netflix) ha stanato il Professore (Alvaro Morte) dopo aver catturato la sua partner Lisbona (Itziar Ituno, qui la nostra intervista esclusiva). La tensione è altissima e il gruppo si trova allo sbando, dopo il “tradimento” di Palermo (Rodrigo De la Serna). C’è chi incolpa Tokyo (Ursula Corberò), troppo impulsiva nel trascinarli tutti di nuovo in azione per mettere al sicuro l’allora fidanzato Rio (Miguel Herràn) per poi mollarlo rapidamente (ancora una volta). La nostalgia per Berlino (Pedro Alonso) è struggente e le chance di sopravvivere all’incursione dell’esercito iberico si assottigliano.

Il futuro della serie

Le anticipazioni di trama sono a dir poco centellinate e lo stesso cast ha la bocca cucita per non rovinare la sorpresa, ma qualche certezza è già arrivata. Innanzitutto le riprese si sono appena concluse tra Spagna, Portogallo e Danimarca: iniziate ad agosto scorso, hanno subito rallentamenti a causa dell’emergenza sanitaria. Accanto ai volti storici della fede troviamo una coppia di sex symbol: l’amatissimo Miguel Angel Silvestre, già protagonista di Sky Rojo (dallo stesso creatore) e di Sense 8, entrambe disponibili su Netflix mentre Patrick Criado, altrettanto affascinante, è ancora un volto sconosciuto qui in Italia. “Abbiamo pensato più di un anno a come far sciogliere la banda – spiega lo showrunner Alex Pina - mettere il professore alle corde e portare alcuni personaggi in situazioni irreversibili. Il risultato è la Parte 5 di La Casa di Carta. La battaglia raggiunge i livelli più estremi e selvaggi, ma la stagione è quella più eccitante ed epica di sempre”. E pensare che nella madrepatria la storia non aveva affatto conquistato il pubblico e lo stesso ideatore aveva chiuso il cerchio con la fine della prima stagione, per poi vedersi offrire su un piatto d’argento un “ripescaggio” eccellente da parte della piattaforma.

La casa di carta 4: le immagini della nuova stagione

Raquel, Nairobi, Tokyo, Monica, Alicia
Raquel, Nairobi, Tokyo, Monica, Alicia
Tamara Arranz Ramos
La casa di carta 4 arriva su Netflix il 3 aprile. Gli attori della serie spagnola sono: il Professore (Álvaro Morte), Tokyo (Úrsula Corberó) e Rio (Miguel Herrán), Denver (Jaime Lorente), Mónica Gaztambide (Esther Acebo), Nairobi (Alba Flores), Helsinki (Darko Peric), Raquel Murillo (Itziar Ituño), Marsiglia (Lika Peros), Bogotà (Hovik Keuchkerian) e Palermo (Rodrigo de la Serna) e la nuova ispettrice Alicia Sierra (Najwa Nimri).
La casa di carta 4 arriva su Netflix il 3 aprile. Gli attori della serie spagnola sono: il Professore (Álvaro Morte), Tokyo (Úrsula Corberó) e Rio (Miguel Herrán), Denver (Jaime Lorente), Mónica Gaztambide (Esther Acebo), Nairobi (Alba Flores), Helsinki (Darko Peric), Raquel Murillo (Itziar Ituño), Marsiglia (Lika Peros), Bogotà (Hovik Keuchkerian) e Palermo (Rodrigo de la Serna) e la nuova ispettrice Alicia Sierra (Najwa Nimri).
TAMARA ARRANZ
La casa di carta
La casa di carta
Rio, che viene preso in ostaggio nella terza serie
Rio, che viene preso in ostaggio nella terza serie
Tamara Arranz Ramos
La casa di carta 4
La casa di carta 4
Tamara Arranz Ramos
Tokyo in azione
Tokyo in azione
Tamara Arranz Ramos
La casa di carta 4
La casa di carta 4
TAMARA ARRANZ
La casa di carta 4
La casa di carta 4
TAMARA ARRANZ
La casa di carta
La casa di carta
TAMARA ARRANZ
Il cast festeggia la fine delle riprese delle ultime puntate della Casa di carta
Il cast festeggia la fine delle riprese delle ultime puntate della Casa di carta
Posted on 2 August 2021 | 2:29 pm

Il 4 agosto Meghan Markle festeggerà 40 anni. Un evento che verrà celebrato da lei e da Harry, insieme ai piccoli Archie e Lilibet, nella loro villa a Montecito, California. Ma come ha deciso di celebrare questo traguardo la Duchessa del Sussex?

Meghan e Harry

Harry e Meghan

Meghan e Harry
MISC / IPA

La risposta arriva dai tabloid inglesi i quali, citando le solite fonti bene informate, non hanno lesinato in dettagli che hanno tutti un loro innegabile significato. Secondo quanto rivela il Mirror, a occuparsi della festa di compleanno di Meghan sarà Colin Cowie a cui è stato chiesto di creare un party "di basso profilo". Cowie, party planner già di Oprah Winfrey ed eletto come wedding planner migliore del mondo da Vogue nel 2018, avrebbe già nella lista dei suoi clienti personalità come Kim Kardashian, Jennifer Aniston e Tom Cruise.

Meghan Markle

Royal Ascot 2018 - Day 1

Meghan Markle
Leon Neal

Come scrive il Mail, quello che è stato chiesto al planner è una festa per 65 persone, molto "semplice", in cui protagonisti saranno prodotti e vini locali per tutti gli invitati alla festa che si terrà nel rispetto totale delle norme anti-covid. Per lei Harry avrebbe poi prenotato una torta di compleanno speciale presso la pasticceria Posies & Sugar che sarà decorata con fiori freschi. Il tabloid inglese poi ci tiene a sottolineare come questa festa di compleanno sembrerà davvero minimal se comparata con il baby shower per la nascita di Archie che, all'epoca, si disse essere costato mezzo milione di dollari.

Harry e Meghan

Prince Harry And Meghan Markle Visit Edinburgh

Harry e Meghan
Getty Images

Cosa ci raccontano però tutti questi dettagli rivelati dai tabloid? Difficile non notare una vena di sarcasmo quando l'aggettivo "minimal" viene associato al party planner di Oprah, ai 65 ospiti e, soprattutto, rievocando il baby shower che tanto aveva fatto discutere. È un messaggio abbastanza chiaro da parte della stampa inglese che ormai tratta Harry e Meghan come l'emblema di tutto ciò che i royals non farebbero mai: nessuna festa con party planner, nessuna celebrazione annunciata, niente ospiti. Per la stampa inglese il compleanno perfetto di un appartenente alla famiglia reale è quello condotto in famiglia, senza invitati se non tra parenti ma soprattutto dove la parola VIP non venga pronunciata nemmeno per errore come nel caso del compleanno della regina in questo 2021. 

Harry e Meghan
Harry e Meghan

Ormai, insomma, Harry e Meghan sono diventati dei divi di Hollywood e così trattati dalla stampa britannica (e dall'opinione pubblica) che non gli riconosce più alcuna caratteristica morale tipica non solo dei royals ma degli "inglesi" in generale. Che anche questo sia parte dell'offensiva di The Firm contro la biografia di Harry?

Posted on 2 August 2021 | 2:24 pm

Vi sveliamo le più belle borse firmate in saldo che rappresentano un ottimo investimento

Oltre a concedersi qualche meritatissimo sfizio, i saldi di stagione rappresentano la migliore occasione per arricchire il guardaroba con tutti quei capi e accessori che, normalmente, facciamo fatica ad acquistare. Vuoi per l'indecisione totale, la mancanza di tempo o le spese improvvise che finiscono per pesare sul budget dedicato allo shopping, troppo spesso si finisce per rimandare l'acquisto di quella borsa favolosa che desideriamo da tempo. Una piccola ingiustizia a cui - fortunatamente - in questi giorni possiamo porre rimedio. 

Etro primavera estate 2021
Etro primavera estate 2021

Sognate un'elegante borsa di paglia da portare in spiaggia questa estate, un comodo zainetto monogram da portare in bicicletta, o semplicemente una comoda tracolla in formato maxi perfetta per il prossimo weekend? Le proposte firmate Dolce&Gabbana, Burberry ed Etro potrebbero funzionare alla grande. Se invece l'idea è quella di investire su un modello timeless più classico, che possa completare qualsiasi look daytime date un'occhiata ai modelli di Proenza Schouler, Roger Vivier e Tod's. Li trovate tutti nella nostra fotogallery.

Scoprite nella nostra gallery qui sotto le 10 borse firmate in saldo da acquistare subito.

Zaino MD in nylon monogram, 774 euro su www.luisaviaroma.com

Burberry

Zaino MD in nylon monogram, 774 euro su www.luisaviaroma.com
Borsa Kendra in paglia e pelle, 746 euro su www.luisaviaroma.com

Dolce&Gabbana

Borsa Kendra in paglia e pelle, 746 euro su www.luisaviaroma.com
Borsa in cotone spalmato, 938 euro su www.luisaviaroma.com

Etro

Borsa in cotone spalmato, 938 euro su www.luisaviaroma.com
Borsa Le Coussin in tela, 580 euro su www.luisaviaroma.com

Jacquemus

Borsa Le Coussin in tela, 580 euro su www.luisaviaroma.com
Borsa piccola Balloon in pelle e pitone, 1720 euro su www.luisaviaroma.com

Loewe

Borsa piccola Balloon in pelle e pitone, 1720 euro su www.luisaviaroma.com
Borsa a secchiello Allen in pelle, 637 euro su www.luisaviaroma.com

Off-White

Borsa a secchiello Allen in pelle, 637 euro su www.luisaviaroma.com
Borsa Sac Porte Epaul in pelle, 318 euro su www.luisaviaroma.com

Paco Rabanne

Borsa Sac Porte Epaul in pelle, 318 euro su www.luisaviaroma.com
Borsa PS1 Tiny Lux in pelle, 841 euro su www.luisaviaroma.com

Proenza Schouler

Borsa PS1 Tiny Lux in pelle, 841 euro su www.luisaviaroma.com
Borsa Beau Vivier in pelle, 1760 euro su www.luisaviaroma.com

Roger Vivier

Borsa Beau Vivier in pelle, 1760 euro su www.luisaviaroma.com
Borsa shopping Micro D-Bag New in pelle, 840 euro su www.luisaviaroma.com

Tod's

Borsa shopping Micro D-Bag New in pelle, 840 euro su www.luisaviaroma.com
Posted on 2 August 2021 | 1:32 pm

Nel novembre 2020, Ilaria Icardi, 48 anni, ha preso una decisione coraggiosa: mettere in atto due anni di pianificazione e lanciare finalmente il suo brand di gioielli nonostante si trovasse nel mezzo di una pandemia. Gli ordini della collezione Series 01 della designer, composta da anelli con sigillo in lapislazzuli, ciondoli a forma di uomo dello spazio e talismani incisi con spighe di grano - tutti realizzati su ordinazione con un tempo di consegna di almeno quattro settimane - sono cresciuti esponenzialmente.

Aishwara in Series 01
Aishwara in Series 01
courtesy of Ilaria Icardi

Anche se il brand - Ilaria Icardi - è nuovo, l'origine la si può far risalire agli anni '60 quando suo padre Umberto Icardi , un orafo i cui clienti includevano Tiffany & Co e Cartier, fondò un'azienda di alta gioielleria con i suoi due fratelli nella piccola città di Valenza, Italia. Ilaria Icardi resta un brand familiare fin nel profondo con la produzione concentrata proprio nella città, dove lei è nata e cresciuta, e si avvale dell'aiuto del fratello gemmologo, Lorenzo Icardi. La sua sede ora è a Londra, ma tiene i suoi genitori vicini al suo cuore sotto forma di un ciondolo di smeraldo grezzo (un regalo di fidanzamento di suo padre a sua madre), che indossa ogni giorno.

Il successo di Icardi può essere dovuto, in parte, proprio al fatto che porta al banco di lavoro più di due decenni e mezzo di esperienza nel settore. Dopo quasi 10 anni come stilista di prêt-à-porter presso Yves Saint Laurent, sotto Tom Ford e poi Stefano Pilati, Phoebe Philo l'ha reclutata da Céline nel 2008. È rimasta lì per cinque anni, seguita da un periodo di sette anni come design director da Victoria Beckham.

Series 02 Campaign
Series 02 Campaign
Andrew Vowles / courtesy of Ilaria Icardi

La sua collezione Series 02 arriverà all'inizio di settembre 2021, ma la vediamo qui, in anteprima su Vogue. Collane di perle giapponesi rifinite con chiusure industriali e ciondoli a proiettile in oro massiccio intarsiati con smeraldi confermano ulteriormente il mondo di contrasti di Icardi. La catena d'oro, simile a quella che suo padre portava per appendere gli occhiali, rimane una costante. Qui, la designer spiega il suo processo creativo e condivide con noi i suoi ricordi di lavoro con Philo.

Quali sono state le più grandi lezioni che ha imparato lavorando per marchi come Céline e Yves Saint Laurent?

"Ho iniziato quando Tom Ford era da Yves Saint Laurent e ho anche lavorato con Stefano Pilati, quindi ho fatto davvero esperienze eclettiche e diversificate. Soprattutto Stefano era affascinato dalla vita di Yves, quindi abbiamo davvero scavato a fondo negli archivi. Stavamo creando questo universo intorno a una donna da sogno - una belle de jour o belle de nuit [una bella donna francese].

"Con Phoebe Philo da Céline, invece, cercavamo di creare un guardaroba per donne vere disegnato da una donna altrettanto vera, ed era la prima volta che sperimentavo questo dialogo. Ho lavorato nello studio di Londra per i suoi primi cinque anni come direttore creativo; non voleva che Céline assomigliasse a nulla di quello che era stato prima, quindi era una vera mentalità da start-up. Il team originale era composto da Phoebe, io e circa altre 10 persone, ed eravamo tutti multitasking".

Series 02 Campaign
Series 02 Campaign
Andrew Vowles / courtesy of Ilaria Icardi

Ha qualche ricordo particolarmente bello dell'attività di gioielleria di suo padre?

"Ricordo che da bambina andavo nella fabbrica di mio padre e giocavo con la sua calcolatrice e la macchina da scrivere Olivetti davanti a un enorme armadietto dove erano conservati tutti i pezzi di gioielleria. Ha iniziato l'attività con i suoi fratelli quando erano ventenni, e io ero circondato dalla loro passione e dalla loro forte etica commerciale. Erano così devoti e l'attività è cresciuta nel corso di due decenni: negli anni '80 hanno aperto una fabbrica ancora più grande".

Pensi che queste prime esperienze siano state fondamentali nel farti diventare poi designer di gioielli?

"Mio padre mi invitò subito a entrare nell'azienda di famiglia, ma alllora mi sembrò la strada sbagliata. La mia reazione fu quella di fuggire. Così, ho studiato fashion design all'Istituto Marangoni di Milano nei primi anni '90, prima di trasferirmi a Londra per imparare l'inglese. Ma i gioielli sono sempre stati nella mia mente; ho sempre fatto dei pezzi per me stessa a partire dai gingilli che colleziono. Dopo la morte di mio padre nel 2016, ho iniziato a riunire le cose - il suo archivio, le cose che abbiamo progettato insieme e che non sono mai state realizzate; è come una forza che viene da dentro di me. È divertente che dopo tutti questi anni io stia trasformando la creazione di gioielli nella mia carriera".

Series 02 campaign
Series 02 campaign
Andrew Vowles / courtesy of Ilaria Icardi

È facile dare la propria impronta all'azienda di gioielli di famiglia pur mantenendone l'eredità?

"Viene abbastanza naturale. Ci sono pezzi d'archivio che fungono da fondamenta nella mia mente, ma non posso creare un brand solo dall'archivio. Colleziono pezzi d'epoca e li mescolo con le idee che mi vengono dalle fotografie - amo soprattutto la serie In The American West di Richard Avedon - o dai documentari e dai film che ho visto. Per esempio, ho trovato parte di un ciondolo a forma di astronauta in un mercato di New York, così ho disegnato il resto del corpo e l'ho incorporato in un disegno per la Serie 01 [la prima collezione]. Ci sono un sacco di concorrenti là fuori che fanno bei gioielli, ma non ho visto nulla che facesse davvero scontrare diverse idee insieme in questo modo".

Quali sono i temi e le idee principali che volevi esplorare per la Serie 02?

"Volevo spingere l'approccio eclettico, per scomporre qualcosa che già esiste e combinarlo con l'inaspettato. Per la Serie 02, ho creato una grande catena d'oro da orologio, ispirata al design degli anni '80 che indossava mio padre, e l'ho contrapposta a una chiusura basata sul suo portachiavi e a una delicata collana di perle. Mi piace trovare un equilibrio tra tutti questi contrasti".

Ha un processo prestabilito per il suo modo di progettare?

"Faccio raramente degli sketch, anche quando disegno abiti. Scrivo molto su un quaderno dove tengo le immagini che raccolgo e poi lavoro in 3D, cambiando le proporzioni e i materiali".

Series 02 Campaign
Series 02 Campaign
Andrew Vowles / courtesy of Ilaria Icardi

Vivere in modo più sostenibile è qualcosa che tutti dobbiamo considerare. Come cercate di ridurre al minimo il vostro impatto sull'ambiente?

"Lavoriamo a stretto contatto con la fabbrica su tutto ciò che produciamo per assicurarci che sia il più sostenibile ed etico possibile. Gli anelli che mio padre aveva originariamente realizzato con il corallo sono stati sostituiti con la corniola [una pietra preziosa semi-preziosa]. Sto anche introducendo più oro riciclato nelle collezioni".

Ha qualche consiglio su come abbinare i gioielli?

"Non mi piace che le cose siano troppo elaborate o troppo sensate. Indosso anelli con un ciondolo e una collana che non si abbinano, e li abbino al denim o a una felpa". Tutti i vestiti nel servizio fotografico per la Serie 02 erano miei, quindi è tutto molto personale".

Cosa vuole che la gente pensi quando acquista uno dei suoi pezzi?

"Mi piace che le persone si interessino alla storia che sta dietro ai miei pezzi; che capiscano che possono mescolarli con oggetti che già possiedono; che comprino con l'intenzione di passarli alle generazioni future. Voglio essere come il gioielliere di famiglia da cui si va con i gioielli della nonna da modificare. Ecco perché tutto è pensato, anche la carta del packaging e delle buste, fatte con camicie di cotone riciclato e cucite da un sarto di Londra. Di solito viaggio molto, quindi mi piace pensare anche a come le persone trasportano i loro gioielli".

La Serie 02 di Ilaria Icardi sarà disponibile da inizio settembre su Ilariaicardi.com

LEGGI ANCHE

I gioielli più belli visti sul red carpet del Festival di Cannes 2021

Tonya Lewis Lee in Boucheron

Andreas Rentz

Bella Hadid in Schiaparelli (abito e collana), orecchini Chopard

Mike Marsland

Jodie Turner-Smith in Gucci

Daniele Venturelli

Anna Cleveland in Bulgari

Pascal Le Segretain

Huang Miyi in Dior Joaillerie

Vittorio Zunino Celotto

Timothée Chalamet con gioielli Cartier e Tilda Swinton con un anello Chanel

Mike Marsland

Vicky Krieps in Tatiana Verstraeten

VALERY HACHE

Taylor Hill in Messika

Daniele Venturelli

Regina King in Boucheron

Daniele Venturelli/amfAR

Natasha Poly in Chaumet

Lionel Hahn

Emma Thynn, marchesa di Bath, in Pomellato

Stephane Cardinale - Corbis

Maggie Gyllenhaal in Chopard

Andreas Rentz

Li Meng in Bulgari

Stephane Cardinale - Corbis

Marion Cotillard in Chanel Fine Jewellery

Mike Marsland

Mélanie Laurent in Cartier

Lionel Hahn

Bella Hadid in Chopard

Stephane Cardinale - Corbis

Naama Preis in David Morris

Marc Piasecki

Sharon Stone in Chopard

Kevin Tachman/amfAR

Jodie Turner-Smith in Gucci

Dominique Charriau

Candice Swanepoel in Messika

Daniele Venturelli

Iris Law in Dior Joaillerie

Samir Hussein
Posted on 2 August 2021 | 1:26 pm

Se i Bennifer sono la coppia perfetta del 2021, i Reyvely, i Livenold, i BlaRya insomma Blake Lively e Ryan Reynolds sono la “nostra” coppia perfetta del decennio: uniti, felici, lontani dai paparazzi ma senza alcuna ostentazione di un'ossessione della privacy e soprattutto dotati di un'autoironia unica nel suo genere.

Ryan Reynolds e Blake Lively: le foto più belle

Ryan Reynolds e Blake Lively, 67° Cannes Film Festival
Ryan Reynolds e Blake Lively, 67° Cannes Film Festival
Splashnews
Al Metropolitan Museum of Art
Al Metropolitan Museum of Art
Splashnews
Splashnews
Splashnews
Hollywood Walk of Fame
Hollywood Walk of Fame
Splashnews
Getty Images
74° Annual Golden Globe Awards
74° Annual Golden Globe Awards
Splashnews
Met Gala 2017
Met Gala 2017
Splashnews
Splashnews
2018
2018
Splashnews
Splashnews
Splashnews
Splashnews
Alla Premiere di 'Pokemon Detective Pikachu', 2019
Alla Premiere di 'Pokemon Detective Pikachu', 2019
Splashnews
74° Golden Globe Awards
74° Golden Globe Awards
Splashnews
Gli auguri/presa in giro di Ryan a Blake nel 2019
Gli auguri/presa in giro di Ryan a Blake nel 2019
Instagram
Blake Lively e Ryan Reynolds alla presentazione di Lanterna Verde, il film in cui si sono conosciuti
Blake Lively e Ryan Reynolds alla presentazione di Lanterna Verde, il film in cui si sono conosciuti
Splashnews

Un'ironia che non risparmia davvero nulla, nemmeno gli anniversari importanti come quello dei 10 anni dal loro primo appuntamento che è diventata occasione, nemmeno a dirlo, di un trolling "incrociato" tra i due attori sui loro social network. Location della disfida a colpi di sfottò, il ristorante giapponese O Ya di Boston che, a quanto pare, è stato parte integrante del "colpo di fulmine" tra Blake e Ryan. 

© Instagram/Blake Lively
© Instagram/Blake Lively


Come ha scritto l'attrice di Gossip Girl: "Se non fosse stato per questo locale. Non saremmo insieme. Senza scherzi". Alla dichiarazione romantica ha fatto il paio, ovviamente, la solita reynoldsata (neologismo che indica una battuta folgorante e dissacrante): "Lei nel nostro ristorante preferito in compagnia della sua quarta scelta di ragazzo".

©Instagram/Vancityreynolds
©Instagram/Vancityreynolds

Tra gli altri scambi di battute che si sono tenuti in merito all'anniversario va sottolineata anche la straordinaria onestà, che poi diventa verità assoluta e universale, della Lively che ha commentato "10 anni dopo. Usciamo ancora con il nostro "primo appuntamento". Solo con scarpe MOLTO più comode".

© Instagram/Blake Lively
© Instagram/Blake Lively

Ma come sono stati gli inizi della coppia? A darne un racconto (chissà quanto attendibile) è stato proprio Reynolds il quale ha raccontato ai microfoni del podcast Smartless che, dopo essersi incontrati sul set di Green Lantern ed essere diventati amici, i due si sono solo sentiti "occasionalmente e casualmente" fino a un'uscita insieme in cui però, ognuno di loro frequentava già qualcun altro. "Eravamo amici e colleoghi e circa un anno e mezzo dopo [Green Lantern] siamo usciti per un doppio appuntamento ma uscivamo con persone separate". Galeotto fu quindi un viaggio verso Boston: "Lei stava andando a Boston, io stavo andando a Boston e ho detto: "Beh, vengo con te". Siamo saliti sul treno e abbiamo viaggiato insieme", ha spiegato l'attore di Deadpool. "Di fatto la stavo solo pregando di dormire insieme".

Ryan Reynolds e Blake Lively

Ryan Reynolds Honored With Star On The Hollywood Walk Of Fame

Ryan Reynolds e Blake Lively
Axelle/Bauer-Griffin

Continua quindi il "tour" romantico di Ryan Reynolds e Blake Lively: a maggio, infatti, l'attrice ha voluto fare un regalo molto speciale al marito, portandolo allo stadio per il suo Home Run Derby a New York, il tutto condito, come sempre, con una grande dose di divertimento per loro e per chi ha osservato, dai social, la cronaca dell'evento. Come sempre, d'altro canto. 

Posted on 2 August 2021 | 12:18 pm

Il photo shoot della storia di copertina a Napoli ha coinciso con la celebrazione della vittoria dell’Italia all’Europeo di calcio. Durante lo shooting Ferdinando Verderi, direttore creativo di Vogue Italia, ha chiesto a Mona Tougaard, la modella della cover, di raccontare la sua esperienza napoletana conclusa con una notte di festeggiamenti in strada. Lei l’ha tradotta in una poesia.

We run we fight we win

Getting glimpse of smiles, letting tears fall

And letting our spirit rise

Napoli ohh Napoli you made me see

The crazy side of paradise

Flags laying down on the street at night with men dancing and women patiently waiting

We heard them say po po po po po po po

Animals seen for the first time

And it’s all gonna be fine

Italy why so loud I can’t sleep in this line

Bags getting grabbed women running as fast as they can

Miracles happened in the night of Napoli’s light

We call it hot mess

Say less say less

Foto in apertura: Mona Tougaard è una modella danese di orgini somale, etiopi e turche. Dopo aver vinto a soli 15 anni il contest Denmark’s Elite Model Look,  nel 2019 ha debuttato sulla passerella di Prada e da allora è uno dei volti più interessanti e richiesti dai magazine internazionali e dai brand più prestigiosi. Turtleneck di lurex, minigonna di tweed con dettagli faux fur, cintura a catena e collana con strass. Tutto Saint Laurent by Anthony Vaccarello.

Posted on 2 August 2021 | 12:00 pm

Può una storia avere interesse globale, pur essendo fortemente radicata in un luogo specifico? Essere aperta al mondo e assieme orgogliosamente locale? Ci interroghiamo da tempo su quale sia il giusto equilibrio per un giornale come il nostro, che si è sempre fatto vanto del suo respiro internazionale, e che ha la fortuna di avere un pubblico in molti Paesi lontani. Una comunità che lo segue con affetto per la sua tradizione, certo, ma mi piace pensare anche e forse proprio per la parola Italia inscritta nel logo: una dichiarazione di intenti che dice chi siamo, cosa ci piace e cosa no.

Negli ultimi mesi, limiti e divieti con cui tocca convivere ci hanno spinto a dare valore a cose, e luoghi e storie appunto, che per uno strano difetto ottico erano forse troppo vicine perché potessimo apprezzare fino in fondo. Costretti a rinunciare ai grandi viaggi, abbiamo tutti riscoperto quanta bellezza avessimo a portata di mano – e per noi italiani, va detto, non è stato difficile. Anche i brand, dopo anni in cui le scelte di stile rispondevano a esigenze e gusti di viaggiatori che venivano da lontano, sono oggi al lavoro per ricostruire i rapporti con le proprie clientele locali: meno numerose e propense all’acquisto compulsivo, e però colte e fedeli, l’indispensabile piedistallo su cui poggia ogni piano di sviluppo internazionale.

Così è nato questo numero, un altro esperimento, una nuova piccola prima volta. Si occupa infatti dalla prima all’ultima pagina di un singolo luogo, a noi molto vicino, unico al mondo e senza dubbio speciale. Napoli non lascia indifferenti – suscita emozioni forti e per sua natura non può piacere a tutti. Ma è imprevedibile ed esplosiva, è città-mondo. La raccontiamo come terreno in cui germogliano da sempre semi di diversità e inclusività, e che oggi è fertile per nuove esperienze artistiche di respiro internazionale, in una felice sintesi di iper-localismo e apertura all’altrove che è propria di ogni grande città del Sud, e che i social network e i nuovi media proiettano lontano. Non troverete la Napoli da cartolina, ma scorci di vita vera, di bellezza e stile. Con un’avvertenza. Abbiamo scelto di non parlare dei suoi molti, noti problemi, perché non è il nostro mestiere. Ma a ben guardare l’abbiamo fatto in via indiretta, dando voce a persone che da qui a un certo punto della vita hanno deciso di partire, eppure fatalmente vi fanno ritorno, portando il loro contributo a una stagione nuova.

Alla fine, comunque e soprattutto, volevamo regalare a chi ci legge e guarda da lontano qualche angolo di cielo italiano e il profumo della nostra estate, molto attesa e mai come quest’anno senza dubbio meritata.

English text at this link

Posted on 2 August 2021 | 12:00 pm

Can a story be of global interest even if it’s firmly rooted in a specific place? Can it be open to the world as well as proudly local? For some time, we’ve been reflecting on what the right balance might be for a magazine like ours, which has always taken pride in its international scope, and is privileged to count readers in many distant countries. Certainly, it’s a community that fondly follows this publication because of its prestigious tradition. But I like to think the reason is also, or maybe especially, the word “Italia” inscribed in its logo: a declaration of intent that says who we are, what we like and what we’d don’t.

In recent months, the restrictions and bans that we’ve learnt to live with have compelled us to give greater value to things that previously, due to some strange optical defect, were perhaps too close for us to be able to fully appreciate them. Forced to abandon our longer-distance travels, we’ve all rediscovered how much beauty we had at our fingertips – and for us Italians it must be said that it hasn’t been difficult.

Brands are also experiencing a similar shift in perspective. After years of making stylistic choices aimed at satisfying the demands and tastes of travellers hailing from faraway lands, they are now working towards rebuilding their relationships with local consumers. This type of clientele may be reduced in size and less inclined to buying on impulse, but it is also cultured and loyal, the indispensable pedestal underpinning every plan for international development.

These considerations have inspired this issue, which is a new experiment, another small first. From cover to cover, it focuses on a single place that is very close to us, and yet unique in the world and undoubtedly special. Naples leaves nobody indifferent. It arouses powerful emotions, and by its very nature it can’t appeal to everyone. But it is unpredictable and explosive, a world within a city. We describe it as a place where the seeds of diversity and inclusivity have always germinated, and which today is a fertile ground for new artistic experiences with an international reach. These creative developments are taking root with a felicitous fusion of hyper-localism and openness to elsewhere, a quality that distinguishes every great southern capital, and which social networks and new media are projecting far and wide.

On these pages you won’t find the Naples of picture postcards, but rather glimpses of real life, beauty and style. There’s just one cautionary note. We have chosen not to talk about its many well-known problems, because that’s not our profession. But looking closely, we’ve touched on the city’s troubles indirectly, by giving voice to people who, at a certain point in their lives, decided to leave this place, yet fatally they have returned, bringing their contribution to usher in a new season.

In any case, and above all, we wanted to offer a few pieces of Italian sky to everyone who reads and watches us from afar. Hopefully you’ll breathe the fragrance of our long-awaited summer, which has never been more well-deserved than this year.

Posted on 2 August 2021 | 12:00 pm

The Napoli Issue

Questo mese raccontiamo un luogo che non conosce pregiudizi, che oggi come ieri accoglie scrittori, artisti, filosofi. Un laboratorio multiculturale ribollente e imprevedibile, grazie ai contrasti che ospita. Misterioso e magico. Ma soprattutto libero: che quindi sarebbe un errore provare a rinchiudere in una definizione.

PHOTOGRAPHER: Colin Dodgson 
TALENT: Mona Tougaard @ Next 
STYLIST: Francesca Burns

Turtleneck di lurex, minigonna di tweed con dettagli faux fur, cintura a catena con strass, décolleté allacciate alla caviglia e orecchini in ottone con perle e pietre.
Tutto SAINT LAURENT BY ANTHONY VACCARELLO.
Sul viso, Le Cushion Encre de Peau, n. 15, YVES SAINT LAURENT BEAUTY. HAIR: Louis Ghewy @ Management Artist. MAKE-UP: Celine Martin @ Artlist.

Il murale sullo sfondo, recuperato di recente dall’artista Salvatore Iodice con una campagna di crowdfunding, è opera di un tifoso, scomparso prematuramente, che volle omaggiare Diego Armando Maradona. Un ringraziamento speciale al Comune di Napoli, all’Assessorato al Verde con Delega alla Creatività Urbana, al Tavolo Interassessorile per la Creatività Urbana e a Salvatore Iodice.

Il nuovo numero di Vogue Italia è in edicola dal 4 agosto

Posted on 2 August 2021 | 12:00 pm

Mona e Jean a Napoli è il titolo dello shooting di Colin Dodgson per il numero di agosto di Vogue Italia. Lo styling è stato affidato a Francesca Burns

Ecco alcuni scatti tratti dal servizio.

Abito di tulle, Molly Goddard; intimo, Base Range; stivali in nappa stretch bicolore, Prada.
Abito di tulle, Molly Goddard; intimo, Base Range; stivali in nappa stretch bicolore, Prada.
Colin Dodgson
Body e pantaloni di nylon trapuntato, Miu Miu.
Body e pantaloni di nylon trapuntato, Miu Miu.
Colin Dodgson
Abito a pieghe di lino e cotone tecnico, Loewe.
Abito a pieghe di lino e cotone tecnico, Loewe.
Colin Dodgson
Abito di crêpe di cotone, JW Anderson; stivali di nappa stretch bicolore, Prada.
Abito di crêpe di cotone, JW Anderson; stivali di nappa stretch bicolore, Prada.
Colin Dodgson
Abito drappeggiato, Renaissance Renaissance; pantaloni di tessuto tecnico, Supriya Lele. Sabots di pelle conciata al vegetale, Bottega Veneta.
Abito drappeggiato, Renaissance Renaissance; pantaloni di tessuto tecnico, Supriya Lele. Sabots di pelle conciata al vegetale, Bottega Veneta.
Colin Dodgson

Crediti moda:
Photography by Colin Dodgson
Styling by Francesca Burns
Models: Mona Tougaard @ Next, Jean Campbell @ Viva
Hair: Louis Ghewy @ Management Artist
Make-up: Céline Martin @ Artlist 
On Set: Teresa Salvatrice Productions
In tutto il servizio: calze, Falke

In apertura: abito di sablé e jacquard, Prada; headpiece, vintage Rick Owens da Rellik London.

Sfogliate il servizio sul numero di agosto di Vogue Italia, in edicola dal 4 agosto

Per abbonarti a Vogue Italia, clicca qui   

Posted on 2 August 2021 | 12:00 pm

LuisaViaRoma ha organizzato a Capri un gala esclusivo per la raccolta fondi UNICEF a sostegno dei bambini bisognosi: quest'anno l'appuntamento è stato ancora più generoso, infatti una parte del contributo sarà devoluta per il restauro della Cerosa di Capri. “Nel corso degli anni, la nostra partnership con l’UNICEF è sempre stata incentrata sull’obiettivo comune di aiutare i bambini vulnerabili. Le sfide globali dello scorso anno hanno rafforzato il nostro impegno in tal senso" - . Andrea Panconesi - CEO di LuisaViaRoma - "Noi, come azienda, dobbiamo sensibilizzare le persone sull’entità di questi problemi sociali, cercando di generare un impatto positivo. Sono onorato di contribuire a questo sforzo collettivo per sostenere questa causa vitale”.

L'asta 2021 è stata anche l'occasione per l'esibizione live di Katy Perry, il pluripremiato ai Grammy Awards John Legend: sull'isola italiana sono anche arrivati Vanessa Hudgens, Heidi Klum, Natasha Poly, Jon Kortajarena, Cindy Bruna, Jasmine Sanders, Mariacarla Boscono, Maria Bakalova, Frida Aasen, Lais Ribeiro e Karolina Kurkova.

Qui sotto le foto di Vogue realizzate da Luca Possiede che ritraggono le celebrity internazionali protagoniste della serata.

Alex Mariah Peter

Lucas Possiede

Amina Muaddi

Lucas Possiede

Chrissy Teigen, John Legend

Lucas Possiede

Cindy Bruna

Lucas Possiede

Clara Soccini

Lucas Possiede

Emily Ratajkowski

Lucas Possiede

Fiammetta Cicogna

Lucas Possiede

Frida Aasen

Lucas Possiede

Giorgia Tordini

Lucas Possiede

Hana Cross, Chiara Sampaio

Lucas Possiede

Heidi Klum

Lucas Possiede

Jessica Wang

Lucas Possiede

Karolina Kurkova, Jon Kortajarena

Lucas Possiede

Katy Perry

Lucas Possiede

Lais Ribeiro

Lucas Possiede

Lena Perminova

Lucas Possiede

Leni Klum, Bill Kaulitz

Lucas Possiede

Louisita Cash

Lucas Possiede

Madame

Lucas Possiede

Madame, Sangiovanni

Lucas Possiede

Natasha Poly

Lucas Possiede

Nicky Hilton

Lucas Possiede

Orlando Bloom

Lucas Possiede

Sabrina Elba, Edward Enninful, Eiza Gonzales

Lucas Possiede

Sofia Resing

Lucas Possiede

Rina Kunakey

Lucas Possiede

Vanessa Hudgens

Lucas Possiede
Posted on 2 August 2021 | 11:34 am

Lady Gaga punta sul vestito corto elegante per l'estate 2021: dall'abito viola firmato Valentino haute couture al tubino nero di Andrew Gn.

L'abito a mantella (cortissimo) di Valentino: l'ultimo statement look di Lady Gaga in attesa del concerto al Radio City Hall

Le ultime uscite di Lady Gaga sono delle vere e proprio passerelle che catturano l'attenzione: l'ultima settimana la cantante è a New York in vista del concerto con Tony Bennet al Radio City Hall e, in attesa della performance, ci ha deliziato con una serie di look d'effetto: pensiamo all’abito rosa a pois o al tubino con bottoni oro, entrambi firmati Alexandra Rich

L'ultimo outfit è uno dei più audaci: stiamo parlando del vestito corto elegante taglio mantella di Valentino haute couture della collezione Des Ateliers. Il capo è dell'ottavo look di sfilata ed è completato da un esuberante cappello di Philip Treacy per Valentino. Il mini dress non presenta maniche o tagli per far passare le mani e, così, Lady Gaga è rimasta fedele allo styling della sfilata indossando un paio di guanti color lime. 

Valentino Des Ateliers
Valentino Des Ateliers

L'outfit è stato completato dagli occhiali da sole a mascherina con lente a specchio purple e da un paio di sandali slides per ottenere un effetto nude.

Tubino nero: il little black dress di Lady Gaga che ci ha fatto dimenticare quello di Audrey Hepburn

Il tubino nero è uno dei capi più “sicuri” del guardaroba femminile: essenziale, versatile e sempre elegante, da buon evergreen non conosce età e sa adattarsi alla contemporaneità con nuovi dettagli. Lo conferma Lady Gaga con l'ultimo look, caratterizzato da un little black dress firmato Andrew Gn, un modello che ci ha fatto dimenticare l'iconico vestito di Givenchy disegnato per Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany

Colazione da Tiffany

Holly At Tiffany's

Colazione da Tiffany
Paramount Pictures / Getty Images

Non solo per l'occasione cocktail, Lady Gaga con il suo ultimo look ci ha dimostrato che il classico tubino nero può diventare un "pretty eventing dress" grazie alla lunghezza ridotta e alla linea asciutta. 

Aderente, appena scampanato e con la manica corta, il little black dress scelto dalla cantante e attrice ( non vediamo l'ora di vederla in House of Gucci) è firmato Andrew Gn, lo stilista collezionista, amante dell'arte e dell'antiquariato ( i suoi insegnati sono Romeo Gigli, Gianfranco Ferrè e Anna Piaggi). Il suo, infatti, non è il solito tubino nero.

Il capo mostra diversi elementi che si rifanno all'immagine della Regina Anna della Gran Bretagna, ritratta sul grande schermo nel film del 2018 La favorita, del regista Yorgos Lanthimos. Il little black dress è infatti caratterizzato da un ampio colletto bianco di macramè, mentre la parte centrale è puntinata da importanti bottoni che ricordano le spille seicentesche che adornavo gli indumenti dei reali britannici: ben 5 dettagli gioiello caratterizzati da cristalli, perle e placche simil ardesia. 

Celebrity Sightings In New York City - July 30, 2021

Gotham
Posted on 2 August 2021 | 10:39 am

Si fa presto a dire acqua sulfurea. Se da una parte a fine luglio Montecatini Terme, uno dei luoghi storici italiani, è stato dichiarato patrimonio Unesco, dall’altra un paio di mesi fa è partito il nuovo Progetto del Turismo del Benessere, una piattaforma che riunisce l’intero sistema nazionale, dalla Sicilia alla Valle d’Aosta, per permettere a chi consulta una visione completa in base alla quale scegliere località e trattamento. 

Insomma, terme&spa sono più che mai vitali in questo periodo, nonostante chiusure, riaperture e green pass. I dati parlano chiaro: nel mondo la domanda di benessere sta crescendo a due cifre e in Italia ci sono circa trecento strutture in tutto il territorio. Certo, la voglia di dedicarsi tempo e attenzioni è elevata, ma l’acqua sulfurea e termale è davvero efficace per il benessere di pelle e capelli. Essendo ricca di componenti preziosi per la cute, svolge un’azione ancora più lenitiva e indicata anche in caso di disturbi. 

“L’Italia, dalle Alpi alla Sicilia, è uno dei paesi più ricchi: le acque vengono classificate in base alla temperatura della fonte, al contenuto salino totale e al tipo di minerali”, dice Maria Gibilaro, medico e direttore sanitario presso il Sorriso Thermae Resort and Spa di Ischia. “La nostra isola, per esempio, produce acqua vulcanica che scende sotto terra, e, quando risale, a contatto col magma si arricchisce dei minerali del sottosuolo, oltre che di micro-alghe, ad azione lenitiva e idratante”. 

Viene considerata salso-bromo-iodica, utile per stimolare la circolazione, mentre le terme di Comano in Trentino sono caratterizzate da un’acqua bicarbonato-calcica-magnesiache, adatta per curare le patologie cutanee, come la psoriasi e la dermatite atopica.  “L'acqua sulfurea- solfata, che si trova a Saturnia, è un toccasana per la pelle, soprattutto quella grassa, perché esfoliante e stimolante del turn-over cellulare”, continua l’esperta. 

“In Israele, invece, le fonti contengono la microalga dunaliella, che diventa rosa quando viene scaldata dal sole, ed è ricca di betacarotene, precursore della vitamina A, vero e proprio antiaging”. Tutti questi sono gli ingredienti-star della cosmetica termale, che è una delle più efficaci e all’avanguardia. Uno dei must è l’acqua in spray, che è un jolly nella beauty routine per le sue proprietà idratanti, rinfrescanti e lenitive. Viene definita dalla località di provenienza che a sua volta vanta tipicità ben definite. 

Quella di Uriage, per esempio, originaria della zona di Grenoble dove si trova lo stabilimento che al tempo della Belle Epoque era frequentato da Coco Chanel e Maurice Chevalier, fu scoperta dagli Antichi Romani. 

Acqua termale Uriage

uriage

Acqua termale Uriage

Emerge da una fessura di ottanta metri a una temperatura di 27 gradi e viene raccolta al riparo di ogni inquinamento: per questo è isotonica, cioè in perfetto equilibrio osmotico con le cellule della pelle e particolarmente adatta nei casi di cute reattiva e sensibile. Non solo: contiene, rispetto alle acque termali usate in dermatologia, la più alta percentuale di sali minerali e oligoelementi: 11.000 milligrammi/litro. 

L'Eau d’Avène proviene dalla sorgente di Sainte Odile ed è classificata come un’acqua mineralizzata di natura bicarbonato-calcio-magnesiaca. Colpisce per l’abbondanza e la costanza della sua portata (settanta metri cubi all’ora) ed è indicata soprattutto per la cura di eczemi e di dermatite atopica, anche nei bambini. 

Acqua termale Avène
Acqua termale Avène

Nel centro termale di La Roche-Posay, considerato il più importante in Europa nel campo dermatologico, ogni anno si curano circa ottomila pazienti: la metà circa soffre di dermatiti atopiche ed eczemi, il 35 per cento di psoriasi, il 10 di cicatrici e ustioni, il 5 di acne. Merito della sua acqua che associa le proprietà di due tipi diversi: un’acqua piovana ricca di selenio (dalle caratteristiche anti-ossidanti) e una che scorre molto in profondità, poco mineralizzata, bicarbonato-calcica-silicatica, che rispetta l’equilibrio fisiologico della pelle sensibile

Acqua termale La Roche Posay

La Roche Posay

Acqua termale La Roche Posay

Famosa è l’acqua di Vichy che proviene da quindici fonti diverse ed è una delle più mineralizzate della Francia: vanta una concentrazione di diciassette sali minerali e tredici oligoelementi che attivano il metabolismo cutaneo. Per questo è indicata, come dimostrano molti test scientifici, per tutte le patologie dermatologiche. 

Acqua termale Vichy

vichy

Acqua termale Vichy

Anche nell’haircare l’acqua termale è un ingrediente fondamentale. “In particolare quella delle Terme di Giunone (a Caldiero, in provincia di Verona) è bioattiva, perché ricca di ioni, sali minerali e oligoelementi in concentrazioni elevate», spiega Maria Teresa Rigione, cosmetologa, tricologa specializzata in termalismo e responsabile scientifico Thermal. ”Contiene bicarbonato, magnesio e potassio, dall’azione lenitiva e rimineralizzante. È indicata in caso di eczemi, dermatiti, allergie cutanee e seborree, perché purifica il cuoio capelluto, mentre svolge un’azione rigenerante sullo stelo". In altre parole, indispensabile per una chioma glossy& shine.

Posted on 2 August 2021 | 9:28 am

Immersa nella letteratura fin dall'infanzia, è con una facilità naturale che Charlotte Casiraghi quest'anno, si occupa del club letterario fondato per la maison Chanel, di cui è ambasciatrice e portavoce. Durante questi rendez-vous letterari, Charlotte, laureata in filosofia, fa incontrare un autore e una personalità pop per un talk sull'opera dello scrittore ospite o su quella di altre pesonalità storiche o contemporanee che la ispirano. Nel bel mezzo dell'estate, Charlotte Casiraghi condivide con noi le sue cinque letture per le vacanze, da infilare in valigia prima della grande partenza.

Blonde di Joyce Carol Oates (La Nave di Teseo)

Questa biografia cult fa di Marilyn Monroe un'eroina tragica, la cui vita interiore è tratteggiata dall'autore con una sensibilità inquietante. Un'epopea ipnotica e fantasticata di una leggenda plasmata e soffocata da Hollywood. Un bestseller che è stato ristampato molte volte, da cui l'omonima serie Netflix di prossima uscita, con Ana de Armas nel ruolo di Marilyn.

Parlarne tra amici di Sally Rooney (Einaudi)

Se vi siete persi il fenomeno Sally Rooney, è il momento di recuperare durante le vacanze. La "Salinger della generazione Snapchat", come è conosciuta nel mondo letterario, ha raggiunto la fama proprio con questo suo primo romanzo, Parlarne tra amici, in cui esplora le preoccupazioni della sua generazione e "i problemi del mondo", con una precisione a volte inquietante. Nel libro, esamina i "codici" che regolano le relazioni umane nell'epoca dei social network, delle crisi economiche e del riscaldamento globale con una precisione a volte disarmante. È un vero piacere stare a guardare il divertente ménage à quatre tra due amiche ed ex amanti, Frances e Bobbi, Melissa, una fotografa di una certa età, e Nick, suo marito e famoso attore.

The Cost of Living di Deborah Levy (non c'è versione italiana)

Dopo un divorzio incasinato, Deborah , 50 anni, si ritrova a crescere le sue due figlie da sola in un piccolo appartamento in collina a nord di Londra. Vuole ricostruire la sua vita e vivere finalmente secondo le sue regole e i suoi desideri. Ma la libertà non arriva così facilmente in questa società patriarcale e subdola. Vincitrice in Francia del Prix Femina Étranger 2020, Deborah Levy racconta la sua storia con arguzia e umorismo in questo libro smaccatamente autobiografico.

L'Eptameron di Marguerita di Navarra (Einaudi solo tra i libri usati)

All'incrocio tra Montaigne e Rabelais , L'Heptaméron è una raccolta di racconti "all'italiana" scritti da Margherita di Navarra, sorella di Francesco I e patrona delle arti che nel corso dei secoli è diventata un grande classico della letteratura rinascimentale francese. Contiene 72 storie burlesche e drammatiche raccontate da 10 oratori per passare il tempo, mentre sono reclusi in un'abbazia a causa di un'inondazione.

Grand Union di Zadie Smith (Mondadori)

Zadie Smith passa dal romanzo al racconto in questa prima raccolta, che attraversa soggetti, registri e punti di vista. L'autrice ritrae ciascuno dei suoi personaggi con una precisione rara e la storia di ognuno risuona con tutti noi. Divertente, lucido e liberatorio, Grand Union interroga i patrimoni, le relazioni familiari e la condizione femminile, attraverso gli occhi di donne diverse, giovani e meno giovani, nere, amanti o madri... Sublime.

Potete trovare su Vogue.it anche:

Libri estate 2021: i consigli degli editor di Vogue
A fuoco lento: un libro d'amore e cucina
Libri Giugno 2021: le uscite da non perdere secondo gli editor di Vogue

Posted on 2 August 2021 | 9:24 am

Con l'inizio dell'emergenza Covid-19, lo scorso marzo, per il mondo della musica si è profilato uno scenario apocalittico: locali chiusi, tour degli artisti annullati, festival e uscite discografiche rinviati. Fortunatamente, mentre noi eravamo rintanati in casa per evitare la crescita esponenziale dei contagi, gli artisti si sono chiusi nei propri studi discografici e hanno prodotto della musica fantastica, proprio nel momento in cui ne avevamo più bisogno. L'immediato futuro di concerti, club e festival è quanto mai incerto: è impossibile prevedere quando potremmo rivedere dal vivo le performance dei nostri beniamini. Ecco perché, come nello scorso anno, vi è la necessità di ospitare sulle pagine di Vogue.it uno spazio dedicato alle nostre release preferite. In attesa di poterle ballare di nuovo abbracciati.

KID BRUNSWICK - XFOREVER

Come è nato XFOREVER, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
XFOREVER è stato scritto nell'arco di un periodo di quattro anni. Ho scritto Bipolar Rhapsody nel 2018, che in un certo senso ha posto le basi e la traiettoria di me come artista, ma ho finito quella canzone in concreto l'anno scorso durante la pandemia. Ho scritto questo progetto in più studi, camere da letto e, più recentemente, in un capannone nel retro della mia attuale casa. Il mixtape è una pagina di diario: ogni canzone è in prima persona, l'intero progetto tratta argomenti che ho vissuto. Significa molto per me, perché un sacco di sangue, sudore e lacrime sono finiti in questo lavoro. 

Come descriveresti questo album, dal punto di vista musicale? 
Immagino di presentarmi come artista in questo progetto e di far sapere alla gente cosa ho da dire. Spero che i miei testi creino una connessione con le persone. Il sound di questo disco è Rhythm & Grunge: questo è l'unico modo in cui posso descriverlo a qualcuno che non l'ha ancora sentito. 

Kid Brunswick @ Daniel Mutton
Kid Brunswick @ Daniel Mutton

In XFOREVER hai collaborato con Mike Shinoda. Com'è stato lavorare con una leggenda come Mike? 
Non mi sembra ancora vero. Sono un grande fan dei Linkin Park, quindi ricevere anche solo un qualsiasi tipo di riconoscimento da Mike sarebbe stato più che sufficiente per suggellare la mia carriera di artista, figuriamoci lavorare con lui?! È pazzesco. La prima volta che gli ho parlato su FaceTime sono scoppiato a ridere perché era davvero strano. Quando mi sono calmato abbiamo fatto una lunga chiacchierata sulla musica e su questo progetto. Per i due mesi successivi abbiamo messo a punto il resto del mixtape e fissato una data di uscita. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare XFOREVER? 
A chiunque legga questo.

JOHN GLACIER - SHILOH: LOST FOR WORDS

Come è nato SHILOH: Lost For Words, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? SHILOH: Lost for Words è nato perché doveva essere pubblicato.  È stato prodotto da un cumulo di emozioni che dovevo ancora articolare e rimodulare in qualcosa di tangibile. Shiloh - per me - significa chiusura, ma anche nuovi orizzonti, e che trionfi la pace. Questo progetto è anche sul riprendere il controllo e sull'essere responsabile del mio destino. Sebbene il processo preveda alcuni ostacoli, cerco di vedere la vita come una serie di esperienze di apprendimento che inevitabilmente mi porteranno dove dovrei essere. 

Come descriveresti questo nuovo progetto, dal punto di vista musicale? 
Descriverei il progetto come evoluzione - per non sembrare arrogante. Ogni traccia è uno spazio mentale diverso da quello successivo: i classici alti e bassi della vita. A volte, per evolvere, dobbiamo tornare indietro di qualche passo o due, e sento che è quello che fa la musica. È come cercare da dove tutto è cominciato, per capire come sei arrivato al punto in cui ti trovi attualmente, con la speranza di trovare una nuova strada da percorrere. Questo è l'unico modo in cui potrei descriverlo - dato che non direi che c'è necessariamente un genere che vale per tutti - l'unica coerenza è che è espresso sotto forma di rap, e che è tutto brutalmente onesto, ma delicato. 

John Glacier @ Udoma Janssen
John Glacier @ Udoma Janssen

C'è una traccia che ha una bella storia da raccontare? 
Green Elephants Freestyle ha una bella storia, dato che prima di registrarla non avevo ancora sentito il beat. Vegyn stava suonando un po' di roba e gli ho chiesto se poteva soffermarsi su quella che stava riproducendo, ma di non farmi ascoltare il resto, perché volevo la libertà di registrare senza sapere dove sarebbe arrivato il beat. E poi Platoon, perché la prima strofa è in realtà una preghiera che ho scritto per mio fratellino. 

Con chi (e come) hai collaborato? 
Questo progetto include la produzione di tre produttori di talento, tutti speciali nel loro passaggio: Holly, ensemble psichedelico e Vegyn. Il progetto stesso è stato registrato nello studio londinese di Vegyn, dove abbiamo passato molto tempo a fare cose. La produzione di Holly e psichedelico erano beat che mi hanno gentilmente inviato mentre lavoravamo insieme da un po'... e il resto è più o meno storia. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare SHILOH: Lost For Words? 
SHILOH è dedicato a SHILOH . È una dichiarazione di pace.

MARISA MONTE - PORTAS

Come è nato Portas, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
Portas è stato registrato nel periodo tra novembre e marzo 2021, quindi tutto in questo periodo di isolamento e di pandemia. Abbiamo modificato molto il progetto originale di produzione: prima la vita consisteva in viaggiare per andare a New York, poi in Spagna per registrare la seconda traccia, eccetera. Non è stato ovviamente possibile procedere in tal senso, quindi abbiamo utilizzato un metodo di produzione ibrido. Abbiamo fatto registrazioni a Rio dal vivo e anche registrazioni virtuali con musicisti da New York, Los Angeles, Madrid, e Lisbona. Ironicamente è stato il mio disco che ha avuto più collaborazioni internazionali, però ho registrato tutto a Rio da casa mia senza mai uscire né tantomeno viaggiare. Abbiamo avuto la necessità di essere creativi non solo per quanto riguarda gli arrangiamenti e i musicisti propriamente detti, ma anche per la difficoltà del momento e le limitazioni per gli incontri, per i viaggi e per i protocolli di sicurezza che abbiamo dovuto utilizzare per fare le registrazioni in sicurezza.

Come descriveresti questo nuovo progetto, dal punto di vista musicale? 
È impossibile parlare di musica brasiliana senza citare la varietà e la diversità. Il Brasile è grandissimo e ci sono molti stili musicali diversi all’interno dello stesso contesto culturale.  Io sono nata e cresciuta qui, ed è una cosa che si riflette nella mia personalità. Credo di aver dato voce a vari generi: non c’è uno stile musicale predominante, io sono una cantante della musica della tradizione, scritta per essere cantata. Credo di essere una cantautrice legata alle canzoni, con un’apertura alla diversità degli stili e dei ritmi e delle influenze - esterne ed interne - che abbiamo in Brasile. E credo che i punti di contatto tra queste canzoni siano la mia voce e le mie referenze. 

Marisa Monte @ Fernando Tomaz
Marisa Monte @ Fernando Tomaz

C'è una traccia dell'LP che ha un bella storia da raccontare? 
Sì, ma non è ancora uscita. Abbiamo registrato 18 canzoni per l’album, per ora ne sono uscite 16 e ce ne sono due che usciranno nei prossimi mesi. Una di quelle è scritta durante un viaggio in Sardegna fatto circa cinque anni: si intitola Vento Sardo e si riferisce al posto in cui eravamo. Parla della dinamica dell’aria e dei venti, che porta sempre la sensazione di un cambio costante della vita. 

Con chi (e come) hai collaborato per Portas? 
In questo album ci sono colleghi di lunga data, a cui sono legata e con cui mi piace lavorare. Artisti come Carlinhos Brown, Arnaldo Antunes, Dadi e altri; ma anche nuovi collaboratori, più giovani di me come Chico Brown, Flor, Pretinho da Serrinha, Silva che riflettono i miei nuovi incontri, le nuove affinità artistiche trovate. Il video ufficiale di Portas è invece stato diretto da Giovanni Bianco: è un mio amico da molti anni e avevamo già lavorato su altri progetti in passato. Volevamo lavorare ancora insieme e l’ho invitato qui a Rio per fare il videoclip. Abbiamo creato questo dialogo audiomusicale e audiovisuale, il cui messaggio è stato risaltato dalle immagini bellissime che ha creato. Giovanni è molto addentro al mondo della moda, e il suo approccio è stato per me una vera e propria porta d’ingresso a quell'universo. Abbiamo deciso di lavorare solo con designer brasiliani per dare spazio a giovani designer alternativi. Giovanni ha fatto una grande ricerca con la stylist anche su nomi brasiliani più affermati, in modo da trovare look che potessero identificare la mia cultura. La mia musica parla di scelte, decisioni, dubbi, opportunità, cambiamenti, passaggi e simboli che ci arrivano; e credo che Giovanni abbia fatto un ottimo lavoro traducendo questo linguaggio simbolico in immagini.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Portas? 
Mi piacerebbe che fosse rivolto a tutti coloro che hanno bisogno della musica come un aiuto ad elaborare le difficoltà della vita. Credo che la musica sia un metodo per processare i dolori, le perdite e le difficoltà della vita: quindi voglio dedicarlo a tutti quelli che hanno bisogno di un po’ di arte e musica per aprire le porte, sia interne sia quelle esterne.  

KETY FUSCO - MA GNOSSIENNE

Come è nata Ma Gnossienne e cosa rappresenta per il tuo percorso artistico?
Ma Gnossienne è nata dalla mia esigenza di sperimentare con il mio strumento principale, l'arpa elettrica: dei suoni diversi, e che non ci si aspetterebbe mai da un'arpa. Una volta campionati più di quattrocento suoni dalla mia arpa, mi sono chiesta in che modo avrei potuto legarli ad un brano strettamente connessi alla tradizione classica. Mi piacciono i contrasti, e volevo dare ad un brano così melodico come Gnossienne la mia identità musicale, non solo nell'esecuzione ma anche nella produzione.

Dal punto di vista musicale, come descriveresti la traccia?
Il mio singolo Ma Gnossienne è una traccia misteriosa: si addentra in un immaginario sonoro tetro ma non ti lascia una brutta sensazione, bensì ti spinge ad andare oltre e ad ascoltare quello che succede dopo. La melodia principale viene avvolta da un campionario di suoni pitchati che ricordano uno stormo di uccelli agli albori della migrazione. Tutto si evolve con un sound sempre più rigido: entra per esempio un vinile distorto sulle corde dell'arpa. Il finale, caratterizzato da un ritmo circolare che ti avvolge, ti trasporta e si dissolve lentamente, lasciando all'ascoltatore una sensazione di mancanza.

Kety Fusco @ Sebastiano Piattini
Kety Fusco @ Sebastiano Piattini

Partecipi al programma Keychange. Puoi dirci di cosa tratta il progetto e come tu sei coinvolta?
Keychange è un progetto internazionale che incoraggia festival, promoter, eventi e l'intera industria della musica, a dare gli stessi spazi e diritti a uomini, donne e minoranze di genere. Supportato dal Creative Europe Programme dell'Unione Europea, il movimento Keychange e il suo network hanno raggiunto un grande traguardo quest'estate, arrivando a coinvolgere cinquecento diverse organizzazioni musicali, che ora si stanno impegnando per la gender equality, attraverso il pledge di Keychange. Personalmente, non mi sembra vero che nel 2021 si parli ancora di discriminazione nell'ambito dei diritti delle donne: ho fondato e faccio la programmazione di un festival di musica sperimentale in Svizzera, e al mio festival ci sono sia donne che uomini a ricoprire ruoli importanti.

Finalmente si parla di nuovo di musica dal vivo. Dove possiamo vederti in concerto e che show porterai in tour? 
Si, sono entusiasta di continuare la mia tournée europea! Suonerò a partire da settembre 2021 in Francia, Germania, Austria, Inghilterra, Belgio e in Italia potete trovarmi a: Suoni Controvento di Gualdo Tadino l'8 agosto, il 9 al Cielo di Tuscolo di Roma e al Locus Festival di Locorotondo il 15 agosto. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Ma Gnossienne? 
Spero che Ma Gnossienne possa dare una visione diversa della musica in questo periodo storico. Ora più che mai la cultura ha bisogno di stimoli e per farlo la musica ha bisogno di un cambiamento. Bisogna andare oltre gli schemi e spingerci a riflettere e cercare nuovi soluzioni creative. Non bisogna adagiarsi su quello che piace o quello che è ovvio, rispettando a tavolino delle regole musicali. Bisogna avere coraggio, uscire dai propri spazi e dare vita a nuove soluzioni. Solo cosi un popolo si evolve e guarda avanti.

GUSGUS - MOBILE HOME

Come è nato Mobile Home, e cosa significa per voi e per il vostro percorso artistico? 
Durante la sua burrascosa esistenza, la band è cresciuta e si è ridotta nella composizione dei suoi membri, e ha avuto parecchie svolte dal punto di vista musicale, ma sempre all'interno dell'ambito della musica elettronica. Questo è poi diventato il concetto stesso della band: un act pop elettronico che esplora decenni di musica elettronica e le sue vaste influenze, fondendola con la nostra visione del pop moderno, con tutti i twist possibili. Quindi Mobile Home è iniziato come una ricerca su uno di quei percorsi elettronici del passato che sentivamo di dover ridecorare con uno dei nostri progetti, ovvero la new-wave della fine degli anni Settanta e dei primi anni Ottanta, o quanto meno la sua parte elettronica. È iniziato col nostro album Mexico nel 2014: una delle canzoni Sustain, è stata il risultato del riarrangiamento della struttura dell'arpeggio della traccia Sounds like a Melody di Alphaville, in una versione piuttosto oscura. A me e Daniel è piaciuta molto, Bongo la odiava. La traccia era anche molto più lenta rispetto alle altre che avevamo fatto negli album precedenti ed era molto new-wave. Ha toccato un nervo scoperto, poiché quel tipo di sound, rimodellato in arpeggi, è stato uno dei miei primi amori musicali da adolescente. Quando Bongo ha lasciato la band dopo l'uscita di Mexico, io e Daniel abbiamo sostanzialmente controllato la nave e abbiamo navigato verso quegli echi della mia adolescenza. Avvolgendo queste idee in un suono moderno, con alcune influenze italo-disco, abbiamo creato e pubblicato l'album Lies are more flexible, nel 2018. Ma le tracce più oscure su cui stavamo lavorando le abbiamo conservate per la uscita successiva, poiché abbiamo capito che questo percorso era lungo almeno due uscite. Quelle tracce che avevamo conservato sono quindi finite nel nuovo album, Mobile Home: una parte importante dell'album è il contenuto dei testi. È sempre stato un aspetto importante per noi, ma principalmente focalizzato sulla lotta dell'essere umano con le emozioni e l'esistenza. Questo album non fa eccezione, ma è composto da piccole storie che scorrono come un film verso la fine. Siggi Kinski che è stato con la band negli anni Novanta, ha lavorato con noi sui testi e questo ha davvero aumentato il raggio d'azione, la profondità e la qualità del progetto: per me questo album è il nostro lavoro più ambizioso. Forse un po' oscuro e inquietante per i ragazzini, ma chi è abituato alla malinconia dark degli anni Ottanta e Novanta lo può capire. 

GusGus @ Vidar Logi
GusGus @ Vidar Logi

Come descrivereste questo album, dal punto di vista musicale? 
Riecheggia molte referenze diverse del passato, dal punto di vista sonoro: Tangerine Dream, Gary Numan, Depeche Mode, OMD. C'è anche un pizzico di Italo-disco e si può notare una spolverata di Reggae e Prog-rock, ma il sound è moderno con un sapore Deep-Teck. C'è anche una certo richiamo alla musica folk, quindi ho soprannominato questa fusione di ingredienti passati e presenti, Electronic Country: nessuno sembra capire cosa intendo con questo termine, né a cosa io mi riferisca. 

Quale traccia ha un bella storia da raccontare? 
Penso che sia Higher: Margret Rán è una cantante che ha vinto gli award della musica islandese nel 2020 come miglior cantante femminile e per il suo album In The Dark con la sua band Vök. Avevo lavorato per questa band nel loro EP Circles, quindi già la conoscevo; ho preso parte al concerto di uscita di questo album all'inizio del 2019 e sono rimasto piacevolmente stupito da quanto fosse bello, e gliel'ho detto dopo lo show. Lei ha risposto: "Allora, quando farò una traccia con GusGus?". Dato che adoravo la sua voce ed ero ansioso di lavorare con lei, le ho detto che le avrei mandato alcuni demo. Le ho quindi inviato questo strano demo che era una specie di banger techno-reggae con sopra un hook di synth alla Vangelis. Più avanti in Croazia mentre eravamo in tournée, mi è venuta l'idea di ricontattarla per altre ciliegine da aggiungere ad alcune delle nostre canzoni. Abbiamo iniziato da lei che cercava di sovrapporre il ritornello in Stay the Ride, ed era esattamente quello che serviva. Avevamo anche faticato a trovare qualcosa che funzionasse per il ritornello in Our World e lei ha trovato l'hook che funzionava.  Dopodiché era ovvio che la sua presenza fosse una benedizione per GusGus e ora Margret è ufficialmente parte della band. 

Per Mobile Home, avete unito le forze a Palomo Spain. Come è nata questa collaborazione? GusGus ha fatto parte dell'entertainment durante la cerimonia dei LGBTQA Awards spagnoli a Tenerife nel 2018. Omar, il nostro manager, ha indicato Palomo e mi ha detto: “Dobbiamo parlare con quel tizio”.Perché?” ho chiesto. Mi ha mostrato il suo Instagram e io ho detto subito di sì. Essendo una sorta di crossdresser, e dunque della parte queer della community, ho  adorato fin da subito il percorso intrapreso da Palomo, che mescola la femminilità con la moda maschile. Avevamo bisogno di una strategia di ingaggio. Ci siamo avvicinati a lui che indossava una camicia piuttosto appariscente, così gli ho chiesto: "Bella camicia, dove l'hai presa?". Si è messo a ridere e poi abbiamo scoperto che amava la band, quindi è stato piuttosto naturale trovare un modo per far incrociare i nostri cammini. I vestiti che ci ha inviato per lavorare nei nostri video e servizi fotografici erano semplicemente perfetti: lo Screen demon piumato del video di Stay the ride e il Zen searcher nel video di Our world sono proprio azzeccati. 

C'è qualcuno a cui dedichereste Mobile Home? 
A tutti coloro che pretendono le azioni e il cambiamento politico necessari affinché si possa vivere sul nostro pianeta in armonia come sua linfa vitale, invece di esaurire questa linfa e pensare di poterci trasferire da qualche altra parte quando sarà esaurita.

SAYCET - MESSA SOLARIS

Come è nata Messa Solaris e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Messa Solaris è una cover acustica del mio precedente singolo, Solaris. Ho realizzato questo brano e il video con il patrocinio del Castello di Versailles, utilizzando il Grande Organo della Cappella Reale e un coro francese, Les Métaboles. È un grande passo per il mio percorso musicale per diversi motivi: soprattutto, è davvero speciale potere esprimere la mia arte e la mia sensibilità in uno dei punti di riferimento storici e culturali più importanti del mio paese. Molte persone hanno scoperto la mia musica grazie a questo progetto e sono piuttosto orgoglioso di collocare questo momento nella storia del Castello di Versailles. 

Come descriveresti questa traccia, dal punto di vista musicale? 
Prima di tutto, è una cover. Per un occhio attento, ci sono tre movimenti che sono esattamente come la traccia originale elettronica Solaris. In secondo luogo, penso che sia una sorta di reinterpretazione atea contemporanea del Castello. Ho ripreso tutti i simboli culturali: dall'organo, al coro, senza dimenticare il dress code da “gospel”. Per me è un modo per viaggiare indietro nel tempo ma con una visione del 2021. 

Saycet @ Thomas Garnier
Saycet @ Thomas Garnier

Con chi hai collaborato alla Reggia di Versailles per ricreare il brano e quali sono state le principali sfide che hai dovuto affrontare? 
Ho collaborato con l'organista russa Alexandra Bartfeld per adattare i miei arpeggi di synth con l'Organo Reale, e con Benoit Walter per scrivere la partitura del coro. Ho lavorato inoltre con Leo Warinsky per dirigere il coro e con Alexandre Mattiussi, che ha seguito la parte abbigliamento e styling di tutti coloro che appaiono nel video. La sfida principale era ottenere un buon sound dall'organo: è stata la mia ossessione ed è stato un grande traguardo arrivare al suono giusto, tenendo in conto che l'organo ha più di tre secoli. Ci ho lavorato con i miei sound engineer e abbiamo creato tre layer sonori diversi dall'organo, che ho poi mixato insieme. 

Visivamente, il video è sbalorditivo. Ci racconti qualcosa sugli spazi della Reggia di Versailles dove hai registrato la traccia e girato il video? 
Ho cercato di catturare i luoghi più emblematici e allo stesso tempo di avere una mia visione. Abbiamo girato il video nella Cappella Reale, nella Galleria des Glaces, e poi nella Galleria des Batailles, sulle Escaliers Louis-Phillipe e sull'Escalier Gabriel per le decorazioni iconiche. Per il video sono voluto partire dai minimi dettagli per poi arrivare agli spazi più grandi. Nel Castello, tutti i dettagli di ogni singolo spazio sono importanti, ed è per questo che è così mozzafiato. Ci sono due tipologie di spazi: quelli in legno - molto caldi - come la Gallerie des Glaces e la Gallerie des Batailles, che sono in contrapposizione agli spazi in pietra, come La Chapelle Royale e l'Escalier Gabriel. L'impostazione calda e quella fredda funzionano molto bene per le immagini e anche per il sound: per lo più ho registrato la traccia e il video nello stesso spazio, tranne che per quanto riguarda il coro, che abbiamo registrato alla Galerie Basse per la sua maestosa acustica.  

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Messa Solaris? 
Vorrei dedicarla a mia nonna, che ha da poco compiuto 99 anni.

SPLENDORE - OMG

Come è nata la performance OMG e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Primavera Sound mi ha selezionato e richiesto dieci minuti di performance. Io sono convinto che il mondo della musica live, sul digitale, debba andare oltre la riproposizione del live canonico che - per forza di cose - ha meno potenza online, senza pubblico. Quando hai il tempo per pensare a qualcosa ad hoc: quando non hai i limiti dettati dalla contemporaneità temporale, puoi preparare qualcosa di diverso, rilanciare, sperimentare. Se c'era qualcosa da imparare in questa pandemia per quanto riguarda la musica, penso sia questo: sul digitale si può, anzi, si deve sperimentare.

Dal punto di vista musicale, come descriveresti OMG? 
Ho preso la mia discografia - otto tracce - e l'ho passata attraverso il filtro di Crash di Cronenberg. 

Splendore @ Chiara Lombardi
Splendore @ Chiara Lombardi
chiara lombardi

 Primavera Pro Sound dice che ‘Charli XCX sarebbe fiera di te’. Quanto l'hyperpop di A.G. Cook e Charli ha influenzato OMG?
A.G. Cook e Charli XCX, e in particolare SOPHIE (RIP️), mi hanno mostrato un nuovo modo di intendere la musica pop che in Italia non esisteva. Il libero movimento tra alto e basso, tra mainstream e underground, tra pop e sperimentale. Possiamo riscrivere le nostre identità musicali come le nostre identità personali, senza barriere e limiti, fluidamente nella queerness che abbiamo dentro. Bisogna solo aver il coraggio di crederci, e farlo.

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione della performance?
Ho lavorato con Francesco Tani e Gianmarco Onofri che avevano curato le copertine dei miei ultimi singoli e dell'EP OMG, am I really feeling these feelings I'm feeling right now?. Loro sono giovanissimi, piccoli geni spericolati. Con nulla creano tutto, è la loro forza. Sono riusciti a dare un’estetica precisa alle immagini che avevo in testa per questa narrazione performativa. Alice Bulloni invece ha curato la parte registica. Da lì abbiamo tirato su una squadra di amiche e amici, come Erica Meucci, una performer splendida del collettivo Laagam, con cui ballo nell'ultima sezione, o Elasi e Plastica, due artiste amiche che adoro e che volevo fossero presenti in questa vetrina mondiale perché meritano tutti gli spazi possibili.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare OMG?
OMG è uno stimolo a spingersi oltre i limiti, a pensare che sia possibile fare tanto, con poco, con la forza delle idee. Lo dedico a tutte quelle persone che hanno timore e paura di portare in scena le proprie idee: abbiamo bisogno di ripensare l'industria musicale al di fuori dei soliti schemi, prima che muoia nella noia e nella banalità. C'è abbastanza talento nei meandri della cultura italiana per salvarci da questa cancrena: ho fiducia in voi.

WESLEY JOSEPH - ULTRAMARINE

Come è nato ULTRAMARINE e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
ULTRAMARINE è una raccolta di canzoni che riflette i vasti e vividi elementi della mia essenza in un unico progetto. Ogni canzone era un pezzo importante che rappresentava un colore della mia anima: era il progetto che sognavo di realizzare da bambino. Prima di uscire con ULTRAMARINE, le persone potevano interfacciarsi solo con degli sprazzi di me, e non ero ancora riuscito a dimostrare abbastanza quella che era il mio potenziale, per permettere agli altri di creare un vero e proprio contatto. Ora c'è qualcosa di tangibile che dà alle mie parole un solido fondamento. Le cose adesso non sono più astratte: ho creato l'universo di Wesley Joseph. 

Come descriveresti questo disco, dal punto di vista musicale? 
Una profonda miscela di soul, R&B, rap, elettronica e vibrazioni sperimentali. 

Wesley Joseph @ Rashidi Noah
Wesley Joseph @ Rashidi Noah

In Patience, collabori con una delle nostre artiste preferite, Jorja Smith. Come è nato questo featuring?
Jorja e io siamo cresciuti insieme a Walsall, e quando eravamo bambini facevamo musica insieme: quindi siamo amici da anni. Inizialmente non avevo intenzione di collaborare con nessuno in Patience, ma ero in studio a finire l'album una settimana prima della consegna, e non riuscivo proprio a elaborare la seconda strofa per la canzone. Mi ha scritto casualmente Jorja proprio mentre ero alle prese col tema, quindi le ho chiesto se avesse voluto essere nel brano. Ha accettato, e abbiamo scritto le sue parti della canzone: i suoi contributi hanno completato la mia visione. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare ULTRAMARINE? 
A ogni bambino che è a casa e che ha sogni irrealizzabili, e a tutti i miei cari.

ADIEL - METHOD EP

Come è nato Method EP, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico?
Method rappresenta un po' una transizione tra la vecchia e la nuova me. Soprattutto per il tipo di approccio e di crescita personale: sia per quanto riguarda la scrittura dei brani, sia per tutto quello che è successo. Io sono una dj e nasco come tale, quindi per me è stato fondamentale questo tempo per potermi fermare e ascoltare, ma anche per potermi approcciare in un modo molto più intenso a quello che è il lavoro in studio. Ho composto con macchine analogiche, mi piace molto creare in studio un equilibrio tra quello che è fare musica, e quello che mi fa stare bene. Anche perché ho capito che quello che sento influenza molto quello che faccio: e in questo, Method EP è stata un po' una sfida personale, per trovare il giusto modo di lavorare con la mia creatività.

Come descriveresti questo nuovo progetto, dal punto di vista musicale? 
Si tratta di un disco che per me rappresenta un viaggio nella conoscenza di me stessa: tutte le tracce le sento molto e sono a me care. Parlo di transizione perché due delle tracce incluse nell'EP sono state composte prima della pandemia, e ho avuto la possibilità di collaborare con un grande artista di Berlino, Tobias, che è per me come un maestro: lui ha inserito una addictional production, aggiungendo qualcosa di suo. Le altre due tracce invece sono state fatte da me durante il periodo del lockdown, in cui ho avuto l'occasione di approfondire la parte ritmica: mi piace molto comporre groove e ritmi, perché ho una particolare predisposizione per i ritmi tribali. Mi sono anche messa a studiare percussioni nel periodo di lockdown: e percussioni e ritmi per Method sono stati fondamentali per sviluppare la mia visione del fare musica, che vedo come un rituale. Nelle mie produzioni, ma anche nei dj-set. 

Adiel @ Simone Picchi
Adiel @ Simone Picchi

Con chi (e come) hai collaborato per realizzare Method EP?
Ho registrato da sola i ritmi suonandoli: per quanto riguarda le collaborazioni, oltre al già citato Tobias, nei vocals ho introdotto anche mia madre, che era ed è una bravissima cantante. La collaborazione con lei è nata con molta naturalezza ed è speciale proprio per questo: era quasi una delle prime volte che entrava in studio e cercava di capire quello che faccio quando sono sola. Abbiamo registrato in modo molto spontaneo sulla traccia che era già fatta, e per me è ovviamente una cosa molto importante. Lei mi ha sempre indirizzato verso le arti e mi ha spinto a coltivare la mia creatività in diverse forme. Le devo davvero moltissimo.

Fai parte del corpo docenti della nuova Pro Dj Academy. Ci racconti di cosa si tratta questo progetto, e di come tu sei coinvolta?
Pro Dj Academy è un corso digitale per dj, dedicato a tutti gli appassionati del genere e a coloro che hanno scelto di intraprendere questo percorso come professione. Il programma include tutto ciò che può servire a un giovane emergente: dal setting in consolle ai set up e i tips and tricks, passando per l’importante sfera della parte manageriale e delle agenzie di booking. Da questa esperienza viene fuori tutta la passione che ho per questo mestiere: per questo progetto, parliamo di djing, e non di produzione. Io racconto quindi il mio approccio al vinile, dando anche qualche spiegazione sui vari trucchi e raccontando problemi che si sono dovuti risolvere in serata. Mi piace molto poter condividere la mia esperienza e motivare i ragazzi giovani, per i quali può essere utile un consiglio. Per me è stata un'esperienza meravigliosa, soprattutto perché ho avuto modo di essere intervistata da Claudio Coccoluto, che purtroppo è venuto a mancare da poco: ho parlato di quello che è stato il mio percorso soprattutto come dj resident del Goa, che per me è stato formativo  come una vera e propria scuola.  Si è trattato di un momento molto intimo e personale potermi confrontare con Claudio, anche per le bellissime cose che mi ha detto. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Method EP?
Lo vorrei dedicare a tutti quanti senza esclusioni: penso che condividere musica sia una fonte di ispirazione e non vorrei limitarlo a qualcuno in particolare. Però, con il cuore, direi che vorrei dedicarlo soprattutto a mia mamma.

JABBERWOCKY - FEELING DANCING TEMPO

Come è nato Feeling Dancing Tempo, e cosa significa per voi e per il vostro percorso artistico? Abbiamo iniziato a lavorare su Feeling Dancing Tempo durante il primo lockdown in Francia. Il fatto di non poterci vedere e produrre tutti insieme ci ha costretto a cambiare un po' la nostra modalità di lavoro: abbiamo iniziato a mandare qualche idea via mail e sono nati i primi demo. Poi ci siamo potuti incontrare di nuovo e sviluppare il lavoro, integrando i sintetizzatori e le nostre drum machine in studio. All'inizio non avevamo intenzione di fare un intero album, ma ci siamo resi conto che avevamo molte tracce connesse tra loro, e abbiamo deciso di spingere il progetto un po' oltre. Ci abbiamo lavorato per sette mesi: volevamo far convivere un'energia danzante con le sensazioni che provavamo in quel momento. Feeling Dancing Tempo dà il via a una nuova fase e cristallizza la direzione artistica che abbiamo preso dopo il nostro secondo album Make Make

Come descrivereste questo nuovo progetto, dal punto di vista musicale? 
Questo album ha molte influenze diverse, e ognuno di noi ha i propri gusti e preferenze personali: ma ciò che ricorre di più è il nostro amore comune per l'italo disco, la space disco e la musica house, tutti prodotti principalmente con sintetizzatori analogici e drum machine vintage. In questo periodo in cui il mondo era fermo, avevamo bisogno di fare musica che avesse vita propria, fatta per il party e per essere condivisa con altre persone. Ecco perché alcuni brani hanno un mood nostalgico: sono intrisi di tanti ricordi.

Jabberwocky @ Arthur Wollenweber
Jabberwocky @ Arthur Wollenweber

C'è una traccia che ha una bella storia da raccontare?
In How much I dance abbiamo lavorato con dei brevi campioni vocali per settimane, provando diversi ritmi e melodie: ma ci siamo bloccati ogni volta con loop energici e non riuscivamo ad andare abbastanza avanti per fare un intero brano senza che ci annoiasse dopo due minuti. Eravamo ossessionati da questi vocals che ti spingono a ballare e fare festa, il tutto mentre eravamo bloccati a causa del Covid. Poi abbiamo capito che dovevamo aggiungere questo particolare mood alla traccia, con accordi e melodia, per bilanciarlo con l'energia del ritmo e creare questa sensazione di nostalgia. Quando l'abbiamo ultimato, dalla tv arrivavano le notizie sulla fine del lockdown: quindi per noi è stato come un segno dell'universo.

Con chi (e come) avete collaborato? 
Volevamo concentrarci sul nostro trio e su ciò che creiamo insieme, il che significava limitare le collaborazioni. Era anche un modo per sfidare noi stessi, cantando in brani come Get High e Feeling Dancing Tempo, utilizzando campioni vocali in How Much I Dance e Under UFO... Ecco perché c'è un solo featuring con la cantante Amouë in Blue Moves, una canzone che avevamo immaginato fin dall'inizio con questo tipo di linea vocale liscia e seducente. Abbiamo anche collaborato con il nostro amico Julien Galner per il mix del 90% dell'album. 

C'è qualcuno a cui vorreste dedicare Feeling Dancing tempo? 
Feeling Dancing Tempo è dedicato a tutte le persone che prestano attenzione a come reagiscono i corpi alle sensazioni che la musica può dare, a quanto può essere bella questa energia tra persone che ballano su un tempo comune: si tratta di emozioni che possono creare un ritmo attraverso le loro vite.

POPULOUS - STASI

Come è nato Stasi, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Erano anni che volevo scrivere un disco più meditativo e introspettivo. L’ultimo periodo per molti versi è stato orribile, ma da altri punti di vista ha rappresentato in pieno la giusta occasione per fermarsi, fare un respiro profondo, e tornare a scrivere musica che andasse in quella direzione. Era tutto fermo, immobile, statico. Ci siamo dovuti dimenticare dei dancefloor - e di conseguenza di un certo tipo di ritmi - e tutto è diventato più dilatato: le giornate, il tempo, le emozioni e, di conseguenza, anche la musica. 

Dal punto di vista musicale, come descriveresti Stasi? 
È ambient music che incontra il trip-hop di Bristol; anche perché durante la scrittura di Stasi ho ascoltato tanto sia pionieri come Brian Eno e Midori Takada che i Portishead. Non è nulla di nuovo per me - i primi due album in fondo avevano sonorità simili - direi forse che questo è il mio lavoro più mistico e psichedelico. 

Populous @ Silvia Garzia
Populous @ Silvia Garzia

C'è una traccia con una bella storia da raccontare? 
Come dicevo il disco è stato mixato in analogico. Abbiamo usato i nastri che, si sa, non sono certo strumenti precisi come un computer. L’ultimo pezzo che abbiamo mixato è stato Pietre roventi e non c’eravamo accorti che la macchina si era surriscaldata troppo, provocando diversi errori nella registrazione e di conseguenza degli stranissimi effetti di tono nella riproduzione della bobina. Che fare? Cestinare tutto e rifarlo il giorno dopo o tenere le tracce con quegli errori/effetti unici e difficilmente replicabili? La risposta è fin troppo scontata! 

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione del disco? 
Le illustrazioni sono state curate da Alessandro Cripsta, che ha riprodotto i paesaggi notturni e onirici che avevo in testa come reference. Siccome non sono un musicista, due miei amici - Gigi Chord e Andrea Rizzo - mi hanno aiutato suonando alcuni synth e batterie. Il tutto è stato mixato in analogico al Sudestudio da Stefano Manca e masterizzato da Giovanni Versari. 

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Stasi? 
In questo disco l’elemento umano è talmente sfocato ed in secondo piano che preferirei si parlasse di luoghi e spazi anziché di persone. Mi piacerebbe che Stasi suonasse nei posti che lo hanno ispirato. Ultimamente mi affeziono più facilmente ad un panorama o un albero che a certa gente.

IMANY - THE A TEAM

The A Team sarà nel tuo album The Voodoo Cello, in uscita il 3 settembre. Ci racconti qualcosa su questo nuovo progetto e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico?
È un album interamente concepito per otto violoncelli e una voce. Nient'altro. Acustica assoluta. L'idea era quella di riarrangiare i classici della musica pop con uno strumento classico e dare un'atmosfera organica, ma portando qualcosa di fresco: un crocevia tra due mondi molto diversi. In questo momento sono a un punto in cui voglio sperimentare nuove sfide. Questo progetto è un modo per rendere omaggio a molte delle canzoni che mi hanno aiutato a diventare l'artista che sono ora, o che quanto meno mi hanno fatto desiderare di diventare una cantante. È stato un viaggio davvero interessante e sono orgogliosa di me stessa, perché era la prima volta che ho dovuto arrangiare e produrre un album, e sono davvero soddisfatta del risultato.

Da Ed Sheeran a Elton John, hai reinterpretato i successi di una vasta e variegata gamma di artisti. Qual è il filo conduttore dei brani (e degli artisti) che hai scelto? 
Alcune delle canzoni che ho scelto le volevo fare da molto tempo, altre sono state scelte per parlare con questo progetto a tutti i tipi di persone. Ci sono tante canzoni nella musica pop, quindi ho voluto reinterpretare brani che mi ricordano la mia infanzia, ma ci sono brani dell'infanzia di anche altre persone. Ho scelto comunque canzoni che posso difendere liricamente e melodicamente. Sono sempre guidata dal significato del testo e dalla forza della melodia. Una buona cover deve suonare come se fossi tu colui che ha scritto la canzone: deve essere personale, quindi in qualche modo anche nella canzone scritta da altri devo trovare una parte di chi sono io, e che funzioni con la mia voce e il mio spirito. In definitiva, il messaggio del brano è importante, ma le melodie sono ciò che conta di più.

Imany © Eugenio Recuenco
Imany © Eugenio Recuenco

Hai curato da sola tutte le fasi del processo di questo progetto. Quali sono state le sfide più grandi che hai dovuto affrontare durante la realizzazione? 
È stato difficile fare sì che otto strumenti identici, suonassero individualmente in modo diverso e unico. È stato un processo divertente ma impegnativo al tempo stesso, sia perché era la prima volta per me, e sia perché non scrivo musica in un modo classico: ai musicisti, ho dovuto cantare la mia parte. È stato impegnativo in questo senso perché ho dovuto sviluppare un linguaggio tra noi: ma una volta che l'abbiamo codificato, tutto è filato liscio, mi sono sentita guidata dalle mie intuizioni e i miei istinti. Inoltre volevo che gli arrangiamenti suonassero in un modo diverso. Ovvero che fosse un sound moderno ma con strumenti classici e senza trucchi tecnologici: senza “barare”. Così i limiti sono diventati in un certo senso una fonte di creatività. Certo è stato difficile: a volte credi davvero in una canzone, ma non riesci a trovare l'interpretazione giusta, o la tonalità non si addice alla voce. Ci sono stati tanti stop and go, ma alla fine è quello che succede con qualsiasi processo creativo.

Il 15 luglio ti vedremo esibirti all'Umbria Jazz Festival. Che show sarà?
Non sarà un concerto tradizionale. Voglio fare le cose in modo diverso con questo progetto anche dal punto di vista scenico. Ci saranno dei balli e una vera e propria coreografia che abbiamo adattato ai violoncellisti, perché non è facile per loro muoversi liberamente con degli strumenti così imponenti. Il risultato è lontano da ciò che la gente potrebbe aspettarsi da un ottetto di violoncelli. Il mio desiderio era quello di sfidare l'idea e l'immaginario che il pubblico può avere di uno strumento classico: questo è quello che ho cercato di fare nell'album e successivamente nello show. Quindi, è più un balletto mescolato a un concerto che porta con sé una storia, piuttosto che uno show tradizionale. Per capirlo davvero comunque, l'unico modo è vederlo.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Voodoo Cello? 
Dedico Voodoo Cello a chiunque voglia vedere il mondo in modo diverso. A tutti coloro che sono disposti a uscire dalla propria zona di comfort, al fine di creare un mondo migliore.

MK - CHEMICAL

Come è nata Chemical, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
Volevo fare qualcosa che suonasse totalmente differente da tutte le mie precedenti uscite. Ero impaziente che Chemical fosse pubblicata fin dal giorno in cui l'ho realizzata: si tratta sicuramente di una delle mie produzioni preferite fino ad ora. 

Come descriveresti questa traccia, dal punto di vista musicale? 
È fresca e unica: è al 100% ciò che stavo cercando. 

MK @ Alex “Grizz” Loucas
MK @ Alex “Grizz” Loucas

Ci racconti qualcosa sul fantastico videoclip che accompagna la traccia?
Lavorare con il team creativo sul video è stato molto divertente: il regista Aube Perrie è stato fantastico e ha avuto una visione davvero fuori di testa per il video, cosa che ho adorato. Creare la testa del cane da zero ha comportato un sacco di lavoro, ma ne è valsa la pena! Oltre al videoclip, abbiamo anche appena finito di lavorare su un nuovo videogioco titolato Chemical Chase che si ispira al singolo: provate a battere il mio record su chemicalchase.com!  

Finalmente si torna a parlare di eventi in presenza. Dove potremo vederti esibirti quest'estate e ascoltare dal vivo Chemical? 
Non vedo l'ora di suonare a Las Vegas - ho una nuova mini residenza a Resortsworld che inizierà l'8 agosto. Aspetto con ansia di tornare finalmente al Creamfields Festival nel Regno Unito, così come sono davvero entusiasta del mio tour autunnale negli Stati Uniti. Abbiamo un nuovo show che stiamo lanciando, non vedo l'ora di farvelo vedere a tutti.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Chemical? 
Sì... :)

BURAKA SOM SISTEMA - BURAKA 4 EVER

Come è Buraka 4 Ever,  e cosa significa questa release per voi?
Abbiamo registrato il nostro ultimo show nel 2016, perché sapevamo che prima o poi avremmo voluto pubblicarlo. Gli spettacoli di Buraka Som Sistema sono sempre state esperienze intense che hanno definito l'esistenza del gruppo per dieci anni, ed è sempre stato chiaro per noi che avremmo voluto pubblicare un album live. Sono passati cinque anni e ci è sembrato il momento perfetto per l'uscita, specialmente con tutto quello che è successo, e il fatto che le persone  non potessero godersi la musica dal vivo. Per noi Buraka 4 Ever è un modo per riportare alla memoria del pubblico le loro esperienze passate ai nostri show, e speriamo che sia fantastico per tutti, così come lo è per noi. 

Come descrivereste questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Il punto di partenza per noi sono state le registrazioni dello show, ma volevamo provare a rendere Buraka 4 Ever più di un semplice album dal vivo, qualcosa che potesse resistere alla prova del tempo; che le persone, ascoltandolo, potessero sentire l'energia del live, ma anche godersi le canzoni e i ritmi originali. Quindi abbiamo iniziato selezionando le tracce e assicurandoci di scegliere brani da tutti i nostri album, con riferimenti ai nostri dieci anni di esistenza. Da lì abbiamo lavorato sul materiale che avevamo: alcune voci sono state ri-registrate perché alcune parti erano troppo rumorose, alcune batterie dovevano essere modificate, e abbiamo giocato con il sound ambientale e del pubblico, cercando di bilanciare questo fattore con la pulizia e l'impatto dei nostri beat. Siamo davvero molto contenti del sound dell'album e penso che diventerà un nuovo modo per ripercorrere quelle che sono le nostre canzoni e la nostra eredità.

Buraka Som Sistema @ Goncalo F. Santos
Buraka Som Sistema @ Goncalo F. Santos

Sfortunatamente, non ci sarà più possibile vedere un concerto dal vivo dei Buraka. Quali sono i vostri piani e progetti attuali? 
Tutti i membri del gruppo sono ancora coinvolti nella musica: nella produzione, nell'esecuzione e nello sviluppo di progetti collaterali, che sono un'estensione di ciò che abbiamo fatto con i Buraka. La pandemia ha reso oscuro il presente, ma il futuro sembra luminoso: perché la musica sta raggiungendo nuove generazioni, trasformando Lisbona in una delle capitali mondiali della musica elettronica. Quindi continueremo a fare il nostro, mettendoci in gioco e raccontando, sempre al meglio delle nostre capacità e attraverso la musica, le storie dell'asse culturale Lisbona-Luanda-San Paolo.

Voi siete stati i pionieri della scena musicale di Lisbona. Com'è l'attuale panorama musicale della città, e quali artisti hanno raccolto il testimone di Buraka? 
La musica con influenza africana e latinoamericana ha raggiunto nuovi traguardi: la sua presenza in radio e nella scena dei club è vibrante, eclettica e inclusiva. Gli artisti stanno osando di più, mescolando in modo creativo generi come rap e kizomba, baile funk, funaná e kuduro, spingendo ulteriormente il movimento. Artisti come Blaya, Pongo, Nenny, Dino d'Santiago, Pedro Mafama, Throes + The Shine, Bateu Matou. 

C'è qualcuno a cui vorreste dedicare Buraka 4 Ever? 
Vogliamo dedicarlo a tutta la comunità globale di amanti della musica dance. È difficile immaginare un mondo dove non si esca a suonare e ballare insieme, che sia in un club o in un festival musicale. La resilienza mostrata via Internet durante questo lockdown è stata molto stimolante per noi: la musica ci ha salvato e questo album è un regalo di ringraziamento a tutti gli autori e ascoltatori che ci hanno dato speranza. 

MISBHV 002 - MEDITATIONS - A SONIC RESPONSE

Come è stato creato MEDITATIONS - a sonic response, e cosa significa questa release per voi e per la nuova label MISBHV? 
(Thomas aka Wirski) L'arte non vive al di fuori del contesto della realtà: e quindi è difficile per me pensare a qualsiasi altro disco che avremmo potuto pubblicare con il progredire della pandemia, per tutta una serie di motivi. Mi piace pensare a Meditations come a una testimonianza onesta di un'esperienza senza precedenti. 
(Artur aka Artur8) Questo progetto, assemblato nell'arco di poche settimane, è una risposta cruda e immediata al mutato panorama musicale, che gli ultimi mesi ci hanno rivelato. Nasce da molte ore di conversazioni tra me e Thomas sulle tecniche di meditazione e ritiro, alimentate da un senso di incertezza su cosa significhi fare musica - per molti versi una pratica sociale - in un momento in cui non avevamo altra scelta che viverla nella solitudine delle nostre case private. Per l'etichetta MISBHV è una dichiarazione di intenti audace: dimostra che MISBHV Recordings intende pubblicare musica di alta qualità in un modo insolito e inaspettato.

Come descrivereste questo progetto, dal punto di vista musicale?  
(Thomas) Onestamente, la musica in questo disco è un esercizio meditativo. Adoro che questo album suoni ricco e molto diverso, e allo stesso tempo coerente e coeso. 
(Artur) È un viaggio musicale globale open-mind: artisti con diverse traiettorie musicali si sono incontrati nel loro cammino. Allo stesso tempo, profili della scena musicale elettronica hanno unito le forze con compositori di musica contemporanea e musicisti indie. Ciò che ci unisce è l'amore profondo per la musica senza pregiudizi, così come la forte convinzione che la musica possa aiutare a guarire.

Wirski @ Gosia Turczynska
Wirski @ Gosia Turczynska

Artisti da Varsavia a Berlino, passando per Roma, Ankara, Teheran, Taipei eccetera. Qual è il filo conduttore delle collaborazioni nella release? 
(Artur) Il filo conduttore è stata l'esperienza collettiva simile che abbiamo vissuto tutti negli ultimi mesi su questo pianeta. Si è sentito un forte bisogno di articolarlo musicalmente, in modo non ortodosso: per farlo, uscire dalla nostra zona di comfort è stato fondamentale. 
(Thomas) È l'idea di un viaggio condiviso verso l'interno, vissuto attraverso dieci prospettive singolari.

C'è una traccia che ha una bella storia da raccontare?
(Artur) Ogni traccia ha la sua storia ed è molto personale per tutti gli artisti coinvolti. Ad esempio, Teraz: è stata un'esperienza singolare registrare il nostro contributo nello studio di Adam Newborn Jr durante una fase di duro lockdown a Varsavia. Andare nello studio di Adam è stato per me quasi come una sessione di psicoterapia. La nostra eccellente cantante Eleonora Attalay ha registrato le sue parti vocali separatamente ad Ankara, che hanno aggiunto un'ulteriore dimensione speciale a questa esperienza. Noi abbiamo ovviamente utilizzato prevalentemente i primi take, quelli più spontanei, invece di quelli molto puliti e “super professionali”. 
Un altro esempio è la mia sessione di registrazione da remoto e il dialogo con Alexis Taylor - che vive a Londra - per Dream Meditation: un bellissimo pezzo strumentale per pianoforte si è improvvisamente trasformato in una produzione musicale country/folk-americana, corredata da un bellissimo testo personale sulla meditazione scritto ed eseguito da Alexis. Tutto il processo è durato non più di una settimana: il testo è apparso in sogno ad Alexis e il risultato è sbalorditivo.

C'è qualcuno a cui vorreste dedicare MEDITATIONS - a sonic response? 
(Thomas) La meditazione è un esercizio che ha il fine di smantellare l'illusione di sé. lo spero che  questa release rappresenti un momento di riposo innanzitutto per noi stessi e che porti un po' di calma e un senso di benessere.

FOX - SQUANG DANGS IN THE KEY OF VIBES

Come è stato creato Squang Dangs in the Key of Vibes e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
Ho incontrato Lenzman sei o sette anni fa in Sardegna: abbiamo parlato di fare musica e mi ha mandato una traccia quando sono tornato a Manchester, ma in quel tempo non ero abbastanza coraggioso per una melodia soul come quella. Le nostre strade si sono incrociate altre volte nel corso degli anni e il rispetto reciproco è cresciuto. Ovviamente abbiamo discusso di musica e Lenzman ha detto che sarebbe stato felice di pubblicare un mio progetto, ma lo vedeva alla stregua di come vede me: qualcosa che fosse più che drum & bass, che è sicuramente come io stesso mi vedo. Alla fine, il momento era propizio. Il titolo riassume il processo, cosa faccio e come lo faccio: le vibes e l'energia sono estremamente importanti per me, ora più che all'inizio della mia carriera. Ho capito da tempo di essere un empatico: un aspetto che si riflette alla ora di scegliere con chi condividere quella catartica e potente esperienza di guarigione che è la creazione musicale, in particolare un album. Questo è il mio secondo disco ed è molto diverso da Juice Flow: ho imparato molto da quel primo progetto. Mi sono praticamente tuffato direttamente nella realizzazione, e mi sono sentito molto più saggio durante questo processo, grazie a quello che avevo imparato. Sono molto felice di questo album perché mi eleva, mi calma e mi ricorda una montagna che ho scalato ogni volta che l'ascolto: e l'ho ascoltato davvero molto. 

Come descriveresti questo nuovo progetto, dal punto di vista musicale? 
Gran parte di questo album è stato realizzato nel 2020, quindi la descriverei come musica di sopravvivenza. Certo, ha dentro più drum & bass che qualsiasi altro genere, ma sicuramente non è un album prettamente drum & bass. È semplicemente la musica con cui vivo che mi fa sentire meglio ogni volta che la ascolto, in qualunque stato d'animo mi trovi, e spero davvero che abbia questo effetto anche per le altre persone. 

Fox @ F13IIZM
Fox @ F13IIZM

C'è una traccia che ha una bella storia da raccontare? 
It's Time è prodotta da Diemond, mio amico di lunga data e del mio team di supporto. Sono il padrino dei suoi due mostriciattoli più piccoli, ed è anche la ragione per cui ho deciso di tornare sulla scena. È venuto a casa mia anni fa, mentre stavo insegnando musica, e lui e suo fratello Delano mi hanno tormentato per più di un'ora chiedendomi di mettere musica. Alla fine ho accettato soprattutto perché mi stavano facendo venire mal di testa e stavano rovinando il mio mood. Ho sempre voluto far uscire musica sua, quindi è una bella sensazione che la sua energia sia dentro al progetto. 

Con chi (e come) hai collaborato? 
C'è un bel mix di persone nell'album. Ce ne sono altre che ci sarebbero potute essere, ma tutto è successo in modo organico. Volevo una buona selezione di amici, da luoghi diversi e in punti diversi della loro carriera. Ho registrato con Calibre e DRS qualche tempo fa, ho realizzato Walk Out con DLR e Alix Perez nello studio di DLR a Bristol: mi sono divertito molto a registrare con lovescene, e fortunatamente tutto ciò è successo prima del Covid. Penso che sia stato molto utile registrarlo con lei nello stesso ambiente, perché le indicazioni che mi ha dato sono state cruciali per perfezionare quel pezzo. Ci sono alcuni dei migliori giovani talenti di Manchester come T-Man, Biome di Levelz e b.cass, che ha solo sedici anni ed è il più giovane dell'album, ma che sa il fatto suo. Inoltre, ci sono i G's, [KSR] e Blind Mic. In The Shine ho collaborato con L-Side dal Brasile, un ragazzo eccezionale che ha "spaccato". Fortunatamente, ci sono un sacco di grandi talenti e una buona energia in The North Quarter, quindi sono stato fortunato a lavorare con FD, Redeyes, Satl, Echo Brown e, naturalmente, il boss Lenzman.  

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Squang Dangs in the Key of Vibes? 
È dedicato a mia sorella Audrey Henry, che è purtroppo venuta a mancare l'anno scorso; e a Johanna Cornelia (Corrie), la mamma di Lenzman, anche lei scomparsa quest'anno mentre stavamo finendo l'album. C'è anche la sua energia qui dentro, perché Lenzman è una parte cruciale di questo progetto.

MIGLIO - INDIA

Come è nata India e cosa rappresenta per il tuo percorso artistico? 
India è nata esattamente un anno fa. Era una sera abbastanza calda ed ero a fare un giro sui colli bolognesi, a cercare un po’ di aria fresca. Ci siamo fermati davanti a San Luca, l’ho visto illuminato e avvolto in queste luci caldissime e in un attimo mi è venuto spontaneo il parallelismo con l’India, ricordo di aver detto: “San luca come se fosse una costruzione indiana, come se fosse l’India”. E poi ho aggiunto: “mi ricordi l’India”. Così ho annotato questa frase sul telefono e quando sono tornata a casa ho scritto tutto il brano. Sono partita da una suggestione e poi ho iniziato ad aggiungerne altre. È una canzone importante per me e fa parte di un percorso, di una crescita personale. 

Dal punto di vista musicale, come descriveresti la canzone? 
India musicalmente nasce da diverse contaminazioni. L’ho scritta chitarra e voce e fin da subito aveva la sua struttura melodica in evidenza, con questo ritornello ripetuto e incisivo. Poi abbiamo iniziato a produrla e tra le strade possibili da percorrere abbiamo scelto quella che ci ha smosso sulla sedia mentre ci lavoravamo. Si tratta sicuramente di un’esplorazione sonora che passa per la new wave e gli anni Ottanta. Non è un pezzo patinato, è sporco ma allo stesso tempo armonioso. Tutto gira su questo beat costellato da elementi musicali che hanno al brano dato un carattere preciso. 

Miglio @ Martina Platone
Miglio @ Martina Platone

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione di India?
India è stata prodotta da Marco Bertoni, che poi ha lavorato a tutti i pezzi che usciranno e che fanno parte del disco. Ho sempre stimato il lavoro di Marco e la sua esperienza - Dalla, Gianna Nannini, Demetrio Stratos, Subsonica e molti altri - e così a fine 2020 ci siamo incontrati in Piazza Maggiore a Bologna e abbiamo deciso di collaborare. Ho passato un po’ di mesi nel suo studio in un paesino della provincia emiliana, abbiamo ascoltato tanta musica, ci siamo contaminati e poi abbiamo creato cose nuove insieme. Per quanto riguarda la parte visual, invece, il video è stato girato da Riccardo Sanmartini con il supporto alla fotografia di Martina Platone. Nel video ci siamo io e Alberto Azzara che ha anche curato e creato la copertina del brano. Volevo riportare a livello visivo immagini e immaginari che avevo nella testa e che sono finite nella canzone. Lavoro con questi ragazzi da un po’ di tempo e posso dire che ormai siamo una piccola squadra con l’obiettivo condiviso di comunicare non solo attraverso la musica ma anche tramite le immagini. Credo ci sia stato un incontro umano prima di tutto: riusciamo a lavorare bene insieme perché molto probabilmente condividiamo un approccio simile, mi viene quasi da dire generazionale, che per diversi motivi si nutre di esperienze di vita e sensibilità comuni.

Qual è la storia della traccia? 
India è la storia di una serata che non ha mai smesso di esistere. 
È un agglomerato di sensazioni e immagini. È una storia personale, probabilmente parla di costruzione e di futuro. Insieme. Sono tutte immagini che hanno ri creato qualcosa in cui credo. E poi alla fine ognuno ci può trovare dentro la storia che vuole.  

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare India? 
L’ho già dedicata ad una persona molto importante per me.

DESIRE FT. ETHER - HAENIM

Come è stata creata HAENIM e cos'è Ether, il tuo nuovo progetto musicale? 
(Ether)Ho sempre pensato che, quando fosse arrivato il momento giusto, avrei pubblicato il mio progetto musicale con uno pseudonimo. Ho aspettato in silenzio, lavorando e scrivendo a spizzichi e bocconi durante questi anni. La visione di Ether è quella di un sound dream-pop lunatico, notturno ed etereo: come vibrazioni noir che giocano in un tramonto nebbioso. Vedo Ether come un'estensione della mia espressione creativa. Ho disegnato io stessa il logo e ho chiesto all'architetto e designer Stephanie Lin dello studio Present Forms di creare animazioni atmosferiche, come teaser per presentare il progetto. Questi, in particolare le nuvole rosa e il fulmine che si infrange... Sono in sostanza ciò che è Ether. Spero di divertirmi nel processo di delineazione dell'identità di Ether. 

Qual è la storia di questa traccia? 
Adoro Haenim, una canzone coreana originariamente scritta e prodotta nel 1968 da Shin Joong-Hyun, definito il "Padrino del Rock" coreano, in prima linea nel creare un ponte tra i suoni occidentali e la Corea. La canzone originale Haenim (che significa "Il Sole" in coreano) ha un'atmosfera lo-fi molto calda ed euforica. È contraddistinta da una chitarra acustica e dalla voce seducente della cantante Kim Jung-Mi, che è come se scivolasse sul sound sfumato. Il testo è semplice e bello, ed è tutto riguardo al venerare Madre Natura e il Sole. Quindi, quando Megan Louise - della band Desire - ed io abbiamo iniziato a parlare di creare musica, ho condiviso la canzone con lei e le ho detto che era l'atmosfera che volevo creare. Abbiamo deciso di creare una cover per lanciare Ether: canto in coreano su un deep cut prodotto da Johnny Jewel. 

Ether
Ether

Come descriveresti questa traccia, dal punto di vista musicale? 
I battiti, ipnotici e ripetitivi, sembrano come il lancio di un incantesimo. 

Con chi (e come) hai collaborato? 
Ho chiesto a David Alexander Flinn di dirigere il video. Abbiamo parlato di come volevamo rendere una narrazione di una donna forte, completamente impenitente e determinata. Siamo fan dei film gore/horror: entrambi adoriamo le opere di Dario Argento - il suo preferito è Profondo Rosso, il mio è Suspiria - così come David Lynch, con cui l'etichetta Italians Do It Better ha collaborato occasionalmente, tra cui la performance della loro band Chromatics nel reboot di Twin Peaks. Abbiamo girato il video musicale il giorno dell'eclissi solare, il 10 giugno: non sono superstiziosa, ma seguo i principali cicli solari e lunari e tengo traccia dei movimenti di Mercurio. Una canzone sul Sole nel giorno dell'eclissi solare: se questo non è un segno, non so cosa sia. Come se non bastasse questa coincidenza, il nostro singolo è uscito il 25 giugno, il giorno di Strawberry Full Moon! Per il video, ho dovuto imparare a guidare un'auto vintage con cambio manuale in meno di tre tentativi, perché la batteria dell'auto era malmessa. Non guido spesso nemmeno un'auto automatica, ed eccomi qui alla guida di una vecchia Chevy Camaro Z28 del 1970 nella notte buia e nera come la pece!  

C'è qualcuno a cui dedicheresti HAENIM? 
Mi piacerebbe dedicare HAENIM a mia nonna, mia madre, a me stessa da piccola, e a tutte le persone nel mondo che hanno sperimentato la catarsi della vita.

WET LEG - CHAISE LONGUE

Come è nata Chaise Longue e cos'è Wet Leg? 
Chaise Longue è stato il risultato di una jam session improvvisata all'una di notte nell'appartamento di Hester: Wet Leg è invece il nome della nostra band. Le parole “wet” e “leg” non hanno un significato particolare per noi... Anche se, cercandolo su Google, penso che si tratti di una specie di malattia? Non saprei. Credo che abbiamo deciso di chiamare la nostra band Wet Leg per ricordarci di non prenderci mai troppo sul serio. Penso sia abbastanza facile arenarsi nella musica - e nella vita in generale - preoccupandosi troppo se qualcosa è bello o no. Direi che è una specie di promemoria per noi stesse per divertirci, e confidare nel nostro cattivo gusto. Al di là di tutto, il nome mi fa ridere. È un nome davvero stupido. 

Qual è la storia della traccia e come la descrivereste, dal punto di vista musicale? 
Ero tornata sull'Isola di Wight - da dove veniamo entrambe - per il periodo natalizio e avevo bisogno di un posto dove stare, così HC mi ha piazzato sulla chaise longue nel suo appartamento. Inizialmente sarei dovuta rimanere solo una o due notti, ma ci stavamo divertendo così tanto che alla fine sono rimasta un'altra settimana, e poi un'altra, e poi un'altra ancora... È stato fondamentalmente un pigiama party per ragazze adolescenti lungo un mese. Oltre a rivedere l'intera serie Buffy e incollare piccole gemme di plastica a tutti i nostri pedali per chitarra, abbiamo fatto un sacco di canzoni stupide - solamente per il nostro divertimento - e Chaise Longue è una di queste. Era molto tardi la sera, eravamo molto stanche e un po' stupidine. Praticamente tutto il testo è uscito di getto. Anche se, ad essere onesti, le parole "On the chaise longue, all day long" occupano almeno la metà della canzone. Il resto delle parole sono praticamente una serie di sciocche allusioni sessuali.  

Wet Leg @ Hollie Fernando
Wet Leg @ Hollie Fernando

Con chi (e come) avete collaborato? 
Abbiamo diretto noi stesse il video. Era durante il lockdown, ed eravamo entrambe temporaneamente senza lavoro: immagino che stessimo solo cercando dei modi per tenerci occupate. Alcune scene sono state girate solo da noi due e un treppiede. Invece, per le riprese in movimento e mentre camminavamo, necessitavamo di una troupe più numerosa: quindi abbiamo convinto il ragazzo di Hester, Joshua e mia sorella Caley ad aiutarci. Joshua è stato incastrato nel portapacchi dell'auto di mia sorella con lo sportello del bagagliaio aperto, filmandoci mentre camminavamo. La cosa più difficile è stata camminare allo stesso ritmo di Caley e viceversa. Era tutto un gridare: "Più lento! Più veloce! No, un po' più lento! Così va bene!" e cose così. Un applauso a Joshua e Caley per l'ottimo lavoro. Non avevamo un vero e proprio piano: anche i negozi erano chiusi a causa del lockdown, quindi abbiamo dovuto acquistare le cose online. Abbiamo provato un po' di cose e abbiamo optato per un look da prateria un po' strambo. Dopo aver girato quello che pensavamo fosse abbastanza materiale, ho scaricato la versione di prova gratuita di 90 giorni di Final Cut; poi, ho esaminato il filmato fino a quando ho messo insieme qualcosa che mi soddisfacesse. Ho modificato tutto sul mio piccolo MacBook Pro 2015, cosa che a volte è stata piuttosto impegnativa, perché lo schermo è molto piccolo: per di più, non avevo mai usato nessun software di video editing prima. Ho provato a guardare alcuni tutorial su YouTube, ma è diventato troppo noioso, quindi ho fatto a modo mio. Comunque alla fine è andata bene! 

Dove potremo vedervi esibire quest'estate e ascoltare live Chaise Longue? 
Siamo state ingaggiate per suonare al Latitude - ammesso che si faccia - e all'Isle of Wight Festival. Saremo anche insieme agli Sports Team nel loro viaggio annuale in autobus a Margate. Apriremo alcune date del tour di Declan McKenna ad agosto e settembre, e ad ottobre quello di Willie J Healy. 

C'è qualcuno a cui vorreste dedicare Chaise Longue? 
Se dovessimo dedicare la canzone a qualcuno, sarebbe al nonno di Hester, che ha tappezzato la chaise longue che ora si trova nel suo appartamento. Ci piace molto, ne siamo grandi fan.

LEON FAUN - C'ERA UNA VOLTA

Come è nato C'era una volta, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
C'era una volta è la classica frase con cui iniziano le fiabe, e riprende tutto il filone fantasy nel mio percorso. Allo stesso tempo, ho chiamato l'album C'era una volta perché è un racconto che parla di me. Ho cercato di raccontare frammenti della mia vita un po' più personali, cosa che ho sempre cercato di evitare nei miei pezzi precedenti. Alcuni pezzi in realtà ho iniziato a scriverli prima dell'emergenza Covid: da marzo 2020 in poi, ho poi sentito necessario "frugarmi" dentro.

Dal punto di vista musicale, come descriveresti questo progetto? 
Faticoso, introspettivo, e di sfogo. La definizione fantasy rap, che mi hanno "affibbiato" i fan, in realtà mi è sempre stata un pochino stretta. Il percorso fantasy è stato più a livello visual con i video, che sono sempre stati una parte importante del mio percorso. Però per quanta riguarda la musica non c'è mai stata la volontà da parte mia di creare un genere nuovo: mi piace variare e sperimentare, e in questo disco ho provato a fare mille cose.

Leon Faun @ D2uno
Leon Faun @ D2uno
D2UNO_2017

Tra qualche giorno ti vedremo sul grande schermo. Ci racconti di questa esperienza?
Gipi ha scritto questo racconto distopico La Terra dei Figli, che il regista Claudio Cupellini ha fatto suo con un film spettacolare. Sono felicissimo di questo progetto e di aver lavorato con Claudio, di cui ero già un grandissimo fan. In più, mi è stato molto di aiuto aver potuto lavorare con dei titani del cinema come Valeria Golino e Valerio Mastandrea: ho assorbito molto dagli attori del cast. Ancora prima della musica il mio sogno è sempre stato il cinema, una passione che cercherò di portare avanti per sempre, magari parallelamente. Un aneddoto sul film: sono stato preso prima ancora che uscisse Oh Cacchio, la traccia che mi ha portato al grande pubblico. La cosa assurda è che quella canzone è uscita  proprio durante le riprese: io stavo girando il film e nel frattempo avevo fuori questo pezzo che stava esplodendo.

C'è una traccia che ha una bella storia da raccontare? 
Ho scritto la title-track C'era una volta di getto, in venti minuti, che è una cosa che non mi era mai successa. Non andando sempre nello specifico su di me, e cercando sempre di costruire un immaginario, perdevo sempre molto tempo "sbrodolando" sul foglio alla ricerca delle parole perfette. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare C'era una volta? 
A mio padre, che purtroppo non potrà mai vedere questo progetto alla luce. Sono convinto che questo progetto sia un portavoce di tutto ciò che ho assorbito. Lui vive in questo progetto ed è sempre stato per me una grandissima fonte di ispirazione, e non farei questo lavoro se non fosse stato per mio padre. Quindi è assolutamente dedicato a lui.

JACK SAVORETTI -EUROPIANA

Come è nato Europiana, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Europiana è la combinazione della musica che mi ha influenzato crescendo, da quando ero ragazzino fino ad adesso, che poi è la musica americana che si incontra con quella europea. Quando la musica americana attraversa l’Oceano ha sempre un effetto enorme sulla musica europea. Lo ha avuto quarant'anni fa, ce l’ha ancora oggi: e io in quest’album volevo far vedere proprio quel viaggio. Quando la musica soul, disco e funk si è incontrata con quella europea, fatta di nostalgia, malinconia, melodia e tradizione del cantautorato, si è creato questo suono che io chiamo Europiana, che ci ha dato artisti come Serge Gainsbourg, Julio Iglesias, Lucio Battisti, Patty Pravo, Giorgio Moroder, Abba, Daft Punk, Phoenix fino a Clara Luciani oggi. Io ho voluto fare una sorta di omaggio a tutta questa musica e a queste influenze che ho avuto nel corso della mia carriera.  

Dal punto di vista musicale, come descriveresti questo progetto? 
Europiana è il modo in cui lo descrivo. Non sono mai riuscito ad incasellarmi in un genere: non mi considero folk, non mi considero country, non mi considero rock, non mi considero pop, non mi considero latino, non mi considero rap, non mi considero hip hop, non mi considero jazz, però mi considero Europiana. Quindi quello che volevo fare con questo album era proprio esprimere quello che sono io musicalmente, non creare un genere mio ma dargli un nome.

Jack Savoretti @ Chris Floyd
Jack Savoretti @ Chris Floyd
CHRIS FLOYD

In Who's hurting who, collabori con un'icona come Nile Rogers. Come è nato il featuring e com'è stato lavorare con questa leggenda? 
Lavorare con un'icona come Nile Rodgers è una cosa che non so se riuscirà mai ad essere superata da altro. Anzi, i due momenti di quest’album di cui sono più fiero sono proprio le collaborazioni, quella con Nile Rodgers su Who’s Hurting Who e con John Oates su When You’re Lonely. Sono come miei eroi, e sono i due che veramente hanno portato la musica americana qua in Europa e hanno cambiato la faccia della musica europea. A John Oates ho chiesto di lavorare con me dopo una serata in cui avevo bevuto troppo. Mi sono messo a scrivergli su Instagram alle tre del mattino e mi sono svegliato agitato perché mi sono ricordato che avevo scritto a John Oates la sera prima! Fortunatamente mi ha risposto che anche lui voleva lavorare con me, e così siamo riusciti a fare una cosa magica assieme. Con Nile Rodgers la stessa cosa: volevo avere in un certo senso la sua benedizione su questo progetto, perché lui ha influenzato tantissimo la musica europea portando la disco dall’altra parte dell’Oceano, e quando lui ha accettato per me è stato come avere la benedizione del progetto intero. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Europiana? 
Non so se voglio dedicarlo a una persona in particolare. Lo vorrei dedicare alla musica europea, che secondo me ogni tanto non viene presa abbastanza sul serio, non le viene dato il giusto spazio. Non sono contro l’Eurovision, per niente, però non credo che sia una reale rappresentazione della musica che sta girando in Europa adesso. Ci sono degli artisti fenomenali con un suono altrettanto fenomenale che sono molto influenzati dalla musica europea degli ultimi cinquant'anni. Non stanno cercando di imitare la musica americana, non stanno cercando di imitare la musica di altre parti del mondo: stanno proprio celebrando la musica europea. Che poi questa sia influenzata da altre radici internazionali è assolutamente vero; ad esempio, possiamo trovare influenze di musica africana o di quella americana, però quando si incontrano con la nostalgia e la melodia tipicamente europee credo che si crei questo sound. Quindi voglio dedicare Europiana alla musica europea.

POLO & PAN - CYCLORAMA

Come è nato Cyclorama, e cosa significa per voi e per il vostro percorso artistico? 
Cyclorama è stato creato in un sacco di tempo. Tutte le tracce provengono da creazioni che abbiamo iniziato in tour, durante il quale diamo costantemente vita a nuove idee. Quando abbiamo deciso di lavorare al secondo album, avevamo moltissime tracce tra cui scegliere e da provare a sviluppare. Il secondo album è sempre complicato per una band: nasce in condizioni abbastanza diverse, dal momento che abbiamo avuto tutto il tempo del mondo per Caravelle, mentre eravamo più sotto pressione per realizzare questo secondo disco. Ovviamente è stato un anno strano per tutti con la pandemia: ma immagino sia stata per certi versi una benedizione per il processo creativo. 

Come descrivereste questo nuovo progetto, dal punto di vista musicale? 
Non credo che abbiamo cambiato radicalmente la nostra formula. Stiamo ancora sfogando la nostra curiosità al fine di esplorare nuovi soggetti musicali e collaborazioni con le nostre personali tecniche di produzione e il nostro tipico stile di scrittura. L'evoluzione principale è forse un maggiore equilibrio tra sole e luna in questo album. Mentre il nostro primo album era decisamente solare e naive, questo secondo LP è più equilibrato e ci porta verso destinazioni più oscure: Tunnel, Requiem, Artemis...

Polo & Pan @ Fiona Torre
Polo & Pan @ Fiona Torre
fiona torre

State realizzando un bel progetto con la National Indian Child Care Association e il singolo Ani Kuni. Di cosa si tratta? 
Ani Kuni è una canzone dei nativi americani che ha oltre 1400 anni. È un tributo alla nostra ninna nanna d'infanzia preferita, un inno senza tempo dei nativi americani che è arrivata in tutto il mondo, generazione dopo generazione,. Abbiamo pensato che sarebbe stato giusto condividere i proventi della traccia con un'associazione che sostiene i nativi americani quindi NICCA sembrava l'istituzione perfetta con cui collaborare. Il sostegno finanziario è solo una parte della nostra interazione con questa organizzazione: ci siamo per esempio impegnati a partecipare a programmi musicali per bambini non appena la situazione pandemica ce lo consentirà. Amiamo molto viaggiare e amiamo le vere collaborazioni: non vediamo l'ora di approfondire la nostra conoscenza della cultura dei nativi americani.  

Avete collaborato con un altro dei nostri artisti preferiti, Channel Tres. Come è nata questa collaborazione? 
La collaborazione è stata proposta da Chris e Jayjay, il duo del marketing musicale, che aiuta gli artisti a incontrarsi per creare interessanti collisioni musicali. Ci hanno proposto alcune idee all'inizio del 2020: Channel Très, a livello vocale, si è subito distinto rispetto agli altri. Abbiamo passato l'anno a scambiarci le strumentali dal lato nostro, e i vocals dal suo. È stato l'archetipo della creazione digitale! 

C'è qualcuno a cui vorreste dedicare Cyclorama? 
Nascoste dietro a ogni canzone, ci sono molte delle persone a cui vogliamo bene. Côme è una dedica ad Alex, il figlio di Pan. Feel good è una canzone che Paul ha scritto quando si è innamorato della sua ragazza Ayca. Les Jolies Choses è stata scritta da Alex per celebrare il suo amore per Chloe, mentre Artemis proviene da una melodia che suo padre suonava per lui alla chitarra. Bilboquet è una cover del nostro mentore musicale, Vladimir Cosma. L'album è pieno di connessioni con i nostri cari.

RACHELE BASTREGHI - PSYCHODONNA

Come è nato Psychodonna e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
Psychodonna è una liberazione: un nuovo punto di partenza, e anche di arrivo. Parte da un'esperienza ventennale che ho fatto in un gruppo, e ho sentito l'esigenza di uscire dalla comfort zone e di mettermi alla prova in un modo più profondo, più personale e più intimo. Lo ritengo il primo disco a tutti gli effetti perché Marie era stato sì un lavoro personale, ma arrivava da una chiamata esterna e, dato il suo immaginario anni Settanta, proveniva da un mondo sonoro ben preciso: Psychodonna invece è un lavoro molto più libero, in cui ho messo in gioco tutte le influenze.

Come descriveresti questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Non sono molto brava con le definizioni: c'è della musica elettronica, della musica classica, e c'è una attitudine punk. Quindi direi: punk, drum machine e Bach. 

Rachele Bastreghi @ Elisabetta Claudio
Rachele Bastreghi @ Elisabetta Claudio

Nel disco collabori con un'altra delle nostre artiste preferite, Meg. Ci racconti come è nato questo featuring?
Con Meg ci conosciamo da tanti anni e c'è una stima reciproca, per cui era da tanto tempo che aspettavo l'occasione giusta per fare qualcosa insieme. Tutte le altre collaborazioni del disco sono con donne, perché mi piaceva che Psychodonna racchiudesse tante sfaccettature dell'universo femminile. Ma ogni collaborazione è nata soprattutto con la musica: quando ho scritto quella parte, ci ho immaginato Meg. E ho detto: “O lei o niente”

Finalmente torniamo a parlare di musica dal vivo, e oggi parte il tuo tour: da Genova a Roma, passando per il Santarcangelo Festival e il Festival di Villa Arconati, giusto per citare alcune date. Che show sarà?
Sarà uno show libero. Sono curiosissima e ho un po' di paura, ma le prove mi hanno entusiasmato. Non abbiamo particolari scenografie o luci, e le persone staranno sedute, ma le farò muovere dentro: mi muoverò io comunque, per me e per loro. In questo spettacolo mi voglio liberare, così come ho fatto nel disco: voglio continuare a vivere la musica ed esprimerla nel modo in cui amo farlo. Faremo tutto il disco e faremo anche dei pezzi vecchi di Marie, rivisitati in questa nuova chiave. Sarà un live molto potente musicalmente: la Psychoband - Mario Conte (co-produttore dell’album, alle tastiere e programmazioni), Marco Benz Gentile (basso, chitarra elettrica, synth e violino), Marco Carusino (basso e chitarra) e Leziero Rescigno (batterie) - è di uomini, perché in Psychodonna si parla di donne ma si parla anche di uomini. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Psychodonna? 
A tutte le donne.

FOLAMOUR - THE JOURNEY

Come è stato creato The Journey e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
Dal mio primo album Umami, che chiudeva il capitolo della mia musica basata sui sample, ho deciso di puntare su un suono più strumentale, dal vivo e organico: qualcosa che è sempre stato il suono che volevo fare. Così ho deciso di imparare a registrare con gli strumenti, scrivere canzoni, testi e melodie vocali: questo album è il primo vero passo in quel nuovo mondo per me. 

Come descriveresti questo progetto, dal punto di vista musicale? 
È sicuramente un progetto impossibile da descrivere dal punto di vista musicale, perché è probabilmente uno dei più diversi ed eterogenei che abbia mai sentito! Passa attraverso jazz, breakbeat, soul, funk, pop, house, musica classica e altro ancora. Il legame tra tutti questi generi è nella mia storia e nel mio modo di fare musica che fa sempre confluire tutto insieme. 

Folamour @ Baptiste Le Quiniou
Folamour @ Baptiste Le Quiniou

C'è una traccia che ha una bella storia da raccontare? 
Direi che la maggior parte delle tracce ha un bella storia, nonostante alcune siano canzoni abbastanza nostalgiche o tristi, ma se dovessi sceglierne una sarebbe The Journey. Quando ho scritto la strumentale, sapevo di cosa volevo che parlasse la canzone, ovvero di immigrazione: perché la mia famiglia l'ha vissuta e anche io stesso qualche anno fa, ma non riuscivo a trovare la voce che avevo da qualche parte nella testa. Un giorno, rovistando nella musica, ho sentito quella voce: dopo un paio di chiamate, ho avuto modo di parlare con il cantante Zeke, ed è stato l'inizio di un'amicizia che è andata oltre al processo di collaborazione. Nel nostro rapporto tutto viene molto naturale, anche perché sappiamo entrambi come parlare dell'argomento. 

Con chi (e come) hai collaborato? 
Zeke Manyika, come detto in precedenza, in The Journey, il mio amico SG Lewis in Lost In Space e una delle mie cantanti soul preferite in assoluto, Tertia May, in Rue de Paradis. Oltre ai vocalist, ho lavorato con il mio amico Olivier alle trombe e Bastien Doremus alla parte di missaggio. Un team di all-star! 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare The Journey? 
Questo album è dedicato a tutti coloro che si sentono apolidi, e a tutti coloro che sono effettivamente impegnati in un viaggio, che sia fisico o psicologico. Spero che questo album li aiuti a trovare la loro strada in quella oscurità che a volte attraversiamo quando cerchiamo una nuova vita.

MARGHERITA VICARIO - BINGO

Come è nato Bingo, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
Si tratta del punto di arrivo dopo due anni di lavoro, e tutta una serie di singoli che ho pubblicato in questo lasso di tempo. Avevo un disco datato ormai 2014: questo è il mio secondo album in studio e segna una rinascita. Ci ho lavorato tantissimo a Torino gomito a gomito con Dade, il produttore. L'ho chiamato Bingo perché vuole dare la sensazione di avercela fatta: il Bingo, se ci pensi, evoca delle situazioni sia un po' tragiche sia di gioia e adrenaliniche, e la mia scrittura è un po' così. Al di là del nome, l'ho fatto esattamente come volevo, e mi rispecchia totalmente.

Come descriveresti questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Lo descriverei multiforme, e da un certo punto di vista sperimentale. Bingo è sicuramente pop, però è il pop più libero che ci sia, quasi post-teatrale. Dal punto di vista prettamente musicale è difficile da descrivere: va da pezzi a piano e archi ad altri da ballare. Cerca un po' di fare un giro per il mondo.

Margherita Vicario @ Mattia Guolo
Margherita Vicario @ Mattia Guolo

C'è una traccia che ha una bella storia da raccontare? 
Pincio era una canzone nata per essere voce e pianoforte, ed era un valzer in tre quarti. Ci abbiamo lavorato tantissimo, quasi un anno e mezzo, perché volevamo cambiargli vestito. Ed è pazzesco il risultato finale, qui si vede il lavoro del produttore: la canzone è sempre rimasta identica, però abbiamo cambiato arrangiamento e abbiamo preso un'altra reference. Pincio si è trasformata in un pezzo che è quasi da ballare. Penso che questo sia il bello di fare un disco: si parte da un'idea e si arriva da tutt'altra parte.

Finalmente si torna a parlare di musica dal vivo e quest'estate sarai in tour. Dove potremo ascoltare Bingo?
In tantissime regioni: purtroppo non tutte ma usciranno altre date. Da Torino a Milazzo vado praticamente dappertutto, anche perché quest'estate ho due tour in parallelo. Con Bingo Tour andrò a Bologna all'Oltre Festival, a Roma allo Spaghettiland a Villa Ada, al WOW Music Festival di Como e all'Apolide Festival, giusto per citare alcune date. Sarò anche in tour con l’Orchestra Multietnica di Arezzo per lo spettacolo/concerto Storie della buonanotte per bambine ribelli, che passerà per Roma, Milano, Cagliari, Arezzo e tante altre città.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Bingo? 
Bingo è dedicato a Mattia Torre, grandissimo regista e sceneggiatore oltre che mio carissimo amico, che purtroppo non c'è più . Ha creduto in me quando ero piccola: il disco è dedicato a lui, anche se non l'ha potuto sentire finito.

POTÉ - A TENUOUS TALE OF HER

Come è nato A Tenuous Tale Of Her, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
È stato un lungo processo di scoperta di sé, principalmente in solitaria: ho scavato più a fondo che mai in questo progetto. L'idea di crescita e progressione non era ciò che prendevo molto in considerazione quando ero più giovane: fare questo progetto ha aiutato a spalancare quella porta, prefiggendomi di vivere di più il momento, perché niente dura per sempre, soprattutto le cose più belle. Scrivere e pubblicare questo album mi ha reso più coraggioso anche nell'accettare le mie idee più stravaganti, fuggendo il giudizio delle persone su ciò che dovrei fare, e al contempo essere vero nei confronti di ciò che voglio creare.

Come descriveresti questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Un parallelo musicale a un'opera di Jackson Pollock: bello, ma selvaggio e pieno di colore. Tendo a evitare di provare a descrivere quello che produco, perché non lo faccio mai con l'intenzione di realizzare questo o quel suono, quindi davvero non ne ho idea. È quello che mi piace.

Potè - Paul Scala
Potè - Paul Scala

C'è una traccia che ha una bella storia da raccontare? 
Poco dopo aver ricevuto la notizia della nascita di mia nipote, sono partito per una breve vacanza in Islanda a casa di Damon Albarn. Ogni mattina mi svegliavo presto, mi sedevo al pianoforte e suonavo: da lì è nato il riff di pianoforte e il ritornello per la traccia di fine album Together. Non avevo mai provato tanta gioia e amore per nessun altro. Quella idea, di un essere umano e del suo avvenire, mi conquistò completamente, quindi ho scritto una canzone per lei. Una canzone di speranza e di amore senza filtri.

Il tuo album è pubblicato da Outlier Record, l'etichetta di Bonobo. Com'è stato lavorare con una leggenda come Simon? 
Avevo già finito, mixato e masterizzato l'album quando Simon l'ha ascoltato: ci siamo però sentiti parecchie volte durante la campagna di lancio dell'album per parlare di musica e di come io stessi in generale: una cosa che mi ha davvero aiutato. Pubblicare un album che ha dentro così tanto della mia vita è difficile: la preoccupazione che venga capito è sempre forte, quindi è fantastico avere uno come Simon che ci è già passato e parlarne anche con lui.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare A Tenuous Tale Of Her? 
Questo album è dedicato a Suzi Winstanley e Remi Kabaka Jr,  le due persone che hanno davvero visto qualcosa in me che io stesso non riuscivo a vedere, e mi hanno spinto continuamente a cantare e scrivere. Questo album sarebbe stato molto diverso senza il loro amore e supporto.

IMMANUEL CASTO - D!CKPIC

Come è nata D!CKPIC e cosa rappresenta per il tuo percorso artistico? 
D!CK PIC esce dopo una pausa (forzata) di tre anni dall’ultimo disco e volevo innanzitutto riprendere le fila del discorso. Questo brano unisce le mie due anime artistiche: quella giocosa e quella più profonda, sensibile. Visti i temi che tratto forse potrà sorprendere, ma è sopratutto per la seconda che ho dovuto lottare - innanzitutto con me stesso - per trovare il coraggio di portarla in scena. Spero che chi ascolta questa canzone si diverta - ci sono scelte lessicali di cui vado molto orgoglioso! - ma che al tempo stesso ne apprezzi i momenti più intimi. Certo, è uno sfrontato sberleffo alla fastidiosa pratica delle cosiddette unsolicited dick pics, ossia l’invio di foto intime non richieste, ma parla anche del coraggio di mettersi a nudo, per davvero. Sarà che in vita mia di dick pics ne ho viste parecchie, ma ora ad impressionarmi è la capacità di mostrarsi vulnerabili. 

Dal punto di vista musicale come descriveresti la canzone? 
Il brano è un omaggio alle sonorità e alle melodie di Brian Ferry e David Bowie. Anche dal punto di vista musicale abbiamo cercato di riprendere quei mood utilizzando strumenti analogici e tecniche di registrazione distanti dalla freddezza del digitale, passando attraverso un mastering del brano che ne rispettasse le dinamiche, senza appiattirlo. 

Immanuel Casto @ Francesco Corlaita
Immanuel Casto @ Francesco Corlaita
www.francescocorlaita.com

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione di D!CK PIC? 
La canzone è ispirata ad una poesia di Viviana Viviani: è stata scritta assieme al mio storico collaboratore Stefano Keen Maggiore e registrata nel suo nuovo studio di Bologna, avvalendoci della preziosa consulenza di Romina Falconi. Per le fasi di mix e mastering ci siamo affidati a Nicola Roda e Virginia Faraci del Donkey Studio e a Francesco Brini di Spectrum Mastering, due realtà sempre della zona e con cui collaboriamo da tempo. La Extreme Video ci ha invece accompagnati nella realizzazione del video clip. Ormai nostri partner dagli inizi, Marco Ristori e Luca Boni sanno esattamente come rappresentare il mio immaginario. 

Nella traccia affronti in modo ironico una tematica che però è molto seria. Quanto è importante parlare ora di consenso e sessualità? 
È enormemente importante; ma oltre che parlarne, serve educare. Si tratta di un lavoro di respiro generazionale. Serve fare educazione affettiva e sessuale. Il tema del consenso è appunto solo uno dei punti di questo tipo di educazione. Purtroppo però si tratta di argomenti ampiamente osteggiati, persino più che in passato. L’educazione nelle scuole viene combattuta perché si ritiene che “indottrini al gender o sessualizzi" i più giovani anzitempo, quando la sessualità - e il nostro rapporto con essa - è una realtà in formazione in ognuno/a di noi. La scelta non è tra sessualizzare o meno, ma tra riconoscere ed educare la sessualità, oppure negarla e condannare i giovani a crescere al buio, formandosi solo sulla pornografia, che non nasce certo come strumento didattico, sebbene di fatto le venga affidato quest’onere. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare D!CKPIC? 
Nessuna persona specifica; forse perché la pandemia ha avuto un impatto molto negativo sulla mia libido. La dedico a tutte le persone che non vedono l’ora di tornare a celebrare la musica dal vivo. Anche quella è una forma di amore di cui sento tanto il bisogno.

FLOYD LAVINE - STORY TELLERS PT.2

Come è nato Story Tellers Pt. 2, e cosa aggiunge al progetto della tua etichetta? 
Questo EP è stato creato in più parti, prima e durante il lockdown. Prima del lockdown la mia vita era piuttosto impegnata a causa del tour, e non avevo molto tempo per godermi tutti i momenti incredibili e le persone che ho incontrato sul mio cammino. Per capirci: mi sono sempre sentito riconoscente per la vita che ho vissuto e per essere stato in grado di fare ciò che amo, ma a volte ero così concentrato sul mio futuro che ho dimenticato di prendermi un momento per apprezzarlo davvero, e celebrare tutti i traguardi emozionanti raggiunti lungo la strada. Quando ho creato questo EP, stavo riflettendo sul senso della mia vita: volevo esplorare e trovare la mia propria visione e la verità, liberandomi dalle aspettative sociali. Credo che sia probabilmente un processo senza fine e che durerà tutta la vita, ma il lockdown mi ha dato lo spazio e il tempo per tirare fuori tutte queste emozioni ed esprimerle attraverso la mia musica. Dato che non c'erano concerti o viaggi in programma, passavo molto tempo in studio e ho prodotto così tanta musica che volevo creare inizialmente un album. Ma poi mi sono sentito ispirato e ho finalmente lanciato la mia etichetta Afrikan Tales, con cui volevo collaborare con la scena afro-futurista e raccontare storie africane uniche. Le prime uscite hanno lo scopo di plasmare il sound, la visione e la filosofia dell'etichetta. Mentre il primo EP, Story Tellers, è accessibile e più allegro, il sound del secondo è invece più crudo e sperimentale.

Dal punto di vista musicale, come descriveresti questa release? 
Il mio obiettivo era quello di creare un sound afro-futuristico, qualcosa di mai ascoltato prima. Volevo espandere il paesaggio sonoro della musica house africana, pur mantenendo un DNA afro. La prima traccia, Mr. Bones, ha una forte connotazione per il dancefloor. Una cosa che mi piace è quando una traccia è semplice, ma anche speciale in un modo unico: ho voluto poi dargli quel tocco in più registrando la mia voce sulla traccia. Big Bad Guns è una traccia che definirei Afro Acid, che parla di violenza e bellezza che spesso coesistono nel medesimo spazio. Black Jesus è invece energica ma al contempo solare: la traccia è stata creata durante il lockdown, in un periodo in cui mi sentivo in trappola e ottimista allo stesso tempo. Religione e dottrina rappresentano per me sentimenti paradossalmente simili: ecco perché ho chiamato il brano Black Jesus.

Floyd Lavine - Ursula Thomas
Floyd Lavine - Ursula Thomas

C'è una traccia che ha una bella storia da raccontare? 
La prima volta che ho suonato Black Jesus è stata durante una sessione di ascolto organizzata dal mio amico Dede a casa sua: alcuni produttori e artisti si erano riuniti per suonare ed esibirsi coi loro nuovi progetti. Con mia grande sorpresa, ho visto seduta in salotto Maayan Nidam, che è in assoluto una delle produttrici che più ammiro, ma non la salutai nemmeno perché ero troppo nervoso. Dopo aver ascoltato alcuni brani di altri produttori, fu il mio turno di suonare la mia nuova traccia. La reazione fu tragica: nessuno si muoveva né ballava e io ero distrutto... Ahah sto scherzando! Grazie a Dio andò diversamente: la sala è impazzita e tutti hanno adorato la traccia! Per di più, dopo sono riuscito finalmente a incontrare Maayan e stare un po' con lei: in seguito mi ha persino invitato a far parte di un evento che stava realizzando. Come artista, i momenti più difficili sono sempre quelli in cui presenti il ​​tuo lavoro agli altri produttori. E non importa quanto cercherai di non curarti del giudizio degli altri: ti rende sempre felice ricevere un buon feedback, specialmente da persone che ammiri.

Big Bad Guns è un featuring con Thabo Sage. Puoi dirci qualcosa su questa collaborazione? 
Thabo Sage è un liricista e cantante di grande talento, ma anche un mio vecchio amico. Abbiamo condiviso molte esperienze bellissime ed incredibili insieme in passato. Se ci ripenso, sono state esperienze controverse in un certo modo: ed è la sensazione che ho voluto creare con questa traccia. Insieme abbiamo dato vita a qualcosa che è insolito ma al contempo piacevole. Come ho detto prima, Big Bad Guns parla di come violenza e bellezza a volte convivono allo stesso modo spazio. Viviamo in un mondo meraviglioso, ma come esseri umani stiamo distruggendo il nostro pianeta: abbiamo la capacità di amare, e di ferirci a vicenda al contempo, ed è una cosa straniante per me. Quando ho ultimato le parti strumentali, sapevo che Thabo Sage avrebbe inventato qualcosa di unico, per mettere in risalto questa ambiguità. Thabo ha un modo davvero speciale di scrivere canzoni con ritmi non ortodossi: quindi era la persona perfetta con cui collaborare.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Story Tellers? 
Vorrei dedicare questo EP in primo luogo a tutti i creativi e alle persone di quei settori che sono stati particolarmente colpiti dal pandemia: sono consapevole del conflitto interiore che ho attraversato e che sto ancora affrontando durante questi ultimi diciotto mesi. Voglio dedicarlo anche alla mia sodale Ursula Thomas, che è stata la mia roccia e la mia ispirazione: per me poter contare sull'amore e su un forte legame è molto importante per la mia crescita. Dedico poi questo EP anche ai miei amici e alla mia famiglia. E infine a tutti gli Afrofuturisti! Dobbiamo continuare a sognare un'Africa che ama e condividiamo la nostra umanità con il mondo.

RAFFAELE ATTANASIO - NUOVO FUTURO

Come è nato Nuovo Futuro, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico?
L’album nasce da una forte esigenza di rompere le righe della monotonia: eravamo proprio all’inizio della pandemia quando ho iniziato il percorso di produzione ed ero in uno stato mentale di forte irrequietezza. Nuovo Futuro è un passo nel futuro ma con un occhio al passato: è un obiettivo, un punto fermo della mia carriera da cui raccontare nuove storie. Ho avuto il piacere di lavorare con i miei amici e maestri d’armi Francesco Varchetta e Mario Urciuoli, con il quale ho definito il sound del disco, consegnato poi nelle sapienti mani di Jeff Mills. Rilasciare un disco su Axis Records è un po' il sogno di tutti quelli che vivono nel mondo della techno, mentre per il mio percorso artistico ho fatto quel passo in avanti che aspettavo da tempo; e Jeff ne è stato l’artefice principale perché sin dall’inizio ha creduto in me e nel progetto che ne sarebbe uscito fuori. Tengo a precisare che la mia carriera, come dj e produttore di musica techno, continuerà sempre.

Dal punto di vista musicale, come descriveresti questo progetto? 
Dal punto di vista musicale posso dire che è stato impegnativo quanto semplice: impegnativo come tempistiche di produzione e semplice come concetto. Il concetto di base è l’improvvisazione, è stato voluto così. Se vogliamo parlare invece di generi non riesco a collocarlo in uno solo: può essere jazz elettronico, blues, progressive. Soprattutto progressive.

Raffele Attanasio @ Ludovica Formisano
Raffele Attanasio @ Ludovica Formisano

Qual è la traccia con una bella storia da raccontare?  
Tutto l’album è una bella storia da raccontare, però uno dei momenti più adrenalinici è stato quando abbiamo fatto la prima sessione di missaggio a distanza - per colpa della pandemia - e mi sono ritrovato Jeff dall’altra parte dello schermo in webcam.

L'album esce per Axis, la mitica label del maestro Jeff Mills. Cosa significa per te questo riconoscimento da parte di una realtà così prestigiosa?
È un traguardo inestimabile: se poi penso che è il primo album della mia carriera la risonanza aumenta ancora di più. Jeff ha acceso la scintilla primordiale, ha saputo spronarmi e tirare fuori le mie incertezze, dato che era un progetto che centrava ben poco con il mio percorso artistico da dj produttore, anche se non con la mia vita da musicista.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Nuovo Futuro?
Sì, lo dedico ad una persona molto speciale che purtroppo non c’è più.

DEMUJA - IN MY SOUL

Come è nata In my Soul, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
Con questa traccia ho cercato di fare qualcosa per il dancefloor ma che puoi anche ascoltare a casa: peraltro, essendo stata realizzata durante il lockdown, non ho ancora avuto la possibilità di testarla in un club. In My Soul ha inoltre la missione di portare il pubblico verso una nuova direzione, che è dove mi vedo in futuro.

Come descriveresti questa traccia, dal punto di vista musicale? 
È una traccia piuttosto "classica" con influenze house, ma ho cercato di dargli un tocco in più. Pianoforti, linee di basso acid e classica drum machine 707, oltre che alcune vocals. 

Demuja @ Frank Wimmer
Demuja @ Frank Wimmer
@ Frank Wimmer

La traccia sarà nel tuo prossimo album, Period of Time. Puoi spoilerarci qualcosa sul tuo ultimo progetto? 
Period Of Time è il primo passo verso qualcosa di nuovo. Per me è molto importante crescere, cambiare, provare nuova musica e nuove direzioni, e penso che Period of Time sia un perfetto assaggio di quello che sta arrivando. Oltre alla musica, c'è una trilogia completa di video musicali, con un'intera storia dalla parte 1 alla parte 3. Check it out! 

Con chi (e come) hai collaborato? 
Nell'album ho delle ottime collaborazioni, principalmente con persone con cui ho già lavorato. Larry Houl, con il quale ho già realizzato un paio di brani, Mr. Beale e per la prima volta con il grande tastierista Lorenz Rhode.  Greg Barnes è la mente dietro i video musicali, un ottimo regista che lavora per Black Dog Film,  l'agenzia di Ridley Scott. Oltre a questo potevo contare su un grande team, Frank Wimmer alla fotografia e Harry Morgan come produttore. Sono super felice del risultato e non vedo l'ora di mostrare a tutti l'intero progetto.  

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare In my Soul?
Se devo dedicarlo a qualcuno è a Diva, il mio gatto.

MONOLINK - UNDER DARKENING SKIES

Come è nato Under Darkening Skies e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
Under Darkening Skies è soprattutto un album creato durante il lockdown. Un vantaggio di non essere potuto andare in tour è stato essere in grado di immergermi davvero nel processo di scrittura e registrazione. Per il nuovo album ho messo in pratica ciò che ho imparato e sperimentato negli ultimi anni, aprendomi a mostrare più sfaccettature di me stesso, delle mie canzoni e delle mie produzioni. In questa occasione c'è un accento particolare sui contrasti: ho composto e creato nuovi suoni che si contrappongono, forti e bassi, duri e morbidi.

Come descriveresti questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Penso che sia un seguito al mio album d'esordio Amniotic, nel senso che l'ascoltatore può passare dalla prima traccia di Amniotic all'ultima traccia di Under Darkening Skies e sapere cos'è Monolink. Ma il suono è in evoluzione: sia per quanto riguarda la produzione, sia per le influenze sonore. 

Monolink @ Lisa Wassmann
Monolink @ Lisa Wassmann
LISA WASSMANN

C'è una traccia dell'album che ha una bella storia da raccontare? 
La title-track Under Dark è una traccia per me molto speciale, mi accompagna ormai da un bel po' di tempo. L'ho suonata per la prima volta durante il mio set di apertura al Fusion Festival del 2015, che è tuttora uno dei miei show migliori e a cui sono più legato. Il cielo si è oscurato mentre la cantavo, e il testo della canzone sembrava manifestarsi in tempo reale in quel momento. A un certo punto è iniziata a cadere una forte pioggia, ma il pubblico è rimasto con me fino a quando il cielo non si è aperto di nuovo. È stato un momento magico. 

Con chi (e come) hai collaborato?  
Non ci sono collaborazioni di altri artisti nell'album. È stata una decisione consapevole, perché nei miei album sto ancora raccontando la mia storia. Sono decisamente aperto a inserire featuring in futuro, ma non mi sembrava ancora che fosse il momento giusto. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Under Darkening Skies? 
Vorrei dedicarlo a chiunque abbia ancora il tempo di ascoltare e vivere attivamente la musica. Sembra che sia diventata una rarità in questi giorni.

ALFA MIST - BRING BACKS

Come è nato Bring Backs, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico? 
Bring Backs è stato registrato principalmente al Gizzard, nell'East London. Normalmente sono solito registrare con la band e tengo solo i take migliori: anche nel caso di questo progetto, il processo non è stato molto diverso.

Come descriveresti questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Le nove tracce di Bring Backs rappresentano nove diverse direzioni che mi interessano e che mi stanno a cuore quando si tratta di musica: spazia dal folk alla musica per quartetto d'archi, passando per hip-hop e jazz.

Alfa Mist @ Johny Pitts
Alfa Mist @ Johny Pitts
JOHNY PITTS

In Mind the Gap, collabori con un'altra delle nostre artiste preferite, Lex Amor. Come è nata questa featuring? 
Conosco Lex Amor da qualche anno: quando le ho chiesto di partecipare alla canzone è stata una cosa dell'ultimo minuto, ma penso che lei fosse perfetta per quella traccia.

Questa è la tua prima uscita per Anti-. Com'è lavorare con un'etichetta con un roster così straordinario? 
È molto bello e sono felice di farne parte. Sono davvero delle belle persone! 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare questo LP? 
Sì, dedico Bring Backs a chiunque cerchi di andare avanti, e non sempre è facile. Bisogna celebrare le piccole vittorie!

ELASI - COCORICÒ

Come è nata COCORICÒ e cosa rappresenta per il tuo percorso artistico? 
La musica di COCORICÒ è nata due anni fa in un pomeriggio di jam nello studio zeppo di synth del mio amico musicista Simone Manzotti. Il suo testo mi è comparso in mente poco dopo in una spiaggia libera ligure mentre raccoglievo mozziconi, vetri rotti e altri rifiuti con le mie amiche: “Lì c’erano conchiglie, ora solo siga e bottiglie. E se il mare sotto tutto questo male, ci smettesse di abbracciare?”. Ci ho messo poi tanto a terminarla ma ne è valsa la pena. Qualche mese fa ho ripreso in mano la pre-produzione insieme ai miei amici e compagni di band Plastica (Matilde Ferrari) e Braoboy (Emanuele Tosoni). Poi, d’accordo con la mia etichetta e dietro consiglio di Pinaxa - sound engineer di Battiato, Jovanotti e tanti altri grandi - ho lavorato alla produzione finale con un duo di producer che solitamente lavora oltreoceano: Kleak & Veebu. Il sound del pezzo ha raggiunto così, con loro e con Pinaxa al mix e master. Un livello per me ancora sorprendentemente inedito per il mio percorso fatto finora: non potevo chiedere un vestito migliore!

Dal punto di vista musicale, come descriveresti la canzone? 
Dal momento in cui ho scritto i primi accordi del pezzo, sapevo di voler scrivere un pezzo pop-funk che potesse colorare la dancefloor o accompagnare le giornate di sole. È sicuramente influenzata dai miei ascolti di funk, dance ed elettronica americani o francesi: Earth, Wind and Fire, Jungle, Jamiroquai, Daft Punk. La linea melodica mi è venuta in mente in “finto inglese”, ma volevo assolutamente scriverlo nella mia madrelingua. Per me è interessante sperimentare l’italiano in questo tipo di mondo musicale. Senza volerlo, mi sono ispirata a Virtual Insanity dei Jamiroquai, anch’esso un pezzo pop-funk che ancora oggi balliamo spensieratamente, ma che ha un testo che parla di disgrazie a sfondo ecologico, di società egoiste e di follia virtuale.

ELASI @ Alice Blandini
ELASI @ Alice Blandini

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione di COCORICÒ? 
Per la musica, ho collaborato con le persone e gli amici che ti citavo prima: a distanza - da Milano a Valencia - con Kleak & Veebu per la produzione; con Pinaxa per il mix e il master; con Plastica, Braoboy e Simone Manzotti - tutti lavorano o hanno lavorato con me nei live - nella fase di costruzione della pre-produzione. Per il video, ho scelto di lavorare con due amiche del cuore, al mio fianco da sempre nel percorso artistico e nella vita: Vittoria Paglino come regista e Arianna Puccio come art director. Con loro ho fatto una grande ricerca estetica che potesse trasmettere il più possibile in pochi minuti il mondo onirico, surreale e futuristico che ho in testa quando scrivo la mia musica. Vittoria e Arianna in poco tempo hanno messo su una squadra di persone straordinarie per la realizzazione del video: il D.O.P. Lorenzo Zanoni, lo sceneggiatore Mattia Gradali, la stylist Camilla La Gala, la MUA Chiara Ottonello, gli hair stylist Maurizio Carruso Morreale e Gaetano Pane e tanti altri super-professionisti. Nei video e nelle foto è sempre importante per me la ricerca di abiti di designer emergenti e sperimentali che utilizzino in modo non convenzionale materiali innovativi o riciclati: ad esempio l’abito bianco di Amorphose all’inizio del video è fatto interamente di sacchetti di plastica e il cappello a forma di paguro è costruito su misura per me dalla designer Veronica Toppino. Amo sempre anche mescolare la mia musica con performance di artisti come quelle di Salvatore De Pascalis e Francesca Mariano, a fianco a me nel video. Inoltre, Laura Tura è la meravigliosa artista visiva digitale che ha lavorato alla post produzione copertina: la sua estetica sognante e disturbante si sposa molto bene con la mia.

Nella traccia affronti in modo ironico un problema molto serio. Come vivi il tuo impegno in difesa dell’ambiente? 
Lo vivo in modo semplice, impegnandomi tutti i giorni a vivere nel modo più sostenibile possibile, per quanto non sia semplicissimo in una metropoli come Milano. Ad esempio, tra le piccole cose quotidiane che faccio: compro quasi esclusivamente abiti usati oppure faccio ricucire e riadattare miei vestiti vecchi da mia madre, che ha appena fondato un suo piccolo brand di abiti riciclati e riutilizzati: SimoBOOM. Compro meno possibile cibo o bevande in confezioni di plastica; stacco dalle prese i caricabatterie; quando vedo rifiuti abbandonati per terra, li raccolgo; uso poco la macchina, eccetera.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare COCORICÒ? 
La dedico a chi vuole bene a questo pianeta ballandoci sopra con amore.

JIMOTHY LACOSTE - JIMOTHY'S HOUSE PARTY PACKAGE

Come è nato Jimothy's House Party Package e cosa aggiunge alla tua traiettoria artistica? 
Ho creato Jimothy's House Party Package in base al tipo di musica house e musica elettronica che ho sempre voluto ascoltare ai party. A molte delle feste a cui andavo non la mettevano mai, quindi ho deciso di farla da solo per suonarla ai miei show! Adoro la musica house da quando ho quindici anni: ora ci sto cantando e rappando sopra, e mi diverto molto a farlo.

Come descriveresti questo EP, dal punto di vista musicale? 
Nello specifico, la traccia Describe my life parla del mio 2020. Parla semplicemente di me, di come ho trascorso l'anno con tutto quello che è successo, le persone che ho incontrato e le decisioni che ho preso. In generale, l'EP è contraddistinto da un sound che è facile da ballare: è musica fatta per persone che vogliono soltanto muovere la testa e ballare. 

Jimothy Lacoste @ Stanley Brock
Jimothy Lacoste @ Stanley Brock

Per questo EP, con chi (e come) hai collaborato? 
Con nessuno, ci sono solo io. Sono ancora in una fase sperimentale con la new house: il mio sound è un po' più "morbido" di quello che c'è in giro in questo periodo, quindi sto ancora cercando di capire chi ci starebbe bene sopra, perché è appunto un sound abbastanza unico. Però sarei davvero entusiasta di future collaborazioni. 

Hai uno stile incredibile e unico. Quali sono le tue principali fonti di ispirazione?  
Mi ispiro alla musica house, sia quella nuova sia quella più classica: mi piace mescolare e abbinare le diverse sonorità. L'ispirazione viene dall'ascolto di musica garage di quando ero molto giovane e, da un po' meno giovane, tanta house: un po' di tutti i tipi, da quella britannica a quella elettronica parigina. Anche il funk anni Ottanta e l'hip hop americano trash, che però in realtà non è affatto trash. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Jimothy's House Party Package? 
Questo album non lo dedico a nessuna persona in particolare, ma lo dedico al 2020, soprattutto la canzone Describe My Life. L'anno trascorso è stato come un gigantesco film per me, sono successe molte cose e ho incontrato molte persone. Describe a Blackbox è invece dedicata ai tre anni in cui non ho commesso infrazioni per eccesso di velocità in macchina. Spesso gli altri guidatori dietro di me sono furiosi per questo, anche se io sto semplicemente attenendomi alle regole!

POPA - PSICOMAGIA

Come è nata Psicomagia e che traiettoria ha il tuo nuovo progetto POPA?
L’idea di scrivere un pezzo come Psicomagia è nata osservando come i nostri amici e conoscenti hanno trascorso gli ultimi mesi: tra amori su Zoom, sughi pronti di Barilla, pellicole di Jodorowsky, l’astrologia e i tarocchi interrogati quotidianamente sulla vita e sull’amore, e pietre e statuine messe lì a controllare flussi di buona e cattiva energia! È curioso, ma è come se in un periodo così nebuloso e con così poche certezze, in tanti abbiano cercato delle risposte al di fuori di ciò che è tangibile e spiegabile. Da questo concetto è nata la prima bozza del testo della canzone, a cui sono seguite le prime note, gli accordi, fino al complesso arrangiamento finale che si ascolta oggi. Il progetto POPA è la mia prima esperienza musicale: lavoro da anni come designer nel campo della moda, ma ho sempre avuto una grande passione per la musica. Accorgermi di quanto il processo creativo di disegnare un abito sia simile a quello di creare una canzone, mi ha fatto venire tanta voglia di provare a fare musica: quando penso a una canzone infatti, prima visualizzo nella mia testa a che tipo di abito vorrei assomigliasse. Poi, con questa visione ben chiara, comincio a lavorarci. 

Dal punto di vista musicale, come descriveresti la canzone ?
Psicomagia tesse un fil rouge narrativo che collega la leggerezza degli anni del boom economico con le crisi esistenziali post-pandemiche, il cocktail di gamberi e le costellazioni familiari. Volevo richiamare le sonorità della golden-age italiana, quella in cui a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta raffinate pop songs cominciarono a vestirsi di funk e disco music. Per ottenere questo risultato c’è voluto molto tempo, tre mesi circa: anche perché, proprio come si faceva in quegli anni, abbiamo deciso di non utilizzare nessun suono finto o computerizzato, ma solo strumenti veri suonati da grandi musicisti!

POPA @ Federica Pascale
POPA @ Federica Pascale

La canzone sarà inclusa nel tuo concept album in uscita nel 2022. Ci puoi svelare di cosa si tratterà? 
Per adesso, in maniera molto naturale, sto pensando alle canzoni che andranno a comporre un vero album, una canzone alla volta. È una modalità molto stimolante, perché più che fare un disco pensato a tavolino ho la sensazione di scrivere un diario, raccontando una storia che cambia giorno per giorno così come cambiano i nostri umori a seconda dell’epoca in cui viviamo. Questo mi consente di rimanere sempre in contatto con la realtà e di raccontare davvero la quotidianità. In ogni caso, guardando anche alle canzoni a cui sto lavorando in questo periodo, senz’altro individuo delle costanti: mi ispirano spesso alcune figure caratteristiche, personaggi a loro modo iconici che ho incontrato qui, ognuno con una storia molto interessante. Parto da questi personaggi per raccontare il paese stesso, con le sue piccole manie, gli slanci e le debolezze. Nel parlare dell’Italia utilizzo la mia prospettiva, quella di una ragazza che viene da un paese così diverso come la Lituania, e forse il mio punto di vista è più leggero e romantico del vostro, in cui spesso vedo e sento tanto cinismo e disillusione, ma credo sia normale: spesso non ci si rende conto di quanto sia bello ciò che si ha finché non lo si perde!  

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione di Psicomagia?
Il pezzo, prodotto e arrangiato da Carlos Valderrama, è stato registrato tra Napoli, Milano e Rotterdam dal gruppo di musicisti di Fitness Forever e Nu Guinea. Il testo è stato scritto con la collaborazione di Victoria Genzini, che ha da poco fondato a Milano un’agenzia creativa, Salotto Studio, con Antonio de Martino e Clementina Grandi. Salotto Studio è parte fondamentale di questo progetto, sono stati loro i primi a credere che davvero potessi fare musica e curano dall’inizio la produzione e la direzione artistica Il video invece è stato diretto da Ghila Valabrega, talentuosa regista e appassionata di esoterismo. È intrigata dal poter raccontare un nuovo e più leggero modo di parlare di energie e rituali di purificazione. Questo sodalizio innesca una serie di incontri “psicomagici”, come quello con la casa di produzione Basement che ha co-prodotto il video, che è alla fine è quasi un fashion film in cui viene dato spazio a tanti giovani creativi. Dentro troviamo le artiste Miss Goffetown e Lula Broglio, i designer Gentile, Genevieve Xhaet, Vincent Vintage Bijoux, Ding Yi, e 20134 Lambrate Vintage.

RAMPA - THE CHURCH (MONDAY DREAMIN' BLUE EP)

La tua traccia The Church è inclusa in Monday Dreamin' Blue EP. Puoi dirci di più su questo ultimo progetto di Circoloco? 
Ormai non è più un segreto. Da tempo si ponderava l'idea di lanciare l'etichetta e sono felice che il progetto si sia finalmente trasformato in realtà. Quando abbiamo pubblicato il primo vinile con Circoloco e Toiletpaper nel 2019, girava già l'idea che Circoloco potesse dare vita anche a una sua etichetta musicale. Le cose buone richiedono tempo, e con Rockstar la combinazione è perfetta, visto che la musica, soprattutto quella underground, ha una valenza molto importante per loro: e per quanto mi riguarda è ovviamente fantastico farne parte.

La traccia ha dei vocals pazzeschi. Come descriveresti The Church, dal punto di vista musicale? 
Non riesco molto a descrivere la musica a parole. Ma è andata più o meno così: Antonio mi ha chiesto una traccia e io volevo creare qualcosa che desse quell'atmosfera, da "chiesa" appunto, che si prova quando si entra a un party del Circoloco. Quindi ho iniziato con la sonorità di un organo e poi sono andato ad aggiungere un layer alla volta. Volevo mantenere un sound che non fosse niente di "diverso" o "inaspettato", ma che fosse quello raffinato tipico di Rampa, così come lo si conosce dagli ultimi sei anni di mia residenza al Circoloco.

Rampa @ Steffen Grap
Rampa @ Steffen Grap

Se non andiamo errati, gli appassionati di GTA hanno già ascoltato The Church a Cayo Perico Beach. Come è nata la collaborazione tra Keinemusik e Rockstar? 
Sì, abbiamo incluso una versione leggermente diversa di The Church nel update di Cayo Perico Beach, per la nostra missione DJ a GTA online. Ho conosciuto Sam - il fondatore di Rockstar - alle feste del Circoloco; è un vero appassionato di musica, l'ho visto un paio di volte in mezzo al dancefloor mentre si stava sempre divertendo un sacco! Un giorno ci ha chiesto di suonare a una festa e abbiamo subito avuto un'ottima connessione; abbiamo parlato molto di musica, skateboard e vibe. Quando mi ha chiesto se volevo far parte del gioco GTA, è stato dunque uno sviluppo molto naturale - e ovviamente anche eccitante [ride, ndr]!.

Circoloco è diventato una referenza non solo per il mondo della musica elettronica underground, ma anche per quello della moda. Perché pensi che il marchio sia diventato un luogo d'incontro così importante tra questi due settori? 
Ho vissuto il Circoloco come un luogo di incontro per tutto e tutti. È il posto dove stare, incontrarsi, uscire e divertirsi. Moda e cultura musicale sono sempre andate di pari passo e si sono influenzate a vicenda, quindi per me è abbastanza naturale che Circoloco sia come brand, sia come lifestyle, sia una referenza anche nel mondo della moda. Inoltre, penso che molti progetti in generale poggino le loro fondamenta sull'amicizia e su una buona vibe - e una buona parte di questi progetti probabilmente ha preso il via nel backstage del DC10.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare The Church? 
Sì, ovviamente ad Antonio, Sam e a tutta la banda. Non vedo l'ora di tornare a fare festa tutti insieme...

NOYZ NARCOS FT. KETAMA126, SPERANZA - GUARDAMI ADESSO 

Come è nata Guardami Adesso e il featuring con Ketama126 e Speranza?
Guardami Adesso è nata durante la lavorazione del mio album, in una villa in Italia in cui abbiamo prodotto la maggior parte dei pezzi che saranno nel mio prossimo lavoro. A un certo punto ci siamo ritrovati in casa svegli solo io e Piero (Ketama126, ndr) e non sapevamo bene come occupare il tempo. L'abbiamo occupato nella maniera migliore, visto che ci siamo messi a lavorare su questa produzione di Sine ed è venuto fuori un pezzo che è una bomba. Il “La” per questo pezzo l'abbiamo dunque dato io e Ketama126: avendo entrambi già collaborato con Speranza, abbiamo poi pensato di coinvolgerlo, e Ugo ci ha mandato subito la sua strofa. Credo che in Italia ci sia bisogno di questo tipo di rap e di pezzi di questo calibro perché, senza voler togliere nulla agli artisti di oggi, penso che si sia un po' persa la brocca con la musica che sta girando, e che si sia presa una deriva un po' diversa rispetto a quello per cui questo genere è nato.  

L'uscita del pezzo sarà accompagnata da una web serie di brevi documentari. Puoi raccontarci di che si tratta?
Sarà una serie di tre episodi che uscirà sull'Instagram di Noisey a partire dall'8 giugno, con interviste dietro le quinte agli artisti: si tratta di un focus sul video di Guardami Adesso, che porta l'ascoltatore dentro al progetto. In un momento in cui tutto il ciclo della musica è molto veloce, penso sia una cosa positiva approfondire gli aspetti di un'uscita: a maggior ragione in questo caso, che abbiamo un video girato da No Text Azienda interamente in pellicola, cosa abbastanza rara e complicata in questi tempi di musica spazzatura fatta di plastica. Tra l'altro, è un ottimo modo per dare il giusto merito a chi ha lavorato dietro alla macchina da presa! Per me, che vengo da un mondo del tutto analogico, vale sempre la pena fare questo tipo di approfondimenti, quindi grazie  ai ragazzi di Noisey per questo focus.

Noyz Narcos @ Rosario Rex Di Salvo
Noyz Narcos @ Rosario Rex Di Salvo

Il videoclip è stato realizzato in partnership con Havana Club. Come nasce questa collaborazione? 
Havana Club era già stato partner di un paio di festival che abbiamo fatto con Propaganda e ci eravamo trovati molto bene. Si tratta di una di quelle collaborazioni che nascono spontaneamente, anche perché è molto in linea con quelli che sono i nostri gusti: è molto più naturale di ciò che si possa pensare, visto che è un prodotto che si sposa molto con quella che è la nostra indole e le nostre esperienze di vita da sempre. Da "pischello" che viveva a Centocelle, passavo la gran parte delle mie estati romane a Trastevere: ed era immancabile nel mio giacchetto North Face una bella bottiglia di rum. 

Guardami Adesso sarà incluso nel tuo prossimo album. Ci puoi già svelare qualcosa sul tuo nuovo progetto?
Sul mio disco ho la bocca cucita e purtroppo non posso spoilerare niente. Quello che posso dire è che è un gran bell'album, e se abbiamo aspettato così tanto per farlo uscire è solo perché purtroppo i tempi non ci permettevano di fare altrimenti. Guardami Adesso comunque è l'assaggio perfetto di quello che sarà il mio disco: quindi, se sarà apprezzata quest'uscita, l'album sicuramente andrà bene. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Guardami Adesso?
Guardami Adesso nella fattispecie no, perché è un pezzo abbastanza hardcore: il mio disco invece penso proprio di volerlo dedicare a mio padre, che da poco è venuto a mancare. 

IKRAM BOULOUM - HA-BB5

Come è nato Ha-bb5, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Ha-bb5 è uno dei progetti più importanti che ho realizzato finora. Rappresenta un prima e un dopo nella mia carriera, perché è la prima volta che metto la mia voce in un progetto mio nella mia lingua madre, l'Amazigh. L'EP nasce dal mio impeto di catturare, raccontare e svelare tutta una serie di preoccupazioni che hanno a che fare con il mio patrimonio culturale e la mia identità.

Musicalmente parlando, come definiresti questo progetto? 
È un progetto dagli spunti pop, che viaggia tra l'estetica della musica marocchina e il suono del club. Ha una narrativa molto concettuale che in sostanza porta musica e voce ad esplorare oltre i limiti convenzionali di ogni genere. Ha anche molti simbolismi che gli fanno avere un immaginario di referenti e ampie connessioni.

Ikram Bouloum @ Ana Larruy
Ikram Bouloum @ Ana Larruy

C'è una traccia che ha una bella storia da raccontare? 
Tutte le canzoni dell'EP hanno molto carattere. Alcune hanno un'aura malinconica come potrebbero essere Henna e Meime, altre sono più trasgressive e determinate come Ineia e The Game. Ma la quarta traccia dell'EP, Nhara, è un manifesto per le sorelle di terra, di origine e di sangue. Ha una forza genuina che riflette rapidamente l'emotività della fratellanza, e per me questo evoca qualcosa bello e genuino!

Con chi (e come) hai collaborato per realizzare Ha-bb5? 
Sono tante le persone che hanno reso possibile l'uscita di questo EP: il mio primo complice e uno dei più importanti, è stato Mans O, che è il produttore dell'EP e curatore dell'etichetta So Urgent, dove è uscito Ha-bb5. David M. Romero mi ha aiutato a plasmare l'immaginario visivo dei lyrics video, di cui Sara V. Mallo ha curato la grafica e Marcos Oteize la post-produzione. Ana Larruy è stata incaricata di immortalare le fantastiche foto di copertina dell'EP e del singolo, mentre Aida Belmonte e Lidia Gonzalez Beltran sono state le realizzatrici del videoclip, con un team fantastico. Nulla sarebbe però stato possibile senza il mio management Double Body, che ha supportato, accompagnato e consigliato tutto l'iter.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare l'EP?
Lo voglio dedicare alle mie sorelle Naual e Oumayma e a mio fratello Omar. Allo stesso modo, a tutte le persone che hanno un'identità culturale meticcia!\

BLUEM - NOTTE

Come è nato NOTTE, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
NOTTE è nato da una settimana di sfogo, in cui ogni giorno mi confrontavo con una parte diversa di me e di ciò che stavo vivendo in quel momento. È stata una sfida, ma anche una continua rivelazione. Nel mio percorso artistico, penso rappresenti il momento in cui ho finalmente trovato il modo in cui volevo comunicare con me stessa e con chiunque volesse ascoltare.  

Dal punto di vista musicale, come descriveresti questo progetto? 
Essenziale. Ho una tendenza, sia come cantautrice che come produttrice, a utilizzare poche parole e pochi elementi. Mi piace immaginare la mia musica come una stanza enorme, in cui ogni cosa presente all’interno è distante dalle altre e ha ampio spazio per respirare. In questo progetto in particolare, in cui ogni brano è stato impostato nell’arco di una giornata, sono voluta rimanere molto fedele a quella prima impostazione e non c’è niente che non sia strettamente necessario. 

BLUEM @ Jasmine Färling
BLUEM @ Jasmine Färling

Qual è la traccia con una bella storia da raccontare? 
VENERDÌ. È una storia che si racconta da sola ed è una traccia che è passata attraverso me, ma di cui mi sento solo un’umile servitrice. È anche l’anello che congiunge la parte musicale di NOTTE a quella visiva. La voce parlata di mia nonna paterna, presente nel brano, è tratta da un documentario sulla Sardegna intitolato Isole, a cura di mia sorella, Francesca Floris e di Kristijonas Dirse.  

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione dell'EP? 
Musicalmente parlando, ho lavorato alla produzione del progetto con Simone D’Avenia, che mi supporta dal primo brano che abbia mai scritto. Simone è l’orecchio fresco che vado a cercare dopo che ho passato settimane chiusa in casa a scrivere e a produrre e sono diventata completamente insensibile alla mia stessa musica. È paziente e mai invadente. Mi sento di citare anche il mixing engineer Enrico Berto, anche lui presente dai primi brani, perché creativamente è stravagante almeno quanto me e nel processo del missaggio tiriamo sempre fuori delle cose molto interessanti. Ultima ma non meno importante, Jasmine Färling, fotografa finlandese. NOTTE è accompagnato da un lavoro visivo che ho curato personalmente e che è parte integrante del progetto. Ho disegnato e realizzato uno scenario per brano e nessuno poteva scattarli meglio di Jasmine. Con lei, Marcella Massidda (MUA) e Marco Fois, che ha curato lo styling insieme a me. 

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare NOTTE? 
Vorrei dedicare NOTTE a mia nonna paterna, con cui questo progetto è stato uno scambio continuo, e che proprio il 27 Maggio avrebbe compiuto gli anni. Ovunque lei sia, spero che sappia che le sono eternamente grata.

SIMPLE SYMMETRY - SORRY! WE DID SOMETHING WRONG

Come è nato Sorry! We Did Something Wrong, e cosa significa per voi e per il vostro percorso artistico? 
Ad essere onesti è stato un viaggio lungo: ci sono voluti quasi tre anni per portare a termine il lavoro. Paradossalmente, il lockdown in qualche modo ci ha aiutato a finire tutto. Produciamo musica da dancefloor e dobbiamo la nostra fama principalmente a produzioni di questo genere. Quindi l'idea era di fare un LP per l'ascolto, con vere e proprie canzoni e usando strumenti musicali tradizionali, con l'aggiunta di sintetizzatori e drum machine. Questo disco è una specie di dichiarazione per noi: “Guardate, possiamo fare anche canzoni oltre che brani da club”.

Come descrivereste questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Per molti versi, si basa sui nostri ricordi musicali d'infanzia. Ascoltavamo molto i Beatles da bambini, e ciò ha senza dubbio instillato in noi l'amore per le melodie e il suono psichedelico. Il fatto è che abbiamo sempre cercato di utilizzare alcune di queste tecniche nella produzione della nostra discografia, ma erano molto limitate dalle restrizioni di genere. Quindi abbiamo deciso di fare qualcosa di diverso e siamo andati in un'altra direzione. 

Simple Symmetry @ Alexey Kiselev
Simple Symmetry @ Alexey Kiselev

Quale traccia ha un bella storia da raccontare? 
Oh Lord: Volevamo trasformare un beat elettronico e un demo di chitarra che avevamo e renderli più "live". Il cantante e compositore che è possibile ascoltare nella traccia è il nostro amico - che vive a Berlino - Gil Abramov, della band garage punk Balagan. Alla batteria c'è invece Iggor Cavalera, ex membro del gruppo metal brasiliano Sepultura. Siamo grandi fan dei Sepultura da quando eravamo bambini e siamo onorati di averlo in questa traccia. La sostituzione della chitarra demo che avevamo preparato per synth e mellotron è stata l'ultima modifica. Questa canzone è sopravvissuta a molti cambiamenti, ma ci piace molto il risultato finale. C'è anche una bella storia dietro Sim Sim Sim. Abbiamo trascorso le vacanze in un piccolo villaggio in Brasile, chiamato Trancoso. Ogni giorno intorno alle 18:00, i grilli locali iniziavano a frinire: "sisisisi", un suono che si schiantava come un'enorme e meravigliosa onda sonora, perché c'era davvero una moltitudine di questi grilli ovunque, nell'erba, nei cespugli, tra gli alberi. Così il settimo giorno ho preso il telefono e ho iniziato a registrare quella strana cassa data dal suono dei grilli. È così che è iniziata questa canzone, che si è conclusa con la voce di Abrão - cantante israeliano della band post-punk underground Kafka, che si è spesso esibita nella zona di San Paolo durante gli anni '80.  

Con chi (e come) avete collaborato per la realizzazione di questo LP? 
Tutta la storia di questo album è basata sull'amicizia e le collaborazioni, dato che molti grandi musicisti hanno preso parte alla registrazione di questo progetto. Anche la geografia di chi ha contribuito è molto ampia: Australia, Israele, Germania, Brasile, giusto per citarne alcuni. 

C'è qualcuno a cui vorreste dedicare Sorry! We Did Something Wrong?
Non abbiamo mai pensato a nessuna dedica durante il processo creativo, ma dopo che ci hai fatto questa domanda abbiamo entrambi pensato ad Andrew Weatherall, scomparso lo scorso anno, che è stato una parte importante del nostro immaginario estetico, nonché un'importante fonte di ispirazione. In realtà una delle tracce dell'album, The Yes Tune,  ha un piccolo collegamento nascosto all'universo di Weatherall: è basata sulla traccia The No Tune dei Cowboys International, che era la traccia di apertura del suo programma mensile su NTS.

ERNIA - GEMELLI (ASCENDENTE MILANO)

Come nasce l'idea di ascendente Milano, e cosa aggiunge al progetto? 
Ho iniziato a scrivere ascendente Milano praticamente quando Gemelli era uscito da una settimana: non sapevamo se avremmo fatto live, e gli instore non ci sarebbero stati causa Covid: così mi misi subito al lavoro non sapendo, con gli ostacoli che la pandemia ci poneva davanti, come sarebbe andato l’album. Alla fine il disco è andato bene ed io ho tenuto i pezzi nuovi che avevo per farli uscire con più calma.  

Dal punto di vista musicale come descriveresti i cinque inediti? 
Mi sono fatto ispirare dai miei tanti ascolti: nella nuova versione si possono trovare varie reference e musicalità che gli appassionati di ogni sottogenere urban ritroveranno. Fare un disco che segua un solo filone musicale, una sola corrente, mi annoia e trovo che non mi dia spazio espressivo: il titolo Gemelli viene un po’ da questo, un’anima musicale plurale. 

Ernia @ Bogi – Chilldays
Ernia @ Bogi – Chilldays

Qual è la traccia che ha una bella storia da raccontare? 
La prima volta si ispira a Wet Dreamz di J. Cole, una hit che ha quasi una decina di anni ormai, e parla appunto della prima volta a letto: ascolto da anni il pezzo di J. Cole finché a novembre mi son detto che volevo raccontare la mia. 

Collabori per la prima volta con i 2 Rari, esordienti assoluti. Ci racconti qualcosa di questo nuovo nome e di come è nata la collabo? 
Li ho visti la prima volta circa un anno fa, dopo che hanno vinto un contest per Redbull che in palio aveva un beat del mio amico producer Night Skinny. Guardandoli notai subito che erano diversi, avevano già un loro timbro stilistico e, al contrario di tanti giovani della loro età, non seguivano nessuna moda, facevano quello che gli piaceva fare: rappano in maniera pulita, quasi cruda e parlano di sé e della propria vita in provincia, non fingono di essere quello che non sono. Quando li ho contattati si son dimostrati due ragazzi educatissimi, mai una parola di troppo e a me questo piace: i giovani rapper dopo qualche piccolo successo si atteggiano a superstar, loro invece prendono con umiltà le opportunità che gli vengono offerte senza dire beh.

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare ascendente Milano? 
Dedico ascendente Milano al quartiere dove ho passato l’adolescenza: il quartiere Gallaratese a Milano e ai ragazzi con i quali ho condiviso i miei primi anni. Questo ultimo anno ha rappresentato un punto di arrivo per me e qui c’è tanto di loro.

ERIKA DE CASIER - SENSATIONAL

Come è stato creato Sensational e cosa significa per te e per la tua traiettoria artistica? 
Come la maggior parte dei processi creativi, ha avuto i suoi alti e bassi: momenti in cui pensavo di farlo per me stessa, e periodi in cui dubitavo di tutto. È una raccolta di brani che ho realizzato dall'uscita del mio primo album Essentials nel 2019, quindi è abbastanza tempo per attraversare molti stati d'animo diversi. Sento che ogni canzone è composta da frammenti di esperienze e stati d'animo diversi che ho messo insieme. Credo che avessi bisogno di tirarmi su il morale e scrivere qualcosa di empowering durante il lockdown. Ho imparato che è una parte importante della propria traiettoria artistica anche il lasciar andare la propria musica e darle nuova vita attraverso l'ascoltatore. È bello poterlo fare per andare avanti e iniziare a scrivere nuova musica. 

Come descriveresti questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Direi che si può definire un progetto R'n'B con riferimenti a molti generi musicali diversi: house, garage, triphop, dubstep, rock, soul, classica eccetera. E l'estetica ha un'influenza dalla cultura pop sia degli anni 2000 sia contemporanea.

Erika De Casier @ Dennis Morton
Erika De Casier @ Dennis Morton

Quale traccia ha un bella storia da raccontare? 
L'idea del tappeto musicale di Friendly mi è venuta dopo aver fatto un sogno in cui c'erano foreste pluviali, cascate e campi verdi di erba. Penso che aver passato il lockdown in città mi abbia fatto apprezzare la natura e l'intimità in un modo completamente nuovo. 

Con chi (e come) hai collaborato? 
Ho collaborato con il mio amico Natal Zaks che ha co-prodotto molte delle tracce dell'album. Dopo le prime produzioni, ho pensato che Natal sarebbe stato perfetto per lavorarci su, perché ha il mio stile ed è uno dei più grandi compositori che conosco. Una volta che ho avuto un sacco di canzoni ce le siamo vicendevolmente mandate più volte, e infine ci abbiamo lavorato su dal vivo a Copenhagen e Aarhus, dove abbiamo ultimato quello che ora è Sensational

C'è qualcuno a cui dedicheresti Sensational? 
Ci ho pensato su parecchio: perché tantissime persone hanno influenzato la mia scrittura per questo disco: dagli amici alle relazioni passate, passando per la mia famiglia e altri artisti a cui guardo. Non l'ho fatto per una persona sola. Vorrei dedicarlo a chiunque abbia bisogno di coraggio: essere vulnerabile, difendersi, perdonare, lasciarsi andare, e sorridere. :)

CLAUDYM - TEMPO

Come è nata Tempo e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Tempo è nata una mattina di quest’estate: mi sono svegliata con in testa parte della melodia delle strofe e l’ho subito registrata nelle note audio del telefono. L’ho poi portata in vacanza, tra le varie tappe di un viaggetto in Italia, e sono riuscita a concluderla solo sul treno di ritorno. Per me questo brano è una sorta di “manifesto” personale - anche se sembra esagerato visto che il mio percorso artistico è proprio agli inizi - grazie al quale voglio liberarmi di una serie di paragoni musicali, forse un po’ prematuri, che mi hanno dato in questi mesi e mostrare le mie varie sfaccettature. 

Qual è la storia della traccia? 
In Tempo parlo di cose non dette, e di tutti quei rapporti che non viviamo fino in fondo. Presi dalla frenesia quotidiana, non ci rendiamo conto dell’imprevedibilità della vita e di quanto sia importante non rimandare e, anzi, agire subito. È come una sorta di esortazione personale a viversi il presente al 100% e concedersi alle emozioni, ai sentimenti.  

Claudym @ Andrea Olivo
Claudym @ Andrea Olivo

Dal punto di vista musicale, come descriveresti questo progetto? 
Penso sia un progetto ricco di contaminazioni. Volevo che emergessero le mie varie contraddizioni, personali e musicali, e le influenze che caratterizzano la mia musica. C’è un po’ di elettropop, hyperpop, dream pop, e una piccola radice trap. È un brano “caotico” come me - in modo spero positivo - nella musica, nel testo e nelle emozioni che escono in quei 3 minuti. 

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione di Tempo?
Alla realizzazione del brano ho lavorato con Mastermaind (Stefano Breda), Andrea Scarpa e Domenico Cambareri. Stefano è il producer di tutti i miei singoli usciti fino ad adesso: è molto bello lavorare con lui perché c’è molta sintonia a livello musicale e soprattutto grande libertà. È un professionista che non si impone, anzi: si è sempre messo a disposizione completamente per far suonare i pezzi come li immaginavo io, e questo approccio mi è sempre piaciuto tantissimo perché mi ha dato modo di sperimentare e di ritrovare sempre me stessa nelle produzioni sulle quali lavoravamo. Per quanto riguarda il video, invece, ho seguito la regia lavorando con Stefano Etter (DOP) e René Olivo (editor). Sono grata di poter collaborare con persone che mi danno fiducia, supporto e che credono nelle mie idee. Sento proprio l’esigenza di esprimermi con tutte le forme di comunicazione che ho a disposizione, e sono fortunata ad avere un team che mi aiuta a farlo: dalla mia mgmt, Circus, all’etichetta Island.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare Tempo?
Lo vorrei dedicare a tutte le persone a me care che a volte purtroppo respingo, e a tutte quelle che come me lo fanno. È abbastanza comune non riuscire a dire “ti voglio bene” alla propria famiglia, per esempio. Mi sento in questo senso vicinissima a tantissima gente che mi ha confessato di avere la stessa difficoltà e spero che questo brano ci possa in qualche modo unire tutti.

LIL JOLIE FEAT. CARL BRAVE - REGOLE

Come è nata Regole, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
(Lil Jolie) Il pezzo nasce dall’esigenza di mandare un messaggio leggero, ma non superficiale, riguardante tutte quelle convenzioni relazionali di cui spesso ci contorniamo per salvare dei rapporti, ma delle quali sono e siamo anche vittime. È sicuramente un passo importante per il mio percorso in quanto anticipa qualcosa di più grande; e poi perché lavorare con una figura come Carl per me è stato speciale, oltre che un grande onore. - 

Qual è la storia della traccia? 
Come quasi tutti i miei pezzi è nato da un mio viaggio. A volte vorrei vivere per sempre nel mio microcosmo senza dover seguire le convenzioni che la società, nel bene e nel male, ci impone. \

Lil Jolie @ Ilaria Ieie
Lil Jolie @ Ilaria Ieie

Dal punto di vista musicale, come descriveresti Regole? 
Era da un po’ che volevo sperimentare un sound nuovo e con questo pezzo credo di aver iniziato un nuovo capitolo. Con Giorgio, il producer, ci siamo divertiti a giocare con una produzione fresca e leggera, creando una sorta di dualismo tra testo e beat. 

Ti abbiamo conosciuta grazie al featuring con Ketama126, e ora Carl Brave. Cosa vuol dire per te Lovegang? 
Lovegang è famiglia! 

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Regole? 
A tutti quelli che hanno trovato il coraggio di essere se stessi.

JIMI JULES - HAM THE MONKEY EP

Come è nato Ham The Monkey EP, e cosa significa per te e per la tua traiettoria artistica?
L'EP è stato prodotto in studio a Zurigo, dove ho trascorso la maggior parte del mio tempo negli ultimi anni: lì lavoro su nuova musica e altri progetti. Per me era importante andare avanti e sviluppare nuove idee che mi avrebbero spinto in avanti. Se usiamo la parola traiettoria, l'EP è un altra pietra miliare sulla mia strada. Un passo in avanti, in attesa di altra musica in arrivo quest'anno.

Come descriveresti questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Come le uscite precedenti per Innervisions, la musica rispecchia la prospettiva del dancefloor, ma è musica che si può gustare anche davanti a una tazza di caffè. Le sonorità principali si basano su un approccio di tipo strumentale: per esempio, in Don't Take It Personal vi è l'utilizzo di un basso elettrico, per ottenere un flow caldo e organico delle tracce. Di solito inizio con delle jam in studio basate su un certo argomento o idea, poi sviluppo la struttura della musica e il concetto attorno ad essa.

Jimi Jules @ Mirjam Kluka
Jimi Jules @ Mirjam Kluka

Quale traccia ha un bella storia da raccontare? 
In realtà la storia si sviluppa in tutto l'arco dell'EP! Ham è stato il primo essere vivente inviato nello spazio. Come si può immaginare, un viaggio che non è stato concordato con una previa stretta di mano (Don’t Take It Personal). Nelle altre due tracce, sono riflessi i sentimenti (Grumpy Monkey) e i suoni (Tinnitus) frutto dell'essere proiettati nell'atmosfera, dell'essere fuori controllo e lontano da ciò che si conosce. Inoltre, è un riflesso del rumore che si è sviluppato durante quel lasso di tempo nella capsula.

Questa è la tua terza release per l'etichetta di Âme e Dixon. Cosa significa per te Innervisions? 
La prima volta che ho sentito Dixon e Âme è stato a Zurigo molto tempo fa: a quel tempo non ero molto addentro al loro sound. Il fattore cruciale che mi ha tenuto incollato sulla pista da ballo è stato frutto di una sensazione, e il modo in cui la serata è andata e di come si è sviluppata: il fatto che si iniziasse con qualcosa e si raccontasse una storia durante un certo periodo di tempo. Ovviamente, in seguito ho iniziato ad affezionarmi di più al sound dell'etichetta e allo stile che ha sviluppato nel corso degli anni, sia dal punto di vista musicale sia da quello artistico. Innervisions sembra quasi una famiglia o una comunità: quindi ogni uscita con la loro etichetta è caratterizzata da questo sentimento, che spero che sia ricambiato anche da loro.

A. G. COOK WITH CHARLI XCX - XCXOPLEX

Come è nata XCXOPLEX e cosa significa per te e per la tua traiettoria artistica? 
(A. G. Cook) È stata creata molto rapidamente e in modo impulsivo - come gran parte del mio lavoro con Charli, ma da alcuni anni esistono varie versioni del brano. Penso che punti decisamente verso il futuro, soprattutto in termini di direzione in cui voglio andare. 

Come descriveresti questo progetto, dal punto di vista musicale? 
È energia allo stato puro, pesante e leggera allo stesso tempo!  

Charli XCX e A. G. Cook @ Henry Redcliffe
Charli XCX e A. G. Cook @ Henry Redcliffe

Qual è la storia del video firmato da Actual Objects? 
Volevamo fare qualcosa che fondesse letteralmente la performance di Charli con le strutture fisiche che hanno sempre fatto parte dell'aspetto visuale della traccia. L'idea di Actual Object è stata quella di utilizzare l'intelligenza artificiale al fine di creare qualcosa che fosse abbastanza perturbante, pur essendo caratterizzata da un movimento molto veloce.

Questa è la vostra prima joint release, ma in precedenza avete collaborato molto insieme. Quali progetti avete in comune per il prossimo futuro? 
Charli ed io abbiamo lavorato su molta nuova musica di recente, cercando di fare qualcosa che non avevamo ancora fatto prima! Il 28 maggio, per PC Music, uscirà Apple vs 7G, il mio album di remix, incluso XCXOPLEX.   

C'è qualcuno a cui dedicheresti XCXOPLEX? 
In un certo senso questa traccia è dedicata a chiunque sia venuto ai nostri spettacoli, sia di persona prima della pandemia sia online nell'ultimo anno. Questa è l'energia di cui si nutre una traccia come questa. Allo stesso tempo, molto del mio recente lavoro è una dedica a Sophie, e per certi versi lo sarà per sempre... Lei è una parte molto importante della mia vita e della mia musica, e spero che canzoni come questa possano continuare a essere una celebrazione della sua vita e della sua influenza.

DREAMER BOY - ALL THE WAYS WE ARE TOGETHER

Come è nato All The Ways We Are Together, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
All The Ways We Are Together è stato creato in un periodo in cui, per la prima volta, sentivo come se avessi trovato il vero amore e la vera amicizia, oltre che un senso di comunità . Mi sentivo innamorato perso di uno dei miei migliori amici. Tra l'altro, con i miei amici stavo anche per intraprendere il mio primo tour, quindi era un periodo in cui stavo "esplorando" come condividere i miei sentimenti con loro. Avevo la sensazione che stessimo crescendo insieme, in modi in cui non mi ero mai sentito prima. Mi sentivo davvero come se fossi amato e compreso.

Dal punto di vista musicale, come descriveresti questo progetto? 
Varia da canzone a canzone, ma il progetto è pervaso tutto dallo stesso spirito. Si tratta di un album decisamente ottimista, ma è anche onesto. Abbiamo sperimentato di tutto, dal glockenspiel ispirato a Pet Sounds, per arrivare al pedal steel. È stato davvero un esperimento divertente avere la musica su sfondi diversi, a seconda di ciò che fosse più in linea con il messaggio della canzone. 

Dreamer Boy @ Adam Alonzo
Dreamer Boy @ Adam Alonzo

Quale traccia ha una bella storia da raccontare? 
L'outro All or Nothing è stata fondamentalmente scritta in una ripresa dal vivo di freestyle in una stanza d'albergo con tutti i miei amici intorno: è stato un momento magico che non dimenticherò mai. Ci sono volte in cui la canzone cade giù dal paradiso.  

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione dell'album? 
Per quanto riguarda tutta la scrittura e la produzione, fondamentalmente siamo solo io e Bobby. Alcuni musicisti e amici ci hanno aiutato con canzoni e parti specifiche, così come dei meravigliosi sound-engineer per il mixaggio e la master. Alcuni dei miei momenti preferiti del disco provengono da amici che hanno contribuito. In particolare Bike, in cui il mio amico Mason e Sam hanno aiutato a scrivere gli arrangiamenti vocali.  

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare All The Ways We Are Together? 
I miei amici e la mia famiglia. Questo album sembra una conversazione con loro.

DUMBO GETS MAD - THINGS ARE RANDOM AND TIME IS SPEEDING UP

Come è nato Things Are Random and Time Is Speeding Up, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
TARATISU è l’insieme di nove tracce che ho raccolto negli ultimi quattro anni e che ritenevo perfette per far parte di un disco. Sono sempre molto autocritico nei confronti della musica che faccio, e mi capita spesso di impiegare molto tempo e sforzo per riuscire a dire che finalmente qualcosa è pronto per essere ascoltato. Dal punto di vista invece concettuale, in questi anni ho ragionato molto sulla casualità degli eventi, e quanto in particolare siano totalmente soggettivi e accelerati in base all’esperienza personale di ciascuno di noi, risultando spesso dissociati dal pensiero collettivo. Da queste riflessioni esistenziali molto noiose deriva il titolo del disco. 

Dal punto di vista musicale, come descriveresti questo progetto? 
Psichedelico. 

Dumbo Gets Mad @ Luca Massaro
Dumbo Gets Mad @ Luca Massaro

C'è una traccia che ha una bella storia da raccontare?
Spero tutte, ma in particolare Chanson De Samir è un tributo ad una preghiera celebrativa originaria dell’isola di Sumatra, e il giorno dopo l’uscita del disco mi ha scritto un ragazzo indonesiano che ha trascorso la sua infanzia nell’isola, dicendomi gli ha riportato alla mente quella spiritualità tipica della sua cultura, e che il dialetto che in modo forse impacciato ho tentato di ricreare si chiama Minangnese. 

Con chi (e come) hai collaborato per la release? 
Il disco è uscito un giorno di febbraio, senza un'etichetta o una struttura promozionale. Ho sempre aspettato mesi e mesi di promozione e scambi di mail infinite prima della release di un disco. Questa volta ho deciso che il tempo era maturo, e non avevo voglia di aspettare oltre prima di farlo uscire. Quindi semplicemente l’ho caricato su un distributore digitale io stesso e ho premuto il tasto “upload”.

JOAN THIELE - ATTO II DISORDINATO SPAZIO

Come è nata l'idea di Atto II - Disordinato Spazio, e come completa il Primo Atto? 
Atto II è il secondo viaggio, un altro tema che ha attirato molto la mia attenzione quest’anno. Ovvero il processo creativo, uno spazio caotico e rarefatto come la mente, in grado di riformulare i pensieri e trasformarli in musica. Anche nel nuovo capitolo mostro due lati di me, la fragilità e la forza, opposti ma complementari.

Dal punto di vista musicale come descriveresti i due inediti? 
Sono due canzoni alle quali sono molto legata, sono nate nello stesso periodo, circa un anno fa, ma ognuna ha la propria anima e racconta due lati differenti di me. Tuta blu è dolcezza, è una canzone d’amore per un’amica. È organica e completamente suonata dal vivo, dalla chitarra ai fiati. Scilla invece, come una sirena, come natura a tratti spietata, cerca il sole, ha sonorità più elettroniche, più oniriche. Completano entrambe il mio disordinato spazio. :) 

Joan Thiele @ Giovanni Viganò
Joan Thiele @ Giovanni Viganò

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione di Disordinato Spazio? 
Ho voluto collaborare con produttori differenti, proprio perché quest’anno la condivisione come concetto mi è molto mancata. E quindi ho voluto farlo nella musica, in Tuta blu con Irbis 37 e Emanuele triglia. In Scilla con Amanda Lean e not for climbing. Fare musica insieme è importante, perché in qualche modo ci fa crescere. 

Ascoltare Scilla ci fa venire voglia di sole e mare. Che progetti (musicali e non) hai per quest'estate? 
Sarebbe bellissimo poter suonare dal vivo quest’estate. Questo sarebbe il mio piano, ma aspetto come tutti conferme ufficiali considerato il momento difficile. Sicuramente sogno il sole, mi piacerebbe andare in Colombia a trovare mio papà, visto che ormai non lo vedo da due anni. Spero di poterlo fare al più presto :) 

Hai dedicato il Primo Atto al Tempo. A chi vorresti dedicare Atto II? 
Atto II lo dedico alle idee, ai nostri pensieri. Alla volontà di realizzarli senza temere le nostre fragilità che vanno rispettate perché alla fine si trasformano sempre in punti di forza.

RKOMI - TAXI DRIVER

Come è nato Taxi Driver, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Taxi Driver è nato dalla voglia di sperimentare e confrontarmi con generi diversi, diversi da dove sono partito. E’ l’ennesimo salto nel vuoto che mi permetterà di conoscermi meglio. 

Dal punto di vista musicale, come descriveresti questo progetto? 
La caratteristica principale è che è quasi totalmente suonato. Pur non essendoci un genere madre definito ho cercato di trovare una coerenza e un ordine temporale di quelle che sono le mie influenze musicali di questi ultimi anni.

Rkomi @ Tarfu Studio
Rkomi @ Tarfu Studio

 Qual è la traccia con una bella storia da raccontare? 
Sicuramente Taxi Driver rappresenta quello che ad oggi è il mio mood attuale, è il preludio della mia musica futura.  

Nel disco i featuring sono variegati, da Tommaso Paradiso a Sfera Ebbasta. Qual è il filo conduttore che lega le collaborazioni? 
La mia capacità di sperimentare, la mia poliedricità, la capacità di unire tutte queste voci apparentemente differenti.

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Taxi Driver? 
Ti risponderei che lo dedico a me stesso.

GINEVRA NERVI - KLASTÓS

Come è nato Klastós, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico?
Klastós nasce dopo un lungo periodo di ricerca, di studio e di introspezione musicale, e tutto questo ha avuto un suo tempo fisiologico per poter prendere forma... In qualche modo posso dire che rappresenta il percorso che ho fatto in questi ultimi otto anni. Dopo la mia primissima uscita discografica nel 2013, ho sentito l'esigenza di prendermi tutto il tempo di cui avevo bisogno per conoscermi meglio, di lasciare letteralmente sedimentare tutto quello che stavo vivendo e apprendendo, ma senza darmi una deadline precisa per stabilire quando fosse il momento "giusto” per pubblicare qualcosa. Questa operazione è stata fondamentale per me e la sento molto forte nella natura più profonda di questo concept.


Dal punto di vista musicale, come descriveresti questo EP? 
Racchiude varie sfaccettature della mia scrittura e quindi del percorso musicale che ho fatto e che sto continuando a fare, l’interconnessione tra realtà sonore e musicali che mi diverto ad esplorare in modo differente ogni volta. Dall'uso massiccio di samples, alla scrittura per voci, ad alcune contaminazioni dal mondo dello scoring... Ho cercato di lasciare confluire in musica tutto quello che in qualche modo mi rappresenta senza pormi limiti espressivi in fase di scrittura e produzione. Ogni traccia ha un suo carattere specifico e racconta un pezzetto di storia, ciascun brano ha spigoli e smussature diverse uno dall'altro ma ciascuno di questi fa parte di un'unità più grande. 

Ginevra Nervi @ Lorenzo Crovetto
Ginevra Nervi @ Lorenzo Crovetto
Lorenzo Crovetto


Qual è la traccia con una bella storia da raccontare? 
Penso a Gaslighting. Scrivere questo brano è stato catartico, un atto liberatorio in fase di scrittura nel vero senso della parola e infatti è questo di cui parla la storia. Questo brano rappresenta uno di quei pochi casi in cui vivo molto più intensamente il peso delle parole che ho scelto e che cosa rappresentano. È stato un risveglio, una presa di coscienza. Spesso mi ritrovo a scrivere musica e testo assieme, in questo caso è stato liberatorio scrivere prima il testo e successivamente lavorare alla produzione musicale. 

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione dell’EP? 
Ho avuto il piacere di collaborare con Maurizio Borgna, amico e mix engineer di fiducia. Avevo pressoché concluso la scrittura e la produzione dei brani, la struttura era già definita e anche il carattere timbrico, ad eccezione della parte ritmica che non ho voluto chiudere definitivamente. Oltre al mix, ho chiesto a Maurizio di mettere mano alle mie produzioni in questo senso in particolare: sulla scrittura delle sezioni ritmiche e sulla scelta timbrica delle stesse, ed è stato determinate. Sapevo già che avrebbe utilizzato anche il suo sistema modulare ed era proprio quello che stavo cercando. È stato incredibilmente istruttivo seguire questa fase di produzione. Credo che la parte più bella del nostro mestiere sia il confronto più genuino e sincero con altri creativi, e lavorare con Maurizio ha significato questo ed è qualcosa di impagabile. 


C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Klastós? 
Vorrei dedicarlo alla me "ragazzina", che si spaccava la testa per capire come funzionavano tutte le cose che faccio ora, e alla terra dove sono nata e cresciuta, ai luoghi che mi hanno insegnato tanto, forse tutto, specialmente a rispettare i propri tempi.

DITONELLAPIAGA - MORSI

Come è nato Morsi, e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Morsi non è altro che un assaggio del disco vero, che uscirà dopo l’estate. Sono cinque bocconi - non contando il remix di Populous - che anticipano la portata principale. Questo EP, proprio come il disco di cui è in qualche modo figlio, è nato in maniera caotica e affatto metodica ed è un racconto schizofrenico di alcuni episodi della mia vita, spesso rivisitati. Adesso che ci penso sarebbe bello poter rivisitare anche la vita, o forse soltanto controproducente. Ad ogni modo, come ogni opera prima, scriverlo è stato un raccontarmi e scoprirmi allo stesso tempo e, proprio adesso che sento di aver trovato la mia strada, non vedo l’ora di potermela lasciare alle spalle in cerca di nuove.

Dal punto di vista musicale, come descriveresti questo EP? 
Non sono brava con le descrizioni quando riguardano me o la mia musica, ho sempre molta difficoltà nel vedermi con gli occhi degli altri, o ascoltarmi con orecchie altrui. Credo sia un EP molto eclettico, l’ho scritto dando ascolto a tutte le mie esigenze creative ed emotive, senza ricercare una coerenza forzata. Alla fine della fiera la coerenza c’è eccome, grazie anche al lavoro dei miei due produttori bbprod, che mi hanno sempre saputa capire e guidare nella ricerca di una sonorità identitaria ma non limitante.

Ditonellapiaga @ Kimberley Ross
Ditonellapiaga @ Kimberley Ross
Kimberley Ross

Qual è la traccia con una bella storia da raccontare? 
Tutte hanno una storia che mi fa battere il cuore, un po’ perché mi ricordano le vicende alle quali mi sono ispirata e un po’ perché mi riportano a quei momenti in cui ho deciso di riversarle su carta. La mia preferita credo sia quella di Carrefour Express perché, avendo un debole per il tragicomico, mi ricorda che nelle delusioni c’è spesso qualcosa di profondamente divertente che difficilmente si riesce a cogliere mentre si soffre. Oltre ad avere un debole per il tragicomico, ne ho uno per le persone fidanzate, ci combatto da anni ormai ma è così: non mi piace mai nessuno e quando succede scopro sempre che è già impegnato. È matematico, non so per colpa di quale congiunzione astrale accada, ma ormai è inevitabile che quando mi piace qualcuno senta puzza di sòla (a Roma si dice così). La logica vuole che queste poche informazioni confusionarie che vi ho dato, lascino intendere che la storia dietro questa traccia parli del palo chilometrico che ho preso da questo tipo fidanzato, che per una notte intera non mi ha detto di esserlo, facendomi quasi tornare a credere nell’amore. Quasi. Comunque ogni tanto lo incontro ancora e ogni incontro è una conferma del fatto che sotto sotto gli piaccio anch’io.

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione dell'EP? 
Per il momento di collaborazione effettiva ce n’è solo una, ovvero quella con i miei produttori. Io non so suonare nessuno strumento, non so nulla di teoria musicale e so a mala pena dove sia il do centrale sul pianoforte, ma ho avuto una grande fortuna sin da quando sono piccola: quella di cantare tanto con gli altri, di aver avuto sempre gruppi, band, frequentato musicisti eccetera. Credo di essermi abituata a fare musica senza fare affidamento soltanto su me stessa e sulle mie idee proprio grazie alle mie esperienze musicali adolescenziali. Bypassando l’input iniziale (che non sempre viene dal suono, a volte può nascere dalla voglia di raccontare in musica un’immagine che ho in testa, o una sensazione) la scrittura è una cosa che faccio tendenzialmente in solitaria e nonostante ci siano momenti in cui vorrei tanto essere più autonoma e indipendente anche nella composizione, per il momento credo che questo scambio di idee e di influenze sia la dinamica più giusta per me, più avanti si vedrà.

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Morsi ? 
Il tipo che mi ha dato il palo è sicuramente il primo della lista. A parte gli scherzi, non credo ci sia qualcuno a cui sento l’esigenza di dedicarlo: se dovessi farlo, lo dedicherei a tutte le persone che ho incontrato nella mia vita che mi hanno ispirata in qualche modo, sperando di poterne incontrare altrettante negli anni a venire. In questo momento sento moltissimo il peso dell’immobilità alla quale siamo relegati, sono una grande amante dei viaggi ma soprattutto degli incontri bizzarri, mi hanno sempre regalato la voglia di raccontarli. Quindi diciamo che questo EP lo dedico agli incontri, passati e futuri, ma anche a quelli presenti, con le persone che mi supportano giorno dopo giorno in tutto ciò che faccio.

MODESELEKTOR - EXTENDED

Come è nato Extended e cosa significa per voi e peril vostro percorso artistico? 
Extended è il nostro quinto album come Modeselektor. Abbiamo iniziato a lavorarci nel 2019 prima che l'attuale pandemia cambiasse tutte le nostre vite quotidiane. Non c'erano più spettacoli dal vivo, quindi avevamo molto tempo libero che passavamo in studio. L'ultima volta che abbiamo trascorso così tanto tempo in studio è stato quando abbiamo iniziato e a malapena avevamo date di concerti. Abbiamo cercato di trarre il meglio da questa situazione e abbiamo appena iniziato a fare musica, musica e musica. L'idea di fare un vero e proprio mixtape con musica che fosse nostra risale a molti anni fa, e abbiamo sentito che ora era il momento di lavorarci e finalizzare il progetto.

Come descrivereste questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Pensiamo che sia probabilmente l'album più ambizioso che abbiamo mai pubblicato. Sono 27 tracce mescolate insieme. Extended è il punto di partenza di molti progetti in divenire: ad esempio, un paio di EP che si concentreranno ciascuno su una traccia diversa dal mixtape con contributi vocali, remix e versioni alternative. Inoltre, Extended è stata l'ispirazione per il film Work in cui il ballerino statunitense Corey Scott-Gilbert esegue un'interpretazione del mixtape con movimenti coreografici.

Modeselektor @ Birgit Kaulfuss
Modeselektor @ Birgit Kaulfuss

In Movement è presente il feat. di una leggenda della dub come Paul St.Hilaire. Come è nata questa collaborazione?
Conosciamo Paul St. Hilaire da molto, molto tempo e, ad essere onesti, in passato abbiamo già pubblicato qualche traccia insieme. La collaborazione per Movement è nata molto spontaneamente nel nostro studio. La parte strumentale del brano è stata creata a Detroit, mentre suonavamo al Movement Festival 2019: per questo l'abbiamo intitolata Movement.

C'è qualcuno a cui vorreste dedicare Extended? 
Extended è dedicato soprattutto a tutti i nostri fan. Ci auguriamo che ispiri le persone. Ci auguriamo che porti voglia di vivere, divertimento e che faccia ballare la gente. Vorremmo concludere questa intervista con una citazione di Jeff Mills: Ballare non è un concetto musicale, è una reazione fisica.

M¥SS KETA - IL CIELO NON È UN LIMITE LATO B 

Come è nata l'idea del Lato B, e cosa aggiunge al progetto? 
L’IDEA DEL LATO B È NATA IN MANIERA TOTALMENTE ISTINTIVA, NEL SENSO CHE IN UN MOMENTO DI SPERIMENTAZIONE MUSICALE COME QUELLO CHE STO ATTRAVERSANDO E CHE HO DECISO DI APPROFONDIRE, ERA INEVITABILE CHE DOPO LE CANZONI DELL’EP IL CIELO NON È UN LIMITE, AMBIENTATE TRA VETRO E CIELO CON SUONI ELETTRONICI MOLTO RICERCATI, PER CONTRASTO VOLESSI ANCHE LAVORARE SU ATMOSFERE NOTTURNE E SUONI VIVI, DI STRUMENTI MUSICALI REALI. INOLTRE DAL PUNTO DI VISTA TESTUALE IN QUESTA LATO B DELL’EP LASCIO MOLTO ANDARE LE REDINI, C’È UN DIVERSO MODO DI TRATTEGGIARE GLI IMMAGINARI, UNA MODALITÀ DI DIALOGO ONIRICA, QUASI DA SEDUTA DI PSICOTERAPIA. LYNCHIANA SE VOGLIAMO. È UN PO’ COME VEDE LA NOTTE LA PROTAGONISTA DEL LATO A.

Dal punto di vista musicale come descriveresti i due inediti?
SONO DUE INEDITI ONIRICI, INFERNALI E SURREALI: UNA TWILIGHT ZONE SONORA CHE VA DAL DARK WAVE AL RUMORISMO ELETTRONICO, CON SUONI CHE CI PORTANO NELL'OSCURITÁ
DELLA NOTTE INCOLTA E PROIBITA, ALLONTANANDOCI DALL’AZZURRO CIELO DEL LATO A.
IN MIRIAM MI SFOGO CAVALCANDO UNA STRUMENTALE POST-PUNK/DARKWAVE CHE
PRENDE LE SEMBIANZE DI UNA CHIMERA. IN L02E FREESTYLE INVECE LA MIA VOCE ROBOTICA SI DEFORMA SU UNA BASE SONORA CHE SEMBRA UNA BATTAGLIA INTERGALATTICA TRA MONDI LONTANI, O FORSE SOLO INTERIORI.

M¥SS KETA @ Dario Pigato
M¥SS KETA @ Dario Pigato

Collabori per la prima volta con i DPCM. Ci racconti qualcosa di questa nuova band e di come è nata la collabo? 
QUANDO LA CHITARRA DI GIUNGLA, IL BASSO DI L I M E LA BATTERIA DI DANILA GUGLIELMI HANNO INCONTRATO LA MIA VOCE É STATO UN ASSEMBRAMENTO PLATONICO TALMENTE LETALE DA OLTREPASSARE QUALSIASI DPCM, TANTO CHE ABBIAMO DOVUTO CREARNE UNO EX NOVO. IN MIRIAM POTETE PERDERVI NEL RISULTATO SCOPPIETTANTE DI QUESTA BAND.

Nel Freestyle dici: Fanc**o Facebook, Instagram, Twitter. Com'è il rapporto della M¥SS con i social e come è cambiato con la situazione attuale? 
IL RAPPORTO CON I SOCIAL E IL VIRTUALE É SEMPRE STATO COMPLICATO, E LO STA DIVENTANDO SEMPRE DI PIÚ SOPRATTUTTO DI QUESTI TEMPI IN CUI ABBIAMO UNA VISIONE ALTERATA DI CIÓ CHE É LA VITA REALE, E LA TECNOLOGIA PUÓ TRASFORMARSI DA AIUTANTE A CARNEFICE.

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Lato B? 
A TUTTI I MIEI ALTRI LATI.

MAFALDA - BAILANDO SIN SENTIDO

Come è nato Bailando Sin Sentido e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Credo che Bailando Sin Sentido rifletta quello che sono come persona, è una fusione di tante influenze diverse. Sono cresciuta in vari paesi e questo ha avuto un grande impatto sulla mia vita. Sono nata a Londra da madre spagnola e padre bulgaro, ho studiato in Inghilterra, ecco perché Daisy Chain - il mio primo EP uscito nel 2019 - era tutto in inglese. Ma lo spagnolo è la mia lingua madre,  quella che si parla in famiglia, e mi ha sempre affascinato l’idea di approfondire questo aspetto anche nella musica. Bailando Sin Sentido è nata dopo un concerto a Madrid, dove ho cantato dal vivo in spagnolo per la prima volta. L’energia del pubblico è stata trascinante e il resto, come si dice, è storia!

Dal punto di vista musicale come descriveresti quest’ultimo progetto? 
Direi che Bailando Sin Sentido ha elementi musicali latino americani in quasi tutta la parte ritmica, ma melodie anglosassoni. Ogni volta che lavoro a qualcosa di nuovo cerco di crescere come artista, spingermi oltre i miei limiti. E scrivere canzoni nella mia lingua madre è stata una grande sfida per me, sia a livello musicale che emotivo. Il risultato di tutto questo lavoro è quello che alcuni giornalisti hanno definito “Dark Pop”, una cosa che mi è rimasta impressa.

Mafalda © Querida
Mafalda © Querida

Quale canzone ha una bella storia da raccontare?
Quando scrivo penso sempre che sia un riflesso di come mi sento quel giorno. Ricordo benissimo quando ho scritto Asi Lo Hago Yo. Ero a Los Angeles e avevo avuto una conversazione con una persona che mi aveva fatto sentire molto delusa e frustrata. Sapevo che di lì a poco avrei avuto una session di scrittura, quindi mi sono messa davanti allo specchio e mi sono fatta un discorso di incoraggiamento, poi la giornata è proseguita con un atteggiamento più positivo. Asi Lo Hago Yo parla appunto di questa sensazione, dobbiamo ricordarci che siamo gli unici a poter controllare le nostre vite, e che dopo una delusione si può diventare più forti, anche se a volte in quel momento non sembra.

Con chi (e come) hai collaborato per la realizzazione di Bailando Sin Sentido?
Ho iniziato a creare l’album a Los Angeles prima della pandemia e quindi per fortuna ho potuto collaborare con degli autori straordinariamente creativi per la maggior parte delle canzoni! Ma poi le session virtuali sono diventate sicuramente più frequenti a mano a mano che si avvicinava la data della pubblicazione. Ho pensato fosse importante collaborare con musicisti spagnoli, quindi abbiamo finito di produrre il disco fra Madrid e Barcellona. 

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Bailando Sin Sentido? 
Dedico questo EP a chiunque senta di fare le cose senza convinzione ma senza capire perché. Bailando Sin Sentido parla di questo: capire che, a prescindere da come ti senti, non sei solo. Ogni canzone rappresenta una fase diversa della mia vita, un riflesso di quello che ho vissuto, ma in senso lato, l’EP parla di introspezione. Spero che la mia musica faccia capire che sentirsi confusi, vulnerabili e incerti è legittimo. La vita è complicata! E a volte, anche nei momenti più bui, abbiamo la possibilità di trovare la luce riscoprendo la sicurezza in noi stessi, ricostruendola, per sentirci di nuovo sicuri di essere sulla strada giusta.

MYKKI BLANCO - FREE RIDE

Come è nata Free Ride e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Un'esperienza intensa, sia per la musica in sé, sia per la creazione del video. Per quanto riguarda la canzone, rappresenta davvero la mia vera direzione musicale, con un sound molto più organico e un focus sulla musica originale, niente sampling! Scrivere la musica e lavorare con i cantanti di questa canzone è stata una bellissima esperienza. Per il video volevo mettermi alla prova di nuovo, creare una narrazione queer mai vista prima, rappresentare una situazione insolita. Credo che il tema del battesimo di un bambino e la storia d’amore di una famiglia queer che ho scritto durante la pandemia comunichi quello che volevo dire al mondo sull’amore, sull’accettazione, e sul restare uniti, contro ogni difficoltà.

Dal punto di vista musicale come descriveresti quest’ultimo progetto? 
Pieno di energia, molto melodico e molto organico. Ci sono moltissimi elementi soul e classici, non assomiglia a niente di quello che ho pubblicato finora. Sono un artista emergente, di nuovo! (ride)

Mykki Blanco
Mykki Blanco

Qual è la storia della traccia?
Fra i momenti e le conversazioni più intime che ho avuto nella mia vita ci sono quelle con mia madre durante i lunghi viaggi in auto nelle campagne del sud quando ero adolescente. La musica che faceva da colonna sonora a questi viaggi era della generazione di mia madre. Mi ritrovavo a sognare a occhi aperti, a pensare e immaginare che tipo di vita avrei voluto creare per me. Questi ricordi e la musica di Luther Vandross sono stati la prima ispirazione del nuovo singolo Free Ride.

Free Ride rappresenta il tuo esordio con Trasgressive Records. Com'è lavorare con una etichetta dal roster così prestigioso?
Sono molto felice di far parte della famiglia, credo che insieme faremo la storia, è una bella sensazione. 

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Free Ride? 
Free Ride arriva ai cuori di tante persone attraverso le generazioni. Puoi ballarla con i tuoi amici, con i tuoi figli, con tua nonna. Credo davvero che sia la canzone più friendly che abbia mai fatto e credo anche che sarà apprezzata da chi sarà felice di condividerla con gli altri!

BOSS DOMS - PRETTY FACE

Come è nata Pretty Face e cosa rappresenta per te e per il tuo percorso artistico? 
Per me rappresenta un momento importante, una sorta di follow up del primo brano da solista I Want More, che ho pubblicato la scorsa estate e che ha dato un certo tipo di impressione a chi mi segue. 
Con Pretty Face sono voluto andare nella direzione opposta per mostrare un po’ quello che potrebbe essere la mia rosa di produzioni. È un cambio di rotta radicale, sono passato da qualcosa di più cupo e underground a un brano molto più pop, radiofonico, colorato ed etereo. 

Dal punto di vista musicale come descriveresti quest’ultimo progetto? 
Sicuramente è un brano meno “club oriented”, anche se al suo interno ha le caratteristiche della canzone da club. Musicalmente parlando, c’è un piccolo “feticcio”: ho utilizzato una drum machine 303, tipica della musica techno, per fare degli arpeggi nell’introduzione, che ricordano quelli di un pianoforte. In più, ci sono tantissime chitarre e voci, tra cui la mia. È infatti il primo singolo in cui canto, nel ritornello, anche se sono soltanto dei cori. 

Boss Doms @ Gabriele Giussani
Boss Doms @ Gabriele Giussani
gabrielegiussani.com

Per la realizzazione di Pretty Face hai dato vita a una experience multisensoriale molto particolare. Ci racconti di che si tratta? 
Inizialmente ho creato un gruppo Telegram, con uno numero di telefono apposta per l’occasione, per selezionare il numero ristretto di fan che avrebbe partecipato all’experience. Si è trattato, appunto, di un’esperienza multisensoriale individuale, dedicata alla singola persona, che quindi ha vissuto il tutto in maniera unica e irripetibile. Ci tengo a precisare che ogni cosa è stata realizzata nel massimo rispetto delle norme sanitarie attuali: i partecipanti sono stati tamponati poco prima dell’experience in un luogo diverso da quello dell’installazione, in modo da evitare ogni eventuale contagio. L’installazione era caratterizzata da un gioco di luci che io stesso gestivo. Tutto l’iter era pilotato da me che ero alla regia, anche se i fan non lo sapevano. Loro erano convinti di incontrarmi, io in verità c’ero ma in modo diverso da quello che si aspettavano. Sono stato io a catturare le loro naturali espressioni mentre ascoltavano il brano, e questi filmati hanno poi costituto il videoclip di Pretty Face. L’ascoltatore è diventato l’assoluto protagonista. La cosa veramente bella, anche perché non calcolata, è che, dopo più di un anno senza live, le persone, anche se solo per il tempo della canzone, sono state catapultate all’interno di un piccolo club imbastito per loro, con luci e musica a tutto volume. È stato bello vedere le singole reazioni: c’era chi ballava, chi batteva i piedi, chi addirittura si è messo a piangere. Alcuni fan, a cui è stata fatta una breve intervista dopo la fine dell’experience, hanno raccontato che la cosa più bella è stata sentire i bassi sul petto che facevano vibrare: una cosa a cui nessuno era più abituato da un anno a questa parte! 

Su questo progetto hai collaborato con Fabio Weik. Come è nata la vostra partnership e com'è stato lavorare con quest'artista? 
In realtà io e Fabio siamo amici da tempo, da quanto io ho conosciuto Valentina, più o meno. Ci siamo spesso detti che avremmo voluto lavorare insieme, ma aspettavamo il momento giusto per farlo, in modo da poterlo coinvolgere a 360°. Il sodalizio artistico è iniziato con I Want More ed è continuato sino ad oggi; lui è molto bravo a elaborare le mie proposte, a concretizzare le mie idee. È un artista contemporaneo con una grande esperienza alle spalle, per cui sa rendere tutto di altissimo livello anche dal punto di vista puramente artistico. 

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Pretty Face? 
In verità nella canzone c’è già una dedica intrinseca, che è quella a Valentina e a Mina, la mia compagna e mia figlia. Nella parte dei cori, nel ritornello in cui si sente la mia voce, è presente una dedica a loro: perché in quel momento, quando stavo registrando, pensavo ai loro visi.

VENERUS - MAGICA MUSICA

Come è nato Magica Musica, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico?
Sto lavorando sulla mia musica dal 2015 ma ho avuto la pazienza di aspettare la mia crescita personale e artistica per condividere qualcosa: ho una mia etica a livello di condivisione artistica nel lavoro e sono felice di avere aspettato fino a questo momento. È stato un anno molto complicato e questo ha dato un’impronta al mio lavoro, specialmente nel desiderio di poter portare dal vivo questo disco. Essendo il live la mia dimensione e il mio habitat naturale in questo disco ho sempre pensato a quella che sarebbe stata la resa dal vivo: mi ha aiutato a capire come voglio fare i dischi in futuro.\

Dal punto di vista musicale come descriveresti quest’ultimo progetto? 
Scardinare il concetto di genere musicale è una cosa in cui credo molto. In Magica Musica c'è tanta immaginazione, ma non c'è niente di finto: è come se avessi preso le mie vicende introspettive e le storie di cui parlo, e le avessi fatte scoppiare nel cielo. Per me è un disco che rappresenta un messaggio di amore e l’esperienza che mi viene dai concerti. Quando sai che qualcuno è innamorato di quello che fai e ti dà tanto indietro non puoi non pensarci più a questa cosa.  Ora che il disco è pronto mi sono fermato un attimo: ma già ieri parlando con Mace dicevo di volere organizzare una sorta di ritiri con dei musicisti. In questo periodo sto ascoltando tantissimo jazz tra la metà degli anni ’60 e degli ’70, e credo che questo influenzerà tantissimo la nuova musica che farò. 

Venerus  @ Sha Ribeiro
Venerus  @ Sha Ribeiro

 

Qual è la traccia con una bella storia da raccontare? 
Sei Acqua parla di un incontro con una persona in particolare, ma anche di una vicenda: eravamo a Roma e avevamo salvato un gabbiano con un'ala rotta. Un evento molto bello di quest'estate che ho voluto incorniciare in questa situazione.

Con chi (e come) hai collaborato durante la realizzazione di questo album? 
Non c’è stata nessuna scelta a tavolino per le persone che volevo condividessero questo percorso con me: credo la collaborazione abbia senso nel momento in cui c’è una empatia. Per quanto riguarda i Calibro 35 abbiamo generato questa empatia ed è stato speciale, ero fan da tempo di Enrico Gabrielli e mi sarebbe piaciuto molto fare qualcosa con loro. Le altre collaborazioni sono state molto spontanee. Sono molto amico di Gemitaiz e di Rkomi siamo molto amici: l’idea di collaborare a questo brano con lui è nata mentre lavoravamo a della sua musica, mentre con Frah Quintale è avvenuto tutto a casa mia. E poi le collaborazioni più tacite: da quella con Marco Vanegas a Tommaso Colliva. Phra Crookers è una persona che stimo tantissimo e a cui ho detto: facciamo una cosa che non hai mai fatto. E abbiamo fatto una ballad, che è una cosa che non ti aspetteresti mai.

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Magica Musica? 
Ci sono delle persone che sono dei riferimenti per me - Paolo Conte e Luigi Ontani - che stimo molto sia come artisti sia come persone. Poi ci sono vari destinatari che sono menzionati nelle canzoni, nella narrazione di certe situazioni: quindi sanno già della dedica a loro.

 

LA NIÑA - EDEN

Come è nato Eden, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico?
Eden per me è un inizio ed una destinazione allo stesso tempo. È nato dalla necessità di liberarmi del passato, di danzare i miei traumi e sussurrare ciò che un tempo mi assordava. Nulla di ciò che scrivo è mai un vero punto di arrivo, pur essendo un “prodotto finito”. Spero che la mia musica lasci qualcosa nelle persone anche e soprattutto dopo l’atto stesso dell’ascolto.

Dal punto di vista musicale come descriveresti quest’ultimo progetto? 
Eclettico, perfettamente imperfetto.

La Niña @ Carlo William Rossi
La Niña @ Carlo William Rossi


Qual è la traccia con una bella storia da raccontare? 
STORIA DI AFRODITE è forse l’unica vera storia che racconto in questo lavoro. È chiaramente frutto della mia immaginazione ma trovavo estremamente paradigmatico della realtà il fatto che una ragazza, bella come una dea e figlia di un quartiere popolare, fosse “nata mmiezo ‘o mare e cresciuta mmiezo ‘a via” (nata in mezzo al mare e cresciuta per strada). Il brano ha una struttura ispirata alla Villanella, una forma di canzone nata a Napoli nel XVI secolo e racconta della vendetta di Afrodite ai danni del suo stupratore. Volevo riscrivere il finale di un copione che solitamente, nella realtà, ha tutt’altro epilogo.

Con chi (e come) hai collaborato durante la realizzazione di questo EP? 
Nella produzione musicale e nella scrittura dei brani ho collaborato con KWSK NINJA che io ormai considero come l’altra metà del progetto. Mi sentirei persa senza di lui, ed è probabilmente con lui che mi sono ritrovata. KWSK è anche l’artista che realizza tutti i videoclip e le grafiche de LA NIÑA, e che da nuova forma alle mie canzoni e vita alle mie visioni. È bellissimo realizzare quanto negli ultimi anni abbiamo dato l’uno all’altra, il nostro è un connubio perfetto, dove musica, arti visive e performance si bilanciano armoniosamente. Insieme abbiamo trovato la luce, anche in momenti bui come quello che stiamo vivendo.

C'è qualcuno a cui vuoi dedicare Eden? 
Dedico Eden a chi non crede nel Paradiso.

MACE - OBE

Come è nato Obe, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico?
Ho vissuto qualche mese in Sudafrica,a Johannesburg e ho registrato lì un disco con solo artisti africani. è stata un'esperienza che mi ha cambiato la vita, ma quando sono tornato in Italia, ho deciso di non farlo più uscire. Come se sentissi che quello che avevo fatto avesse senso mentre ero lì, ma tornato qui non mi appartenesse più al 100%. Avevo comunque voglia di realizzare un disco tutto mio, e contestualmente ho trovato che la musica italiana era cambiata: ci sono un sacco di nuovi artisti interessanti,altri che c'erano da tempo ma che finalmente avevano ottenuto la visibilità che meritavano.Ho sempre un po' sofferto nel non riconoscermi nella scena italiana. Vedendo com'era cambiata mi sono detto che era il momento giusto per fare un disco qua in Italia al quale applicare la mia visione creativa.Ci ho lavorato nell'arco di due anni. In questo periodo mi sono occupato anche d'altro: ho fatto DNA con Ghali, il disco di Venerus e tante altre produzioni. Ma è stata comunque una lunghissima gestazione.

Quale traccia ha una bella storia da raccontare? 
In realtà ogni brano ha una vita a sé ed è stato tutto realizzato in vari step. Alcune idee le avevo scritte mentre viaggiavo - in Sudafrica e Giappone - in fase prettamente strumentale. Altre sono nate in studio da zero: per esempio con Venerus, con il quale avevo già scritto tanta roba. Il processo spesso è stato questo: mi viene un'idea musicale, faccio cantare il primo artista, vado avanti nella produzione e poi chiamo il secondo artista. In seguito procedevo con l'arrangiamento portando il pezzo ulteriormente da un'altra parte: quindi è stato un processo molto stratificato per questo motivo. Uno dei miei brani preferiti del disco è Ayahuasca, che è stato l'unico dove ho specificatamente chiesto di parlare di quell'argomento, a cui sono molto legato. Ho raccontato le mie esperienze con l'Ayahuasca a Colapesce, e lui è riuscito a metterle giù in un modo molto poetico. Al brano ho poi incorporato molti suoni presi dai rituali sciamanici  amazzonici, dalle percussioni ai flauti.

Mace @ Roberto Graziano Moro
Mace @ Roberto Graziano Moro
Roberto Graziano Moro

Nel disco hai collaborato con tantissimi artisti. Qual è il filo conduttore che li lega?
La scelta è ricaduta su tanti artisti che innanzitutto mi piacciono molto, che fanno cose interessanti e che mi sono immaginato bene nel viaggio esperenziale che stavo creando. Quindi il collante è stato quello: con molti di questi artisti tra l'altro ci avevo già lavorato, con altri non ancora ma ero molto attratto dalla loro musica. In altre parole: il filo conduttore è che non c'è il filo conduttore.

C'è qualcuno a cui vorresti dedicare OBE?
Alla musica italiana. 

ARLO PARKS - COLLAPSED IN SUNBEAMS

Come è nato Collapsed in Sunbeams, e cosa significa per te e per il tuo percorso artistico?
Collapsed in Sunbeams è stato creato principalmente negli airbnb nell'East London. Ci siamo rintanati per alcune settimane, circondati di piante, candele e cristalli e ci siamo tuffati nel mondo dell'album. Ho preso molta ispirazione dai miei vecchi diari e dall'idea della nostalgia. Gli album di debutto sono sempre una cosa speciale per me, e avere il mio album sul punto di uscire fuori nel mondo ha un che di terrificante, ma anche di euforico. È la mia prima grande e definitiva dichiarazione di intenti come artista, è una capsula temporale e il primo grande passo nel mio viaggio.

Come descriveresti questo progetto, dal punto di vista musicale? 
Direi che è una fusione di musica soul, indie e pop. È ispirato a tutto, da Elliott Smith a Portishead a Tribe Called Quest ad Aphex Twin. È un ampio collage di generi diversi, il fatto che Collapsed in Sunbeams sia così fluido è ciò di cui sono più orgogliosa.

Arlo Parks @ Alex Kurunis
Arlo Parks @ Alex Kurunis

Quale traccia ha una bella storia da raccontare? 
Hurt ha un bellissimo retroscena: è la prima canzone che ho scritto dopo un periodo di blocco dello scrittore e ansia che circonda l'album. È stata scritto in un'ora circa, ispirata da questa citazione di Audre Lorde che dice "Il dolore cambierà o finirà" e stavo ascoltando Supremes, Digable Planets e Cleo Sol. Scrivere è stato un processo euforico, perché mi ha ricordato che la mia capacità di scrivere abiterà sempre il mio cuore e che la tristezza non è mai permanente.

Con chi (e come) hai collaborato? 
Luca Bucellati ha prodotto la maggior parte dei brani; ho lavorato con Paul Epworth su Portra 400 e Too Good, e con Badsounds su Bluish. Sono stati tutti collaboratori molto propositivi e si sono avvicinati a questo progetto con nient'altro che amore. Ne sono onorata.

C'è qualcuno a cui dedicheresti l'album? 
Vorrei dedicare questo album a mia madre, alla mia migliore amica Alice, a Sufjan Stevens e a Wolfgang Tillmans. Non sarei quella che sono senza di loro, come artista e come persona.

Posted on 2 August 2021 | 8:42 am

Matteo La Rosa è un giovane designer autodidatta che fa base ad Anversa, in Belgio, ha debuttato con la collezione autunno inverno 2021 2022. Da ragazzino, oggi 23enne, si ispirava alla passione di famiglia per l’arte del vestire. E anche se non ha mai studiato moda a scuola (ha studiato in realtà arte alla Academy of Fine Arts), passava gran parte del suo tempo sperimentando con i tessuti. Forse il suo amore per la moda è stato anche alimentato dal fatto che, dall’altra parte della strada abitava la famiglia di Margiela, designer che Matteo considera un'icona e che ha avuto grande influenza su di lui.  

Con la collezione autunno inverno 2021 2022 La Rosa rende omaggio alle sue origini italo-belghe rivisitando l’era ‘anti-fashion’ degli anni '80 e reintroducendo una new wave dark, secondo lo spirito del tempo, nella sua moda con un twist italiano. Capi aderenti come corsetti e body vengono accostati a silhouette più morbide; pantaloni a vita bassa con gamba lunga che copre le scarpe; camicie con colletti ampi, bluse e blazer con una lavorazione sartoriale che ricorda lo stile italiano. L’uso elaborato di pizzo stropicciato, tessuto simil-satin e pelle compone diversi strati complessi che però non sembrano mai troppo pieni, anzi, hanno un finish pulito e minimalista. La Rosa dice che un uso così flessibile di tessuti e silhouette dà a chi li indossa la libertà di fare un mix-and-match dei capi nella collezione che più gli piacciono. La sostenibilità gioca un ruolo molto importante nel brand di La Rosa. Per fare un esempio, ha acquistato i tessuti e gli altri materiali da aziende che stavano per chiudere. Di recente ha acquistato intere giacenze di magazzino da aziende ormai fuori attività a Genk e Tongeren. Un altro approccio che ha scelto è il riutilizzo di pelle e tessuti che compra in negozi di seconda mano. Scampoli che possono essere utilizzati per creare etichette stampate, tutte fatte a mano da lui stesso. I capi sono realizzati in modo etico in Belgio per ridurre i costi di spedizione e solo in piccole quantità per evitare la sovrapproduzione. La Rosa in questo momento sta lavorando alla collezione primavera estate 2022 dove potremo vedere un uso più deciso del pizzo, un focus particolare su gonne e abiti fluidi, una sorta di aggiornamento, spiega, che può essere inserito nella collezione autunno inverno 2021 2022. 

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1315.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1314.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1316.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1319.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1317.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1318.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1320.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1321.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1322.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1323.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1324.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1325.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1326.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1327.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1328.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1330.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1329.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1331.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1333.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1334.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde

IMG_1332.JPG

Lookbook La Rosa 21-22 | Designer: Matteo La Rosa - Photographer: Lorenzo Frison - Creative assistant: Jenny Peters - Make-up and hair: Jannes Van De Velde
Courtesy of Matteo La Rosa
Posted on 2 August 2021 | 5:04 am
scelto da Italo Pantano

Balmain pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Bottega Veneta pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Chanel pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Dsquared2 pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Area pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Valentino Garavani pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
Casio x PAC-MAN

Casio x PAC-MAN

Scelto da Elena Bara

La Zarina

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

Aimee Kestenberg su QVC

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

Moncler Grenoble e Naj-Oleari

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Selene Oliva

Bottega Veneta

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Saint Laurent

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Celine

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Giannico

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Etro

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Blumarine

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Elena Bara

Chapel Petrassi

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

The Ballen

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

Izipizi

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

Yosuzi

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

Hunter

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

Longchamp

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Italo Pantano

Rodarte

Scelto da Italo Pantano
Scelto da Italo Pantano

Salvatore Ferragamo

Scelto da Italo Pantano
Scelto da Italo Pantano

Paco Rabanne

Scelto da Italo Pantano
Scelto da Italo Pantano

Prada

Scelto da Italo Pantano
Scelto da Italo Pantano

Miu Miu

Scelto da Italo Pantano
Scelto da Italo Pantano

Tod's

Scelto da Italo Pantano
scelto da Laura Tortora

Fendi

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Etro

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Burberry

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chloé

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Dior

scelto da Laura Tortora
Scelto da Italo Pantano

Schiaparelli

Scelto da Italo Pantano
scelto da Laura Tortora

Bottega Veneta

scelto da Laura Tortora
Scelto da Selene Oliva

Giannico

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Giuseppe Zanotti

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Chanel

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Dior

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Chloé

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Etro

Scelto da Selene Oliva
scelto da Laura Tortora

Tod's

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Fendi

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Miu Miu

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chloé

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Prada

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Burberry

scelto da Laura Tortora
scelto da Elena Bara

Dior

scelto da Elena Bara
scelto da Elena Bara

Etro

scelto da Elena Bara
scelto da Elena Bara

Tod's

scelto da Elena Bara
scelto da Elena Bara

Tory Burch

scelto da Elena Bara
scelto da Elena Bara

Brandon Maxwell

scelto da Elena Bara
Scelto da Selene Oliva

Fendi

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Chloé

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Valentino Garavani

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Dolce & Gabbana

Scelto da Selene Oliva
scelto da Laura Tortora

Dior

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Valentino Garavani

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chanel

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Miu Miu

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Alexander McQueen

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Gucci

scelto da Laura Tortora
scelto da Selene Oliva

Giuseppe Zanotti

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Vivetta

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Etro

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Louis Vuitton

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Giannico

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Chanel

scelto da Selene Oliva
scelto da Laura Tortora

Fendi

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chanel

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Valentino Garavani

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Dior

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chloé

scelto da Laura Tortora
scelto da Selene Oliva

Area

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Dior

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Peter Do

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Prada

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Bottega Veneta

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Louis Vuitton

scelto da Selene Oliva
scelto da Laura Tortora

Chanel

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Valentino Garavani

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Fendi

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Dior

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Hermès

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Bottega Veneta

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chloé

scelto da Laura Tortora
scelto da Selene Oliva

Chanel

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Blumarine

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Louis Vuitton

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Salvatore Ferragamo

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Etro

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Dior

scelto da Selene Oliva
scelto da Italo Pantano

Burberry

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

AZ Factory

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Saint Laurent

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Gucci

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Alexander McQueen

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Louis Vuitton

scelto da Italo Pantano
scelto da Laura Tortora

Fendi

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chanel

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Dior

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Bottega Veneta

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Louis Vuitton

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Burberry

scelto da Laura Tortora
Scelto da Selene Oliva

Chloé

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Etro

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Acne Studios

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Saint Laurent

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Louis Vuitton

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Dior

Scelto da Selene Oliva
scelto da Elena Bara

Miu Miu

scelto da Elena Bara
scelto da Elena Bara

Burberry

scelto da Elena Bara
scelto da Italo Pantano

Saint Laurent

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Bottega Veneta

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Fendi

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Prada

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Versace

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Alexander McQueen

scelto da Italo Pantano
scelto da Laura Tortora

Gucci

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Louis Vuitton

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Fendi

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chloé

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Dior

scelto da Laura Tortora
Scelto da Selene Oliva

Dries Van Noten

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Schiaparelli

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Chanel

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Louis Vuitton

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Valentino Garavani

Scelto da Selene Oliva

00067-CELINE-SS21-RTW.jpeg

Posted on 2 August 2021 | 4:30 am
scelto da Italo Pantano

Valentino pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Saint Laurent pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Burberry pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

 Philosophy di Lorenzo Serafini pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Alexander McQueen pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Bottega Veneta pre-fall 2021

scelto da Italo Pantano
Scelto da Selene Oliva

Iris van Herpen

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Chanel

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Valentino

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Giorgio Armani

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Dior

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Fendi

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Elena Bara

Missing You Already

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

Des_Phemmes

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

Labeca London

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

Blazé Milano

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

Luisa Spagnoli

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Elena Bara

Indi & Cold

Scelto da Elena Bara
Press office
Scelto da Italo Pantano

Miu Miu

Scelto da Italo Pantano
Scelto da Italo Pantano

MSGM

Scelto da Italo Pantano
Scelto da Italo Pantano

Max Mara

Scelto da Italo Pantano
Scelto da Italo Pantano

Missoni

Scelto da Italo Pantano
Scelto da Italo Pantano

Michael Kors Collection

Scelto da Italo Pantano
Scelto da Italo Pantano

Nina Ricci

Scelto da Italo Pantano
scelto da Laura Tortora

Lanvin

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Zimmermann

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Dolce & Gabbana

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Emilia Wickstead

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Carolina Herrera

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Dior

scelto da Laura Tortora
scelto da Selene Oliva

Coperni

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Richard Malone

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Francoise

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Versace

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Johanna Ortiz

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Brandon Maxwell

scelto da Selene Oliva
scelto da Laura Tortora

Hermès

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Etro

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chanel

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Alberta Ferretti

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Christian Siriano

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Dior

scelto da Laura Tortora
scelto da Elena Bara

Zuhair Murad

scelto da Elena Bara
scelto da Elena Bara

Oscar de la Renta

scelto da Elena Bara
scelto da Elena Bara

Mugler

scelto da Elena Bara
scelto da Elena Bara

Fendi

scelto da Elena Bara
scelto da Elena Bara

Schiaparelli

scelto da Elena Bara
scelto da Elena Bara

Chanel

scelto da Elena Bara
scelto da Selene Oliva

Zuhair Murad

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Driesn Van Noten

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Rodarte

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Nina Ricci

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Altuzarra

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Jil Sander

scelto da Selene Oliva
scelto da Laura Tortora

Etro

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Salvatore Ferragamo

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chanel

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Prada

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Alexander McQueen

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Burberry

scelto da Laura Tortora
scelto da Selene Oliva

Stella Jean

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Coperni

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Thakoon

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Gabriela Hearst

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Marina Moscone

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Christopher John Rogers

scelto da Selene Oliva
scelto da Laura Tortora

N°21

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Alberta Ferretti

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Etro

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chanel

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Valentino

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Brandon Maxwell

scelto da Laura Tortora
scelto da Selene Oliva

Simon Miller

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Erdem

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Khaite

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Ralph Lauren

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Gabriela Hearst

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Valentin Yudashkin

scelto da Selene Oliva
scelto da Laura Tortora

Alberta Ferretti

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Brandon Maxwell

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Alexander McQueen

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Fendi

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Giambattista Valli

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chanel

scelto da Laura Tortora
scelto da Selene Oliva

Brandon Maxwell

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Burberry

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Alexander McQueen

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Alessandra Rich

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Giorgio Armani

scelto da Selene Oliva
scelto da Selene Oliva

Valentino

scelto da Selene Oliva
scelto da Italo Pantano

Louis Vuitton

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Burberry

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Alexander McQueen

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Marni

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Gucci

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

AZ Factory

scelto da Italo Pantano
scelto da Laura Tortora

Max Mara

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chloé

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Alessandra Rich

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Brandon Maxwell

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chanel

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Versace

scelto da Laura Tortora
Scelto da Selene Oliva

Erdem

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

JW Anderson

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Fendi

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Philosophy di Lorenzo Serafini

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Chanel

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Giambattista Valli

Scelto da Selene Oliva
scelto da Italo Pantano

Fendi

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Valentino

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Celine

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Prada

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Saint Laurent

scelto da Italo Pantano
scelto da Italo Pantano

Versace

scelto da Italo Pantano
scelto da Laura Tortora

Fendi

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Christian Siriano

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Chloé

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

BOSS

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Alberta Ferretti

scelto da Laura Tortora
scelto da Laura Tortora

Alexander McQueen

scelto da Laura Tortora
Scelto da Selene Oliva

Dolce & Gabbana

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Dior

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Bottega Veneta

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Jacquemus

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Molly Goddard

Scelto da Selene Oliva
Scelto da Selene Oliva

Alexander McQueen

Scelto da Selene Oliva

giambattistavalli_040_20201005140919.jpg

Posted on 2 August 2021 | 4:30 am

Abito schiena scoperta: vi mostriamo i 6 modelli di tendenza da non perdere.

Non solo cut-out all over. Questa estate basterà anche un piccolo tocco per essere cool e meravigliose. L'abito con la schiena scoperta è tra i trend di stagione: è meno impegnativo di un vestito tagliato in vari punti del corpo, è discreto ed elegante, ma l'effetto seducente non manca. Ecco i sei modelli must-have avvistati sulle passerelle delle collezioni Primavera Estate 2021.

1 - L'abito lungo con la schiena scoperta (e preziosa) - Givenchy

Un abito a colonna dai toni pastello e dai dettagli preziosi: una cascata di applicazioni luminose che vanno a esaltare alcuni punti del corpo, tra cui proprio la schiena.

Givenchy Primavera Estate 2021
Givenchy Primavera Estate 2021

2 - L'abito ampio con la schiena scoperta - Victoria Beckham

Con la sua gonna ampia, i pizzi e i drappeggi, e l'ampio ritaglio sul retro, questo abito è un vero e proprio tributo alla femminilità firmata VB.

Victoria Beckham Primavera Estate 2021
Victoria Beckham Primavera Estate 2021

3 - Il mini abito con la schiena scoperta - Hermès

Cortissimo aderente, avvolto da una rete di pelle. Il massimo della seduzione.

Hermès Primavera Estate 2021
Hermès Primavera Estate 2021

4 - L'abito midi con la schiena scoperta - Bottega Veneta

Un modello dai risvolti bon ton. Per chi ama l'eleganza discreta ma vuole stupire.

Bottega Veneta Primavera Estate 2021
Bottega Veneta Primavera Estate 2021

5 - L'abito sexy con schiena scoperta - Missoni

Silhouette in evidenza, schiena in bella mostra, spacchi laterali vertiginosi. Un modello iconico perfetto per l'estate.

Missoni Primavera Estate 2021
Missoni Primavera Estate 2021

6 - L'abito a righe con schiena scoperta - Christopher John Rogers

Se la schiena scoperta non dovesse bastare potete stupire puntando sui toni accesi di un abito a righe multicolor dalla silhouette morbida, come quello proposto da Christopher John Rogers.

Christopher John Rogers Primavera Estate 2021
Christopher John Rogers Primavera Estate 2021
How To
Moda estate 2021: come abbinare vestiti e sneakers in 5 outfit
I consigli di stile dalle collezioni Resort 2021 
Posted on 2 August 2021 | 4:30 am

Film e serie tv: guida alle uscite di agosto

La temperatura del mese più caldo dell’anno si fa ancora più bollente, sia al cinema che in TV, grazie a storie ad alto contenuto di emozioni e azione. È l’ora dei blockbuster e le delle storie intime nel buio della sala, mentre continuano le maratone sul piccolo schermo. La varietà di titoli resta sorprendente e coinvolge tutto l’Olimpo di Hollywood, da Ryan Reynolds a Margot Robbie.

I film made in Italy, però, non stanno a guardare e infatti tornano personaggi già familiari come l’esilarante “coatta” romana interpretata da Paola Cortellesi. Il divertimento è ufficialmente servito, come dimostrano questi dieci titoli da tenere assolutamente d’occhio.

1. Free Guy – Eroe per gioco

L’11 agosto al cinema, Ryan Reynolds indossa la divisa di un impiegato di banca che resta intrappolato in un videogioco gigante. Stanco di essere uno qualunque, decide di diventare l’eroe e salvare il mondo. ESILARANTE

All my life
All my life

2.  All my life

Nuovo adattamento del genere “sick lit”, All my life arriva in sala il 5 agosto mettendo alla prova l’amore di due giovani quando scoprono che lui, Sol (Harry Shum Jr.) è affetto da una grave malattia. Tratto da una storia vera. SPACCACUORE

Fast & Furious 9

F9

Fast & Furious 9
Photo Credit: Giles Keyte/Universal Pictures

3. Fast & Furious 9

Vin Diesel torna al cinema a tutta velocità il 18 agosto, dopo l’anteprima al Festival di Cannes. Il suo Dom Toretto sembra aver appeso al chiodo il passato trasgressivo, ora è un family man innamoratissimo di moglie e figlio. Un nuovo pericolo, però, lo riporta in pista. ADRENALINICO

4. Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di Morto

Il seguito dell’esilarante commedia con Paola Cortellesi e Antonio Albanese arriva al cinema il 26 agosto. Ambientato tre anni dopo, vede Monica in prigione per un furto mai commesso e Giovanni intento a tirarla fuori in cambio di servizi sociali nella parrocchia di don Davide (Luca Argentero). SPASSOSO

Come un gatto in tangenziale
Come un gatto in tangenziale

5. The suicide squad – Missione suicida

Il 5 agosto, dopo l’anteprima al Festival di Giffoni, tornano al cinema i villain dell’universo Marvel - da Margot Robbie-Harley Quinn a Idris Elba-Bloodsport – tornano in azione  per un’avventura spettacolare e rischiosa al servizio di Viola Davis (Amanda Weller). CATTIVISSIMO

The suicide squad – Missione suicida

THE SUICIDE SQUAD

The suicide squad – Missione suicida
Courtesy of Warner Bros. Pictures

6. Sweet girl

Jason Momoa (alias Aquaman) arriva il 20 agosto su Netflix in versione papà: dopo la morte della moglie, giura vendetta ai responsabili mentre deve proteggere la figlia, l’unica famiglia che gli resta. AL CARDIOPALMA

Sweet girl
Sweet girl
CLAY ENOS/NETFLIX © 2021

7. Endings, beginnings

Il romanticissimo triangolo amoroso tra Shailene Woodley, Sebastian Stan e Jamie Dornan arriva il 6 agosto su Sky Cinema Due, dopo l’anteprima al Festival di Toronto. Lei sembra alla deriva, quindi inventa una versione di sé che attragga ciascuno in modo diverso. SENSUALE

Shailene Woodley e Callum Turner, L'ultima lettera d'amore
“L’ultima lettera d’amore”: la commedia più romantica dell'estate
Preparate i fazzoletti per il film più sentimentale della stagione calda di Netflix, con Shailene Woodley e Felicity Jones
Endings, beginnings
Endings, beginnings

8. Cruel Summer

La serie thriller prodotta da Jessica Biel arriva su Amazon Prime Video dal 6 agosto con vari misteri da svelare, tra cui la scomparsa della ragazza più popolare del liceo. Intanto la nerd della scuola finisce seriamente nei guai. ANGOSCIANTE

Cruel Summer

AALIYAH MUHAMMAD, CHIARA AURELIA, SHELBY SURDAM

Cruel Summer
Bill Matlock

9. Nove perfetti sconosciuti

Nicole Kidman torna alla serialità da 20 agosto su Amazon Prime Video nei panni di una guru del benessere che dirige un resort di lusso per la rinascita spirituale. Con metodi poco ortodossi, prova a plasmare la forza di volontà degli ospiti. INQUIETANTE

Nove perfetti sconosciuti

Episode Four

Nove perfetti sconosciuti
Vince Valitutti

10. La direttrice

Sandra Oh di Grey’s Anatomy e Killing Eve arriva su Netflix dal 20 agosto nel ruolo di una brillante accademica alle prese con i pregiudizi etnici e di genere. Scritta dai creatori de Il trono di spade, ha i toni della dramedy. PROFONDA

La direttrice
La direttrice
ELIZA MORSE/NETFLIX
Posted on 2 August 2021 | 4:30 am

The Crown 5 è una realtà. Mentre gli intrighi di Buckingham Palace, quello vero, stanno tenendo ampiamente impegnata l'opinione pubblica, Netflix è pronta a dare il via alle riprese della quinta e penultima stagione di The Crown. Ecco tutto quello che dobbiamo sapere sul ritorno della serie culto.

The Crown 5: il cast

Il cast di The Crown 5 sarà completamente rinnovato. Con il "salto in avanti" della trama, incontreremo una nuova regina, nuovi principi e nuove principesse. A interpretare Elisabetta II non sarà più la eccelsa Olivia Colman ma arriverà Imelda Stauton. Emma Corrin cederà il testimone di Diana a Elizabeth Debicki mentre i panni del principe Filippo saranno indossati da Jonathan Pryce. A portare sullo schermo il principe Carlo invece sarà Domic West che succede a Josh O'Connor. Il ruolo del primo ministro John Major è stato affidato a Jonny Lee Miller, mentre Lesley Manville sarà la nuova principessa Margaret.

https://twitter.com/TheCrownNetflix/status/1295057878768918529

La “nuova” regina Elisabetta II

Imelda Staunton - nota soprattutto per il ruolo di Dolores Umbridge nei film di Harry Potter ma anche per la sua interpretazione in Vera Drake, che le è valsa una nomination agli Oscar, nella quinta stagione succederà a Olivia Colman nel ruolo della Regina. “Ho amato The Crown fin da subito” ha dichiarato Staunton. “Come attrice è stata una vera gioia vedere Claire Foy, prima, e Olivia Colman, poi, portare qualcosa di unico e speciale alla sceneggiatura di Peter Morgan. Sono sinceramente onorata di entrare a far parte di questo straordinario team creativo, e di accompagnare The Crown alla sua conclusione”. 

The Crown 5: a che punto siamo?

Solitamente le stagioni di The Crown coprono circa un decennio, tenendo conto che ci sarà una stagione che giungerà ai primi anni 2000 (prima dell'incontro di Harry e Meghan di certo, ma forse anche prima del matrimonio tra William e Kate) è possibile che il decennio tumultuoso che va dai primi anni 90 alla fine del millennio sia coperto da due stagioni. Partendo da questa ipotesi, è possibile che la quinta stagione di The Crown copra l'arco temporale che va dal 1990 al 1996, data del divorzio tra Carlo e Diana mentre la seconda stagione si concentri su quello che è stato, chiaramente, uno dei punti "rossi" nella storia della Corona del Regno Unito: la morte di Diana. 
La quinta stagione di The Crown quindi racconterà l'infausto annus horribilis, il 1992, con tutte le sue disgrazie: dall'incendio del Castello di Windsor alla raffica di separazioni e divorzi che travolsero i royals.

The Crown 5: la data di uscita

La produzione della quinta stagione inizierà a luglio: le riprese si svolgeranno negli Elstree Studios, a nord di Londra, secondo rigidi protocolli anti Covid-19. La stagione 5 probabilmente non arriverà su Netflix fino al 2022. Tuttavia, il ritardo non è stato causato dalla pandemia di coronavirus. A quanto pare, la pausa era stata pianificata fin dall'inizio. Dopo il debutto della stagione 4 lo scorso autunno, i fan dovranno aspettare più di un anno per la prossima stagione. Questa non è la prima volta che The Crown si prende una lunga pausa; ci fu un'attesa di due anni anche tra le stagioni 2 e 3.

The Crown 4

The Crown S4

The Crown 4
Sophie Mutevelian

La famosa intervista di Diana con la BBC

La quinta stagione coprirà anche l'intervista bomba della principessa Diana con il programma della BBC “Panorama” del 1997, discussa ancora oggi, in cui la principessa parlò senza filtri del suo matrimonio con il principe Carlo, di Camilla Parker Bowles e della mancanza di sostegno da parte della royal family. "Eravamo in tre nel mio matrimonio", è la frase più famosa della video intervista. Il giornalista che la condusse, Martin Bashir, è finito di recente nell'occhio del ciclone perché un'indagine ha confermato che per garantirsi la partecipazione di Diana è ricorso a metodi poco ortodossi e poco etici. 

Princess Diana In Nigeria

Georges De Keerle
Posted on 1 August 2021 | 6:03 pm

Oroscopo agosto 2021: previsioni per il mese più caldo 🔥🔥🔥

Si dice che agosto sia come l’ultimo fiore del fuoco d’artificio, quello che fa appassire l’estate. Ma è anche il mese del Leone, dell’imperatore Augusto, delle cose che si fanno per bene, alla grande, senza badare a spese (in fondo si vive solo una volta). Di tutto ciò che si affronta dando soprattutto retta all’ego, alla voglia di lasciare libere le intenzioni, ma anche le ambizioni.

Scopriamo insieme colori, sapori e intenzioni degli astri per le prossime settimane

ARIETE

Ha inizio un mese in cui sarà il Sole a farvi compagnia, in cui non vi mancherà mai la voglia e la possibilità di mettere qualcosa di divertente nel piatto del  presente, tenendo così molto alta la qualità della vacanza. Vero, Marte si nasconde rendendo poco facile apparire, essere al centro di tutto, ma non è questo che ora vi interessa. Dal 16 in poi, Venere entrerà in opposizione, per questo sarà importante dare maggiore (e migliore) attenzione a chi amate, esprimendo un look che sia facilmente condiviso. E soprattutto apprezzato.

TORO

Bellissimo poter contare su Marte e su Venere (fino a Ferragosto) proprio nella stagione dedicata alla distrazione, alle cose libere e leggere. Simpatico poter insomma accedere alle passioni e ai sentimenti migliori, quelli che ci vengono facili perché li potete subito condividere con le persone che vi piacciono, quelle che vi fanno vibrare. Mercurio, alleato dall’11 in poi, metterà la giusta dose di intelligenza in ogni avventura estiva, per tutto ciò che agosto vi aiuterà a conoscere, a esplorare. E voi? Fidatevi delle stelle e basta.

Anya Taylor-Joy (Ariete) e Gigi Hadid (Toro)
Anya Taylor-Joy (Ariete) e Gigi Hadid (Toro)
Splash News

GEMELLI

La bellezza, per voi Gemelli, arriverà solo nella seconda parte del mese, quando cioè la dolce Venere entrerà in solido trigono, aiutandovi a vivere cose che vi piacciono, che vi fanno sorridere, che vi spingono a sognare, a immaginare (e l’estate sembra essere la stagione visionaria, quella migliore per farlo). Ma non mancheranno le piccole responsabilità, le cose di casa e di famiglia a cui pensare. Fate di tutto per proteggere la qualità di agosto, sapendo che poi, in autunno, tutto si sistemerà. Chiarite qualcosa di complesso con una persona entro e non oltre il 10.    

CANCRO

Ci sono momenti che ci regalano un look unico, irresistibile. Difficile, forse impossibile, non apprezzarvi in agosto, quando cioè Marte, Venere e Mercurio caratterizzeranno il vostro modo di comportarvi ma, soprattutto, di sedurre. Esagerate pure con certe ambizioni, dimostrate a voi stessi che siete capaci di nuove e interessanti conquiste. Il giorno 8 usate la Luna Nuova per prendere una decisione pratica, per fare il primo passo verso qualcosa di importante, di utile. Dal 20 in poi, causa Urano, diventerà un po’ meno facile inventarvi un futuro.

LEONE

Accettate pazientemente che agosto diventi interessante, che si preoccupi anche delle cose che vi piacciono, quelle che amate. Fino a Ferragosto, infatti, il presente avrà spesso il sapore delle cose da fare, degli impegni, ma poi tutto prenderà una forma diversa. Iniziando da Mercurio che vi renderà molto più abili con le cose pratiche, ma ascoltando soprattutto quella Venere che vi aiuterà a trasmettere dolcezza, seduzioni e armonia. Non mancheranno gli ingredienti per un’estate che sia all’altezza. Tempo di decisioni il giorno 8, di compromessi il 22.

VERGINE

Il vostro sarà di gran lunga il segno più trafficato del momento. Soprattutto nella parte centrale del mese, quando forza, dolcezza e intelligenza vi saranno talmente vicine da regalarvi un’estate a cui non mancherà proprio niente, in cui tutto sarà clamorosamente a portata di stelle. Per questo dovreste evitare di essere impazienti all’inizio del mese, sapendo che il cielo poi sarà generosissimo. Tensioni intorno all’11, grandi passioni il 19 e poi ancora il 26.

Blake Lively (Vergine)

Vergine - Blake Lively

Blake Lively (Vergine)
© Getty Images

BILANCIA 

Nella prima parte del mese avrete la sensazione di cose che si nascondono, che non si fanno troppo vedere in giro, e un po’ vi dispiacerà. Ma poi, dal giorno 11, già la Luna Nuova vi convincerà a credere nel futuro, a sperare in stelle migliori, vivendo le prime promesse di passione. Tanto che il cielo deciderà di accontentarvi, come? Regalandovi una bellissima Venere in Bilancia dal 16, tanta dolcezza (e un pizzico di orgoglio) per non sbagliare mai con nessuno, soprattutto con il cuore e i suoi accessori. Amori originali verso il 22, ai quali risponderete con precisione.

SCORPIONE

L’estate è sicuramente un tempo libero, votato alle cose future, ai prossimi percorsi e alle migliori promesse. Ecco perché la presenza di così tante forze cosmiche nella vostra undicesima casa vi darà la sensazione di essere molto vicini agli obiettivi, capaci di osservare ciò che sarà, indovinando profili e nostalgie. E il presente? Abbastanza caldo e intelligente (grazie a Marte). L’amore sarà generoso con il cuore solo fino a Ferragosto, poi si nasconderà, sarà meno scontato. Inaspettate scelte del destino in arrivo intorno all’11.

Bella Hadid (Bilancia) e Hailey Bieber (Scorpione)
Bella Hadid (Bilancia) e Hailey Bieber (Scorpione)
Splash News

SAGITTARIO

Le indecisioni croniche che Giove e Saturno, retrogradi nella vostra terza casa, non smettono di trasmettervi, potrebbero finire con il rallentare un po’ il vostro mese, con il renderlo non abbastanza coraggioso, intraprendente. Puntate sulle cose migliori nella prima parte di agosto, quando ancora Mercurio terrà aperto un canale con il cuore e la mente di chi amate, quando il novilunio vi convincerà a essere più coraggiosi, meno timidi. Poi date la preferenza a un’estate che non faccia rumore, che sappia apprezzare persino il silenzio.    

CAPRICORNO

L’estate secondo il Capricorno: un momento bello, libero, ma che racconti anche una storia, che abbia un senso, qualcosa da raccontare. In agosto non mancheranno le occasioni per dare profondità a tutto ciò che vivrete, per sentire utile e costruttiva persino la vacanza, ma in modo leggero, senza troppa fatica. Ideale. Fate solo attenzione a non lasciare che Venere, in quadratura dal 16, possa accendere in voi troppo presto pensieri e preoccupazioni legate al lavoro, agli impegni. Avrete bisogno di ritrovare energia e tonicità nella prima settimana.

ACQUARIO

Si tratta della stagione opposta alla vostra, quel tempo in cui tutto sembra succedere lontano da noi, al di fuori del nostro controllo. In agosto le Lune giocheranno un ruolo fondamentale: quella Nuova dell’11 vi aiuterà a capire e accettare che qualcosa è successo o cambiato in un rapporto, in una relazione. Il plenilunio del 22, invece, vi consentirà di giudicare, in modo obiettivo, qualcosa o qualcuno. Voglia di cose belle e dolcissime il 23, quando Venere e Saturno si faranno le coccole. Possibili incomprensioni di coppia il giorno 2.

PESCI

Vedrete sfilare, uno dopo l’altro, alcuni pianeti in opposizione, tutte energie da gestire, da affrontare. Marte sarà la vera costante dell’estate, una piccola sfida fatta soprattutto di forze e di passioni da non lasciar mai scendere troppo in basso. Venere vi spingerà invece a mettere in gioco la dolcezza migliore - così da esercitare una buona seduzione -, Mercurio a non perdere la voglia (e la pazienza) per stare vicini a chi amate. Agosto sarà insomma un tempo da osservare tenendovi per mano, anche quando forse non ne avreste troppa voglia.      

Jessica Biel (Pesci)

70th Emmy Awards - Arrivals

Jessica Biel (Pesci)
Steve Granitz
Posted on 31 July 2021 | 4:30 am

I costumi interi a fascia sono i più chic dell'estate 2021

C'è chi ama le mise super sexy e i micro bikini à la Emily Ratajkowski in tour per la Costiera Amalfitana, e chi per andare al mare predilige invece look molto più sobri, classici ed essenziali. La vita in costume da bagno, insomma, cambia a seconda del gusto personale di ognuno di noi e resta (quasi) del tutto indifferente alle tendenze di stagione. Ci sono modelli che non passano mai di moda - vacanze comprese! - uno su tutti? L'intero senza spalline. Semplice, easy, tremendamente chic, è la scelta naturale di chi vuole essere sempre perfetta, anche in spiaggia

Vanessa Sposi
Vanessa Sposi

E poco importa se la meta del prossimo weekend sia St. Tropez o Portofino, l'alleato di stile ideale dell'estate 2021 resta il costume intero. Un pezzo unico che, tra l'altro, funziona alla grande per un tuffo veloce per trasformarsi all'occorrenza in deliziosissimo top da abbinare a un paio di bermuda o a una gonna pareo. Ovviamente, ne esistono moltissime varianti, ma se volete andare sul sicuro puntate su un modello tinta unita, da preferire nelle nuance raffinate quali nude, bianco o nero e nei toni più accesi del rosa, verde o viola.

Lido
Lido

Trovate di seguito una selezione con i nostri costumi interi a fascia preferiti: ci sono quelli con dettagli cut out firmati Jade Swim e Zimmermann, i modelli di Medina Swimwear e Self-Portrait, impreziositi da una cintura strategica che accentua il punto vita, e le proposte drappeggiate di Karla Colletto ed Eres. Una menzione speciale per il costume total black di Alexandra Miro che sul lato vanta una romantica decorazione fatta di bottoni dorati a forma di cuore: lo trovate soltanto online su mytheresa.com.

I 10 costumi interi a fascia da compare prima dell'estate

Karla Colletto
Karla Colletto
  • Karla Colletto
    Costume intero Basics a fascia con leggeri drappeggi frontali, 235 euro su mytheresa.com
Self-Portrait
Self-Portrait
  • Self-Portrait
    Costume da bagno intero con sottile cintura in vita e scollatura drappeggiata sulle spalle, 275 euro su matchesfashion.com
Medina Swimwear
Medina Swimwear
  • Medina Swimwear
    Costume intero a fascia Calypso con scollo V a cintura in vita, 350 euro su medinaswimwear.com
Alexandra Miro
Alexandra Miro
  • Alexandra Miro
    Costume intero a fascia Bella in tessuto stretch con cut-out laterale decorato da bottoni dorati a forma di cuore, 250 euro in esclusiva su mytheresa.com
Lido
Lido
  • Lido
    Costume da bagno intero a fascia Sedici con taglio a gamba alta e copertura media sulla schiena, 160 euro su lido-lido.com
  • Jade Swim
    Costume intero a fascia Highlight con dettaglio cut out frontale, 250 euro su jadeswim.com
Zimmermann
Zimmermann
  • Zimmermann
    Costume da bagno intero a fascia Nina Scarf Buckle con taglio in vita e dettaglio con fibbia, 375 euro su zimmermannwear.com
Tropic of C
Tropic of C

Tropic of C
Costume intero Margaux con scollo a fascia bustier e sgambatura alta, 335 euro su mytheresa.com

Vanessa Sposi
Vanessa Sposi
  • Vanessa Sposi
    Costume da bagno intero bustier con arricciature laterali per adattarsi al corpo, 195 euro su vanessasposi.com
Eres
Eres
  • Eres
    Costume intero Cassiopée a bustino con plissettature sul davanti e sui lati delle coppe separate da un ferretto a U, 385 euro su eresparis.com
Posted on 31 July 2021 | 4:30 am

"La moda è sempre avanti rispetto alla società, lo è sempre stata", afferma Philippe Guilet, presidente, fondatore e direttore artistico di Renaissance Project. Ex collaboratore di Karl Lagerfeld, Thierry Mugler e Jean-Paul Gaultier, Guilet vuole reinventare la moda con un approccio sociale e ambientale. Così, ad esempio, un completo uomo in velluto rigato di Yohji Yamamoto è diventato un vestito da sera; un impermeabile di Balenciaga è stato trasformato in giacca asimmetrica più gonna a matita; due blazer di Armani da uomo sono diventati giacche da donna. Renaissance Project è un’associazione no-profit nata nel 2019 che offre formazione in upcycling per l’alta moda a persone disoccupate di tutte le età, generi, origini e culture. In un atelier a Villejuif, nella periferia parigina, i couturier imparano a decostruire e dare nuova vita a capi firmati destinati a restare inutilizzati o a essere distrutti. Philippe Guilet non lavora da solo, ma coordina il suo team e si aspetta che ciascun membro dell’atelier dia sempre il massimo per raggiungere livelli di eccellenza. Questo progetto è sostenuto da nomi prestigiosi come la Sisley-d'Ornano Foundation e la regione dell’Ile-de-France. Anche la ADEME (Agency for the Environment and Energy Management) sostiene il progetto insieme alla Prefecture della Val de Marne e i suoi servizi. Da gennaio a luglio 2021, i diciassette couturier di Renaissance hanno lavorato meticolosamente per poi presentare le loro creazioni presso il prestigioso Hôtel Drouot, una storica casa d’aste di Parigi che ha ospitato una sfilata per la prima volta. “La prima sfilata di Renaissance l’anno scorso ha emozionato il pubblico, e quest’anno l’altissimo livello di creatività raggiunto da Philippe Guilet e dal suo team ci ha colpito moltissimo” racconta Pascal Morand, Executive President della Fédération de la Haute Couture et de la Mode e nel consiglio di amministrazione di Renaissance. L’Hôtel Drouot è stato abbellito per l’evento con dipinti di Eduardo Guelfenbein che ha anche customizzato tre capi e tre borse presentati in passerella. Il trucco e i capelli delle modelle sono stati realizzati dai team di L'Oréal Paris.   

RENAISSANCE PROJECT_19.07
RENAISSANCE PROJECT_19.07
@LAURENCELABORIE

L’approccio ambientalista del progetto si affianca alla dimensione sociale. Fra i diciassette sarti ingaggiati quest’anno, c’è, ad esempio, Ousmane. Nato in Guinea-Conakry, Ousmane ha lasciato il suo Paese nel 2018 dopo essere fuggito dal carcere in cui era detenuto per motivi politici. Ha appena ottenuto lo status di rifugiato e vive della sua passione da quando è entrato a fare parte di Renaissance. Nel team c’è anche Moubarik, che ha lavorato per sette anni per una maison di moda donna in Russia (Cecenia) dove cuciva abiti. Costretta a fuggire dal Paese, è arrivata in Francia con i sei figli ed è entrata a far parte di Renaissance a gennaio. Queste persone, piene di talento e di desiderio di lavorare, non avevano mai avuto l’opportunità di lavorare per un atelier, e oggi Renaissance le prende sotto la propria ala.  

L’atelier di Renaissance Project ha attirato l’attenzione di tanti altri creativi che desiderano far progredire la fashion industry, dimostrando che la moda può e deve essere la forza propulsiva della società. Ad esempio, durante la sfilata alcune modelle indossavano le sneakers di ME.LAND. Frédéric Robert, il fondatore del brand, ha collaborato con le maison più prestigiose lungo tutta la sua carriera, fra cui Hermès, Lanvin, Kenzo e Dior. Nel 2018 ha lanciato il suo brand e il suo manifesto che valorizza il lavoro artigianale e il suo impegno ecologico e responsabile, che si basa sul commercio equo e solidale e si impegna alla riduzione dell’impronta di CO2. Frédéric Robert e Philippe Guilet condividono lo stesso sistema di valori. Per Robert è fondamentale rispettare il know-how degli artigiani. “Ho firmato un accordo con i nostri fornitori per proibire il lavoro minorile, per un salario dignitoso e per garantire la sicurezza e il benessere sul posto di lavoro.” Per la sfilata di Renaissance Robert ha aiutato l’associazione a raggiungere un obiettivo che sembrava folle: presentare un modello di sneaker Renaissance x ME.LAND, upcycled, eco-responsabile e vegano al 100%. I limiti tecnici posti dal riciclo della plastica degli oceani hanno fatto sì che Robert abbia ripensato le modalità di produzione tradizionali.

RENAISSANCE PROJECT_19.07
RENAISSANCE PROJECT_19.07
@LAURENCELABORIE

Renaissance ha stretto collaborazioni creative in tutto il mondo, in particolare con il Kalhath Institute (India). La partnership prevede lo scambio di know-how e una donazione dei lavori del Kalhath Institute a Renaissance “perché difendiamo gli stessi valori a 8.000 chilometri di distanza”, affermano Maximiliano Modesti e Amine Dadda, che dirigono l'istituto. Il Kalhath Institute ha infatti donato a Renaissance 2.500 ore di attività di ricamo realizzate dai suoi studenti. “In fondo, al di là delle nostre origini e della nostra cultura, l’istruzione è fondamentale per il sostegno e la salvaguardia di tutto il know-how, in Europa, in Francia, in India o in qualunque altro luogo” sottolinea Maximiliano Modesti. 

ARTUR ROCHA

Nel corso della sfilata, diverse modelle portavano copricapi realizzati da dodici studenti della Tané School, una scuola di gioielleria e arte orafa che si trova in Bretagna. Questi studenti meritano una elogio per la loro creatività e know-how e per la padronanza nella lavorazione dei materiali da riciclare. I materiali upcycled, soprattutto metalli, sono stati catalogati, poi sono stati creati i bozzetti, e lo scambio fra gli studenti e il loro project leader ha consolidato il progetto: un team unito e coeso, proprio come è Renaissance. 

RENAISSANCE PROJECT
RENAISSANCE PROJECT
@LAURENCELABORIE

Renaissance vuole reinventare la couture mettendo insieme upcycling, integrazione sociale e lotta per l’ambiente. Una sfida coraggiosa che potrebbe anche servire da esempio in un momento in cui molti nomi della moda invitano a gran voce a effettuare il cambiamento. L’associazione Renaissance Project e il suo team vogliono dare il buon esempio. Volontari, studenti e professionisti hanno lavorato insieme per dimostrare quello che si può fare a partire dai tanti stock di abiti inutilizzati, anche quelli in fondo ai nostri armadi. Come riassume Pascal Morand, “Renaissance è nato ed è cresciuto in soli due anni. La crisi sanitaria non ha rallentato lo slancio dei team, che si sono impegnati così tanto da riuscire a ottenere prestazioni di grande potenza e di altissima qualità.”

RENAISSANCE PROJECT
RENAISSANCE PROJECT
@LAURENCELABORIE

Photos by Laurence Laborie, Patience Gaibene, Artur Rocha, Christie Zebano, Joel Tsoudndidi  

Posted on 30 July 2021 | 4:13 pm

Photo Vogue Festival has always tried to challenge the danger of single, monolithic stories, and to push a multiplicity of points of view. For its 6th edition, titled REFRAMING HISTORY, we wanted to explore the projects that have reclaimed an alternative, different way of telling a tale. From projects that reframes omitted, forgotten and overlooked historical figures to works that reclaims an idea of beauty that has been diminished, stereotyped or exoticised. Helping in achieving what Chinua Achebe called "a balance of stories" is one of the founding missions of Photo Vogue, Vogue's global photographic platform that this year celebrates its 10th anniversary. Human beings are storytelling animals: the stories we tell are not just a way of representing the world, they become the very world we inhabit. There's a great African proverb that Achebe often quotes, that says "until the lions have their own historians, the history of the hunt will always glorify the hunter." For this edition of the festival we are looking at the lions' stories.

This exhibition features 35 photographers selected through the Open Call on Photo Vogue, Picter and Instagram. On Picter alone we received 24.913 images, 2.949 projects by 2.513 photographers from 98 different countries, 6 continents. 

 The artists have been selected by an international jury consisting of experts from across the world, with different backgrounds and vision so as to try to provide the most inclusive and multifaceted perspective. 

The 35 artists are: 

Abhishek Rajaram Khedekar

Alessandro Iovino

Bettina Pittaluga

Bryan Thomas

2019_01.08_TOPIC_RIPSHIRTS

Delali  Ayivi

Diego Moreno

Dimakatso Mathopa

Elena Helfrecht

Elliott Verdier

Fabiola Cedillo

Gabriele Cecconi

Heather Agyepong

Irene Antonia Diane Reece

Ismail Zaidy

Jair Fernando Coll Rubiano

Jodie Bateman

Juan  Brenner

Kai Yokoyama

Laura Pannack

Lebo Thoka

Léonard Pongo

Lisandro Suriel

Magda Kuca

Mous Lamrabat

Oluwakayomide Tejuoso

River Claure

Robert Andy Coombs

Roberto Tondopó

Sara Bennett

Silvana Trevale

Suleika Mueller

Sushavan Nandy

Tamary Kudita

Thembinkosi Hlatshwayo

Tomasz Kawecki 

We are thrilled to announce that the two artists who will receive a 5,000€ cash grant each, offered and paid by Studio RM, are Lisandro Suriel and River Claure.

LISANDRO SURIEL (VIDEO)

Lisandro Suriel was born and raised in Saint Martin, an island in the Dutch and French Caribbean. As a child of the diaspora, he found no formal institution ever introduced him to the idea that his history and identity might extend beyond being a descendent of slavery. With Ghost Island he seeks to uncouple the Black and Caribbean narrative from a one-dimensional colonial history. Suriel stages magic-realist recollections of ghost stories and other oral histories from the island. He proposes the imaginative lens as a way to analyze how folkloric figures act as historic agents and animate cultural memory. As a documentary of imagination, His ongoing project Ghost Island posits the Black subconscious as a means of reconfiguring collective memory and reclaiming history.\

RIVER CLAURE (PHOTOGRAPHY)

River Claure (Bolivia, 1997) Born in Cochabamba, Bolivia (1997). He studied Performing Arts, Graphic Design and Contemporary Photography. His work revolves around cultural juxtapositions and investigating identities marked by territory. Winner of the Eduardo Abaroa National Award (BO) and the XVIII Roberto Villagraz International Photography Scholarship (ESP), he recently won the Genesis Imaging Award of the FORMAT 21 festival (UK) and was nominated for the Joop Swart Master Class of World Press Photo (NL), his work has been exhibited at festivals such as GetxoPhoto, Format21, FIFV Festival, Photoville, Lagos Photo, The Rencontres d'Arles, among others. In 2020 he published his first photobook "Warawar Wawa" under the Colombian publisher RAYA, and was named one of the photographers "Ones to Watch" by the British Journal of Photography. He currently lives and works in Madrid, Spain.

Posted on 30 July 2021 | 3:29 pm

Moda costumi sostenibili estate 2021: una selezione di costumi sostenibili e cruelty free

Alzi la mano chi non sta pensando in questi giorni alle vacanze e a quando finalmente potrà indossare i propri migliori costumi sostenibili. Ormai, infatti, sono numerosi i brand di moda costumi sostenibili e cruelty free, prodotti in filiera tracciabili e utilizzando materiali riciclati, spesso proprio dalle bottiglie raccolte in mare. 

Ecco una selezione di brand di costumi sostenibili per l'estate 2021 da non perdere.

Nohea

La caratteristica che rende i costumi Nohea speciali è il concetto “2 in 1”: sono infatti costumi che da intero diventano bikini e viceversa, per chi passa dalla vita attiva in spiaggia tra uno sport d'acqua e un'attività sul bagnasciuga a un cocktail in relax a bordo piscina o al chiringuito al tramonto. Il tessuto scelto per i costumi dal neonato brand Made in Italy è ecosostenibile, realizzato con filo di Nylon rigenerato ECONYL®. 

Lulwa Al Amin

La collezione di costumi da bagno Summer 2021 di Lulwa Al Amin offre costumi da bagno capaci di disegnare la silhouette grazie a coppe del reggiseno imbottite e una fodera nascosta per ridefinire il punto vita, mentre onne e parei abbinati per il bagno completano il look. Il tutto nel segno della sostenibilità: i tessuti e le fodere sono realizzati con nylon rigenerato che può anche essere riciclato e riutilizzato.

Alohas Swimwear

La collezione 2021 di Alohas Swimwear si chiama Essence Swim ed è la prima collezione di costumi da bagno responsabili e sostenibili di Alohas. Non soltanto i materiali utilizzati provengono da plastiche riciclate, essendo prodotti in Econyl, ma anche la produzione viene gestita in modo responsabile: chi pre-ordina i costumi interi e i bikini riceve uno sconto del 15% per minimizzare gli sprechi.

UND SWIMWEAR

UND Swimwear nasce a Bologna nel 2017 dall’affinità mentale ed estetica di Margherita e Giada – una giurista, l’altra designer. UND è abbreviazione di “undressed’’ e rappresenta l’intenzione di spogliare sé stessi da ciò che è superfluo. Ad un approccio al corpo, pensato come territorio dalle infinite possibilità d’espressione, si abbina il concetto di “cura” che racchiude in sé i principi e i valori fondamentali del brand. Le materie prime sono sostenibili: tulle vegan con certificazioni OECO TEX e tessuto di Lycra riciclata vegan eed eco-sostenibile, riciclato al 100%, composto perlopiù da reti da pesca e plastiche recuperate dal mare. 

Rielli

Fondato da Arielle Baril nel 2019, Rielli è il marchio di costumi da bagno ispirato alla nostalgia, alla natura e al romanticismo e ogni modello è tagliato e cucito a mano dalla founder. La collezione comprende bikini a triangolo, costumi interi e abiti da spiaggia scolpiti in una varietà di tonalità audaci, trame a coste e finiture artigianali.

BiancaBikinis

Summer Haslett Photography

La founder di BiancaBikinis, Bianca Forzano, ha scelto di raccontare con la sua collezione di swimwear sostenibile la sua passione per gli sport acquatici. Il  beachwear della linea è infatti adatto alla pratica di attività sportive acquatiche come kite e surf ed è realizzato in tessuto tecnico ottenuto dal riciclo di materie plastiche recuperate durante le campagne di pulizia degli oceani.

Norba

Il brand ucraino Norba, fondato nel 2018 da Olha e Helen Norba, è celebre per la vestibilità perfetta dei suoi capi activewear e per l'allure minimale. Ora le due creative, che per la loro community di #norbagirls si impegnano a disegnare le collezioni cercando di valorizzare al massimo le fisicità e a favorire la ricerca del benessere personale, ampliano la gamma di prodotti con i costumi sostenibili. Anche lo swimwear, infatti, è prodotto in Econyl, il nylon creato recuperando scarti di tessuti sintetici e plastica degli oceani.

Clara AEstas

NIKI DI CORRADO

Due amiche, Elena Carelli e Floriana De Letteris, e il sogno di disegnare costumi - e beachwear - dal glamour assoluto, capaci di valorizzare una filiera tracciabile ed etica e l'artigianalità Made in Italy. Nasce così nel 2018 Clara AEstas, una collezione in cui ogni costume è unico e ciascuna può sentirsi a proprio agio e splendida con i dettagli da "Angel".

Five Pm Swim

Un allure nostalgico e un fascino da silhouette e dettagli d'altri tempi sono l'elemento principale dello stile dei costumi Five Pm Swim prodotti con il 90% di materie prime riciclate o sostenibili. La collezione 2021 si ispira al movimento della Pop Art americano e britannico degli anni Cinquanta: dettagli, stampe e grafiche ricordano le opere di Claus Oldenberg, Lichetenstein, Andy Warhol, Keith Haring, Alex Katz.

Suahru

Il brand di costumi da bagno Suahru nasce nel 2018 quando tre sorelle siciliane, Alessia, Claudia e Martina Manzella,  con caratteri molto diversi seppur perfettamente complementari e unite da un grande amore per il mare e per i viaggi, loro fonte d’inspirazione. Le parole chiave con cui loro vogliono realizzare la sostenibilità sono artigianalità, tracciabilità, attenzione nella scelta delle materie prime, eliminazione delle stampe dai tessuti per ridurre l’inquinamento da agenti reattivi e l’eccesso di dispersione di acqua necessaria per realizzarle.

Léa The Label 

Si chiama Pelagia la collezione 2021 di costumi da bagno luxury Léa The Label. La designer Léa Daaboul che ha fondato il suo brand a Dubai, intraprende per questa collezione un viaggio verso le isole greche: tappa principale Cefalonia con le sue spiagge favolose. La material prima è l'Econyl e l'effetto anti UV è assicurato, mentre è possibile acquistare i pezzi separatamente per adattare il look finale alla propria fisicità e per giocare con gli abbinamenti.

Anemos

Lauren Arapage e Joshua Shaub hanno fondato il loro brand di costumi da bagno Anemos per esaltare le forme del corpo con costumi da bagno senza tempo. Anemos trae ispirazione dall'estetica della moda degli anni '90 e dagli elementi della lingerie francese, con qualche influenza della natià California. Nato come brand ecosostenibile sin dall'inizio, i materiali sono certificati e provengono da Italia, Brasile e Giappone.

NOW_THEN

È un gioco di parole a ispirare la filosofia del brand di costumi da bagno sostenibili e cruelty free NOW_THEN: un gioco di parole che guarda a un futuro che si spera migliore e più sostenibile. Andrea Salinas, founder del brand spagnolo, si è ispirata al mare, dove ha passato i migliori momenti della sua infanzia con il padre. La collezione si compone di due linee, Swim, femminile e minimalista e Oceanwear, più sportiva. Per entrambe, il punto di partenza per la materia prima sono i rifiuti raccolti in mare. 

Allsisters

Patricia e Alba Caballero hanno creato All Sisters nel 2015. Tutti i pezzi del brand sono realizzati in Spagna e Portogallo, rispettando il Made in Green di OEKO-TEX® e permettendo un impatto ridotto sull’ambiente. Il design delle linee sostenibili che spaziano dai costumi da bagno all'activewear è minimal e principalmente composto da motivi geometrici e colori tenui, per concentrarsi solo sulle forme enfatizzando le silhouette femminili.

Dedicated

“Non ci serve indossare abiti se non abbiamo un pianeta in cui vivere”: questo è il punto di partenza di Dedicated, un brand che produce costumi da bagno utilizzando filato ottenuti dal riciclo di bottiglie di plastica e che presta particolare attenzione alla stampa - il loro must sono le righe - ottenuta con stampa digitale che ha un minore impatto ambientale. Il brand firma collaborazioni con vari artisti, illustratori e creativi per capsule collection sempre nuove. 

Posted on 30 July 2021 | 3:09 pm

Open day: publichiamo in questo articolo in continuo aggiornamento le date in cui le scuole di moda incontrano gli aspiranti studenti. 

Gli open day sono la prima occasione di conoscere una scuola di moda. Per lavorare nella moda è necessario, nella maggior parte dei casi, infatti, studiare moda. Dove? in Italia sono numerose le proposte formative di università, scuole, accademie. 

Per conoscere da vicino l'offerta formativa della scuola di moda prescelta è possibile partecipare agli open day.

Studiare moda in Italia significa avere la possibilità, grazie alle accademie di moda, di affiancare teoria e pratica, con il plus della presenza nel corpo docente di esperti del settore che sono capaci di raccontare le realtà aziendali della filiera. 


Ecco gli open day delle scuole italiane  in questo articolo in continuo aggiornamento:

 

Istituto Modartech

Il primo Open Day del nuovo anno accademico di Istituto Modartech è in programma in doppia formula: martedì 7 settembre dal vivo nella sede di Pontedera, negli spazi post-industriali delle ex officine Piaggio e mercoledì 8 settembre online per permettere ai giovani di tutta Italia e oltre di partecipare da remoto.

La prima giornata si apre alle ore 10 con la presentazione dell’Istituto e dell’offerta formativa. I giovani interessati potranno visitare poi aule e laboratori della scuola e prendere parte a due masterclass con focus sulle tematiche dei due corsi triennali equiparati alla laurea breve, Fashion Design e Communication Design. La masterclass in Fashion Trend consentirà di fare un viaggio alla scoperta delle tendenze emerse nelle fiere di settore e intercettate sulle passerelle internazionali, per conoscere gli elementi chiave che ispireranno le nuove collezioni. Il workshop Love Brand, invece, punterà i riflettori sulle tendenze grafiche, visive e sentimentali, che consentono di creare una connessione emozionale tra i marchi e il pubblico. Ci sarà inoltre la possibilità di fissare un colloquio di orientamento individuale, per valutare propensioni e skills. Il giorno successivo, mercoledì 8 settembre, si replica sul web: a partire dalle ore 15 avrà luogo la presentazione dell’Istituto e dei dipartimenti Moda e Comunicazione, con focus sull’offerta formativa, in particolar modo sui corsi triennali che danno diritto al diploma di laurea breve.

Per info e iscrizioni all'open day

Accademia Costume & Moda

Accademia Costume & Moda (ACM) conferma la data digitale degli Open day di  sabato 11 settembre, sia nella sede di Roma (via della Rondinella 2), sia nella sede di Milano (via Fogazzaro 23), quest’ultima dedicata alle aree della Comunicazione e del Management per la Moda.

Per registrarsi all’Open Day, sarà necessario compilare il form sul sito di Accademia Costume & Moda (oppure chiamare il numero +39 06 68 64 132).

È comunque sempre possibile prenotare il proprio colloquio personalizzato e visitare sia la sede di Roma sia la nuovissima sede di Milano, dove la didattica è ormai erogata in presenza e in modo continuativo.

Durante le visite si potranno conoscere i contenuti e i percorsi formativi per intraprendere una carriera nel campo della moda. Inoltre, entrando in contatto l’ufficio Orientamento, sarà possibile venire a conoscenza delle opportunità offerte agli studenti così come delle attività di placement che ACM offre ai suoi diplomati, terminati i corsi di studio.

L’offerta formativa di ACM si compone, infatti, di corsi legati al Fashion Design, alla Comunicazione di Moda e al Management di Moda. Oltre agli storici corsi triennali di Costume e Moda e di Comunicazione di Moda: Fashion Editor Styling & Communication, si aggiunge il corso di Fashion Design Management (quest’ultimo erogato solo nella sede di Milano).

Sarà, inoltre, possibile venire a conoscenza dell’offerta Master di ACM che quest’anno si arricchisce dei seguenti corsi: “Fashion Communication & Art Direction”, “Creative Direction for the Performing Arts”, “Fashion Sustainability & Industry Evolution” in partenza nei prossimi mesi.

ACM sostiene i futuri talenti attraverso borse di studio, erogate sia da Accademia sia dalle aziende partner. Solo, nell’anno accademico 2021, ACM ha offerto oltre 25 borse di studio elargite da alcune delle aziende più rinomate del Sistema Moda italiano e dalla stessa ACM.

Open day passati:

IED

L'occasione per conoscere da vicino IED e il nuovo concorso per diventare ambassador della sostenibilità sono gli open day digitali dal 12 al 16 luglio per presentare l'offerta formativa IED delle sedi Italia attraverso un programma di presentazioni della settimana suddiviso fra le aree di Moda, Design, Arti Visive e Comunicazione e Restauro. Sarà possibile interagire con gli Advisor IED, pronti ad accompagnare il potenziale studente nel processo di scelta e chiarire qualsiasi dubbio sui percorsi formativi e sul processo di ammissione e iscrizione. 

NABA - Nuova Accademia di Belle Arti

Il prossimo Virtual Open Day di Naba è fissato per martedì 6 luglio dalle ore 10.30 alle ore 17.30

Nel corso dell’appuntamento, NABA si racconterà attraverso sessioni video dedicate ai corsi di primo e secondo livello, per i quali l’Accademia rilascia diplomi accademici equipollenti ai diplomi di laurea universitari, al termine di ciascuna delle quali sarà possibile un ulteriore approfondimento durante Q&A in diretta streaming con i referenti dell’Ufficio Orientamento.

Per entrare più nel dettaglio e avere un confronto formativo personalizzato sarà, inoltre, possibile accedere a una room dedicata all’orientamento sulla piattaforma Zoom, che resterà aperta durante l’intero Virtual Open Day, per avere un colloquio one to one, oppure prenotare un colloquio telefonico, che si potrà effettuare entro un’ora dalla richiesta, e ricevere tutte le informazioni necessarie riguardo all’ammissione, alle borse di studio, agli alloggi, alle strutture e ai servizi, permettendo agli studenti di soddisfare ogni curiosità.

Gli interessati avranno modo di approfondire i percorsi formativi nelle Aree Communication and Graphic Design, Design, Fashion Design, Media Design and New Technologies, Set Design e Visual Arts, attraverso i video dei progetti e lavori degli studenti, disponibili in streaming durante l’evento digitale, e di visitare le sedi NABA di Milano e Roma previa prenotazione, per permettere ai futuri studenti di avere un’idea chiara di come si svolge la vita accademica.

Inoltre c'è il bando di concorso “Dai spazio al tuo talento” dedicato alle aspiranti matricole dei Trienni in partenza nelle sedi di Milano e Roma nell’Anno Accademico 2021/22. I migliori profili tra tutti i partecipanti verranno selezionati per essere premiati con più di 150 borse di studio a copertura parziale della Retta di Frequenza ai Trienni in Graphic Design e Art Direction, Design, Fashion Design, Creative Technologies, Media Design e Arti Multimediali, Scenografia, Pittura e Arti Visive.

Per partecipare al bando, basterà iscriversi all’esame d’ammissione, le cui prossime sessioni avranno luogo nella data del 15 luglio 2021.

Infine, l’Accademia presenta NABAevents, la nuova piattaforma nata per proporre una serie di eventi live quotidiani che, da lunedì a venerdì, dalle ore 17.00 alle ore 18.00, permetteranno agli studenti degli ultimi anni delle scuole superiori di immergersi nel mondo NABA, scoprendo il suo programma di formazione che introduce e potenzia alcune competenze metodologiche culturali e pratiche legate all’ambito del progetto. Per registrarsi all’Open Day, per maggiori informazioni riguardo il bando “Dai spazio al tuo talento” e per partecipare a NABAevents visitare il sito: www.naba.it

POLI.design

POLI.design, la Società Consortile del Politecnico di Milano che insieme alla Scuola del Design e al Dipartimento di Design, forma il Sistema Design del Politecnico, organizza la seconda edizione dei Digital Open Days nei giorni 1 e 2 luglio.

I digital open days si terranno online, ben 20 dirette streaming in cui gli interessati potranno ascoltare i Direttori Scientifici e i Coordinatori Didattici che racconteranno come il design può essere la chiave per guidare giovani creativi, professionisti e imprese verso la creazione di nuovi modelli di sviluppo, attraverso il confronto diretto con il mondo del lavoro e l’analisi dei veri bisogni del mercato. 

Sono oltre 24 i Master Universitari ricompresi in sette aree tematiche, tra cui Fashion Design e Product Design.

Nell’ambito delle speciali giornate, sarà inoltre possibile richiedere maggiori informazioni su come accedere alle graduatorie delle agevolazioni disponibili, che potranno essere richieste tramite invio della domanda di ammissione e colloqui individuali con la Direzione del master oltre che prenotare un colloquio conoscitivo individuale, per ricevere consigli sul miglior percorso formativo in linea con i propri obiettivi professionali. 

Per maggiori informazioni: Ufficio Coordinamento Formazione POLI.design:  Tel. (+39) 02 2399 5911; This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Domus Academy

Domus Academy Milano presenta, con un open day on line il 10 giugno alle ore 9.30
l'offerta formativa con 11 Master e le borse di studio in partenza da settembre 2021. L'open day, live dalle ore 9.30 alle 12.30 circa, si presenta come un set con green screen interattivi per facilitare la comunicazione con gli studenti di tutto il mondo.
L'agenda prevede l’introduzione di Mark Anderson, Director of Education, e la presentazione della Scuola, segue il racconto delle professioni del design e degli 11 Master nelle aree business, experience, design e moda (a cura di OTB, brand ideato da Renzo Rosso)
e delle borse di studio a disposizione, tra cui la competition a portfolio per il nuovo Double Award Master con validazione britannica (da novembre 2021).
In programma anche un focus sulle opportunità di carriera e i momenti di Q&A. 

Istituto Secoli

Istituto Secoli presenta un fitto calendario di Open Day e Open Class per i futuri studenti: appuntamenti durante i quali è possibile conoscere più da vicino il metodo Secoli, partecipare a presentazioni dettagliate dei corsi e seguire lezioni di moda tenute dal corpo docenti di Istituto Secoli. Appuntamento 28 maggio alle 15.30.
Sarà anche possibile avere informazioni sul nuovo Programma di Borse di Studio e Agevolazioni Finanziarie per accedere ai percorsi formativi. Il Programma di Borse di Studio sul Merito stanzia un budget del valore complessivo di 40.000 euro per la copertura parziale dei costi di iscrizione ai corsi, nel limite massimo di 2.000 euro per ciascun vincitore.

In queste occasioni di incontro verranno presentati anche nuovi corsi in partenza a ottobre 2021: Alta Moda e Abito da sposa, Sartoria Uomo e il primo corso di Maglieria.

Gli Open Day e le Open Class sono aperti a tutti, per partecipare è possibile prenotare sul sito dell’Istituto.

Polimoda

La prossima data utile per un open day di Polimoda è il 6 maggio. Nel corso dell'open day sarà possibile conoscere l'importante progetto di borse di studio della scuola.

Fashion School
Le borse di studio: come lavorare nella moda
Polimoda ha attivato un programma di borse di studio senza precedenti per l’anno 2020 2021. Domus Academy lancia un nuovo programma di borse di studio per i master 2021

 Ecco dove trovare tutte le informazioni ulteriori.  

IUAD

È possibile prenotarsi agli Open Day virtuali dedicati ai corsi triennali e specialistici dello IUAD - Accademia della Moda. Un’occasione per entrare nel mondo dell’accademia, approfondire i programmi didattici e relative borse di studio, conoscere i professori e il nuovissimo centro di ricerca “Fab Lab”, una fucina di idee e nuove scoperte da brevettare nel campo del Product Design e dell’Accessorio, grazie anche alle sinergie con il mondo imprenditoriale, professionale e istituzionale.  Per iscriversi basta compilare il form al seguente link riceverai via mail un link a cui connetterti qualche giorno prima dell’evento.

Ecco i vari appuntamenti legati alla moda:

Milano:

Design della Moda_10 maggio ore 16.00

Fashion Business & Management _10 maggio ore 16.00

Napoli:

Design della Moda_27 maggio ore 16.00

Fashion Business & Management_27 maggio ore 16.00

IFDA (Italian Fashion & Design Academy) 

Si svolgerà nei giorni del 19-20-21 maggio dalle ore 9.00 alle 17.00 il prossimo Virtual Open Day totalmente online, dedicato agli studenti interessati a scoprire il mondo di IFDA, Fashion Italian &  Design Academy attraverso incontri one-to-one con i docenti e con sessioni video dedicate e personalizzate, fornendo tutte le informazioni utili a conoscere i corsi di Fashion Design e Fashion Stylist. In questo modo tutti gli interessati potranno avere una chiara ed esaustiva visione di come sono strutturati i programmi, di come si svolge la vita accademica e di quanto una realtà come IFDA, da 20 anni, possa offrire un percorso concreto per la propria carriera professionale, grazie anche alle numerose collaborazioni attivate con i partner e con importanti aziende italiane e internazionali.

Qui il link dove trovare tutte le info sulla scuola e sui prossimi open day

Istituto Marangoni Firenze

Istituto Marangoni Firenze rinnova l’appuntamento con una Open Week dedicata dal 1 al 5 Marzo, dalle 10.00 alle 17.00, dove è possibile prenotare un colloquio individuale – digitale o presso la sede - per conoscere nel dettaglio l’offerta accademica con i Programme Leader di Fashion Design, Fashion Styling, Fashion Business e Arte.

IED

Al via il nuovo format di digital Open Day organizzato dall’Istituto Europeo di Design per presentare l’offerta formativa delle sedi Italia di Firenze, Milano, Roma, Torino, Cagliari e dell’Accademia Aldo Galli di Como. Per il 2021 IED ha previsto un programma di appuntamenti non più di un solo giorno, ma della durata di una settimana e ciascuno dedicato ad una diversa tipologia: Corsi Triennali, Master o di Formazione Continua in ambito Design, Moda, Arti Visive, Comunicazione, Arte e Restauro.

Si parte il 1° febbraio e fino a venerdì 5 con la presentazione dei Corsi Triennali: ogni giorno della settimana sarà dedicato a più workshop di area per realizzare un progetto vero e proprio sotto la guida di un docente e sperimentare quindi in prima persona l’approccio formativo IED.

La settimana vedrà l’alternarsi di presentazioni e workshop come quello di fashion o jewelry sketch e fashion styling moodboard per l’area moda martedì 2. Inoltre sono previsti due ulteriori appuntamenti verticali: lunedì 1 la presentazione dell’offerta formativa in lingua inglese, sempre dei corsi Triennali, per chi vuole intraprendere fin da subito un percorso di studio in lingua mentre mercoledì 3 ci sarà la presentazione dell’Accademia Aldo Galli di Como per tutti coloro che sono interessati all’Alta Formazione Artistica nei campi della moda, del design, delle arti visive e della conservazione e restauro dei beni culturali.

È inoltre possibile per chi ha le idee chiare prenotare un colloquio motivazionale con il Coordinatore del corso e iniziare quindi fin da subito il processo di ammissione. 

Moodart

Il prossimo open day di Moodart è in programma per il 14 luglio 2021 dalle ore 17.00 alle 18.00.

Si tratterà di un open day digitale diviso in due momenti: nella prima parte Elisa Sorrentino, Direttore della scuola, farà una presentazione generale con focus sull'offerta formativa.
Nella seconda, i ragazzi si divideranno nelle creative room dove ad attenderli ci saranno i docenti ed ex studenti delle varie aree (visual merchandising, fashion styling, fashion photography, fashion communication&events), che parleranno delle loro esperienze personali e professionali. In questo momento condiviso saranno illustrati sia i corsi post diploma (biennali) sia master (annuali). 

A seguito dell'open day i futuri studenti potranno prenotare un colloquio one to one di ulteriore approfondimento.

Posted on 30 July 2021 | 2:04 pm

Vivienne Westwood e Andreas Kronthaler sono una delle coppie creative più longeve del mondo della moda: sono tre le decadi di lavoro che li vede fianco a fianco. In occasione dei festeggiamenti per gli 80 anni della stilista britannica, Samira Larouci ha intervistato la coppia sul futuro della moda e della sostenibilità, sui concetti di rivoluzione e di amore.

Il sodalizio creativo di Andreas e Vivienne dura ormai da trent’anni, di cui ventotto trascorsi come marito e moglie. «Non parliamo così tanto, di solito», dice lui ridendo, «quindi questa per noi è un’ottima opportunità». (Samira Larouci)

Ecco il podcast con la voce dei protagonisti Vivienne Westwood e Andreas Kronthaler:

Nel 1974 nasce e si delinea perfettamente il mito dei sedicenni grazie alla serie tv Happy Days, che per 10 anni racconterà la gioventù americana con i suoi sogni e i suoi cliché. Le serie tv, da quel momento, racconteranno l'adolescenza, da Buffy l'Ammazzavampiri a Euphoria passando per Beverly Hills 90210, come racconta Anna Maria Giano nel suo articolo pubblicato sul numero di Luglio di Vogue Italia.

Ecco il podcast che racconta la storia delle serie tv dedicate ai giovani:

I teenager sono i veri protagonisti del numero di luglio di Vogue Italia. Sofia Gnoli nel suo articolo che potete leggere qui racconta come sia nato il fenomeno dei teenager e come si sia evoluto. 

Ecco il podcast che racconta come il concetto di teenager sia nato e come si sia evoluto fino a oggi con la Generazione Z:

L'articolo di Sofia Gnoli è stato pubblicato sul numero di luglio di Vogue Italia, dedicato interamente ai 16enni e al loro mondo, come spiega il direttore Emanuele Farneti nel suo editoriale che potete ascoltare qui:

Ed ecco anche la versione in inglese dell'editoriale, letto da Antony St.George Bowden:

Hunter Schafer, attivista transgender e attrice di Euphoria è la modella nuovo volto di Shiseido. In un'intervista con Samira Larouci per Vogue Italia, ha raccontato il suo amore per l'arte - in particolare per la pittura, che la aiuta ad esprimere i suoi sentimenti - e il suo rapporto con il make up, che per lei, fuori dal set, è soprattutto un gioco. Ecco l'intervista letta dalla voce di Susanna Macchia:

Moda do-it-yourself? Il concetto sembra quasi un controsenso, se pensiamo che il lusso è per definizione unico e non replicabile. Ma la pandemia, come spiega bene Samira Larouci nell'articolo pubblicato sul numero di giugno di Vogue Italia, ha aperto nuovi canali di comunicazione tra i brand e i clienti e fornito chiavi di lettura diverse del senso stesso della moda.

Da Simon Porte Jacquemus a Jonathan Anderson, molti creativi hanno condiviso pattern e suggerimenti con i seguaci dei loro brand, mentre Demna Gvasalia di Balenciaga ha collaborato con i fan della band tedesca Rammstein per una capsule collection.

La moda si fa democratica e do-it-yourself, in un’ottica quasi anarchica di condivisione che coltiva il sogno di una moda più inclusiva: 

TikTok ha le sue star per ciascun settore e l'astrologia non può mancare. Sono 5 i TikTokers da seguire per provare a immaginare il futuro grazie alle previsioni delle astro-star. Chi sono gli esperti dalla sfera di cristallo su TikTok? Scopritelo nel podcast in cui Marco Morello nomina i 5 protagonisti del mondo di TikTok che a suon di visualizzazioni raccontano il domani.

Il 5 maggio Chanel N.5  ha festeggiato i suoi primi 100 anni. L'iconico profumo è l'esempio lampante del rapporto molto speciale tra Mademoiselle Chanel e la numerologia. Insieme a Chiara Pasqualetti Johnson, che ha da poco pubblicato il libro “Il profumo del secolo”, dedicato proprio a Chanel N.5, Vogue Italia prova a svelarvi curiosità e dettagli, alcuni molto noti, altri quasi sconosciuti, sulla fragranza e sulla sua creatrice, molto legata ai numeri. Un cinque dopo l’altro, ripercorreremo i motivi per cui Coco Chanel era così legata al 5 e alla numerologia in generale, tanto che altre fragranze celebri della maison portano il nome di altri numeri cari alla stilista: il 19, il 31, il 22, il 32. Non solo profumi: vi dice qualcosa il numero 2.55? Scoprite tutti i segreti dei numeri per Chanel in questo podcast:

Astrologia e previsione del futuro, lettura dei tarocchi e dei fondi di caffè: al giorno d'oggi, tutto passa attraverso il cellulare, come spiega Marco Morello nel suo articolo pubblicato sul numero di maggio di Vogue Italia. È il momento delle AstroApp.

Amuleti e superstizioni, rituali e cristalli taumaturgici: i protagonisti della moda non disdegnano un approccio scaramantico al loro lavoro e alla loro vita personale. Riccardo Tisci, Victoria Beckham, Naomi Campbell e  Tom Ford sono solo alcuni dei protagonisti della moda che amano cristalli, amuleti e lettura della mano. Ecco il podcast dedicato all'articolo di Samira Larouci pubblicato sul numero di maggio di Vogue Italia:

Marco Pesatori, l'esperto che ogni giorno firma l'oroscopo di Vogue Italia, ha raccontato sul numero di maggio, “the Astrology Issue” dedicato all'astrologia, alle stelle e allo zodiaco, le previsioni per tutti i segni per l'estate 2021 e per i mesi a venire. Ecco la voce dell'astrologo, che sullo stesso numero di Vogue Italia racconta anche tutti i segreti dello zodiaco, mentre racconta le previsioni segno per segno dell'oroscopo dell'estate 2021:

Ed ecco la versione in inglese dell'oroscopo con la voce di Antony St.George Bowden:

Sapevate che il signor Levi Strauss non ha mai indossato un paio di denim jeans, pur avendoli brevettati? E che ogni secondo nel mondo ne vengono vendute 60 paia? Che cosa rappresenta la data 20 maggio 1873 per i jeans? E come mai a Bing Crosby rischiò di vedersi negata una stanza di hotel? Vi siete mai chiesti che suono ha il denim? E come si può riconoscere un Levi's, un Lee e un Wrangler semplicemente guardando un pezzo di tessuto?

Ecco sei curiosità che forse non sapete sul mondo del denim e del jeans: due termini che, come scoprirete ascoltando il nostro podcast, non sono stati sempre sinonimi (e per i puristi non lo sono ancora).

There is no planet B è un claim ormai abbastanza famoso. Ed è stato coniato proprio da Ecoalf. Il founder Javier Goneyeche ci ha raccontato in questo podcast come questa campagna di comunicazione - che è in realtà un appello a cambiare il nostro modo di interpretare la sostenibilità -sia nata, insieme al suo impegno per l'ambiente, i progetti della fondazione da lui promossa per la salvaguardia degli oceani e la filosofia alla base della moda sostenibile.

Dell'Obiettivo 2 dell'Agenda 2030 - lotta alla fame -  per lo sviluppo sostenibile avevamo invece parlato con Michael Kors, che ha donato in 8 anni 20 milioni di pasti nelle scuole attraverso la campagna Watch Hunger Stop in collaborazione con il World Food Programme delle Nazioni Unite. Un'iniziativa straordinaria da parte del “Global Ambassador against hunger for the United Nations World Food Programme” che affronta contemporaneamente il problema della fame - si stima che nel mondo 1 persona su 9 non abbia accesso a una alimentazione sufficiente - e dell'educazione: l'esperienza nei 60 Paesi in cui il programma è attivo dimostra come la possibilità di accedere a un pasto convince le famiglie a permettere alle proprie figlie ad andare a scuola, instaurando un circolo virtuoso dall'impatto forte sulle comunità.

Ecco l'intervista a Michael Kors, con la voce di Paola Corazza:

Vogue Italia di marzo ha ospitato la conversazione esclusiva tra Daniel Roseberry e Jeremy O. Harris, due talenti “uniti da una sorta di affinità creativa” come scrive Luke Leitch nell'articolo pubblicato qui.

La conversazione di cui pubblichiamo l'audio integrale racconta la storia dell'amicizia dei due creativi e la loro crescita artistica che ha portato Daniel Roseberry a diventare direttore artistico della maison Schiaparelli e Jeremy O. Harris a firmare pièce teatrale come  Slave Play.

Ecco l'audio integrale che vede protagonisti Daniel Roseberry e Jeremy O. Harris in conversazione con Luke Leitch:

Ai cultori della Maison Schiaparelli interesserà anche la fiaba ispirata alla vita e alla carriera di Elsa Schiaparelli  firmata da Elena Favilli per il numero di Vogue Italia dedicato ai bambini del giugno scorso.

Ecco, in italiano con la voce dell'autrice, la fiaba raccontata dedicata a Elsa Schiaparelli:

Ed ecco la versione in inglese della fiaba in podcast, letta da Paola Corazza:

Sul numero di marzo di Vogue Italia è apparso anche il frutto di un incredibile progetto artistico che ha preso vita ad aprile scorso, grazie alla copertina bianca di Vogue Italia, Carta bianca.

Valentina Ciarallo, storica dell’arte e curatrice indipendente, specializzata in linguaggi del contemporaneo, ha coinvolto 49 artisti italiani chiedendo a ciascuno di loro di reinterpretare la copertina del giornale, ognuno secondo il proprio sentire. 

Ecco la voce della curatrice del progetto che spiega come l'idea è nata e come ha portato alla gallery di opere dedicate alla copertina bianca di Vogue Italia di aprile 2020:

In tema di moda e sostenibilità, a dieci anni dal termine imposto dall'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, e in modo particolare in un momento storico come quello che stiamo vivendo di crisi per il coronavirus, ci siamo chiesti che abiti e accessori popoleranno il guardaroba nel 2030. Partite con noi per un un viaggio, in cinque tappe, nella moda sostenibile che popolerà il nostro guardaroba nel 2030:

Lo street style nasce, in qualche modo, con lui: Scott Schuman che si definisce “fotografo e autore con una social media platform, The Sartorialist”, con cui nel 2005, dice, “ho iniziato a fotografare la gente di New York che trovavo avesse un look interessante e potesse esprimere un certo stile”.

Ne è passato di tempo (e ne sono passati, davanti al suo obiettivo, di look per le strade di tutto il mondo) e, causa pandemia di coronavirus, qualcuno si è spinto a dichiarare che lo street style sia morto, ucciso da questo periodo di joggers, tute e look a mezzo busto per le call su Zoom.

Non è d'accordo il re dello street style Scott Schuman, come racconta in questa intervista concessa a Michele Fossi per Vogue Italia.

Ecco l'intervista a Scott Schuman con le voci di Michele Fossi e Federico Fischetti:

Le sfilate di moda sono molto più che il momento in cui su una passerella sfilano i look con capi e accessori della prossima stagione. Lo spiega in un articolo uscito sul numero di febbraio di Vogue Italia Claudio Calò, che ripercorre, “dalle passeggiate al Bois de Boulogne d’inizio Novecento fino alle rappresentazioni media fluid e agli show in absentia del 2020”, la storia delle sfilate con la relativa, iconica ritualità.

Ecco la voce di Claudio Calò che racconta la storia delle sfilate di moda:

Ancora in cerca di qualcosa di bello da ascoltare?

Ecco altri 10 podcast consigliati da ascoltare a casa.

Al link speaker.com/user/vogueitalia trovate tutti i podcast di Vogue Italia: ogni giovedì sveleremo altre tracce da ascoltare. Preparatevi a "un’esperienza sorprendente e immersiva nel mondo di Vogue Italia, che nella sua nuova formula ha scelto di usare anche le parole, e non solo l’immagine, per raccontare la magia della moda e dei suoi protagonisti", come ha spiegato in occasione del lancio del progetto il direttore Emanuele Farneti.

Posted on 30 July 2021 | 1:40 pm

George Clooney a Laglio

L'alluvione che a inizio settimana ha colpito Cernobbio, Moltrasio e Laglio, senza vittime per fortuna ma con danni davvero ingenti, non poteva che suscitare grande preoccupazione anche in una celeb come George Clooney che ama moltissimo questi luoghi. E che proprio qui ha una bellissima villa, l'Oleandra, una dimora 700esca dove l'attore di Ocean's Eleven (girato in parte proprio sulla sponda Occidentale del Lago) dimorava con la moglie Amal e i suoi due gemelli, Ella e Alexander di 4 anni. 

“Questa città è sempre stata forte e continuerà ad esserlo, dimostrando ancora una volta la sua resilienza”. ha detto Clooney al TG1 che l'ha intervistato accanto al sindaco Roberto Pozzi. Scusandosi di non parlare l'italiano come vorrebbe, ha dichiarato che ”c'è tanto lavoro da fare e ci vorranno tanti soldi. Ma questo posto tonerà meglio di prima”. 

Intanto l'attore ha dato una mano concreta agli abitanti del posto e ha posato accanto agli operatori della Protezione Civile, come ha raccontato SkyTg24.

L'alluvione, del resto, non ha certo risparmiato Villa Oleandra, invasa lunedì dal fango come tutte le dimore di tutta quella collina che scende fino alle rive del lago. Acquistata dalla star nel 2002, la tenuta è spesso meta oltre che della famiglia Clooney al gran completo, di ospiti amici del jet-set tra cui anche Barack e Michelle Obama. Pensate che a Laglio è stata addirittura inaugurata una statua in onore di George. 

Ma proprio mentre l’attore aiutava la gente del luogo a ripulire le strade dai detriti, i magazine internazionali lasciavano trapelare un interessante gossip internazionale. Si legge su OK! Magazine: "A quattro anni dalla nascita dei gemellini, George e Amal sono di nuovo in dolce attesa. Lei ha già superato i tre mesi, presto lo sapranno tutti».  Noi non possiamo che attendere una conferma

Posted on 30 July 2021 | 12:49 pm

www.DMND.com